Autore Topic: Il controllo genitoriale integrato nell'hardware  (Letto 2231 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline AIO

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.889
  • RADIOGAME DJ
    • AIO Productions
    • E-mail
Stufo insieme a tanti altri di tagli censori immotivati, ho pensato che una soluzione che possa mettere tutti d'accordo potrebbe essere la famosa funzione di "parental control" integrata tra le opzioni della piattaforma di gioco, con tanto di password, esattamente come accade per i browser di internet et similia.

Esempio pratico:
sono un genitore con un figlio minorenne convinto che venga meno traviato dal videogame violento se il sangue fosse verde anziché rosso.
Ho attivato il controllo genitoriale sul 360/Wii/PS3 del caso e sono tranquillo, perché il figlio minorenne mozzerà sì delle teste nel suo nuovo videogame, ma tanto il sangue automaticamente sarà colorato di verde.

Queste modifiche opzionali sono fattibili proprio perché parliamo di videogiochi, dei media che vanno sempre e comunque programmati per poter esistere.

In passato Mortal Kombat era censurato con il gabolone che attivava il sangue; spero che in futuro sia l'esatto contrario, ossia che il sangue possa essere disattivato attraverso un gabolone hardware per i genitori più apprensivi (in modo tale da non costringere tutti gli altri a giocarsi una produzione censurata).

Voi che dite?
Ci sono già esempi del genere, magari?

Considero i videogames un'immane perdita di tempo, un veicolo di fuga dal reale, nonché un pericoloso generator

Offline ferruccio

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.673
    • Single Player Coop
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #1 il: 21 Gen 2008, 13:34 »
Su PS3 questa cosa esiste già.
E allora Mozart?

Offline alterbang

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.849
  • #
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #2 il: 21 Gen 2008, 13:53 »
Su Wii pure

Offline omotigre

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.890
  • Rooaarrr
    • Racconti brevissimi
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #3 il: 21 Gen 2008, 14:05 »
E come funzionano?

Offline Ryoga

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.430
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #4 il: 21 Gen 2008, 14:36 »
Puah, come idea non mi piace più di tanto, per nessuna ragione ma non mi piace, basterebbe rispettare il Pegi e stronzate varie, ma immagino che farebbe felici molte softwarehouse permettendo di allargare la fascia d' età di alcuni dei loro prodotti.
ii: 3865 7747 1731 7092<br />XBL: Zefiro987<br />PSN : Zefiro987

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #5 il: 21 Gen 2008, 14:53 »
Su ps3 c'e' qualcosa nelle impostazioni che parla di controllo dei
contenuti, si.
Come funzioni di preciso non so.

A me basta si possa sbloccare tutto, per il resto non mi frega.

Nopn ci credo a sti controlli ridicoli, non ci credo su nessun mezzo,
sui decoder, sui pc ecc.
L'unico controllo e' quello diretto dei genitori, il resto e' un demandare.

Ma basta che io possa continuare a usufruire di tutto, e possono
fare come preferiscono.

.
Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline MaxxLegend

  • Reduce
  • ********
  • Post: 34.808
  • A New Adventure
    • ZombieGamer80
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #6 il: 21 Gen 2008, 15:49 »
Nelle console attuali il parental control è limitato al "puoi giocare/non puoi giocare".
AIO parla di modifica dei contenuti, tipo: col gioco sbloccato HOUSE OF THE DEAD 7 ha il sangue rosso, col gioco limitato dal genitore fetente il sangue è fuxia o color diarrea.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ ^^^^ ^^^ ^^ ^
PSN Trophies: 505-72% - XBL Gamerscore: 38.197 - BOARDGAMES - ZombieGamer80 - Lost in VR DREAMS Crypt Night City

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #7 il: 21 Gen 2008, 15:55 »
Scusa ma chi se ne frega di come e' fatto?
basta ci sia, se c'e' dici al moige (che non ha voglia di allevare
i propri figli ma vuole che macchine lo facciano per loro)

"ecco il parental control"

E loro settano diecine di giochi che i loro pargoli non possono giocare.

