Autore Topic: [PS4][PC] God of War (2018)  (Letto 359160 volte)

0 Utenti e 2 visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Dan

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.656
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3420 il: 05 Mar 2020, 20:53 »
Finito. :yes:
Davvero non mi aspettavo uno standard così elevato a livello proprio di "manifattura". Curato, rifinito, pulito. In Santa Monica ci lavorano gli artigiani della qualità ;D Davvero un titolo ben confezionato.

Avendo giocato solo il primo GOW non ho esperienza diretta per rendermi conto in prima persona dei rischi che si sono presi per questo cambio di rotta, ma dal documentario me ne sono fatto un'idea. Credo che quel rischio sia la comprensibile giustificazione al fatto che la struttura del mondo giochi invece sul sicuro, con quell'hub centrale e i vari reami tutt'attorno. Sul piano produttivo è stata quasi una scelta obbligata, ma di contro non restituisce un senso di progressione vero e proprio. Questa forse è la più grande mancanza del titolo, con una curva d'interesse che è in realtà più una linea retta con qualche picco ogni tanto. I momenti topici non sono costruiti in maniera tale da creare pathos. E quando prova a costruire, fallisce sul momento di massimo climax (il mondo deludente di Helheim).

È un vero peccato, perché in realtà la prima parte funziona piuttosto bene. Narrativa e interpretazione sono ottime (Judge e Davis monumentali, ma mi è piaciuto pure il ragazzino, per dire). Utilizzare gli occhi di Atreus per guardare al mondo che gli si para davanti è un'ottima intuizione per restituire il senso di meraviglia. Ma la strana evoluzione del personaggio è forse anche un po' il simbolo di una progressione che va perdendosi da un certo punto in poi.

Spoiler (click to show/hide)

Da quel momento in poi il gioco perde di mordente. Le nuove location si rivelano degli extra non narrativi e l'interesse scema per un finale ludicamente, registicamente e narrativamente un po' tirato via. Però, ripeto, di per sé il titolo è tirato a lucido e non può che suscitare rispetto per il talento del team. Al secondo giro credo - mi auguro - oseranno di più dal punto di vista del design, e con maggior confidenza nelle tempistiche sapranno giostrare meglio le risorse per i momenti davvero topici del gioco (tanto per dire, il tempo dedicato a Alfheim avrebbero dovuto dedicarlo a Helheim).

Nota extra: ma quanto è straordinario il comparto sonoro? :yes: :yes:
.: R.I.P. :.
Hideo Kojima (1963-1998)

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3421 il: 05 Mar 2020, 21:14 »
Concordo con il giudizio positivo e contento che sia piaciuto :yes:
La penso un pò diversamente sul resto (a parte Hellheim che poteva essere realizzato meglio, alla fine è pure piccino e i contenuti non sono esaltantissimi, peraltro ci si
Spoiler (click to show/hide)
, cosa non gestita benissimo).
Peraltro ammetto candidamente che esattamente in questo punto (che se non erro è nella seconda metà dell'avventura complessiva) ho avvertito un pò di stanca per la prima volta, passato quel pezzo però a mio avviso si riprende alla grande fino alla parte finale.

In particolare il finale che per me è assolutamente splendido
Spoiler (click to show/hide)
.

Comunque per il discorso hub si, è vero che è una scelta che lo peme 'al sicuro' però sia quello, sia la gestione delle missioni secondarie, Npc, upgrade ecc sono delle totali novità per le serie perchè nulla di tutto ciò era presente in nessuno dei 6 Gow precedenti che erano tutti dei giochi linearissimi, poco longevi, belli ma con una struttura molto molto più basilare.
Per cui di fatto il rinnovamento è stato davvero radicale e sorprendente ed esteso a tutti gli aspetti, nuova mitologia, nuovo combat system, nuova progressione ed esplorazione (con amche spruzzate metroidvania e backtracking), aree e boss opzionali, perfino il bestiario ad esempio.

Per me comunque migliore esclusiva Ps4 ma con gran margine (giusto Bloodborne si avvicina), peccato per la quantità di boss unici, su questo il sequel deve per forza deliverare!
« Ultima modifica: 05 Mar 2020, 22:08 da Laxus91 »

Offline Nemesis Divina

  • Eroe
  • *******
  • Post: 19.426
  • Grotesqueries Rule!
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3422 il: 05 Mar 2020, 21:27 »
GoW bello, mi ha divertito e l'ho platinato di voglia, però retroattivamente mi ha lasciato meno di quanto non pensassi. Stessa cosa che mi è successa con Death Stranding.

