Autore Topic: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat  (Letto 4317 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline chirux

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.227
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #135 il: 29 Dic 2021, 16:23 »
Quindi "va bene" viaggiare tra MP3 e qualche buon CD?
Voi come avete fatto finora?

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 465
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #136 il: 29 Dic 2021, 20:58 »
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96, e per fortuna in Germania all'epoca di molte canzoni non uscivano solo i vinili ma anche i cdsingle: nel corso degli anni ho trovato quasi tutti quelli che cercavo.
Ho anche molte compilation ma lì è un prenderci, non sai mai come sarà la qualità audio delle tracce, e spesso ci sono mix o versioni diverse da quelle che sono scritte in copertina.
Molte cose sono state rimasterizzate e sono disponibili come files digitali su Beatport, Juno o siti analoghi, altre ancora sono purtroppo reperibili solo sui vinili dell'epoca, che può non essere facile trovare in buone condizioni a prezzi accettabili.
Quel "Techno Bert" di cui parlavo prima per esempio costa abbastanza e ancora non ce l'ho. 

Offline chirux

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.227
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #137 il: 30 Dic 2021, 13:31 »
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".

Per il resto: i siti che citi, nodisco, di musica digitale, li avevo già addocchiati, ma non sarei molto propenso.

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.292
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #138 il: 06 Gen 2022, 18:11 »
Cmq fin'ora abbiamo parlato solo di Techno, a questo punto facciamo una puntatina nel pianeta House!

Che è universo sconfinato dai mille volti ed ancor più sottogeneri.

Per questo, senza perdersi nei suoi mille rivoli, parto recuperando un vecchio post che scrissi nel thread "La canzone che sto ascoltando" e che riguarda due colossi del genere, gli inglesi Pete Heller e Terry Farley, una delle coppie produttive più importanti di tutta la storia dell'House, due geni dei quali è provvidenzialmente uscita qualche anno fa la TRIPLA raccolta House Matsers della sempre benedetta Defeted:

Citazione da: Jello Biafra
E niente, dopo due anni e mezzo di resistenza, alla fine ho ceduto, non ce l'ho fatta, ho ordinato il volume di House Masters dedicato a Heller & Farley, arrivato l'altro ieri, già consumato.

I primi due CD dedicati ai loro storici remix, il terzo alle produzioni in proprio, quattro ore e quindici minuti di musica, un testo sacro da studiare per anni, scorrendo la scaletta sembra che i loro pezzi più importanti ci siano tutti (manca Big Love che però è del solo Pete Heller ma uno spazietto si poteva trovare, dai).

Il Wild Pitch di DJ Pierre da un lato, l'edonismo della Garage nuovayorkese dall'altro, tante declinazioni di questi due stili ma una sola febbre: HOUSE HOUSE HOUSE. Ispirazione a livelli impensabili, anima e passione che bruciano tutto, suoni da stato dell'arte.

I remix cruciali, quelli che fanno la storia sono:

1)il La musica es la respuesta Mix su Music Is The Answer di Danny Tenaglia, 11 minuti di struggenti vocalizzi da drag queen sorretti da una tastiera battente in lacrime e da una chitarra acustica latineggiante spezza cuore

https://www.youtube.com/watch?v=YS8A3tKvJwk

2)L'Heller & Farley Saturday in Chicago Mix di I Don't Want to See Myself (Without You) di Terry Callier, che porta dentro l'House-Nirvana l'originale, già peculiarissimo di suo, Soul Folk di un grande eccentrico come Callier

https://www.youtube.com/watch?v=70Ee0USueug

3)lo Zooromancer Mix su Salome degli U2, trasfigurata in un lunare miraggio Soul elevato verso l'infinito da cosmiche correnti Trance

https://www.youtube.com/watch?v=O0VFPmRZrgw

4)il Fire Island Mix su Regret dei New Order, che trasforma una canzone meravigliosa in un inno Garage carico di piangenti ed estatici echi balearic

https://www.youtube.com/watch?v=ncPNOIk0508

5)i due Robert Owens, il Fire Island Vocal su Was I Here Before, paranoica e possente, che lancia la voce House per eccellenza, quella di Owens, dentro un tunnel oscuro ad altissima velocità, e il Roaching the Bassbin Mix su Ordinary People, col suo assetto Wild Pitch da battaglia e quella voce che esce ed entra nel campo sonoro come un ipnotico fantasma Blues da mondi lontani

https://www.youtube.com/watch?v=EtaQg9Fjxu8
https://www.youtube.com/watch?v=WXyDkSVvQa8

