Autore Topic: [Multi] Resident Evil: Village  (Letto 29766 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.897
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #555 il: 16 Mag 2021, 19:05 »
Eh misa che tocca buttarmi sulla VR al più presto anche a me visto che videoludicamente non provo più paura da Alien Isolation (e un pochino Outlast), RE 7 base non mi ha smosso nulla (neanche in VR ma ero con un amico e ho fatto solo una sezioncina quindi troppo poco per giudicare), Village non ne parliamo, solo un fugace spavento in quella sezione

Guarda, ho voluto giocare anche a SOMA con il VR. Ho voluto fare una prova. Ne ho fatte molte con il VR
SOMA non era tarato per il VR, eppure era terrificante. Complice il fatto di avere "un casco" come l'avatar, era davvero insopportabile.
TUTTI i giochi, hanno qualcosa di diverso.
Ho provato anche P.T. ... con il VR diventano quasi tutti giochi spaventosi, sul serio.
Chiaramente un TW3 VR o un Horizon Zero Dawn "VR" (ho fatto molte prove) sono fruizioni ben strane rispetto alla versione classica.
Perché se giri la testa sei in uno spazio nero, vuoto, con una assenza di luce. Può sembrare strano ma è come se fossi in una camera di deprivazione sensoriale. Il gioco "non" VR ce l'hai davanti, come se fosse spalmato su un cartellone, ma ai lati c'è il buio, il nero, l'assenza di luce e non è una sensazione del tutto tranquillizzante. Non so come dirlo ma il VR ti porta da un'altra parte.
 

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.897
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #556 il: 16 Mag 2021, 19:06 »
Non hai giocato paranormal activity, eh?

Non sono mica matto.
Mi è bastato il trailer di quello e di quello di Insidious.

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 26.874
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #557 il: 17 Mag 2021, 11:09 »
Io non riesco a giocare gli horror su tv, figuriamoci col caschetto vr. Penso che ci resterei secco.

Mia previsione: versione VR di questo gioco in esclusiva PSVR2 quando uscirà. Se lo stanno tenendo in caldo insomma.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline tonypiz

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.366
  • Once Pizzide, forever Pizzide.
    • E-mail
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #558 il: 17 Mag 2021, 11:34 »
Ah, io nel mentre l'ho finito.
Se mi mettessi a fare le pulci alle singole componenti di gioco ne verrebbe un post simile all'ultimo di Teo (Santa polenta, l'ultima sessione l'ho giocata senza il programmino per allargare il FoV e lo scontro con Martellone è una roba da galera), ma a freddo ammetto di avergli voluto più bene di quanto le prime impressioni potessero far presagire, una volta compresa e accettata la sua natura di "antologia dell'orrore". Alla fine non m'è dispiaciuto nemmeno giocarlo a Estremo/Hardcore, perché superata la prima sezione si fila via tutto sommato lisci. Alcuni boss sono particolarmente "spugnosi", è indubbio, ma a giudicare da quanto ho visto da chi lo giocava a Normal, qui almeno un minimo sindacale di tensione negli scontri si avverte. Dal punto di vista dell'ambientazione e delle situazioni invece m'è piaciuto praticamente tutto.

Qualche commentino a caso:
Spoiler (click to show/hide)
Humans need fantasy to be human. To be the place where the falling angel meets the rising ape.
Il tonypiz è anche su Twitch, per qualche motivo.

Offline Il Gladiatore

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.233
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #559 il: 17 Mag 2021, 20:48 »
PRIMA PARTE:

Bene, finito a Difficile, circa 15 ore, buona parte dei segreti scoperti. Almeno credo.

Grazie a Capcom per avermi fatto vivere questa bella favola nera, proprio l’intro a me ha ricordato tantissimo lo spezzone di “Harry Potter e i Doni della Morte” pt. 1, nel momento in cui si narra dei tre fratelli. Da questa premessa è stato davvero un gioco radicale pur nell’accettazione dei sui limiti e, se tali non sono, delle sue scelte. Contrariamente al mio costume, stavolta non riesco a scrivere un papiro senza entrare nel merito e nello specifico di personaggi, eventi e ambientazioni, troppo difficile parlare in astratto e senza riferimenti. Per cui l’invito, qualora non si voglia conoscere anticipatamente nulla e senza averlo completato, è quello di interrompere qui la lettura a causa di pesanti spoiler.

Difficilissimo parlare e discutere di questo gioco, qualsiasi riflessione che abbia dietro un’opinione forte rischia di non far combaciare i pezzi. La questione è che, dopo oltre 20 anni di franchise, Resident Evil somiglia un po’ ai souls come ricorsività contenutistica. Ai souls si rinfaccia spesso di aver istituzionalizzato e standardizzato determinati contesti che poi si trovano variabilmente declinati nei diversi giochi. La fortezza da ascendere, la palude velenosa, il sotterraneo con le prigioni e così via, interpretazioni delle medesime idee tramandate e conservate. Per Resident Evil è uguale, in decine di giochi le situazioni sono un po’ le medesime, tra magioni, laboratori e altre tipicità. Questo provoca nel giocatore un senso di “eterno ritorno” che da sempre è croce e delizia delle serie longeve, la natura intrinseca dell’offerta da una parte deve rimanere riconoscibile da parte di chi cerchi determinate emozioni e dall’altra deve provare a rinnovarsi per non essere prevedibile e scontata.

Di base, le diverse aree del gioco e, di conseguenza, l’idea di progressione si occupano di citare e rinverdire alcuni capisaldi fondamentali della softeca Capcom e, in assoluto, di interi filoni videoludici.
Dal mio punto di vista REV è abbastanza compromesso in tal senso ma il ricorso a figure classiche dell’horror interpretate secondo i dettami “biohazardosi” che pongono fondamento alla saga. Quindi, dalla prevedibilità e alla mancanza di fantasia possiamo opporre il concetto di “classico”. Nel caso specifico poi, REV sguazza anche nelle dimensioni identitarie di determinate nazioni europee, con la rosa di antagonisti a rappresentare determinate stereotipizzazioni e caratteristiche culturali/letterarie della loro specificità. Un gioco che si pone come un continuo sottotesto immaginifico e per farlo si scomodano anche diverse tipologie di videogioco.
Lo abbiamo detto, è un gioco “antologico”, dell’horror, del franchise stesso, della palingenesi delle medesime condizioni del passato aggiornate alla nuova tecnologia. A mio modo di giudicare ci sono degli aspetti generali che vanno a connotare l’esperienza intera e che mi fanno propendere per il l’idea di “ottima esperienza” in luogo di “buon videogioco”.

Nello specifico:

1) Si tratta di un gioco abbastanza sbilanciato come ritmo, c’è una prima parte molto contemplativa e priva d’azione a cui si contrappone un blocco finale di tutt’altro senso e valore. Questo crea una mancanza di focus al principio, per poi rimediare in modo anche scomposto. REV non è un titolo equilibrato nelle sue parti e in questioni di ritmo.

2) Il gioco è volutamente più leggero nelle richieste belliche. Io non so se questo dipenda dalla (relativamente poca) familiarità dei giapponesi con la visuale in soggettiva ma il titolo presenta un insieme di aspetti, tecnici e di scelte, che minano alla base la profondità di determinate meccaniche. FOV, collisioni, AI e hitbox sballate, ci sono degli aspetti che si dibattono tra la precarietà e la trascuratezza che non mi hanno permesso di indagare oltre il normale attraversamento, pena l’afflizione del giudizio generale. REV è un’esperienza horror completa ma oltre a questo forse non è il caso di indugiare oltre, ho paura che non possa superare determinate applicazioni ulteriori.

3) Si tratta di un titolo piuttosto lineare, proprio nel senso di impostazione a corridoi. Se questo non è immediatamente vero negli snodi esplorativi del villaggio e nelle sequenze degli interni è però altrettanto chiaro che spesso il tutto si riduca a lunghi attraversamenti monodirezionali e senza particolari sussulti. Questa linearità è più che altro nociva in quei frangenti più action, per cui il giocatore può veicolare e sfruttare la semplicità del level design per ridurre i nemici a docili e ordinate file da massacrare. E’ una costante del titolo e un aspetto con ampi margini di miglioramento.

4) I boss sono davvero dozzinali. Sono felice del fatto che, in quasi ogni frangente, i programmatori abbiano deciso di lasciare libertà di scontro e ingaggio (fa eccezione Donna Beneviento) e questo è preferibile a roba assurda a cui spesso s’assiste in giochi di questo tipo. Detto ciò però , la modalità prevede di vomitare pallottole e armi varie in ambienti angusti con una telecamera improbabile, provando a limitare i danni. Capcom ci ha abituati ad altro e il tutto si dimostra involuto.

5) L’enigmistica è davvero declassata a colli di bottiglia tra le ambientazioni ed è un peccato. Certo, non è mai stata particolarmente punitiva ma qui, a volte, s’è andato in senso opposto in una maniera abbastanza avvilente. Ecco, se dovessi proprio dire, l”enigma” del pianoforte all’interno del castello è davvero la sineddoche del disagio di questo aspetto in REV.

A livello di ambientazioni devo dire di essere rimasto sia soddisfatto che deluso dal villaggio che accompagna il titolo del gioco. La soddisfazione deriva dall’impianto stesso della mappa, il tombraiderista che c’è in me e che soffre in silenzio è sempre contento quando ci sono strade da cercare, porte da aprire e ambienti da interpretare. L’idea che il villaggio di per sé sia un colossale meccanismo di entrate e uscite da sbloccare progressivamente con successive tornate è davvero qualcosa che mi stimola e che mi restituisce il concetto di “spessore”. Così come le diverse zone che si fanno via via percorribili e attraverso cui guardare il tutto con occhi diversi da punti di vista variabili. Questo è molto buono. Gli aspetti che mi sono piaciuti meno, in realtà, non derivano da un difetto effettivo del gioco ma dalla mia proiezione del concetto di “village”. Provenendo da robuste letture lovecraftiani con decisivi innesti di Poe e Maupassant mi sono figurato una comunità (co)stretta intorno ai signori della valle ma presente e interagente, con tutta una serie di questioni legate all’investigazione e alla ricerca. Insomma, avrei preferito il tema della società chiusa e tarata dal punto di vista esoterico e del folclore con tutto il disvelamento orrorifico del caso. Cosa pure presente ma il giocatore arriva un momento dopo il disfacimento di questo stato di cose e il villaggio sembra davvero terremotato e abbandonato. Peccato, sarebbe potuto essere uno spunto interessante, forse non originale ma sempre vincente. Per il resto, gli altri blocchi:

Alcina Dimitrescu e il Castello: beh, molto banalmente, questo è il Resident Evil declinato secondo i sacri crismi della “mansion”. Diversi livelli che vanno dallo scantinato al tetto, chiavi tematiche per sboccare nuove zone e scandire la progressione concentrica, enigmistica residuale e terminale ed elementi fintamente casuali atti a mantenere alta la tensione. Nella pesantezza barocca di arredamento e mobilia, nel suono soffocato da tappezzerie e tendaggi, la mente del giocatore indugia sulla mappatura di piani e zone, in modo che tutti i pezzi vadano a posto e ci sia sempre qualcosa da fare e un luogo da raggiungere. Il castello Dimitrescu è anche un luogo caro a due cliché residenteviliani, da una parte appunto il concetto di “casa” con infestazioni di ogni genere alla luce di una decadente nobiltà e dall’altra, come meccanica, il dispositivo dell’inseguitore come negazione della situazione sotto controllo in una mappa dove il giocatore possa aggirarsi senza problemi. Un primo elemento di perplessità è dato dal rapporto tra la componente deambulativa ed esplorativa con quella più strettamente bellica. Un rapporto non del tutto armonizzato che procura un’urgenza di senso che ho faticato a reprimere. Lady Dimitrescu è il novello Tyrant/Mr. X che ci meritiamo ma che conosciamo fin molto bene, quello della sicurezza totale in alcune camere, delle barriere architettoniche a mo’ di acchiapparella e, tutto sommato, quello di un copione che recentemente abbiamo visto illustrato di più e meglio in Resident Evil 2 e 3 Remake.

Ad esempio, un aspetto a mio modo di vedere assolutamente sprecato è dato dalle figlie della lady. Con tre personaggi da creare liberamente si potevano immaginare e approntare situazioni di ogni genere e variare anche la natura degli scontri. Invece le tre sorelle non hanno significative variazioni comportamentali e si affrontano tutte nella stessa maniera, simpatica come idea ma dal fiato corto. Ancora, nei sotterranei del castello le povere sventurate trasformate in mostri offrono momenti sparacchini su rotaia che non riescono a soddisfare appieno la voglia di confliggere che tante, troppo sgroppate in giro per corridoi, ballatoi e stanze procurano insostenibilmente. Poi, qualche ora dopo, il medesimo destino riguarda le creature pipistrellose sui tetti, pochi e brevi colpi che lasciano un retrogusto strano. Per non tacere dello scontro finale con Alcina, quelle meccaniche un po’ sporche in cui la leggibilità è sacrificata sull’altare della spettacolarizzazione a mezzo di cutscene interattiva che si traduce in penosissimi input di joypad suggeriti gioco nel caos più totale. Più che altro, per me, c’è anche un piccolo problema di percezione legato ai diversi livelli: si può mettere il blocco più grande e significativo del gioco proprio all’inizio? A fronte di altre tre parti per relative personalità a presiedere, ci si rende conto con una certa mestizia che le altre durano davvero poco, molto meno. Questo crea un fastidioso effetto nei videogiochi, di solito attribuibile a quei progetti che raggiungono la pubblicazione con difficoltà e con l’esaurimento di risorse, si potrebbe definire un effetto “imbuto” in cui la parte più consistente arriva prima e poi la sensazione è quella di un’affrettata realizzazione. Peccato.
« Ultima modifica: 17 Mag 2021, 20:51 da Il Gladiatore »
La paura è di passare per non esperti, di non comprendere il medium che si sta evolvendo etc. (...) è figlio dell'immotivato senso di inferiorità che spinge il videogiocatore alla spasmodica ricerca di qualcosa che giustifichi il videogioco come se il gameplay da solo non bastasse più." (Fulgenzio)

Offline Il Gladiatore

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.233
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #560 il: 17 Mag 2021, 20:49 »
SECONDA PARTE: (SPOILER)

La casa di  Donna Beneviento: è davvero un tributo ai classici Capcom come Clock Tower e Haunting Ground, senza dimenticare la sezione in stile Saw l’Enigmista del settimo capitolo. Un po’ walking simulator, un po’ escape room e “hide & seek & destroy” che è foriero di infarti multipli per povera gente come me che di fronte ai videogiochi in teoria vorrebbe tipo rilassarsi. Beh, prima di tutto mirabile l’ambientazione, una sorta di casa vittoriana al limitare del bosco e di fianco a una colossale cascata che suggerisce una conduzione di vita isolata e riservata di una personalità disturbata, a rendere il tutto inquietante come da doverosa tradizione gotica. La dinamica poi è risaputa, corridoi immersi nell’oscurità, tutto immoto, tutto cristallizzato nel tempo e nello spazio nell’attesa di qualcosa che interrompa la stasi. Un movimento, un rumore, la musica che cambia in modo imprevedibile per una tensione che in certi casi, per il sottoscritto, è stata davvero intollerabile. Qui viene buona la grafica fotorealistica e anche “intangibile” del titolo, il concetto di diorama e costruzione dell’ambiente lasciano nelle pupille del giocatore immagini indelebili e formalmente perfette.
Poi quando avviene la cosa (nel senso che arriva “la cosa”…) da una parte non ho potuto far altro che saltare sul divano, dall’altra però l’ho vissuta quasi come un liberazione perché il “gioco” s’è svelato nelle sue intenzioni e la decifrazione dell’ambiente (gli armadietti, il letto ecc. e il sotteso invito a nascondersi) e da lì l’ho presa in maniera un po’ diversa. Certo oh, intendiamoci, disturbante in modo inverecondo, soprattutto per i versi agghiaccianti e anche per la modellazione del viso del bambino che, nella sequenza finale dell’ascensore, si mostra in tutto il suo agghiacciante orrore.
Per me una fase del gioco difficile da giudicare, visto che sono stato colto da impressioni e sensazioni diverse in base al momento e forse in modo del tutto irrazionale. Col senno del poi non è stato propriamente un bel giocare. L’errore è stato anche quello di piazzare un fase così “passiva”, da walk simulator a tratti contemplativo appena dopo il castello che, in modo ampliato, presenta un po’ le medesime caratteristiche. Le prime decisive ore se ne vanno così e insinuano nel giocatore l’idea che in fondo REV sia davvero questo, nel senso di “tutto qui”.
Anche il boss non aiuta, quel mezzo gimmick tra lo spettacolare e in narrativo che porta il giocatore a chiedersi cosa stia facendo, perché lo stia facendo e quando, misericordiosamente, finirà il tutto. Ora, sembra quasi che a me questa parte abbia fatto del tutto schifo dal punto di vista dello svolgimento, in realtà, tra le poche istantanee che porterò come di questo REV c’è proprio quel giardino che precede la casa con la tomba e la sensazione di malinconica, negata, maternità.

Lago e bacino idrico: la terza sezione, quella ad ambientazione lacustre presieduta da Salvatore Moreau (immagino una citazione dell’”Isola del Dottor Moreau”, tematicamente appropriato), è in assoluto il momento debole del gioco. A parte il ritorno a contesti già affrontati dalla saga in modo più convincente, quello che non risulta perfettamente a fuoco è la realizzazione delle diverse parti. Abbiamo un momento discorsivo con l’accesso alla barchetta che è davvero puramente accessorio. La sezione in barca, poco più di una traslazione tra un punto A e un punto B, rimanda agli anni ’90 del 3D con quei mezzi un po’ pioneristici e un po’ di maniera che nel 2021 mi sono apparsi davvero strani, anacronistici. Il problema è dato anche dalla realizzazione tecnica che, abbandonando le ambientazioni al coperto e le stanze impeccabili, mostra il fianco a un’approssimazione che fino a quel momento il titolo non aveva evidenziato. L’idea del lago e del bacino idrico va bene, è una suggestione dell’horror classico, così come il mostro delle profondità che si annida ma se il tutto si riduce a questa specie di pozzanghera malamente messa insieme con una meccanica trial&error basica, abbastanza noiosa e senza particolari idee. Le passerelle con scatti coordinati e pescione che fa il giro, gli interruttori per il passaggio a tempo, tutto lineare e scontato. Ma la di là della sua dimensione scontata che comunque non è un crimine, ho trovato tutto il processo davvero privo di piacere ricreativo senza neanche rappresentare almeno una sfida decente. Boh. Non so, anche qui agli sviluppatori deve essere sembrata una buona soluzione che variasse ancora una volta la tipologia di gameplay ma il tutto è portato avanti stancamente, fino al boss finale che definirei svogliato, sia per concept che per svolgimento, la tipica arena squadrata con proiettili e armi da vomitare circolarmente sul povero malcapitato. Appunto, giocata molto male: con l’elemento acqueo, con l’idea del laboratorio e della trasformazione, con lo stimolo di quello che si annida sotto l’acqua e tutta la letteratura che c’è dietro, questa misera pozzanghera poco usata e mal realizzata non fa davvero onore all’impeccabile realizzazione tecnica e stilista del resto del gioco.
Il tutto per un’altra oretta risicata di gioco e quella dannata sensazione di contenuto ridotto e affrettato.

Fortezza e Fabbrica:la quarta zona, quella di Heisenberg, muta ancora la pelle di REV e (finalmente?) il focus si sposta sulle sparatorie. Si tratta del recupero di Resident Evil 4 a cui questo REV, spesso, è stato accostato in quanto declinazione in soggettiva. Anche in questo caso si tratta di una sezione molto breve, preceduta da una zona di passaggio con alcune piccole scaramucce con nemici minori. Una volta inoltrati e raggiunto l’obiettivo ecco che il tema della “fortezza” con quelle situazioni ludicamente circolari che abbiamo in imparato ad amare in RE 4 e 5. Prima il cortile con l’ingresso e poi la parte interna, in cui per un attimo ho sospettato e temuto che i lycan fossero infiniti e che vi fosse qualche forma di trigger per risolvere lo scontro. Si spara, ci si muove, bisogna posizionarsi assennatamente e la quantità ingente di nemici è tale da dover attingere in qualche modo a un pensiero più organizzato. Certo, il gioco convive con sporcizie esecutive e progettuali già lungamente denunciate in queste pagine e con una certa facilità si può ingannare l’intelligenza artificiale e venirne a capo. Un altro cambio di ritmo per l’arlecchinesco REV e devo dire che il tutto intrattiene  di gusto, pur nei limiti già esposti al principio.
Il boss del livello costituiva un conto aperto sin dal principio del gioco e sì, sempre quello spazio di manovra, sempre quelle armi da vomitare senza sosta e sempre questa libertà sicuramente lodevole ma anche piuttosto piatta nel presentare la medesima situazione con attori diversi. Il recupero filologico prosegue con la quinta parte (che poi concettualmente è collegata alla quarta) e il setting si sposta sull’industrializzazione che mischia il tema delle esercito di automi con la declinazione diversamente intesa di Frankenstein in salsa Tetsuo. Rispetto alle tre precedenti sezioni questa prova ritornare ai fasti del castello Dimitrescu con una lunghezza importante e una certa movimentazione in termini di mappa. Se l’area precedente declinava il concetto di arena con annesse dinamiche di movimento e ingaggio, la fabbrica pone invece attenzione sulla letalità del singolo scontro da superare con la comprensione delle meccaniche (punto debole e aggiramento) fino all’inferno di sparatorie ed esplosioni che occorrono in presenza degli esemplari un po’ più corazzati. Momenti di gameplay di peso, con una concentrazione di fuoco e violenza sconosciuta a tutta la precedente porzione di gioco e che addirittura arriva a stordire. La mappa non lesina divagazioni circolari e un ascensore centrale con il quale sposarsi e trovare la strada, in un’ambientazione davvero curata per soluzione estetiche. Pre-boss un po’ stupidino, il classico tank che carica e di cui scoprire il punto debole (chissà quale sarà…) e un boss più interessante sul piano visivo e citazionista piuttosto che in quello meramente ludico, una “coattata” anni ’80 da giocare in modo divertito ma che segue la sciagurata filosofia bossistica di questo capitolo. Eppure, nonostante questo, credo che questa fase di REV possa essere una tra le più apprezzate, perché in fondo tutti cerchiamo gameplay e tutti, sì, amiamo RE4. Mediamente.

L’ultima parte del gioco si apre al Resident Evil 6 che non si meritavamo ma che ci ha intrattenuti. Dotazioni militari, atmosfera da “decolliamo e nuclearizziamo”, un volume di fuoco e di munizione che fa propendere per la sezione semi-assistita/narrativa/conclusiva senza particolari sussulti. Invece sa essere dispettosa, soprattutto la parte che riguarda il puntamento. In ogni caso è davvero giusto ritenerlo il momento in cui la narrazione si mette in primo piano, in un modo anche piuttosto inedito per saga. La focalizzazione sulla vicenda personale di Ethan arriva un po’ di sorpresa, il gioco indulge a sentimenti forse troppo sottili per le trashate gioiose a cui c’ha abituati la serie. Personalmente ho trovato il tutto abbastanza fuori posto ed esagerato, anche a causa di un protagonista fino a quel momento assai marginale e poco comunicativo, per cui questa sofferenza “alla Silent Hill” come epifanica significazione di senso boh, per me potevano anche risparmiarsela. Secondo me non c’è stata la costruzione di questo climax, anzi la parte finale si appesantisce ulteriormente di momenti discorsivi alla luce di un potentissimo disinteresse che sfuma i contorni della favola nera a cui si faceva riferimento in apertura. Si tratta sempre di un RE nondimeno, per cui è normale che si vada a parare sempre in determinati filoni per cui non mi lamenterei troppo. Il boss finale è di quelli che io definisco “ludicamente insoddisfacenti”, per un personaggio che io considero anche molto riuscito, ossia quella Madre Miranda che fa risalire la sua storia molto indietro nel tempo e che agisce, nella migliore tradizione romantica, come essere che si oppone a un destino amaro, quell’amore che diventa malvagità.

Bene, allora…Io sono solito approfondire i giochi, ultimare diverse run e stressare un po’ meccanismi. Stavolta non credo che lo farò, i motivi che mi hanno portato a gradire questo REV non sono riconducibili ad aspetti meramente ludici o di gameplay in senso stretto. Si tratta indubbiamente di un gioco viscerale che fa presa sulle visualizzazioni tipiche dell’orrore letterario e cinematografico rivisto alla luce della tecnica. Quello che poteva darmi me l’ha dato, ho sperimentato momenti di terrore e ho provato quell’inquietudine pura di chi non è avvezzo al contesto e tanto mi basta. A questo giro non saranno più colpi da sparare a un avversario oppure meno risorse da trovare a cambiare il senso della mia esperienza che temo sia fatalmente legata alla sua irriproducibilità emotiva, tipica della prima volta.
Per cui rimango qui in attesa di leggere quello che gli altri hanno provato e vissuto per avere una nuova chiave di lettura e magari tentare, in futuro, un nuovo approccio.
Quello VR magari.
« Ultima modifica: 17 Mag 2021, 22:05 da Il Gladiatore »
La paura è di passare per non esperti, di non comprendere il medium che si sta evolvendo etc. (...) è figlio dell'immotivato senso di inferiorità che spinge il videogiocatore alla spasmodica ricerca di qualcosa che giustifichi il videogioco come se il gameplay da solo non bastasse più." (Fulgenzio)

Offline Laxus91

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.664
    • E-mail
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #561 il: 17 Mag 2021, 21:54 »
Gran bella analisi e perfetta occasione per ripercorrere quello che nel bene e nel male è stato per me un viaggio, a tratti memorabile e per motivazioni che non mi sarei aspettato (è Capcom, la conosciamo e abbiamo le nostre aspettative in fatto di gameplay e aspetto ludico, o almeno per me é così).

L'unica cosa che posso recriminare è l'avermi ricordato
Spoiler (click to show/hide)

Leggendo il post realizzo tra l'altro un altro aspetto chiave poco citato che rende più difficile valutare serenamente questo titolo: ogni sezione del gioco in qualche modo influenza aspettative e considerazioni sulle ulteriori sezioni.

Almeno personalmente, ho annusato fin da subito (se non da primi pareri e recensioni) l'idea dietro la struttura del gioco e dei blocchi separati e diversificati di situazioni horror prontamente confermato poi già dalle prime ore effettive, non un mistero ecco.

Questo però se da un lato mi ha eccitato (attesa dell'ignoto e della prossima follia o reinterpretazione di un filone) dall'altro mi ha fatto vivere con un pò d'ansia tutta l'esperienza, ansia che il gioco stesso e quindi capcom sarebbe riuscita ad essere più incisiva alla successiva occasione/ambientazione, ansia di quanto e se sarei prima o poi riuscito ad apprezzare il titolo o quando ecome sarebbe venuta fuori l'anima ludica, come scrivevo qui.

Per cui l'ho vissuto un pò così, vivevo una location ma già pensavo alla successiva e se/quanto sarebbe stata all'altezza di aspettative indotte da certe siruazioni e presentazione di personaggi importanti.

Infine proprio alla sezione verso la fine
Spoiler (click to show/hide)
ho trovato la mia soddisfazione e l'intrattenimento e dimensione che cercavo da questo gioco, non sarà il meglio che la serie ha offerto ma in qualche modo e per merito dei riferimenti e citazioni (pensato anche io a
Spoiler (click to show/hide)
) lì mi son sentito davvero dentro questo RE e contento di giocarlo, sensazione netta.

La mia l'ho già detta pagine fa quindi non mi ripeterò ma appunto, ribadisco che è un gioco al quale ho voluto bene ma ho vissuto con una certa insofferenza alcune sue mancanze in termini di profondità di gioco e combat, semplificazioni sul lato survival e gestione oggetti.

Un supporto al futuro VR2... ma magari.
Pure perché sarebbe occasione perfetta per riprendere il titolo e viverlo sotto un'altra luce.
Non so se ci sarà occasione o se sarà passato troppo tempo da renderlo concretamente appetibile e fattibile, sempre che la volontà ci sia ma mi piacerebbe molto per il futuro.

Pure perché poi mi sparerei RE 7 (se sarà compatibile come spero, che io il primo visore non lo ho) + Village e forse tornerei finalmente a provare paura per dei giochi horror
« Ultima modifica: 18 Mag 2021, 07:51 da Laxus91 »

Offline teokrazia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.688
  • Polonia Capitone Mundi
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #562 il: 18 Mag 2021, 07:10 »
Splendida analisi, @Il Gladiatore con cui concordo per larghi tratti. Che in più mi stimola una riflessione...

Alcina Dimitrescu e il Castello: beh, molto banalmente, questo è il Resident Evil declinato secondo i sacri crismi della “mansion”. Diversi livelli che vanno dallo scantinato al tetto, chiavi tematiche per sboccare nuove zone e scandire la progressione concentrica, enigmistica residuale e terminale ed elementi fintamente casuali atti a mantenere alta la tensione. Nella pesantezza barocca di arredamento e mobilia, nel suono soffocato da tappezzerie e tendaggi, la mente del giocatore indugia sulla mappatura di piani e zone, in modo che tutti i pezzi vadano a posto e ci sia sempre qualcosa da fare e un luogo da raggiungere. Il castello Dimitrescu è anche un luogo caro a due cliché residenteviliani, da una parte appunto il concetto di “casa” con infestazioni di ogni genere alla luce di una decadente nobiltà e dall’altra, come meccanica, il dispositivo dell’inseguitore come negazione della situazione sotto controllo in una mappa dove il giocatore possa aggirarsi senza problemi. Un primo elemento di perplessità è dato dal rapporto tra la componente deambulativa ed esplorativa con quella più strettamente bellica. Un rapporto non del tutto armonizzato che procura un’urgenza di senso che ho faticato a reprimere. Lady Dimitrescu è il novello Tyrant/Mr. X che ci meritiamo ma che conosciamo fin molto bene, quello della sicurezza totale in alcune camere, delle barriere architettoniche a mo’ di acchiapparella e, tutto sommato, quello di un copione che recentemente abbiamo visto illustrato di più e meglio in Resident Evil 2 e 3 Remake.

Ad esempio, un aspetto a mio modo di vedere assolutamente sprecato è dato dalle figlie della lady. Con tre personaggi da creare liberamente si potevano immaginare e approntare situazioni di ogni genere e variare anche la natura degli scontri. Invece le tre sorelle non hanno significative variazioni comportamentali e si affrontano tutte nella stessa maniera, simpatica come idea ma dal fiato corto. Ancora, nei sotterranei del castello le povere sventurate trasformate in mostri offrono momenti sparacchini su rotaia che non riescono a soddisfare appieno la voglia di confliggere che tante, troppo sgroppate in giro per corridoi, ballatoi e stanze procurano insostenibilmente. Poi, qualche ora dopo, il medesimo destino riguarda le creature pipistrellose sui tetti, pochi e brevi colpi che lasciano un retrogusto strano.

Questo richiamo al Resident Evil classico con la location grande e 'labirintica' da esplorare ha il suo fascino, sul momento ti prende anche benino [ma tutt'altro che bene, che ci son limiti e motivi per rimanere perplessi che ti sbatte chiaramente in faccia, anche sul momento], ma ti lascia con un retrogusto di carta velina che questa tua osservazione mi aiuta a focalizzare meglio.

Nei Resident Evil esplori e c'hai paura di non farcela, perché gli zombi, i cani, i licker e chi per loro son lì, attentando alla tua sopravvivenza. Qui è tutto troppo compartimentato, spesso asservito al concetto di nuova wave di esperienza horror che prende forma col setpiecucolo piuttosto che con l'inseguimentino scemo o quant'altro.

È un'impostazione ereditata da Resident Evil 7, che funzionava anche lui così, eppure quello sia in certi passaggi della casa dei Baker che sulla nave [che per questo motivo mi era piaciuta molto, ma pare solo a me] sapeva ricalibrarsi su un'esperienza survival di sostanza, che in Village emerge molto meno, preoccupato perlopiù di metterlo in mostra sull'etichetta.



Anche il boss non aiuta, quel mezzo gimmick tra lo spettacolare e in narrativo che porta il giocatore a chiedersi cosa stia facendo, perché lo stia facendo

:D


Bene, allora…Io sono solito approfondire i giochi, ultimare diverse run e stressare un po’ meccanismi. Stavolta non credo che lo farò, i motivi che mi hanno portato a gradire questo REV non sono riconducibili ad aspetti meramente ludici o di gameplay in senso stretto. Si tratta indubbiamente di un gioco viscerale che fa presa sulle visualizzazioni tipiche dell’orrore letterario e cinematografico rivisto alla luce della tecnica. Quello che poteva darmi me l’ha dato, ho sperimentato momenti di terrore e ho provato quell’inquietudine pura di chi non è avvezzo al contesto e tanto mi basta.

Come già detto, c'ho il pruritino di farne esperienza a un livello di difficoltà maggiorato, che è un'opportunità che ho concesso anche al 7, ma lo spezzettamento di ritmo, l'invasività di gimmick e quant'altro sono uno scoglio insormontabile. Tra demo e prima run completa io di certe cose ne ho davvero le balle sature. Peccato non potersi caricare il save di una determinata posizione, cambiargli il livello di difficoltà e continuare da lì.

Ma credo di potermene benissimo una ragione e morta qua.

Offline Il Gladiatore

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.233
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #563 il: 18 Mag 2021, 12:54 »
Un supporto al futuro VR2... ma magari.
Pure perché sarebbe occasione perfetta per riprendere il titolo e viverlo sotto un'altra luce.
Non so se ci sarà occasione o se sarà passato troppo tempo da renderlo concretamente appetibile e fattibile, sempre che la volontà ci sia ma mi piacerebbe molto per il futuro.

Pure perché poi mi sparerei RE 7 (se sarà compatibile come spero, che io il primo visore non lo ho) + Village e forse tornerei finalmente a provare paura per dei giochi horror
caro @Laxus91, io dichiaro che REV in VR, in prima battuta e run, sarebbe stato per me insostenibile, tipo nella sezione di Donna Beneviento. Il 7, in VR, è stata per me un'esperienza totalizzante, come lo è stato HL:Alyx, la realtà virtuale è davvero il prossimo step del videogioco.
Più che altro, in REV, il ritmo occasionalmente aumenta un bel po' e lì m'interrogo sulla possibile applicazione nelle fasi più concitate. Che forse è anche un motivo per il ritardo (o esclusione) di una simile impostazione. Ma sono certo che arriverà.

Nei Resident Evil esplori e c'hai paura di non farcela, perché gli zombi, i cani, i licker e chi per loro son lì, attentando alla tua sopravvivenza. Qui è tutto troppo compartimentato, spesso asservito al concetto di nuova wave di esperienza horror che prende forma col setpiecucolo piuttosto che con l'inseguimentino scemo o quant'altro.
Ecco, secondo me qui @teokrazia  cogli perfettamente il perché REV si distanzi dimolto dall'approccio dei Remake e il motivo per cui (per me) non si possa paragonale sul piano ludico. In RE2R il contesto è pieno di minacce soverchianti, spesso insostenibili, a cui il giocatore deve opporsi con molte forme di pensiero applicato al videogioco (esecuzione, strategia, scelte, priorità ecc.) conferendo un senso di organizzazione integrale dei pericoli e delle soluzioni su larga scala. In REV questo processo è ribaltato e compartimentato: quella sezione è fatta per sparare, questa per fuggire, c'è il corridoio coi nemici e poi nella stanza dopo nulla. Il tutto è pensato per interessare e gratificare il giocatore "relativamente a" e il processo di allestimento del parco giochi è evidente. Ecco perché, a prescindere dal livello di difficoltà, per me non ha comunque lo stesso peso specifico.
Si tratta di una questione che poi s'avverte anche in una forma diversa: quando il gioco è troppo "esperienza" si lamenta la mancanza di azione; quando questa arriva è davvero stabilita a tavolino e sovente insoddisfacente; in entrambi i casi, spesso si percepisce il desiderio che cambi perché le singole anime del gioco da sole non bastano. E contemporaneamente si disturbano, non drammaticamente ma sul piano della sostanza.

Citazione
Come già detto, c'ho il pruritino di farne esperienza a un livello di difficoltà maggiorato, che è un'opportunità che ho concesso anche al 7, ma lo spezzettamento di ritmo, l'invasività di gimmick e quant'altro sono uno scoglio insormontabile. Tra demo e prima run completa io di certe cose ne ho davvero le balle sature. Peccato non potersi caricare il save di una determinata posizione, cambiargli il livello di difficoltà e continuare da lì.
Ma credo di potermene benissimo una ragione e morta qua.
La penso nello stesso modo.
Oltretutto sono anche scisso, REV per è molto più divertente e sviluppato del 7 eppure quest'ultimo per me era un gioco pensato meglio e più ottemperante nel rapporto tra ambientazione-azione-sviluppo.
Bizzarro.
« Ultima modifica: 18 Mag 2021, 12:58 da Il Gladiatore »
La paura è di passare per non esperti, di non comprendere il medium che si sta evolvendo etc. (...) è figlio dell'immotivato senso di inferiorità che spinge il videogiocatore alla spasmodica ricerca di qualcosa che giustifichi il videogioco come se il gameplay da solo non bastasse più." (Fulgenzio)

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.897
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #564 il: 18 Mag 2021, 15:42 »
A qualcuno ad Osaka piace caldo
Spoiler (click to show/hide)

@Il Gladiatore Come puoi già intuire il papiro verrà archiviato "tu sai dove" e correlato di foto.

PPPPS. Forse non ci si può concentrare su altro (se non sotto spoiler) perché non c'è altro in questo gioco?

Hmmm.
« Ultima modifica: 18 Mag 2021, 15:52 da Mr.Pickman »

Offline Il Gladiatore

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.233
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #565 il: 18 Mag 2021, 15:57 »
@Il Gladiatore Come puoi già intuire il papiro verrà archiviato "tu sai dove" e correlato di foto.
Come sempre puoi fare quello che vuoi e come vuoi @Mr.Pickman:)
La paura è di passare per non esperti, di non comprendere il medium che si sta evolvendo etc. (...) è figlio dell'immotivato senso di inferiorità che spinge il videogiocatore alla spasmodica ricerca di qualcosa che giustifichi il videogioco come se il gameplay da solo non bastasse più." (Fulgenzio)

Offline Lost Highway

  • Reduce
  • ********
  • Post: 26.186
  • Lynchologo!
    • http://www.facebook.com/loveretrolove
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #566 il: 18 Mag 2021, 16:17 »

@Il Gladiatore Come puoi già intuire il papiro verrà archiviato "tu sai dove" e correlato di foto.


Gli archivi segreti del Gladiatore? :alien:
Xbox Live:  LOST HIGHWAY80
...And sometimes is seen a strange spot in the sky
PSN: Lost_Highway80
A human being that was given to fly...

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.897
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #567 il: 18 Mag 2021, 16:36 »
@Il Gladiatore Come puoi già intuire il papiro verrà archiviato "tu sai dove" e correlato di foto.
Come sempre puoi fare quello che vuoi e come vuoi @Mr.Pickman:)

Complice la perdita di Battiato :(
Questo titolo - sono in mindstorm duro - mi ha fatto venire in mente una canzone leggendaria di Paolo Conte: "Bartali" più conosciuta come "Quanta strada nei miei sandali"
Quanta strada che abbiamo fatto con RE.
Siamo del tutti sicuri che quello che manca, in realtà manchi sul serio? Provo a infossarmi.
In RE8 si salva utilizzando la storica macchina da scrivere. Non è naturalmente un caso. C'è una precisa motivazione del perché hanno inserito la Chicago Typewriter no? Certo che ci sta, ovvio.
Nel giocatore anziano e vetusto, basta semplicemente vederla, piazzata su un barile, per ricordarsi delle fughe repentine dentro la primissima magione o nella stazione di polizia di Città Procione. La ricerca spasmodica degli ink-ribbon in ogni pertugio, le maledizioni dedicate dello spazio risicatissimo dell'inventario, l'accorpamento disperato che ci faceva sprecare 2 - maledetti - proiettili apposta per liberare uno spazio aggiuntivo onde evitare pellegrinaggi al campo base.
Quello che sto cercando di comunicare è...c'è davvero bisogno di ritrovare formule vecchie, antiche, datate, per riconoscere un gioco "effettivamente" canonico e/o facente parte di una supposta tradizione?
Io non credo. Anche se in RE8 (e pure il 7) non dobbiamo raccogliere alcun nastro d'inchiostro, la macchina da scrivere testimonia il suo stesso passato, è una testimonianza indelebile del suo retaggio.

Ecco, prendiamo un QUALSIASI elemento di RE8, alla fin fine è una evoluzione di qualcosa che già c'era, ma che magari - vuoi per un motivo o l'altro - doveva essere aggiornato, rischiando il grosso.

Però non riesco a volergli male a questa fiaba nera, con tanto di boss "one shot".
Credo che la saga principale di RE, e non la secondaria, attualmente sia molto più stuzzicante, nel suo continuo non-stile ma accorpamento.

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.897
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #568 il: 18 Mag 2021, 16:41 »

@Il Gladiatore Come puoi già intuire il papiro verrà archiviato "tu sai dove" e correlato di foto.


Gli archivi segreti del Gladiatore? :alien:

In un certo senso sono anche i suoi archivi, sebbene pubblici, aperti a tutti.
E sono sempre pronti a ricevere testi, analisi, disamine, trattati di varia natura. Sono anche il brogliaccio di diverse penne fertili, gli articoli scartati noi li raccogliamo.

* non sono spazi monetizzati in alcun modo, non si fa il bello con il culo degli altri, ci tengo a dirlo.

Offline xPeter

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.585
Re: [Multi] Resident Evil: Village
« Risposta #569 il: 18 Mag 2021, 17:31 »
Finito a fatica (nel senso che faccio fatica a monte a trovar voglia di aver a che fare con RE8) il castello "Dimitresk" (ogni volta che non sento pronunciare la "u" una massa di neuroni mi si butta da un dirupo come i lemming).
Il mio mood (audio):
https://youtu.be/dX4WVG0NZds
Capcom ha disimparato a fare i videogiochi: record assoluto di preorder, voto 9/10, Ethan (chi?) confermato protagonista di altri tre o quattro spin-off con le pezze al culo spacciati per episodi maggiori fino al 2030. Evviva evviva Capgods, golden age videoludica, what a time to be alive.
Sono indietro perché sto alternando (a non aver alcuna voglia di giocarci) con Returnal, altro gioco che prima di avviare ci pensi due, tre, quattro volte. E poi appunto non lo avvii, al solo pensiero di (lasciarti) morire per sfinimento dopo tre ore passate a girare come la merda nei tubi per i soliti posti copia-incollati. L'ultima volta son morto, partendo dal primo bioma, alla fine del quinto bioma alle 4.30 del mattino, credo per un colpo di sonno, dato che la difficoltà ad un certo punto crolla e si va ad oltranza (ottimo bilanciamento!) SPERANDO che l'ennesimo polpo sparapallini ti dia il colpo di grazia e la buonanotte.
« Ultima modifica: 18 Mag 2021, 17:34 da xPeter »