Autore Topic: [PS4] The Last Of Us Part 2  (Letto 341412 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Andrea_23

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.728
  • Ho un problema col copincolla
    • Ventitre's Lair
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3315 il: 26 Lug 2020, 23:35 »
A questo punto devo chiederti di spiegarmi cosa intendessi, menzionando 'checklist'.

Il mio discorso è partito tutto da lì.
Termine che trovo molto azzeccato per descrivere lo scenario attuale, ma evidentemente ho frainteso ...
« Ultima modifica: 26 Lug 2020, 23:38 da Andrea_23 »
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net

Offline Nihilizem

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.807
  • Last Guardian
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3316 il: 26 Lug 2020, 23:44 »
Nel mio caso, e ovviamente considero in chiave negativa l'uso del termine, mi riferisco a quelli che pensano che la diversità nel cast dei videogiochi sia una bieca operazione di marketing degli sviluppatori che in un'ipotetica check-list di features mettono magari "Protagonista gay o di colore o femminile" assieme a cose come "Open World" o "Multiplayer asimmetrico".

Come se l'unico motivo per cui un creatore dovrebbe voler inserire nella propria opera un personaggio divergente dalla "norma", ed uso norma in senso molto lasco, sia quello di farsi pubblicità.

Che poi visto la merda che gli sviluppatori in questione si prendono addosso quando fanno scelte simili non capisco come faccia chi avanza tali idee a conciliare questi due aspetti.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Offline Andrea_23

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.728
  • Ho un problema col copincolla
    • Ventitre's Lair
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3317 il: 26 Lug 2020, 23:50 »
Citazione
Naturalmente siamo talmente abituati ad avere lo stesso archetipo come protagonista nei videogiochi che ogni deviazione dalla norma salta subito all'occhio come "innaturale". Proprio perché va contro lo status quo.

A me l'archetipo ha rotto i coglioni.
 Ma rompe allo stesso modo anche ogni volta che si manifesta sul modello de 'un italiano un francese e un tedesco entrano in un bar, because reasons'.

Sostituisci i soggetti a piacere con epidermidi, orientamenti sessuali, paesi, nazioni, pianeti di provenienza che più ti aggradano.

E bada, _in_questa_sede_ (al secolo forum di videogiochi) ne faccio un discorso di mera opportunità: per esempio, è plausibile che un tal ventaglio di soggetti si ritrovi a condividere lo stesso destino e magari a salvare capre, cavoli finanche intere nazioni?
La risposta, vien da sé, non è sempre convincente.
« Ultima modifica: 26 Lug 2020, 23:56 da Andrea_23 »
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net

Offline Andrea_23

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.728
  • Ho un problema col copincolla
    • Ventitre's Lair
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3318 il: 26 Lug 2020, 23:59 »
Nel mio caso, e ovviamente considero in chiave negativa l'uso del termine, mi riferisco a quelli che pensano che la diversità nel cast dei videogiochi sia una bieca operazione di marketing degli sviluppatori che in un'ipotetica check-list di features mettono magari "Protagonista gay o di colore o femminile" assieme a cose come "Open World" o "Multiplayer asimmetrico".

Come se l'unico motivo per cui un creatore dovrebbe voler inserire nella propria opera un personaggio divergente dalla "norma", ed uso norma in senso molto lasco, sia quello di farsi pubblicità.

Che poi visto la merda che gli sviluppatori in questione si prendono addosso quando fanno scelte simili non capisco come faccia chi avanza tali idee a conciliare questi due aspetti.
Eh temo allora che io sia parte del problema, come leggerai o avrai letto qua sopra : ).
Diciamo che la frequenza di certe scelte, in un lasso storico così striminzito non mi sono d'aiuto nel convincermi diversamente...


Il problema è la mediocrità che si fa scudo dell'opportunismo.
Per rappresentare la diversità bene, bisogna sbattersi.