6)il Roach Motel Remix su Who Dares to Believe in Me di The Believers (uno degli pseudonimi di Roy Davis Jr.), pura psicosi elettronica Chicagoana con voce tonante e minacciosa, come quella di un Dio vendicativo e crudele e quel sassofono che parte inarrestabile in un fraseggio spiritato

https://www.youtube.com/watch?v=QqkUdJyB5p4

7)il Fire Island Mix su Movin', di Monè, che trasla le suggestioni Garage da cartone animato dell'originale in un carrello esplosivo di tastiere vitree e vocalizzi Soul di bellezza e seduzione irresistibili

https://www.youtube.com/watch?v=zDan4eYCKbU

E poi i loro pezzi autografi, roba forte, fortissima, quasi insostenibile, come Wild Luv a nome Roach Motel, omaggio/monumento al Wild Pitch, Movin' On, sempre Roach Motel, fumettosa ed estiva come una appassionata lettera d'amore alla House continentale più scanzonata, i travolgenti cantati Garage sotto le insegne Fire Island (If You Should Need a Friend, There But for the Grace of God, We Built This House, pregni di anima e Gospel), il sogno di mezza estate innervato da potenti pulsazioni tribali The Rising Sun, la Deep House da guerra The Night, l'omonima, celebrativa, Fire Island, con Rap militaresco di Ricardo da Force e una selva di raggi laser in sottofondo...

Che roba, amici miei, che roba colossale.

Se amate il genere ci morirete dentro, se non vi siete mai avvicinati questa è la volta buona, rischiate di non uscire più dal tunnel.

Due giganti.

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 465
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #139 il: 06 Gen 2022, 19:10 »
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".
Oh scusa, vedo il post solo ora.
Ti elenco un po' di titoli per dare un'idea:
 
le uscite di Emmanuel Top su Attack Records (Acid phase, Turkish bazar, ecc.),
Blue Alphabet - Cybertrance,
Outface - Komakino,
Drax ltd. - Amphetamine,
Cherrymoon - The house of house,
Mystic force - Mystic force,
Sunbeam - Outside world,
Energy 52 - Café del mar,
Jones & Stephenson - The 1st rebirth,
The Montini experience - Astrosyn,
Hocus Pocus - Here's Johnny,
Astral projection - Powergen,
The art of trance - Octopus,
Lenny Dee - Fuckin' hostile,
molti dischi dei PCP usciti con duemila pseudonimi, eccetera.

Sostanzialmente tutta roba uscita dal '92-93 in poi e prima che si imponessero schemi e strutture compositive che poi sono diventate standard negli anni a seguire.
Per dire, la canzone che ad un certo punto si svuota della cassa e fa una "pausa" di un certa lunghezza con una "ripartenza" trionfale nasce credo con Cherrymoon nel '94 e poi è diventata una cosa quasi obbligatoria in tutti i pezzi techno/trance.
« Ultima modifica: 06 Gen 2022, 19:13 da nodisco »

Offline chirux

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.227
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #140 il: 08 Gen 2022, 15:12 »
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".
Oh scusa, vedo il post solo ora.
Ti elenco un po' di titoli per dare un'idea:
 
le uscite di Emmanuel Top su Attack Records (Acid phase, Turkish bazar, ecc.),
Blue Alphabet - Cybertrance,
Outface - Komakino,
Drax ltd. - Amphetamine,
Cherrymoon - The house of house,
Mystic force - Mystic force,
Sunbeam - Outside world,
Energy 52 - Café del mar,
Jones & Stephenson - The 1st rebirth,
The Montini experience - Astrosyn,
Hocus Pocus - Here's Johnny,
Astral projection - Powergen,
The art of trance - Octopus,
Lenny Dee - Fuckin' hostile,
molti dischi dei PCP usciti con duemila pseudonimi, eccetera.

Sostanzialmente tutta roba uscita dal '92-93 in poi e prima che si imponessero schemi e strutture compositive che poi sono diventate standard negli anni a seguire.
Per dire, la canzone che ad un certo punto si svuota della cassa e fa una "pausa" di un certa lunghezza con una "ripartenza" trionfale nasce credo con Cherrymoon nel '94 e poi è diventata una cosa quasi obbligatoria in tutti i pezzi techno/trance.
Sì, ci siamo, ricordo con piacere parte di quelli da te citati e di sicuro ne troverei altri. Inoltre presumo che recuperarli su CD vuole dire Compilation.

Jello, arriverà anche il mio momento di visitare la House.

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 465
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #141 il: 08 Gen 2022, 16:21 »
Inoltre presumo che recuperarli su CD vuole dire Compilation.
In realtà molti si trovano anche in cdsingle, non so i prezzi attuali ma non li ho pagati molto. L'unico costoso è stato Mystic Force, una trentina di €


Offline chirux

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.227
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #142 il: 08 Gen 2022, 17:12 »
Bene, nodisco, ed interessante foto  :).

Approfitto per un OT, nodisco: da DJ ed appassionato presumo tu abbia un buon impianto di ascolto. Lo chiedo perché stavo valutando un sistema di ascolto decente che comprende la Dance, ma non solo.