A noi ci va comunque bene.
Se il problema iniziale e' solo dare il contentino a ste associazioni.
Se poi pensate che veramente serva poter mettere il sangue verde
invece che nero... beh ragazzi.
Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline AIO

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.889
  • RADIOGAME DJ
    • AIO Productions
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #8 il: 21 Gen 2008, 21:38 »
Citazione
Se poi pensate che veramente serva poter mettere il sangue verde
invece che nero... beh ragazzi.

Ahem, forse non mi hai letto con attenzione, NOI (videgiocatori da anni et annorum) non lo penseremmo MAI.

Ma sta di fatto che c'è in giro fuori che continua a pensarlo, al punto di censurare i contenuti dei videogames o peggio, non farli uscire proprio.
Invece di tante crociate mediatiche, basterebbe l'opzioncina per i moralisti... e a ognuno il suo.
Nessuno costringerebbe nessuno.

In questo modo anche gli sviluppatori sarebbero meno bloccati su cosa o meno inserire nei videogames.

Citazione
Ma basta che io possa continuare a usufruire di tutto, e possono
fare come preferiscono.

See, poi ti impongono la censura o bloccano il gioco che volevi e tu che fai?
 :)

Citazione
Nelle console attuali il parental control è limitato al "puoi giocare/non puoi giocare".
AIO parla di modifica dei contenuti, tipo: col gioco sbloccato HOUSE OF THE DEAD 7 ha il sangue rosso, col gioco limitato dal genitore fetente il sangue è fuxia o color diarrea.

Sì, esattamente, forse potevo spiegarmi meglio ma Maxx ha compreso perfettamente.

Tra l'altro, nota curiosa, in House of the Dead e in altri titoli SEGA come Zombie Revenge il sangue rosso era IL PREMIO.
Dehihiho, lo sbloccavi completando il gioco. Ah, forse ci lamentiamo delle censure perché ci hanno tirato su in modo così immorale...  :lol:

Considero i videogames un'immane perdita di tempo, un veicolo di fuga dal reale, nonché un pericoloso generator

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #9 il: 21 Gen 2008, 23:14 »
Citazione da: "AIO"
Citazione
Se poi pensate che veramente serva poter mettere il sangue verde
invece che nero... beh ragazzi.

Ahem, forse non mi hai letto con attenzione, NOI (videgiocatori da anni et annorum) non lo penseremmo MAI.



Ecco.
E io rispondevo sul fatto che riguardo alla ps3 si e' detto che
"non fa semplicemente girare alcuini giochi non c'e' un sistema
che toglie questo o quello, tipo il sangue".

E mi chiedo, e a noi che tanto non lo attiviamo, che ce ne fotte?

Se fa contenti i genitori, che sia!
Che cambia se leva il sangue o impedisce di far girare tot giochi.

I moralisti son contenti, e a noi non cambia nulla.
Mi pare complicato dover mettersi a scegliere gradi di violenza
all'interno di ogni gioco, poi che devono fare scervellarsi tipo
come con gli acivment?

E inoltre chi li decide i vari gradi.
Gli sviluppatori potrebbero fare l'opzione "leva il sangue" e dimenticarsi
un vaffanculo, o un paio di tette, e stiamo a punto da capo.

Quindi tanto vale fare come i decoder, un'opzione che legga il rating
e non fa girare proprio i vg.
Cosi i genitori si fottono e stanno piu' attenti a guardarlo, a noi
non cambia nulla, e il mondo e' piu felice e colorato.
A me convince di piu' che lo stress di variare i contenuti.

No?
Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline MaxxLegend

  • Reduce
  • ********
  • Post: 34.808
  • A New Adventure
    • ZombieGamer80
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #10 il: 21 Gen 2008, 23:48 »
Citazione da: "Daimon"
Citazione da: "AIO"
Citazione
Se poi pensate che veramente serva poter mettere il sangue verde
invece che nero... beh ragazzi.

Ahem, forse non mi hai letto con attenzione, NOI (videgiocatori da anni et annorum) non lo penseremmo MAI.



Ecco.
E io rispondevo sul fatto che riguardo alla ps3 si e' detto che
"non fa semplicemente girare alcuini giochi non c'e' un sistema
che toglie questo o quello, tipo il sangue".

