Autore Topic: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?  (Letto 5276 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Tetsuo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.385
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #15 il: 08 Mar 2023, 22:40 »

Sì ma nulla vieta di ingozzarsi prima o dopo il processo di dimagrimento, si può usare comunque come scorciatoia.

si pigliano i diuretici, come fanno i vip donna soprattutto dopo le gravidanze per tornare velocemente in forma.

poi qualche scema esagera e ci rimane stecchita o quasi


https://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/lho-rischiata-mi-restava-giorno-confessione-choc-belen-1976425.html
« Ultima modifica: 08 Mar 2023, 22:43 da Tetsuo »

Offline EGO

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.269
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #16 il: 08 Mar 2023, 23:25 »
La stragrande maggioranza dei diabetici di tipo 2 è gente che poteva (e ancora potrebbe) mangiare di meno e muoversi di più.
La correlazione tra circonferenza vita e diabete, secondo non pochi studi, è ancora più forte di quella tra BMI e diabete, e la circonferenza vita si è rivelata un ottimo predittore di insulino-resistenza, che è il fattore chiave della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2.

Ovviamente ci sono persone con problemi psichiatrici e/o endocrini per le quali non ingrassare non è banale, ma l'epidemia di diabete di tipo 2 è di quelle cose che la medicina e la politica sanitaria amano chiamare "prevenibili", ed è pertanto anche reversibile per il futuro, anche se siamo collettivamente troppo pigri e troppo stupidi per salvarci. Non da ultimo, perché la farmacia ci offre queste comode scappatoie. Poi non lamentiamoci che le liste di attesa sono decennali e bisogna andare nel privato per non morire male di altre cose, però: le moderne terapie per il diabete, seppur efficaci, sono molto più costose di quelle vecchie (la metformina costa spiccioli, le glutidi e altri farmaci innovativi si mangiano 100+ euro al mese), non insegnano al diabetico a prendersi cura di sé e della propria nutrizione, e sono l'ennesima comoda pezza a una situazione che, come detto, è prevenibile e reversibile nella maggior parte dei casi. Il diabeticone resta diabeticone a suon di euro pagati dai contribuenti quando potrebbe, ehm, nutrirsi meglio, camminare un po', perdere peso, e riacquistare in molti casi un controllo glicemico che equivale all'assenza di diabete per quanto riguarda le complicanze peggiori della malattia.

Certo, qui parliamo di farmaco per dimagrire, ma l'obesità ha una correlazione talmente forte col diabete che stiamo essenzialmente parlando dell'anticamera del diabete. E il diabete si sta mangiando i sistemi sanitari del mondo (e quindi le nostre tasse), oltre alla qualità di vita di centinaia di milioni di persone e al futuro dell'umanità (la predisposizione ereditaria al diabete è accertata e non può che aumentare con l'aumento dei diabetici).
Se siete a favore delle leggi antifumo (e lo siete), è obbligatorio che siate a favore del giusto peso corporeo. Lodare le prime e fottersene del secondo è un controsenso logico ed etico, una dissonanza cognitiva inaccettabile. Eppure la nostra società l'ha accettata in pieno: guai a vedere una sigaretta in un film, ma le "modelle" e le "atlete" obese sono ormai normale materiale da copertina e avere qualcosa da ridire in merito diverrà presto hate crime.

Per inciso, fa un po' sorridere questo allarme dell'Ozempic che non si trova e per cui si implorano i "semplici" obesi di essere responsabili e di non rubbarlo ai diabetici. Perché da parecchio tempo esiste una versione commerciale della liraglutide (parente strettissima della semaglutide) la cui indicazione specifica è l'obesità: si vende infatti col nome di Saxenda per perdere peso, mentre ai diabetici viene prescritta col nome di Victoza, e quindi gli obesi non possono crearne scarsità a sfavore dei diabetici. Per perdere peso si prescrive Saxenda (e il paziente se lo paga tutto di tasca sua), per i diabetici Victoza (a carico del SSN): i due non si possono sovrapporre sulla ricetta del medico. Oltretutto, i diabetici hanno un intero armamentario di alternative terapeutiche a disposizione. A molti pazienti che non trovano l'Ozempic è stato prescritto altro, mica sono stati lasciati senza terapia.


Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.611
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #17 il: 08 Mar 2023, 23:35 »
Occhio che il dimagrimento avviene principalmente per inappetenza, non troppo lontano da quanto state dicendo.
C'è anche il discorso della diversa gestione dei grassi, ma da quanto capisco è secondario.
Sì ma nulla vieta di ingozzarsi prima o dopo il processo di dimagrimento, si può usare comunque come scorciatoia.
Questo è uno dei punti chiave. È come fare una dieta, quando smetti torni ad ingrassare subito.
Non è un lascia passare per mangiare quello che vuoi, è un aiuto a fare la dieta per chi non ce la fa mentalmente.




E l'intento della discussione è proprio per i casi non patologici. Per quelli patologici credo sia ovvio che una medicina del genere faccia solo che bene.
Se tu dai un pesce ad un uomo, lo avrai sfamato per un giorno. Se gli proponi di imparare a pescare, ti risponderà che sei un neoliberista
My TFP Yearbook

Offline Gaissel

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.596
  • Massaia con la barba - In diretta dalla Porcilaia
    • E-mail
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #18 il: 08 Mar 2023, 23:46 »
Chiamare pigre e stupide le persone afflitte da una dipendenza compulsiva vuol dire essere rimasti col cervello nell'800... Ma forse anche questa è una qualche forma di invalidità, dopotutto :)
Il mio Yearbook 2022 - 2021 - 2020 - 2019 I miei Awards 2018
La mia All Time TOP-TEN

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.611
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #19 il: 09 Mar 2023, 00:54 »
Se siete a favore delle leggi antifumo (e lo siete), è obbligatorio che siate a favore del giusto peso corporeo. Lodare le prime e fottersene del secondo è un controsenso logico ed etico, una dissonanza cognitiva inaccettabile. Eppure la nostra società l'ha accettata in pieno: guai a vedere una sigaretta in un film, ma le "modelle" e le "atlete" obese sono ormai normale materiale da copertina e avere qualcosa da ridire in merito diverrà presto hate crime.
C'è una grossa differenza. Il fumo, o l'alcol visto che non è vietato, nuocciono direttamente al prossimo, mentre la panza nuoce solo al sistema sanitario.

Certo, qui parliamo di farmaco per dimagrire, ma l'obesità ha una correlazione talmente forte col diabete che stiamo essenzialmente parlando dell'anticamera del diabete. E il diabete si sta mangiando i sistemi sanitari del mondo (e quindi le nostre tasse), oltre alla qualità di vita di centinaia di milioni di persone e al futuro dell'umanità (la predisposizione ereditaria al diabete è accertata e non può che aumentare con l'aumento dei diabetici).
Se ne facciamo un discorso economico, ora un mese di Wegovy costa più di 1000$, ma siamo agli inizi. Con prezzi più accessibili diventa più conveniente per il servizio sanitario prevenire l'obesità e tutte le malattie correlate, piuttosto che curarle in un secondo tempo.
Se tu dai un pesce ad un uomo, lo avrai sfamato per un giorno. Se gli proponi di imparare a pescare, ti risponderà che sei un neoliberista
My TFP Yearbook

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.611
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #20 il: 09 Mar 2023, 01:03 »
Ma avrei un'altra considerazione da buttare sul fuoco.
Io mi considero un pigro da questo punto di vista, normalmente riesco a trattenermi, ma vado a periodi. Non mi abbuffo, ma sono goloso e smangiucchio fuori pasto, specialmente la sera.
Riesco con relativa facilità a mettermi a "dieta" e perdere 5-6 chili, ma più di così non riesco. Poi torno a mangiare normalmente, ed un po' alla volta rimetto su quello che ho perso.

Se prendessi un farmaco del genere perderei facilmente una ventina di chili, che mi farebbe sicuramente bene dal punto di vista della salute fisica.
MA
Non sono troppo sicuro del risultato sulla mia salute mentale. Prendere quel farmaco probabilmente mi toglierà, o comunque ridurrà drasticamente, uno dei piaceri della vita.
Lo farebbe in un modo che ora non riesco neanche ad immaginare.
Se tu dai un pesce ad un uomo, lo avrai sfamato per un giorno. Se gli proponi di imparare a pescare, ti risponderà che sei un neoliberista
My TFP Yearbook

Offline Gaissel

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.596
  • Massaia con la barba - In diretta dalla Porcilaia
    • E-mail
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #21 il: 09 Mar 2023, 08:25 »
Però il limite tra piacere e dipendenza, anche lieve e/o occulta, è sottile.