I difetti indicati da Dan ci sono, ma durante la giocata non ho avuto percezione della piattezza da lui indicata (che c'è). Probabilmente perché si gioca che è un piacere e ci sono un sacco di attività agili e appaganti (come DS). Poi dalla mia giocava il conoscere un po' meglio la serie e quindi lo stacco risultava più vincente di quando non appaia a un "esterno".

Gran bel gioco e capisco che le difficoltà fossero tante e tali da rendere complesso fare di meglio, però dal seguito mi aspetto una marcia in più sul lato spettacolo, che qui sono andati un pelo con il freno tirato.
Le cose hanno rotto il cazzo! Digitale 100%

Offline J VR

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.187
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3423 il: 05 Mar 2020, 21:57 »
A me uguale.
Lì per lì piaciuto, poi finito e dimenticato.
Anzi, adesso mi sta pure mezzo sul cazzo perché si porta dietro la fama di giocone ma per me non lo è affatto. :no:

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3424 il: 05 Mar 2020, 22:00 »
Si condivido Neme, sulla spettacolarità oserei anche dire che ne ha un pò di meno di alcuni precedenti Gow (tipo il 3!), è comunque imputabile a questa nuova direzione comunque un pò più narrativa e al ritmo più esplorativo rispetto ai precedenti giochi!

Son difetti seconeo me perdonabili in nome dell'egregio lavoro svolto (che non è del tutto perfetto, la perfezione non esiste del resto) per ridare lustro sd una saga che semplicemente non aveva più nulla da dire nella sua precedente incarnazione.

E dirò di più, il lavoro di rinnovamento è stato tale che Gow teoricamente è anche considerabile come un raro caso di soft-reboot, è così 'nuovo' rispetto ai precedenti che è quasi accostabile ad una nuova Ip, ma al contempo riprende alcuni elenenti chiave della saga (tant'è che ci son stati proprio momenti, soprattutto nella seconda metà dopo quel particolare evento, in cui ho pensato 'questo è Gow', e non è banale perchè temevo che non lo avrei detto necessariamente) ma declinati in maniera diversa.

È per questo che rompo le scatole sulla qualità (secondo me, chiaramente, senza nessuna presunzione, è solo la mia opinione) di questo gioco e ciò che ha rappresentato anche a livello di modello per altri, sviluppo e forma mentis.
Ma del resto gli è valso il Goty ufficiale e quello del TFP forum, meritatissimi direi  :-[

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.239
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3425 il: 06 Mar 2020, 00:19 »
Finito. :yes:
Davvero non mi aspettavo uno standard così elevato a livello proprio di "manifattura". Curato, rifinito, pulito. In Santa Monica ci lavorano gli artigiani della qualità ;D Davvero un titolo ben confezionato.

Avendo giocato solo il primo GOW non ho esperienza diretta per rendermi conto in prima persona dei rischi che si sono presi per questo cambio di rotta, ma dal documentario me ne sono fatto un'idea. Credo che quel rischio sia la comprensibile giustificazione al fatto che la struttura del mondo giochi invece sul sicuro, con quell'hub centrale e i vari reami tutt'attorno. Sul piano produttivo è stata quasi una scelta obbligata, ma di contro non restituisce un senso di progressione vero e proprio. Questa forse è la più grande mancanza del titolo, con una curva d'interesse che è in realtà più una linea retta con qualche picco ogni tanto. I momenti topici non sono costruiti in maniera tale da creare pathos. E quando prova a costruire, fallisce sul momento di massimo climax (il mondo deludente di Helheim).

È un vero peccato, perché in realtà la prima parte funziona piuttosto bene. Narrativa e interpretazione sono ottime (Judge e Davis monumentali, ma mi è piaciuto pure il ragazzino, per dire). Utilizzare gli occhi di Atreus per guardare al mondo che gli si para davanti è un'ottima intuizione per restituire il senso di meraviglia. Ma la strana evoluzione del personaggio è forse anche un po' il simbolo di una progressione che va perdendosi da un certo punto in poi.