Se il discorso è battere il ferro finché è caldo, capisco, ma ancora: non è in ogni caso un processo che si possa accelerare in alcun modo.
Arriveranno leggi, miglioreranno le condizioni, ma finché la cosa non entrerà nelle zucche, non cambierà davvero nulla.
Solo il tempo, quindi i cambi generazionali fanno la vera differenza. Triste, ma è la storia a sancirlo.

In ogni caso, in un modo o nell'altro si migliora.

n8
« Ultima modifica: 27 Lug 2020, 00:15 da Andrea_23 »
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net

Offline Cryu

  • Reduce
  • ********
  • Post: 31.724
  • Ninjerelli si nasce
    • Vertical Gaming Photography
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3319 il: 27 Lug 2020, 00:16 »
Anche io ho trovato statisticamente al limite che su sei protagonisti tre fossero di orientamento sessuale non etero ed esponenti rispettivamente della L della B e della T di LGBT (anche se Lev credo sia più inquadrabile come gender fluid o non binary). Però i primi due sono molto ben contestualizzati. Lev invece, come tutta la comunità serafita, non mi ha proprio convinto.
Spoiler (click to show/hide)
« Ultima modifica: 27 Lug 2020, 00:19 da Cryu »
"non e' neppure fan-art, e' uno screenshot di un gioco, ci sono mesi e mesi di sudore di artisti VS uno scatto con un filtro instagram sopra."
www.verticalgamingphotography.com

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.869
    • E-mail
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3320 il: 27 Lug 2020, 00:25 »
Il discorso del naturale e/o forzato a mio parere ha senso, purtroppo e per fortuna ogni videogioco è soggetto ad analisi, critiche, speculazioni e in definitiva giudizio di persone più o meno compententi in ciò che giudicano.

In questo caso il 'forzato' è relativo alla possivile percezione che determinate scelte non siano frutto di una visione creativa e artistica ma inserite per varie motivazioni legate alla sfera del voler cavalcare tenatica X o Y, inserire elementi in certi giochi anche quando non servono e così via.

Ora la cosa bellissima è che nonostante in molti si siano prodigati per far passare negativamente vari aspetti legati a trama e personaggi di Tlou2 (sicuramente in parte
Spoiler (click to show/hide)
, in realtà non ho trovato mai che si calcasse la mano in quel senso, non mi sono mai sentito vittima di un autore che doveva inserire verte cose solo per il gusto di farlo, dalì il termine 'naturalezza'.

Chiaro che per arrivare a certe considerazioni è necessario perlomeno essere liberi da preconcetti e pregiudizi, perchè altrimenti difficilmente si andrà a fare un'analisi sensata ma ci sarà sempre un intoppo alla radice che condizionerà inevitabilmente la propria opiniome, è del tutto naturale.

L'unico senso in cui posso intendere il termine forzatura, ed è un altro discorso da quello di cui sopra, è che ci sono degli elementi di sceneggiatura che, più che forzati, sono semplicemente funzionali a veicolare sensazioni e caratterizzare i personaggi e ciò che dicono, pensano o fanno.
È tutto lì e la maestria/bravura di ND sta tutta lì, non nel 'tramone', valeva per Tlou1 e vale per il 2 (poi soggetivamente ho preferito di gran lunga il 2 narrativamente ma è un altro discorso ancora).

Il tutto ovviamente esulando dal discorso gameplay che è dove il gioco perlopiù primeggia e vince per davvero
« Ultima modifica: 27 Lug 2020, 00:33 da Laxus91 »

Offline Il Gladiatore

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.767
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3321 il: 27 Lug 2020, 00:31 »
Sono le categorie stesse di naturale/forzato a determinare già la posizione del giocatore.

Perché sì, se te lo stai chiedendo allora lo sei, com'è giusto che sia, quando non si comprende che il problema è porsi il problema.
La paura è di passare per non esperti, di non comprendere il medium che si sta evolvendo etc. (...) è figlio dell'immotivato senso di inferiorità che spinge il videogiocatore alla spasmodica ricerca di qualcosa che giustifichi il videogioco come se il gameplay da solo non bastasse più." (Fulgenzio)

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.869
    • E-mail
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3322 il: 27 Lug 2020, 00:41 »
Infatti come prevedibile c'è stata davvero una forte polarizzazione, e c'è stata da molto prima che il gioco venisse rilasciato, a causa di varie coincidenze e contingenze.