Mangiare in quantità superiore al proprio fabbisogno è un automatismo radicato. Innesca meccanismi biochimici piuttosto precisi e misurabili.

E le scienze comportamentali convergono ormai da tempo nel dire che dai meccanismi dipendenziali è estremamente difficile guarisce. Si possono tenere a bada, ma è spesso uno sforzo sovrumano rispetto al risultato. Uno sforzo che consuma mentalmente, percepito come un atto di violenza verso sé stessi, e per questo del tutto conprensibilmente destinato a fallire nella maggior parte dei casi.

In questo senso un farmaco che sostenga chimicamente lo sforzo potrebbe essere un toccasana, soprattutto se integrata con altri strumenti.
È quello che accade già con gran parte dei disturbi psicologici e con molte dipendenze da sostanze.
Il mio Yearbook 2022 - 2021 - 2020 - 2019 I miei Awards 2018
La mia All Time TOP-TEN

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.303
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #22 il: 09 Mar 2023, 08:39 »

E le scienze comportamentali convergono ormai da tempo nel dire che dai meccanismi dipendenziali è estremamente difficile guarisce. Si possono tenere a bada, ma è spesso uno sforzo sovrumano rispetto al risultato. Uno sforzo che consuma mentalmente, percepito come un atto di violenza verso sé stessi, e per questo del tutto conprensibilmente destinato a fallire nella maggior parte dei casi.
E' lo stesso sforzo richiesto a chiunque per ottenere un obiettivo apparentemente fuori dalla propria portata, quelli che vengono chiamati sacrifici, che altro non sono che scelte, compromessi a cui scendere per raggiungere una meta, e che si, da sempre consumano mentalmente, sono duri da intraprendere e da praticare con costanza e dedizione.
Ma, in genere, sono anche quelli che ripagano, qualunque sia l'obiettivo, e non solo nel raggiungimento dell'obiettivo in sè, ma nella formazione di una mente che non fugga da quella che è, che ci piaccia oppure no, una legge di natura trasversale, che solo nel caso degli uomini assume i connotati del paradosso, per cui nel mondo animale si affrontano sfide per mangiare, noi dobbiamo fare sacrifici per non farlo.
L'equilibrio tra sforzo e benessere è fragile, ma se condanniamo la dedizione ad uno scopo come un intralcio alla felicità, che oggi pare debba essere esclusivamente adesso, secondo me commettiamo un errore di prospettiva.
Chissà cosa aveva in mente chi una volta disse, forse, "Il Cielo è dei violenti"...
"Hai mai visto un italiano tirare i fili?"
"Solo in un teatro delle marionette" (Red Dead Redemption 2)

Offline Diegocuneo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.556
  • licet insanire
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #23 il: 09 Mar 2023, 08:42 »
Ottimo video che parla un po' di ste cose.
Ma sarebbe da ascoltare tutto fino alla fine.

TFP Link :: https://youtu.be/kQJPiHausis

Il succo è che le medicine van bene se servono ma bisogna pure riappropriarsi nella propria salute altrimenti è sempre peggio. E non è impossibile riappropriarsene.
Sono un cretino,di classe,infima. Ni.

Offline rule_z

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.349
    • Retro Engine HD
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #24 il: 09 Mar 2023, 09:56 »
Se siete a favore delle leggi antifumo (e lo siete), è obbligatorio che siate a favore del giusto peso corporeo. Lodare le prime e fottersene del secondo è un controsenso logico ed etico, una dissonanza cognitiva inaccettabile. Eppure la nostra società l'ha accettata in pieno: guai a vedere una sigaretta in un film, ma le "modelle" e le "atlete" obese sono ormai normale materiale da copertina e avere qualcosa da ridire in merito diverrà presto hate crime.
C'è una grossa differenza. Il fumo, o l'alcol visto che non è vietato, nuocciono direttamente al prossimo, mentre la panza nuoce solo al sistema sanitario.
Nuocere al sistema sanitario non si traduce in nuocere direttamente al prossimo?
Senza tirare in ballo tutto quello che serve per portare il cibo in tavola (allevamenti, trasporti, ecc ecc).

