Autore Topic: [PC] Little Fighter 2  (Letto 5526 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mog_tom

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.433
[PC] Little Fighter 2
« il: 30 Giu 2003, 21:52 »
Questo modesto gioco freeware, disponibile su http://www.littlefighter.com, è il risultato di un paio d'anni di programmazione di due studenti di Hong Kong. Distribuito con bontà attenta alla risposta del pubblico, è ormai giunto alla completissima versione 1,9.

Little fighter 2 è arte | amore | anarchia. Violenza gratuita in divenire.

Arte | Composto rigorosamente in bitmap codificati dagli autori personaggio per personaggio, il gioco prende forma dove finisce Dragonball: plastici e deformi tracagnotti dai capelli a punta sfoggiano un repertorio di mosse minimale e al contempo riassuntivo di decenni di tradizione ibrida del picchiaduro. Ad ogni violenza corrisponde un preciso, corretto effetto sonoro: tutto nella norma. L'occhio basito si perde nella cartella che gelosamente racchiude i file dei personaggi, chiedendo al cervello quanto tempo possa un essere umano porre nel forgiare digitalmente le schiere dei contendenti. Ma nel momento in cui l'occhio esamina i file bitmap, il cervello si chiede se questi non siano modificabili.
Lo sono eccome, e ripercorrendo il lavoro certosino degli autori, ciascuno può creare il proprio personaggio modificando il template o sovrascrivendo i "protagonisti" del gioco.

Amore | Verso il giocatore, innanzitutto. La dedizione e la pulizia del codice onorano questa piccola perla freeware di una buona intelligenza artificiale, capace di mordere alla schiena il giocatore e di non far rimpiangere troppo a lungo la linfa divina del multiplayer. La CPU non perdona, ogni sua palla di fuoco sfoggia un sorriso di sfida in eterne sessioni di allenamento a uno, a due, a ics. Picchiaduro a scorrimento e picchiaduro a incontri allo stesso tempo.
 I due storici, differenti approcci al "videogioco dalle nocche che scrocchiano", si guardano in cagnesco mentre sono costretti a convivere sotto lo stesso tetto, sempre sotto lo sguardo amorevole di mamma game design.
Poteva essere solo così, perché Little Fighter è il bignami del cazzotto in bitmap, il gioco che molti di noi avrebbero voluto per la propria console.

Anarchia | Amici, giochiamo. Sono lontani i tempi dello sparring partner di silicio: fino a otto contendenti, siano essi digitali o ominidi, possono entrare nel torneo di LF2 e dàrsele sino allo sfinimento. Una partita a otto via LAN e persino Bomberman deve guardare da lontano, con ammirazione, il livello di caos suino. Un multiplayer fatto di continui assalti e piccole vendette, all'insegna della bestemmia creativa, condito da precise statistiche per ogni sessione. Abbastanza ispirate le modalità di gioco: VS Mode, Stage Mode, Campionati in singolo e in coppia ed un Battle Mode, ispirato a Dynasty Warriors di Koei, in cui due giocatori si affrontano ognuno alla guida di un esercito dal numero di unità variabile dal risibile all'immenso.
L'unico limite alla baldoria su schermo è, ahimé, la potenza del processore: proprio per garantire la personalizzazione grafica dei character, non c'è compressione in LF2, e certo lo scatto del frame per secondo non giova all'orgia di pedate.
Certo, niente d'impossibile anche per un odierno PC di fascia bassa, ma dai 600 Mhz in giù si consiglia accortezza nel numero dei partecipanti alle scazzottate.

Conclusioni: siamo piccoli, e non cresceremo. Little Fighter, proprio perché fonde la rissa e la singolar tenzone, richiede ottima padronanza del proprio personaggio per adattarsi ad ogni tipo di certame, ma ripaga esponenzialmente in termini di soddisfazione. Uno o più joypad a tre tasti sono l'unico prerequisito per entrare a far parte del torneo, e qualora si volesse sfidare un amico in Papuasia, basta l'indirizzo IP e il gioco è fatto. Vi aspettiamo.

Grafica: 8 su 10
Sonoro: 7 su 10
Giocabilità: 9 su 10
Longevità: 10 su 10

VOTO: 9 su 10
V I D E O L U D D I C A | Sono solo due settimane, per far uscire gli ospedali dal collasso marzo 2020