Spoiler (click to show/hide)

Da quel momento in poi il gioco perde di mordente. Le nuove location si rivelano degli extra non narrativi e l'interesse scema per un finale ludicamente, registicamente e narrativamente un po' tirato via. Però, ripeto, di per sé il titolo è tirato a lucido e non può che suscitare rispetto per il talento del team. Al secondo giro credo - mi auguro - oseranno di più dal punto di vista del design, e con maggior confidenza nelle tempistiche sapranno giostrare meglio le risorse per i momenti davvero topici del gioco (tanto per dire, il tempo dedicato a Alfheim avrebbero dovuto dedicarlo a Helheim).

Nota extra: ma quanto è straordinario il comparto sonoro? :yes: :yes:
Nemmeno una parola sul sistema di combattimento e le sfide?Muspelheim è praticamente un gioco nel gioco, e sconfiggere le Valkirye una droga.
Sono d'accordo sul fatto che le premesse lasciassero presagire uno sviluppo più intenso dal punto di vista narrativo (da super appassionato della saga, il reveal trailer per me è uno dei più emozionanti di sempre, e mi ha fatto sognare cose poi non pervenute), ma il gioco nella sua sostanza mi ha molto impressionato proprio per il fattore rigiocabilità insito nella goduria, e difficoltà, del pestaggio.
Se tanto mi dà tanto e ci troviamo di fronte ad una trilogia, il secondo capitolo sarà il migliore (si, come Matrix Reloaded, non mi vergogno a dirlo).
"Hai mai visto un italiano tirare i fili?"
"Solo in un teatro delle marionette" (Red Dead Redemption 2)

Offline Dan

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.656
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3426 il: 06 Mar 2020, 00:53 »
Per cui di fatto il rinnovamento è stato davvero radicale e sorprendente ed esteso a tutti gli aspetti, nuova mitologia, nuovo combat system, nuova progressione ed esplorazione (con amche spruzzate metroidvania e backtracking), aree e boss opzionali, perfino il bestiario ad esempio.
Hai ragione, non è affatto una cosa scontata. Considerando che non avevano esperienza con questo tipo di struttura, se la sono cavata comunque piuttosto bene. La prima metà in particolare dà buone soddisfazioni nell'esplorazione libera, e a me che piace girare fuori dai binari della main mi ha intrattenuto per molte ore. Fra l'altro la struttura a strati del lago non è per niente banale, al contrario dei portali per gli altri mondi. Richiede un certo studio di level design quasi a "ingegneria inversa".

Mi sono piaciuti parecchio pure gli enigmi ambientali, toh: pochi ingredienti ma combinati in maniere sempre diverse; solo verso la fine cominciano a ripetersi.

Nemmeno una parola sul sistema di combattimento e le sfide?Muspelheim è praticamente un gioco nel gioco, e sconfiggere le Valkirye una droga.
Mmm... qui ammetto di essere lontano dal "giocatore tipo" per questo genere (è il motivo per il quale ho giocato solo uno dei titoli precedenti). Posto che il mio paradigma per il combattimento "severo ma giusto" è Dark Souls, God of War non mi ha particolarmente entusiasmato. Io gioco con un moveset limitato, sono pessimo nel ricordarmi le combo e mi affeziono a a certe skill o equipaggiamenti, al punto che potenzio solo quelli :-[ Comunque, l'ho giocato a Hard e l'impressione che ho avuto è che gli scontri fossero generalmente di due tipi: gestibile e "muori al primo colpo". La mia strategia, nei pochi casi in cui mi sono cimentato nel secondo tipo, è stata "colpisco per primo con tutto quello che ho sperando di farlo fuori prima di esaurire gli attacchi/rage" :D

Per me le Valkirye sono state un grande "nope" dopo un paio di tentativi. Troppo marcata la differenza con tutto il resto. Secondo me si presentano male, facendoti pensare che ci siano troppi fattori lasciati al caso (e magari non è così, ma il primo impatto è quello). In questo i Souls sono un passo avanti a tutti.

Muspelheim l'ho giocato un po', ma mi sono stufato presto. È che se non c'è un andamento narrativo o un elemento di scoperta, io proprio non ce la faccio :-[
« Ultima modifica: 06 Mar 2020, 08:42 da Dan »
.: R.I.P. :.
Hideo Kojima (1963-1998)

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3427 il: 06 Mar 2020, 04:50 »
Anche io Dan ho particolarmente apprezzato il level design dei vari isolotti dell'area centrale, hanno persino delle interconnessioni fra loro, non hanno di certo inventato loro questo tipo di level design ma lo trovai davvero sorprendentemente molto molto buono!