E mi chiedo, e a noi che tanto non lo attiviamo, che ce ne fotte?
...

Il punto è che così come sono ora le cose, al MOIGE non basta che ci sia il blocco nella console. Loro proprio NON VOGLIONO che Manhunt 4 sia commercializzato, e basta. Questo limita la nostra libertà di utenti.

Se invece il gioco viene venduto SENZA esecuzioni di default, senza sangue, e senza i livelli bonus in cui devi stuprare le caprette con gli arricciacapelli roventi (ma ovviamente tutto questo ciarpame può essere sbloccato a mano da un menu apposito per genitori) allora il MOIGE è fatto fesso e contento.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ ^^^^ ^^^ ^^ ^
PSN Trophies: 505-72% - XBL Gamerscore: 38.197 - BOARDGAMES - ZombieGamer80 - Lost in VR DREAMS Crypt Night City

Offline AIO

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.889
  • RADIOGAME DJ
    • AIO Productions
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #11 il: 22 Gen 2008, 20:32 »
Esatto Daimon, il mio discorso è tentare di evitare di subire delle censure coatte.
E questo accade con frequenza regolare, purtroppo, ho aperto questo topic da No More Heroes, giusto per fare l'esempio più recente...

Considero i videogames un'immane perdita di tempo, un veicolo di fuga dal reale, nonché un pericoloso generator

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #12 il: 22 Gen 2008, 20:46 »
E perdonate, io nella mia ingenuita' pensavo che al moige un controllo
parentale tipo decoder, e tipo ps3: non parte il gioco
Bastasse.

Rimango pero' convinto che la via non sia giusta. Bisogna imporre
i mezzi vigenti, cioe' il rating, mi pare assurdo doversi piegare ancora
a queste assurdita.

Cioe' ora gli sviluppatori dovrebbero pure perdere tempo a vedere che
contenuti' possano risultare offensivi e renderli disabilitabili?

E ripeto, seguendo questo discorso, se al moige non sta bene uguale?
Tornando all'esempio di AIO, io genitore-MOIGE metto la password.
Mio figlio mozza le teste ma il sangue e verde, genitore-MOIGE
si lamenta comunque.
Al punto di prima.

Secondo me non e' una via giusta, bisogna imporsi, e i genitori
devono imparare a fare i genitori, non gliela comprassero la ps3
se non gli sta bene.
Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline AIO

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.889
  • RADIOGAME DJ
    • AIO Productions
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #13 il: 22 Gen 2008, 20:54 »
Citazione
Cioe' ora gli sviluppatori dovrebbero pure perdere tempo a vedere che
contenuti' possano risultare offensivi e renderli disabilitabili?


E credi che gli sviluppatori non pensino a queste cose in fase di sviluppo?
Oggi se ci sono dei problemi, i contenuti "pesanti" o "adulti" vengono pre-censurati: non te li propongono proprio per via del target in genere minorenne. E a volte ricorrono a idiozie dell'ultimo minuto (sangue arcobaleno, blocco dell'uscita, etc).

Adesso, non è che con un controllo genitoriale attivabile sulla console gli sviluppatori si diano all'inserimento di scene di sesso sfrenato accessibili ai soli adulti, ma può darsi che in fase di lavorazione ci potrebbero essere meno menate su cosa inserire o meno.

Considero i videogames un'immane perdita di tempo, un veicolo di fuga dal reale, nonché un pericoloso generator

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Il controllo genitoriale integrato nell'hardware
« Risposta #14 il: 22 Gen 2008, 21:03 »
CI pensera certamente chi e' demandato a farlo, ma io continuo
a vederla come un palliativo ridicolo per far contenti genitori
pessimi e invasati, che qualche scusa troveranno comunque.
Cioe' cosa vuoi togliere a bully, a god of war, che convinca
i genitori?
Certi contenuti non li puoi edulcorare, ci puoi solo mettere il numerino.

Eppoi, come si fa... solo in italia? (e in qualche altro paese di invasati
tipo la ridicola australia) diciamo a capcom e compagni che
in italia abbiamo bisogno che dante uccida con piu' gentilezza alla
bisogna?

A me non convince, poi per carita' tutto si puo' fare.
Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni