Autore Topic: Il documentario che sto vedendo  (Letto 28076 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 30.090
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #75 il: 02 Set 2018, 20:44 »
Ehi, se continui non ci sto più dietro, che quel poco tempo a disposizione l’ho investito in Rick & Morty!

Questa settimana, se riesco, recupero qualcosa di quello che hai scritto.

Offline Drone_451

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.633
  • Saevis tranquillus in undis
    • Retro-Gaming.it
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #76 il: 05 Set 2018, 22:58 »
Prime La tela del ragno: il secondo impero britannico

Come l'inghilterra si è reciclata da impero coloniale ad impero finanziario da dopo gli anni 50 ed attualmente è in essere il più grande paradiso fiscale del pianeta, sia in loco attraverso la City che offshore attraverso i suoi ultimi possedimenti come le cayman.

La struttura mediovale della City e la differenza tra il Trust ed il segreto bancario svizzero.

Tutte cose banalissime per i laureati in economia ma che io non avevo mai veramente focalizzato.

Noi italiani siamo dei pezzenti in materia di evasione fiscale i mangiaroastbeef rullano supremi

|_ ..|._.|_ _ _|_.|.|...._|.....|._ _ _ _

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 44.105
  • Gnam!
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #77 il: 15 Set 2018, 22:51 »
@naked
Su Netflix The Mountain è piuttosto artsy sia come musica che immagini e potrebbe piacerti

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 30.090
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #78 il: 28 Set 2018, 19:33 »
@Giobbi, il documentario Netflix su Quincy Jones l’hai visto?

Nel caso, merita?
(Sono oltre due ore!)

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 44.105
  • Gnam!
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #79 il: 29 Set 2018, 07:30 »
@Giobbi, il documentario Netflix su Quincy Jones l’hai visto?

Nel caso, merita?
(Sono oltre due ore!)

@Ivan F.
Non l'ho visto

Offline fiordocanadese

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.111
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #80 il: 29 Set 2018, 17:07 »
Su Raiplay (sito streaming della Rai bruttarello come è organizzato ma con catalogo fantastico) ho trovato tutto il bellone Blu Notte!!!!
Mi sono già bevuto 2 episodi (caso Mattei e i mitici misteri di Alleghe!!!).
È veramente un gran programma!
Certo Lucarelli che prima di parlare di gira sulla sedia al giorno d'oggi è ridicolo. Fece bene De Luigi a parodizzarlo.

« Ultima modifica: 29 Set 2018, 17:11 da fiordocanadese »

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 44.105
  • Gnam!
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #81 il: 30 Set 2018, 22:22 »
@Giobbi, il documentario Netflix su Quincy Jones l’hai visto?

Nel caso, merita?
(Sono oltre due ore!)

@Ivan F.
Non l'ho visto

Rettifico, incuriosito ne ho visti un 45 min.
Direi che no, non vale la pena.
Ha un cattivo rapporto tempo/contenuti, vecchietto che beve troppo e sta male, vecchietto che viaggia troppo causa malefica Spotify e sta male etc.. e flashback un po' troppo da wikipedia.

Molto buoni i primi 3 min. con Dr. Dre e potrebbero bastare.
Contenuti che però non so in che modo passino a chi non é del settore, può essere che:

a) Sembrino le solite banalità, "bisogna essere umili con sé stessi in fase creativa" etc
b) Siano invece situazioni assimilabili ad altre situazioni in altri campi

Persona molto valida Q ma direi che questo documentario non gli rende granché giustizia essendo noiosello e piuttosto "vuoto" :(

Offline Gold_E

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.999
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #82 il: 30 Set 2018, 22:43 »
Tempo fa vidi su Netflix il documentario
IT MIGHT GET LOUD nel quale si parla e su confrontano gli stili di The Edge, Jimmy Page e Jack White. Molto bello, ve lo consiglio.
GOLD EXPERIENCE REQUIEM POTERI:                         
Le sue emanazioni azzerano il potere, le azioni e la volontà di chi lo attacca. Chi resta colpito fisicamente da Requiem vede la propria morte riportata a zero, e continua a riviverla ogni volta.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 30.090
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #83 il: 01 Ott 2018, 15:45 »
Tempo fa vidi su Netflix il documentario
IT MIGHT GET LOUD nel quale si parla e su confrontano gli stili di The Edge, Jimmy Page e Jack White. Molto bello, ve lo consiglio.

E voi credete che io non abbia visto anche questo, amisci?

Documentario che consiglio anche io.
Non ha i ritmi e i contenuti che speravo, onestamente, ma anche solo vedere i tre insieme ripaga la visione, IMO.


Offline fiordocanadese

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.111
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #84 il: 04 Ott 2018, 17:23 »
Numero Zero. Alle Origini Del Rap Italiano. (2015, Enrico Bisi)

Che vi devo dire che il sottotitolo non spiega? Credo nulla se non che a fine visione la voglia di ributtarsi in queste sonorità è forte. Stamattina dubito che mi sarei ascoltato il primo demo di Bassi Maestro e altre cose vecchiotte. Si sa sta roba può rintreppare il cerv.... 1992, GUYZ! BUS DEEZ BEST B-BOY EVA!!! YO! YO! YO! DALLA RAPADOPA FUNKY! QUI NON SIAMO STANCHI YO! YO! E' LA POSSE! ONDA ROSSE!..ello senza che ci se ne accorga.

Apparte, gli scherzi la storia è di quelle interessanti, di quelle che iniziano, esplodono e purtroppo finiscono male.
Viene spiegato tra l'altro bene tutti i vari aspetti del movimento, dalle varie nascite (Roma rimasta indietro..) al loro dire no a tutta la droga che non sia la cannabis (messaggio potente in anni in cui il movimento rave che si sta espandendo dall'Inghilterra fino a noi).
Come i documentari belli è la storia che la fa da padrone e sicuramente questa è una storia che era degna di essere raccontata, con tanto di quei filmati che mettono sempre un misto di tenerezza e nostalgia anche se non li hai vissuti quegli anni. Poi, oh le facce del rap italiano storico sono proprio belle, vissute, da chi ne ha viste un bel pò.
Peace, Bro!


Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 30.090
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #85 il: 04 Ott 2018, 17:28 »
Numero Zero. Alle Origini Del Rap Italiano. (2015, Enrico Bisi)

Ah, visto anche questo, e premiato con tre virgola cinque palle su cinque.

Non è la mia estrazione, quindi posso dire solo che come racconto è ben scritto (anche se la narrazione a tratti è troppo "sofferta"), come interviste c'è parecchiotta robetta, come musica anche.

C'è una discreta vecchianza visiva che permea qualche intervista, ma il tempo passa :)

Offline fiordocanadese

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.111
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #86 il: 09 Ott 2018, 17:09 »
Rolling Stones: Crossfire Hurricane (Brett Morgen, 2012)
Altro documentario musicale.
Vabbè si parla di un mito, della prima ventina di anni di carriera dei Rolling Stone.
Quando avevano pochi rivali, sia come qualità di brani sia come mere super star o animali da palco.
Altro che la storia del rap italiano verrebbe da dire, che non è giusto ma è praticamente inevitabile.
Magari potrebbe far storcere il naso a qualcuno che non sono troppo pignoli con le date o i luoghi (non li dicono praticamente mai) ma dopo un pò ci fai il callo.
Ti sputano in faccia tipo 100 informazioni al minuto correndo come matti nel tempo (la questione Brian Jones archiviata in neanche 3 minuti) quindi è normale avere un sacco di stimoli ed è facile perdersi qualcosa.
Come notare che una volta finita l'era hippie, alla fine i giovani che andavano a vedere i concerti rock nei '70 non erano così diversi da noi, apparte la mancanza di cellulari alzati.

Non credo ci sia altro da aggiungere se non...... la risata di Keith Richards d'oggi a fine di quasi ogni frase. Credo solo facendo la vita che si è fatto (e si è fatto tantissimo oltre a farsene tantissime) PUOI AVERE QUELLA RISATA. EH EH EH.

« Ultima modifica: 09 Ott 2018, 17:12 da fiordocanadese »

Offline xkp

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.576
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #87 il: 12 Ott 2018, 19:03 »
Ho visto Il sale della terra, e contrariamente a quanto qualcuno ha detto qui, dicendo che forse fare un film su di un fotografo e' una specie di controsenso, io invece l'ho trovata un'ottima idea.
Il fatto che il film sia diretto da un ottimo regista infatti, ha generato momenti in cui le foto splendide di Salgado ricevevano quasi un omaggio dalle splendide riprese di Wenders, una specie di amichevole gioco delle parti, a tratti una sfida, e comunque un esaltare a vicenda due arti che non sono e non possono e non vogliono essere mai la stessa cosa.
Davvero molto molto bello.
Grazie del consiglio

Offline Drone_451

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.633
  • Saevis tranquillus in undis
    • Retro-Gaming.it
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #88 il: 04 Nov 2018, 07:05 »
Ma Il trono dei droni è fighissimo

Guerra elettronica per difendere lo spazio aereo dai droni

Ma se i droni sono programmati e non ricevono comandi? L'unico modo sono i jammer gps. Il mercato in questo campo sta avanti alle tecniche militari.

Ma la cosa più figa sono i droni per la rilevazione ambientale controllati da intelligenza artificiale con telecamera laser. Entrano in un ambiente e lo mappano 3D esattamente come le sonde di Prometheus (!!!)
|_ ..|._.|_ _ _|_.|.|...._|.....|._ _ _ _

Offline Goffraiden

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.780
  • Il principe del faceto
    • Arrested Developer
    • E-mail
Re: Il documentario che sto vedendo
« Risposta #89 il: 04 Nov 2018, 11:03 »
Di recente su Netflix ho visto AlphaGo, il documentario sulla storia della prima IA in grado di battere un umano a Go. Da appassionato di informatica ed estimatore del Go, ma da totale neofita di documentari, l'ho trovato molto bello. Far diventare avvincente una partita tra un PC e un timido coreano non era semplice, e anche far capire cosa davvero sia il Go per chi lo gioca e lo "vive".

Già che siamo in argomento, cosa c'è di assolutamente imperdibile a livello di documentari su Netflix ora?
"Questa è l'Italia del futuro, un paese di musichette mentre fuori c'è la morte."