Gli enigmi sono classici e nulla di innovativo ma è vero che almeno per buona durata del gioco danno senpre una piacevole sensazione di richiedere man mano un pizzico di ingegno in più (soprattutto quelli legati a ricompense opzionali) senza stancare troppo se non verso la fine.

Discorso portali un pò meh amche qui, un minimo funzionali si però insomma, anche un minimo scomodi.

Il combat system è in realtà fra i più oroginali dell'intera geberazione (insieme a Sekiro) perchè per la prima volta unisce in maniera soddisfacente elementi Tps (lancio ascia ed in varie maniere in base agli upgrade dello skill tree) e combattimento ravvicinato, la telecamera ravvicinata su Kratos inizialmente può dare qualche problemino e richiede un pò di pratica ma il guadagno in termini di immersività, di 'sentirsi Kratos' e di feedback dei colpi sugli avversari così cone le finishers (forse mediamente meno cruente che in passato ma più 'ravvicinate' e quindi di impatto) è semplicemente impagabile!


Le valkyrie sono di netto i combattimenti più tecnici e soddisfacenti della saga, sono molto pattern based quindi vanno studiate nel loro moveset come si farebbe in un boss da Souls (ok non voglio cacciare fuori un inopportuno paragone ma è per intenderci! Oltretutto i Souls non hanno un combat system ai livelli di Gow o di altri fra i migliori action nipponici, pure un Nioh ha un combat system migliore di Dark Souls per esempio).
L'unica pecca è che sono un pò simili come concept fra loro (in realtà c'è una sottotrama dietro molto interessante) ma fra la sfida che rappresentano ed il fatto che sono letteralmente i primi boss opzionali della saga, io ho adorato questi scontri, che culminano in una battaglia conclusiva della 'quest' tesissima e che regala soddisfazioni a pacchi una volta conclusa, non solo promossissime ma tra i migliori scontri del pacchetto (pure perchè i boss in questo gioco un pò latitano purtroppo).

Musphelheim in realtà, pur essendo solo 'giocoso' (e per me benvenga, è un contenuto opzionale di approfondimento di gameplay e serve anche per ottenere certi materiali per potenziare un'arma) è una grande citazione alle sfide degli Dei dei primi Gow, ossia arene con determinate condizioni da rispettare oltre al semplice far fuori tutti, splendido!

L'unica pecca è il solito fatto che per accedere a questo mondo come per gli altri bisogna passare sempre da quel 'caricamento mascherato' che allenta un pò il ritmo.
« Ultima modifica: 06 Mar 2020, 06:39 da Laxus91 »

Offline Nemesis Divina

  • Eroe
  • *******
  • Post: 19.426
  • Grotesqueries Rule!
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3428 il: 06 Mar 2020, 07:02 »
Se tanto mi dà tanto e ci troviamo di fronte ad una trilogia, il secondo capitolo sarà il migliore (si, come Matrix Reloaded, non mi vergogno a dirlo).

Lol, anche Gunny a pensa come te su Matrix ^^

Non dubito che con il seguito ci andranno giù pesanti e ci sta che il secondo capitolo sia il meglio della saga. C'è da vedere come lavorerà il directory del gioco che, da quanto capisco, potrebbe non essere Barlog. Cory è probabilmente bruciato dall'esperienza (appagamento ma davvero sofferta) e l'ampliamento dello studio lascia intendere l'intenzione di avere due studi: uno per GoW e uno per un'auspicabile nuova IP.
Le cose hanno rotto il cazzo! Digitale 100%

Offline Kairon

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.887
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3429 il: 06 Mar 2020, 07:58 »
Comunque il fantomatico GOW2, per essere così scontato per mille ragioni, ha registrato ben poche dichiarazioni pubbliche. Non ricordo un "ci stiamo lavorando" un "è in cantiere" "lo faremo per ps5".... niente.
Quasi come se GOW dovesse essere un esperimento singolo e gli sviluppatori siano rimasti spiazzati dal successo che ha avuto.

