Autore Topic: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk  (Letto 733 volte)

0 Utenti e 2 visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 29.489
    • The First Place
    • E-mail
Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« il: 04 Set 2020, 23:59 »
Non esiste il topic.

Se ne parlava brevemente nel topic del Covid-19.

Personalmente, confido che possa essere rivoluzionario.

Ora c'è il topic.

TFP Link :: https://www.neuralink.com/

Offline Kairon

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.766
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #1 il: 05 Set 2020, 15:41 »
Rivoluzionario ma terribile. Una simile tecnologia ben implementata può scavare un solco ancora più profondo tra chi potrà e chi non potrà.
Di contro apre scenari da film fanta horror sul controllo delle menti.
Inevitabile prima o poi arrivarci ma speravo fosse in un altra generazione

Offline Level MD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.684
  • May the Dark shine your way
    • MegaTen Italia
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #2 il: 05 Set 2020, 19:02 »
Che è tutta sta voglia di farsi hackerare il cervello ?

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 29.489
    • The First Place
    • E-mail
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #3 il: 05 Set 2020, 19:25 »
La prima applicazione della tecnologia sarà rivolta a chi ha problemi motori, paraplegici in primis.

È un ambito in cui esistono già varie applicazioni, ma uno strumento simile, in mano a una persona con risorse simili, potrebbe veramente cambiare la vita di tante persone sfortunate.

In quest’ottica, le applicazioni per gli arti robotici, o per usare il link per bypassare il danno alla colonna vertebrale, non dovrebbero richiedere nessuna operazione di write-in, ma solo di lettura degli impulsi. Quindi non è di per sé una visione troppo futuristica.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 29.489
    • The First Place
    • E-mail
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #4 il: 09 Apr 2021, 19:24 »
La prima scimmia che gioca a Pong con un chip Neuralink impiantato nella corteccia.

TFP Link :: https://www.dday.it/redazione/39116/neuralink-di-elon-musk-ha-permesso-a-una-scimmia-di-giocare-a-pong-con-il-pensiero

E qui le intenzioni a medio termine di Musk...
Primo, permettere ai paraplegici di controllare dispositivi tecnologici.
Secondo, permettere loro di riprendere il controllo sugli arti.

TFP Link :: https://twitter.com/elonmusk/status/1380316949087854595

Offline Kairon

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.766
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #5 il: 09 Apr 2021, 23:22 »
Mi ricorda un certo dottor Octavious...

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.285
  • My battery is low, and it' getting dark
    • E-mail
Re: Neuralink: la simbiosi uomo-AI secondo Musk
« Risposta #6 il: Ieri alle 10:18 »
@Ivan F.  dai una occhiata a questo, ne vale davvero la pena, da Neuralink si passa al controllo del corpo altrui tramite gli stessi impulsi (es: far compiere un intervento chirurgico sul campo a truppe non addestrate a farlo), fino al trasferimento di informazioni sensoriali da un individuo ad un altro (principalmente nel campo dell' Intelligence), passando per il semplice utilizzo di Clorina e6, ad uso topico, per ottenere diverse ore di visione nottura senza l'ausilio di equipaggiamento che non siano i propri occhi.
La parte sul DNA design è forse quella più inquietante, i risvolti medici sono enormi, ma quando dice "You can engineer a unique thing that only kills one persone in the world", un po' di brividi li mette, considerando che la cosa, per ora, è patented.
Per gli amanti del complottismo, il link non è postabile su Facebook...

TFP Link :: https://mwi.usma.edu/mwi-video-dr-charles-morgan-neurobiology-war/
« Ultima modifica: Ieri alle 10:50 da Xibal »
«Se libertà vuol dire veramente qualcosa, significa il diritto di dire alla gente quello che la gente non vuole sentire». (G. Orwell)