Autore Topic: Lingua e inclusività. Parliamonə  (Letto 8156 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Oberon

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.431
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #150 il: 13 Lug 2021, 11:05 »
TFP Link :: https://www.huffingtonpost.it/entry/basta-chiamare-i-cavi-maschio-e-femmina-serve-una-nomenclatura-neutra_it_60e82787e4b04c901259a4ad

Maschio, spina; femmina, presa.
Ok, è concettualmente corretto.

Master, primario; slave, secondario.
No, è concettualmente diverso.

Comunque sarà, laggente stanno male.

Non avevo mai visto questo thread.
In ogni caso, questa iniziativa non ha niente a che vedere con il politicamente corretto, con l'inclusività o con il rispetto. Si tratta semplicemente di una proposta idiota di chi non ha la minima idea di quello che sta dicendo.

Offline Diegocuneo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.611
  • licet insanire
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #151 il: 13 Lug 2021, 13:04 »
i maschi hanno il pene
le femmina la vagina

Si?
Sono un cretino,di classe,infima. Ni.

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.413
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #152 il: 13 Lug 2021, 14:35 »
i maschi hanno il pene
le femmina la vagina

Si?

Ma sei matto a dire una cosa del genere di sti tempi!!!

Offline Gaissel

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.148
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #153 il: 13 Lug 2021, 14:37 »
i maschi hanno il pene
le femmina la vagina

Si?
E perché dovremmo sottolineare questa differenza anatomica (e simbolica, culturale, politica etc.) quando parliamo di sarcicc... Di cavistica? :)

Offline eugenio

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.274
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #154 il: 13 Lug 2021, 16:07 »
In realtà la notizia è stata terribilmente ingigantita dai giornalari italiani, si trattava di un sondaggio interno dell'associazione: "Fra ma se cambiassimo la nomenclatura dei jack?"
Nessuna RIVOLTA come scrivono i cazzari dell'Huffington, nessuna dittatura del politicamente corretto.

La fonte è quel che è, tuttavia:
- PAMA Alliance esiste, è sostenuta da nomi come Adamson, audio-technica, Sennheiser, Shure, e ha elaborato quanto in oggetto;
- quanto in oggetto inizia da un sondaggio interno ma si configura come progetto aperto: http://www.clynemedia.com/PAMA/InclusiveLanguageInitiative/PAMA_InclusiveLanguageInitiative.html
- nessuna dittatura è stata istituita al riguardo, qui chi ingigantisce la notizia non ha capito la notizia;
- la notizia è che: abbiamo un gruppo tecnico di aziende tecniche; le quali hanno un progetto; il cui obiettivo è “[...] to introduce and create normalcy around neutral language in the audio industry”; al fine di “[...] adopting a framework within their organizations for the implementation of unified terminology across the industry, in the spirit of inclusivity and consistency”.

Ora, per me il caso l'hanno creato loro. Non la fonte che ho riportato io, non i giornalari italiani che neppure ho letto, non musicradar che è una fonte più attendibile - e non perché inglese, ma perché è meno generalista e il cui ambito è proprio delle aziende tecniche in oggetto. Sono queste che parlano di "spirit of inclusivity and consistency" e che propongono il progetto "for the implementation of unified terminology across the industry"; peraltro, come se la terminologia attuale non fosse già uno standard - da decenni, eh, mica da giovedì scorso.

Quindi, sì, ribadisco, laggente stanno male.
Laddove laggente sono i propugnatori del suddetto progetto, e che stanno male sono sia gli stessi propugnatori sia quanti leggono A, capiscono B e mi rispondono C.


In ogni caso, questa iniziativa non ha niente a che vedere con il politicamente corretto, con l'inclusività o con il rispetto. Si tratta semplicemente di una proposta idiota di chi non ha la minima idea di quello che sta dicendo.

Amen.

Offline Gaissel

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.148
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #155 il: 13 Lug 2021, 16:16 »
L'unico malessere che ravvedo sta in come titola, e in minima parte compone, l'articolo l'HP.
Che d'altra parte non è un giornale particolarmente serio.

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.413
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #156 il: 13 Lug 2021, 16:22 »
Quindi mi state dicendo che il cambio di nome non è perché maschio si associa a un dispositivo che riprende la forma fallica del pene  e che quindi questo potrebbe indignare e fare scattare tutti i "maschi" che non hanno un pene?
« Ultima modifica: 13 Lug 2021, 16:35 da Van »