Offline Shape

  • Reduce
  • ********
  • Post: 31.914
    • E-mail
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #25 il: 09 Mar 2023, 10:04 »
Non so se è quello che usa mio suocero per il diabete di tipo 2 o se sia qualcosa di simile negli effetti ma, nel suo caso, secondo me sta avendo più danni che benefici. Mi spiego.

Essendo consapevole del fatto che il farmaco fa dimagrire e tiene sotto controllo il diabete, invece di essere un aiuto per superare il diabete, lo usa come scusa per continuare a mangiare come ha sempre fatto. Quindi la cosa diventa un circolo vizioso e non ne esce. "Tanto dopo prendo la pillola", è quello che dice quando qualcuno osa criticarlo.

Mio padre invece, sempre obeso e a rischio di diabete di tipo 2, ha deciso di non prendere questo tipo di medicina e di fare una dieta seria. Con tanta fatica sta dimagrendo ma il diabete non è più all'orizzonte e tiene a bada la glicemia. Se solo non fosse pigro come le mummie e facesse un po' di attività fisica, starebbe ancora meglio.

Quindi sì, anche la mia esperienza (se pur non riguardante me stesso) rientra in quanto avete scritto negli ultimi messaggi.

Per come la vedo io, oggi che stiamo sempre seduti per lavoro (almeno la maggior parte di noi) e per divertimento, è indispensabile fare attività fisica regolare e avere un'alimentazione sana.
Non è semplice, lo so, ma basta iniziare per sentirsi molto meglio in brevissimo tempo e avere quindi la spinta per continuare.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 38.763
    • The First Place
    • E-mail
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #26 il: 09 Mar 2023, 10:23 »
Nuocere al sistema sanitario non si traduce in nuocere direttamente al prossimo?
Senza tirare in ballo tutto quello che serve per portare il cibo in tavola (allevamenti, trasporti, ecc ecc).

Qui non posso che quotare.
TFP Yearbook - [2019] | [2020] | [2021] | [2022] | [2023]

Offline Wis

  • Highlander
  • *********
  • Post: 67.551
  • Mellifluosly Cool
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #27 il: 09 Mar 2023, 13:31 »
Xibal ho letto più volte il tuo parere in merito a problemi legati a disturbi di vario genere, dalla depressione al comportamento compulsivo.
Qui mi rivolgo un po' a tutti, perdonate la banalità dell'osservazione, ma non tutto è risolvibile con la sola volontà e applicazione, e non tutti quelli che non riescono a liberarsi di un comportamento compulsivo sono deboli o pigri.
"Risolvere" la questione lasciando intendere che la persona SIA il problema può avere effetti devastanti.
Professional Casual Gamer

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.611
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #28 il: 09 Mar 2023, 13:34 »
Sono assolutamente d'accordo a considerare ogni aumento della spesa pubblica, sanitaria o meno, come un crimine. Almeno fino a quando non avremo dimezzato il debito pubblico.

Ma a parte il lato economico, di cui parlavamo io ed EGO, non capisco cosa intendiate come danno al servizio sanitario.
Se tu dai un pesce ad un uomo, lo avrai sfamato per un giorno. Se gli proponi di imparare a pescare, ti risponderà che sei un neoliberista
My TFP Yearbook

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 38.763
    • The First Place
    • E-mail
Re: Semaglutide e tirzepatide. Dimagrire con le medicine?
« Risposta #29 il: 09 Mar 2023, 14:30 »
Qui mi rivolgo un po' a tutti, perdonate la banalità dell'osservazione, ma non tutto è risolvibile con la sola volontà e applicazione, e non tutti quelli che non riescono a liberarsi di un comportamento compulsivo sono deboli o pigri.
"Risolvere" la questione lasciando intendere che la persona SIA il problema può avere effetti devastanti.

L'osservazione non è banale.

In generale, ridurre qualsiasi questione di disagio psicologico alla sola volontà del singolo lo trovo pericoloso.

Poi è pieno di ciccioni di merda che dovrebbero mollare quella scatola di cioccolatini, per carità, ma in mezzo c'è gente che combatte :)
TFP Yearbook - [2019] | [2020] | [2021] | [2022] | [2023]