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 465
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #143 il: 10 Gen 2022, 11:24 »
da DJ ed appassionato presumo tu abbia un buon impianto di ascolto.
Mah guarda, ti deluderò: non ho un impianto particolarmente ricercato e adatto per la musica techno/house/ecc.
Come amplificatore ho un Marantz PM-65 che avrò forse dai primi anni '90, come casse delle Sony SS-NX1 che mi erano state date come ripiego temporaneo ma poi ho tenuto perché mi ci trovo bene.
Prima avevo delle Acoustic Research AR-6 ma le ho "cotte" e sarebbero da restaurare, prima o poi lo farò. Per ora le uso per appoggiarci sopra la tazza da tè, son proprio dell'altezza giusta.

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.292
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #144 il: 12 Gen 2022, 18:05 »
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=8FT-1bCoS6c

Offline chirux

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.227
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #145 il: 14 Gen 2022, 13:58 »
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.
Anche questi non li conoscevo.
Subito ho identificato il suono "europeo" e la vicinanza musicale con tracce uscite negli anni a seguire.

Poi non riesco più a non chiedere a @nodisco (se ha piacere, tempo e possibilità) di comporre un set con tracce a sua scelta.

E scusate se capita che non rispondo o lo faccio in ritardo, ma le email di notifica funzionano alla ..zzo

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.292
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #146 il: 14 Gen 2022, 20:52 »
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.
Anche questi non li conoscevo.
Subito ho identificato il suono "europeo" e la vicinanza musicale con tracce uscite negli anni a seguire.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=C5YkVhk-LZk

 ;)

Online Prikaz 227

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.315
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #147 il: 16 Gen 2022, 00:22 »
Bravo Jello.

Visto che ho inserito Frequency nella mia classifica TFP ALL-Time TOP TEN, ecco il contributo degli Orbital in quel fior fiore di gioco.

TFP Link :: https://youtu.be/SO9QOs-7cG4

Nel frattempo, mentre con calma vi leggo ed ascolto, ho recuperato gli otto album dei Kraftwerk ripubblicati nel 2020, a seguito della scomparsa di Florian Schneider.

Ora - al di là della monumentale estetica del pacchetto (viene letteralmente voglia di leccare i vinili fluo che girano sinuosi sul piatto, mentre si accarezzano con occhi e mani le iconiche copertine ed i booklet fotografici) - che fottuti genii erano questi tedeschi ?
Mentre li ascolto nella penombra del soggiorno, suggestionato dai loro ritmi silicei, mi aspetto quasi che una pattuglia della Stasi piombi in casa per arrestarmi, allertata dai vicini delatori per il volume quantomai eccessivo.



Avanti anni luce a tutto e tutti, pensando anche ai mezzi tecnici che avevano a disposizione quando hanno spettinato il mondo durante gli anni settanta.

Piccola curiosità, visto che nel topic tanto si è (giustamente) parlato dei guru di Detroit.
Nel 1999 i Kraftwerk pubblicano un singolo intitolato Expo 2000, in vista dell’esposizione universale che si terrà ad Hannover l’anno successivo. Lo stesso singolo verrà ripubblicato l'anno seguente con il titolo di Expo 2000 Remix, presentando sei nuove versioni del brano remixate da DJ della scena techno di Detroit.
Ne Shagu Nazad!

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.292
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #148 il: 17 Gen 2022, 15:14 »
Beh, i Kraftwerk sono l'alpha e l'omega dell'elettronica popolare, la cosa che più mi ha sempre mandato fuori di testa è il fatto che dei bianchi, a loro volta inizialmente influenzati dai neri (visto che i Kraftwerk iniziarono suonando Rock fra psichedelia e Progressive quando ancora si chiamavano Organisation e nei primi due dischi) influenzarono in maniera radicale altri neri (Afrika Bambaata prima e poi tutta la scena House e Techno delle origini).

Un cortocircuito di quelli da far esplodere il cervello.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=_rlUQsC8ECk

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=XMVokT5e0zs
« Ultima modifica: 17 Gen 2022, 15:18 da Jello Biafra »

Online Prikaz 227

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.315
Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
« Risposta #149 il: 17 Gen 2022, 17:40 »
"... Hütter described the link between Detroit and Germany as a spiritual connection. He was impressed “that this music from two industrial centres of the world, with different cultures and different history, suddenly there’s an inspiration and a flow going back and forth”. Kindred spirits from different backgrounds bringing people together and trying to envision a brighter future. From Kraftwerk’s Kling Klang studio to WGPR-FM, Belleville and The Music Institute, back to Berlin and UFO, Planet, Tresor, to UR headquarters, Drexciya and Motor Club, to Bar 25, Hoppetosse and Berghain, the exchange continues."

Articolo completo qui: https://www.theguardian.com/music/2020/may/25/from-germany-to-detroit-and-back-how-kraftwerk-forged-an-industrial-exchange
Ne Shagu Nazad!