E poi questa idea, secondo me nè giusta nè sbagliata, di dover prendere posizione quando talvolta davvero giocerebbe farsi trascinare dal flusso degli eventi e prendere tutto per quel che è, e non per ciò che vorremmo fosse così da poter comcordare ogni volta con tale scelta piuttosto che un'altra (questo vale un pò in generale)

É un pò anche il fardello che si porta la serie stessa, aspettative narrative altissime (il primo capitolo nel bene e nel male ha comunque contribuito a creare un certo mito per la percezione di molti, anche se non tutti) e tutta una serie di altre cose che non voglio andare a rinvangare, ma è sicuramente una faccenda non poco complessa
« Ultima modifica: 27 Lug 2020, 00:46 da Laxus91 »

Offline Bilbo Baggins

  • Reduce
  • ********
  • Post: 28.596
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3323 il: 27 Lug 2020, 09:44 »
Voglio chiudere con una considerazione alla quale tengo molto, e che ho visto sollevare scorrendo le ultime pagine, con toni che un pochino mi hanno deluso.
Applausi a scena aperta a Naughty Dog per aver posto molti di fronti alla realtà che al mondo non esistono solo maschi bianchi eterosessuali e le loro vicende. L'implementazione può essere stata a volte maldestra, ma si tratta di uno step assolutamente necessario.
Protagonisti e personaggi di diversa etnicità, genere, orientamento sessuale ecc... non sono "politica", non sono una check-list, non sono un’imposizione del politically correct nei sacri lidi del Videogioco. Sono uno specchio della realtà, e se dio vuole la loro presenza in questo medium arriverà un giorno a riflettere quello che è appunto il mondo in cui viviamo.

Di tutto il tuo bel post, quoto questo.
Nemmeno io mi capacito di come certe scelte di diversità, fatte sopratutto con la precisa (ed encomiabile) volontà di dare spazio a tutti, vengano ancora viste come opportunistiche o sbagliate.

Viva Naughty e tutti quelli che hanno il coraggio di superare e sfidare il mercato sui soliti dogmi precostituiti, che esplorano zone d'ombra che altri preferiscono evitare per miopia o comodità.
Nintendo Fanboy™ since 1984
Xbox/PSN: BilboBaggins77 - Switch: 7158-7477-3205

Offline Andrea_23

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.728
  • Ho un problema col copincolla
    • Ventitre's Lair
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3324 il: 27 Lug 2020, 10:34 »
Forse è sfuggito, ma per quanto mi riguarda ND ha fatto bene.

Principalmente perché ha iniziato a trattare l'argomento in tempi non sospetti, d'accordo, ma non solo.
Anche per la sensibilità d'approccio. Quando ci sei dentro, funziona.

Certo, a bocce ferme è altresì difficile confutare la posizione di Cryu per esempio, ma vista la faciloneria di altre software house direi che siam comunque all'avanguardia (per il videogioco).

Se poi dà fastidio legger certe cose, ne prendo atto e mi astengo tranquillamente. È un nervo scoperto e ci sta che si preferisca il quieto vivere...
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net

Offline Nihilizem

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.807
  • Last Guardian
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3325 il: 27 Lug 2020, 11:15 »
Se poi dà fastidio legger certe cose, ne prendo atto e mi astengo tranquillamente. È un nervo scoperto e ci sta che si preferisca il quieto vivere...

Se l'appunto è rivolto a me, non sono personalmente offeso. Rimango dell'idea che si attacchino le idee, non le persone, tranne pochissime eccezioni.
Mi fa piacere avere questa conversazione, ed apprezzo la tua pacatezza anche se non condivido quanto esprimi.