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3430 il: 06 Mar 2020, 08:38 »
Finito. :yes:
Davvero non mi aspettavo uno standard così elevato a livello proprio di "manifattura". Curato, rifinito, pulito. In Santa Monica ci lavorano gli artigiani della qualità ;D Davvero un titolo ben confezionato.

Avendo giocato solo il primo GOW non ho esperienza diretta per rendermi conto in prima persona dei rischi che si sono presi per questo cambio di rotta, ma dal documentario me ne sono fatto un'idea. Credo che quel rischio sia la comprensibile giustificazione al fatto che la struttura del mondo giochi invece sul sicuro, con quell'hub centrale e i vari reami tutt'attorno. Sul piano produttivo è stata quasi una scelta obbligata, ma di contro non restituisce un senso di progressione vero e proprio. Questa forse è la più grande mancanza del titolo, con una curva d'interesse che è in realtà più una linea retta con qualche picco ogni tanto. I momenti topici non sono costruiti in maniera tale da creare pathos. E quando prova a costruire, fallisce sul momento di massimo climax (il mondo deludente di Helheim).

È un vero peccato, perché in realtà la prima parte funziona piuttosto bene. Narrativa e interpretazione sono ottime (Judge e Davis monumentali, ma mi è piaciuto pure il ragazzino, per dire). Utilizzare gli occhi di Atreus per guardare al mondo che gli si para davanti è un'ottima intuizione per restituire il senso di meraviglia. Ma la strana evoluzione del personaggio è forse anche un po' il simbolo di una progressione che va perdendosi da un certo punto in poi.

Spoiler (click to show/hide)

Da quel momento in poi il gioco perde di mordente. Le nuove location si rivelano degli extra non narrativi e l'interesse scema per un finale ludicamente, registicamente e narrativamente un po' tirato via. Però, ripeto, di per sé il titolo è tirato a lucido e non può che suscitare rispetto per il talento del team. Al secondo giro credo - mi auguro - oseranno di più dal punto di vista del design, e con maggior confidenza nelle tempistiche sapranno giostrare meglio le risorse per i momenti davvero topici del gioco (tanto per dire, il tempo dedicato a Alfheim avrebbero dovuto dedicarlo a Helheim).

Nota extra: ma quanto è straordinario il comparto sonoro? :yes: :yes:
Nemmeno una parola sul sistema di combattimento e le sfide?Muspelheim è praticamente un gioco nel gioco, e sconfiggere le Valkirye una droga.
Sono d'accordo sul fatto che le premesse lasciassero presagire uno sviluppo più intenso dal punto di vista narrativo (da super appassionato della saga, il reveal trailer per me è uno dei più emozionanti di sempre, e mi ha fatto sognare cose poi non pervenute), ma il gioco nella sua sostanza mi ha molto impressionato proprio per il fattore rigiocabilità insito nella goduria, e difficoltà, del pestaggio.
Se tanto mi dà tanto e ci troviamo di fronte ad una trilogia, il secondo capitolo sarà il migliore (si, come Matrix Reloaded, non mi vergogno a dirlo).

Non a caso quei mondi sono opzionali (anche
Spoiler (click to show/hide)
) e pensati per il 'postgame' anche se in realtàsi possono fare ed iniziare anche prima!

Il renderli opzionali li sgancia dalla progressione dell'avventura principale e qui.di permette di spingere un pò più sulla difficoltà, l'essere orientati al postgame consente appunto di rigiocarli e/o tornarci anche solo per il gusto di dare mazzate anche quando a livello di trama principale si è fatto un pò tutto o quasi, come dici!

Che poi tornarci quando hai ormai sbloccato tutte le varie mosse o attacchi runici è una goduria perchè la progressione del combat in questo gioco si sente eccome,  anche più dei Gow precedenti, soprattutto quando in fase avanzata
Spoiler (click to show/hide)
.

Per il resto si, molto molto probabile la trilogia amche perchè la suddivisione è semplice
Spoiler (click to show/hide)

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3431 il: 06 Mar 2020, 08:46 »
Comunque il fantomatico GOW2, per essere così scontato per mille ragioni, ha registrato ben poche dichiarazioni pubbliche. Non ricordo un "ci stiamo lavorando" un "è in cantiere" "lo faremo per ps5".... niente.
Quasi come se GOW dovesse essere un esperimento singolo e gli sviluppatori siano rimasti spiazzati dal successo che ha avuto.

Che siano rimasti spiazzati è indubbio (del resto Balrog ha dovuto attenzionare Sony con delle idee interessanti per questo Gow visto che dopo la brutta scottatura di Gow oramai sembrava tutto morto e sepolto) ma del sequel oltre all'
Spoiler (click to show/hide)
non ci sarebbe nessun motivo o presupposto per non farlo, anche solo perchè con una base comunque già più o meno pronta (setting e base narrativa) sarebbe da folli non sfruttare il successo per continuare visto che i fan accogleranno di sicuro l'appello se il titolo verrà sù bene!
Per non parlare comunque di quanto potrà contribuire a spingere per PS5, ora che poi sarebbe pure il sequel di un Goty e quindi ha massima visibilità (poi ovvio, la gente prenderà comunque PS5 con o senza Kratos, è per dire che comunque fà la sua parte).

Diciamo che lo dò probabile al 99.9%, metto un 0.1% giusto perché non si sà mai!
Tral'altro non facessero scherzi che è il principale motivo per cui prenderò PS5!

Ps: inoltre il 'silenzio' di Sony sui giochi PS5 si estende pratocamente a tutto, anche agli altrettanto 'scomtati' Horizon 2 e Spidey 2, quindi a maggior ragione su Gow si è in una botte di ferro dato che non è l'unico di cui non han parlato.

Plausibilmente stanno solo attendendo per parlarne/mostrare perchè finora non si sono sbottonati su PS5 e giochi relativi, prima o poi il momento in cui dovranno farlo arriverà
« Ultima modifica: 06 Mar 2020, 08:50 da Laxus91 »

Offline Andrea_23

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.628
  • Ho un problema col copincolla
    • Ventitre's Lair
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3432 il: 06 Mar 2020, 08:49 »
Comunque il fantomatico GOW2, per essere così scontato per mille ragioni, ha registrato ben poche dichiarazioni pubbliche. Non ricordo un "ci stiamo lavorando" un "è in cantiere" "lo faremo per ps5".... niente.
Quasi come se GOW dovesse essere un esperimento singolo e gli sviluppatori siano rimasti spiazzati dal successo che ha avuto.
Se dici così mi sa che ti manca un pezzo.
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net

Offline Laxus91

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.696
    • E-mail
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3433 il: 06 Mar 2020, 08:54 »
Se tanto mi dà tanto e ci troviamo di fronte ad una trilogia, il secondo capitolo sarà il migliore (si, come Matrix Reloaded, non mi vergogno a dirlo).

Lol, anche Gunny a pensa come te su Matrix ^^

Non dubito che con il seguito ci andranno giù pesanti e ci sta che il secondo capitolo sia il meglio della saga. C'è da vedere come lavorerà il directory del gioco che, da quanto capisco, potrebbe non essere Barlog. Cory è probabilmente bruciato dall'esperienza (appagamento ma davvero sofferta) e l'ampliamento dello studio lascia intendere l'intenzione di avere due studi: uno per GoW e uno per un'auspicabile nuova IP.

Beh anche Gow2 (dejavu  :D ) è da molti considerato il migliore e più equilibrato della saga ellenica.
Per me il primo ha una storia migliore ed il 3 è più epico, il 2 il più equilibrato e preferito.

Ovviamente se farano uscire anche una nuova IP massimo rispetto e stima, eppure mi piacerebbe ci fosse sempre Cory.
Se poi è lui che vuole davvero buttarsi sulla nuova Ip ok, ad ora è solo speculazione comunque!

Offline Kairon

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.887
Re: [PS4] God Of War: sequel o reboot?
« Risposta #3434 il: 06 Mar 2020, 18:02 »
Comunque il fantomatico GOW2, per essere così scontato per mille ragioni, ha registrato ben poche dichiarazioni pubbliche. Non ricordo un "ci stiamo lavorando" un "è in cantiere" "lo faremo per ps5".... niente.
Quasi come se GOW dovesse essere un esperimento singolo e gli sviluppatori siano rimasti spiazzati dal successo che ha avuto.
Se dici così mi sa che ti manca un pezzo.
Mi manca forse un pezzo di comunicazioni del publisher o dei programmatori. Non mi manca l'averlo finito con la relativa consapevolezza che
Spoiler (click to show/hide)