Un punto credo debba essere condiviso. In un'opera di fantasia non esiste il concetto di "naturale" nel senso in cui le scelte ivi fatte nascano dal nulla.
In ogni videogioco ogni singolo protagonista è frutto di una precisa decisione, frutto di valutazioni sia creative che non. Dante di DMC non è nato naturalmente dal nulla come Venere che sorge dalle acque. Solid Snake, Link, Nathan Drake, Lara Croft, Mario, chi ne ha più ne metta. Sono tutti creati a tavolino, ed uno o più persone hanno deciso che dovevano avere determinate caratteristiche, siano esse estetiche, di genere, sessuali ecc... Sono codificati in un determinato modo, anche quando queste caratteristiche non sono fondamentalmente essenziali ai fini delle opere in cui appaiono.

Da qui nasce la mia difficoltà nel capire perché invece a protagonisti femminili, di colore, di diverso orientamento sessuale venga chiesto di "giustificare" la propria esistenza, della serie e parafraso "Puoi essere gay solamente se la storia lo giustifica". Mi sembra un doppio metro di giudizio che risulterebbe assurdo a tutti se riferito a qualsiasi altra caratteristica, perché lo diamo per scontato in questo caso?

Quindi si, la composizione del cast di TLOUII è frutto di scelte ben mirate, non è nata spontaneamente. La domanda è "E allora?".
Joel nel prequel è un maschio, eterosessuale, bianco. Se avete dato per scontate queste caratteristiche senza porvi il problema del se fossero forzate o meno, forse capite ciò che cerco di esprimere.


Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.869
    • E-mail
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3326 il: 27 Lug 2020, 11:28 »
Ma è tutto giusto Nihil, quanto al dubbio: il problema nasce da chi crede e sostiene che certi elementi vengano inseriti per compiacere certe categorie (cosa peraltro smentita dai fatti visto che quel che si son beccati da tutti), c'è chi non accetta questo, è che chi non accetta determinate scelte narrative perchè si aspettava di giocare altro.

Il punto sostanziale è che la ''community'' dei giocatori non è pronta/abituata e vede ciò come degli inserti esterni anche se dovrebbe essere normalissimo, un passo alla volta e forse ci si arriverà in futuro
« Ultima modifica: 27 Lug 2020, 12:03 da Laxus91 »

Offline alienzero

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.591
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3327 il: 27 Lug 2020, 11:28 »
.. ma state ancora parlando di sta cosa degli orientamenti sessuali o meno in un video gioco?

Namo gente, circolare. Non c'è nulla da vedere qua.

Offline Nihilizem

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.807
  • Last Guardian
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3328 il: 27 Lug 2020, 11:53 »
.. ma state ancora parlando di sta cosa degli orientamenti sessuali o meno in un video gioco?

Namo gente, circolare. Non c'è nulla da vedere qua.
Hai ragione, ancora non mi capacito che in forum di videogiochi si parli dei contenuti di un videogioco  :no:

Il punto sostanziale è che la ''community'' dei giocatori non è pronta/abituata e vede ciò come degli inserti esterni anche se dovrebbe essere normalissimo, un passo alla volta e firse ci si arriverà in futuro
Abbastanza concorde.
E proprio per questo penso che sia importante sempre più "normalizzare" certi concetti ed archetipi di personaggi. Non credo che dobbiamo rimanere ancorati alle ritrosie di chi trova inaccettabile che una donna sia muscolosa. Tanto per citare una delle critiche più ilari ed assieme orripilanti che ho letto in questo ambito.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.

Offline alienzero

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.591
Re: [PS4] The Last Of Us Part 2
« Risposta #3329 il: 27 Lug 2020, 12:23 »
.. ma state ancora parlando di sta cosa degli orientamenti sessuali o meno in un video gioco?

Namo gente, circolare. Non c'è nulla da vedere qua.
Hai ragione, ancora non mi capacito che in forum di videogiochi si parli dei contenuti di un videogioco  :no:

sono per la pace e l'amore, abbracciamoci