Autore Topic: [XS] Hellblade 2  (Letto 14276 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Lost Highway

  • Reduce
  • ********
  • Post: 31.593
  • Lynchologo!
    • http://www.facebook.com/loveretrolove
Re: [XS] Hellblade 2
« Risposta #255 il: 08 Giu 2024, 09:56 »
Ma che cazzo di figata la parte del gigante nella grotta e la successiva sulla spiaggia!

Date questa grafica a Nintendo o a From, per Dio!

Voglio Farum Azula fatta così:



Ma pure un Dragon Dogma fatto così:


« Ultima modifica: 08 Giu 2024, 09:58 da Lost Highway »
Xbox Live:  LOST HIGHWAY80
...And sometimes is seen a strange spot in the sky
PSN: Lost_Highway80
A human being that was given to fly...

Offline Lost Highway

  • Reduce
  • ********
  • Post: 31.593
  • Lynchologo!
    • http://www.facebook.com/loveretrolove
Re: [XS] Hellblade 2
« Risposta #256 il: 09 Giu 2024, 08:33 »
Finito!

Meraviglioso, provante, coraggioso!

Scava dentro in modo che fatico a spiegare, trattando temi e sensazioni che non credevo di poter vivere giocando ad un VG, e tutto questo lo fa con una bellissima storia e un aspetto visivo clamoroso!

Voto 90%, è stata un'esperienza unica e gli sviluppatori meritano veramente tanto per il coraggio e il talento!
Xbox Live:  LOST HIGHWAY80
...And sometimes is seen a strange spot in the sky
PSN: Lost_Highway80
A human being that was given to fly...

Offline Ruko

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.322
  • Thrasher Woman - Bi Power
Re: [XS] Hellblade 2
« Risposta #257 il: Oggi alle 09:25 »
Allora, con classe e tempi di scrocco perfetti causa abbandono postazione di gioco (evviva la maturità!) l'ho recuperato sull'Xbox di Gladia.

Il primo è un mio feticcio del fastidio, credo che si tratti della commistione di tutto quello che non mi piace/sia inopportuno in un videogioco con l'aggiunta della presunzione della sospensione del gameplay come evoluzione dei sistemi di gioco.
Che se lo fai devi prenderti le tue responsabilità,  o mi fai Alan Wake 2 e allora sto zitta in adorazione oppure crolli miseramente schiacciato dalle macerie delle tue velleità.
Per venire a questo devo dire che la cosa non sia andata molto meglio. A tratti ho avuto la sensazione che fosse un remake e non un seguito.

Il punto l'ha centrato @bub, anche narrativamente e contestualmente non puoi battere sempre gli stessi tasti. Quella cosa, valida o meno, piacevole o meno, l'ho già vissuta. Con l'aggravante del passaggio di anni e anni in cui, per un gioco di 7-8 ore, quindi conciso e sintetico, puoi pensare di dire cose diverse e di farmi vivere altre sensazioni. Che poi già il primo era discutibile per artificiosità della messinscena, che fa, insisti con quel canovaccio e con soluzioni (le visioni, le voci, la follia ecc.) che ho già visto e che in un gioco simile dovrebbe vivere dell'irripetibile.
Vuoi farmi un gioco artistico (qualsiasi cosa voglia dire)? Bene, l'arte non si ripete però, altrimenti diventa posticcia.

A me piace giocare ai videogiochi per la peculiarità che solo gli stessi possono darmi, ossia l'offerta di un gioco/sistema/struttura che abbiano un certo grado di pensabilità e di sfida. Sfida (che non vuol dire per forza difficoltà) attraverso sui lo sviluppatore mi fa comprendere come io debba giocare e come debba vincere quei problemi. Perché io sono della scuola per cui se devo seguire una storia, vedermi una sequenza, emozionarmi solo audiovisivamente allora ho molto di meglio da guardare e leggere oltre i videogiochi.
"Questa emozione posso viverla solo grazie a un vg!" frase che si ripete e che per me trova giustificazione nella bontà del sistema di gioco, non da superare, non da maturare, non da evolvere ma caspita, da approntare. Questa qualità sarà sempre il discrimine.
I giochi artistici e non fondati sul gameplay a me stanno bene, tra i miei giochi preferiti ne annovero un bel po'. Ma sviluppa coerentemente la tua visione però.

Il problema di Hellblade (1 e 2) è che nonostante la breve durata i modelli di gioco proposti per trascinarmi dentro quella che è la sua visione artistica sono asfissianti  e noiosissimi. Ma co' ste sfere da piazzare, travi da allineare, rune da scoprire, ripetute 1-2-3-4-5 volte in un gioco di una manciata di ore ma come ti salta in testa che possa andare bene? Ma fammi il walking simulator puro e lasciami vivere quello che vuoi dirmi, invece di infastidirmi con il supplemento di enigmistico di "Oggi" per giustificare il fatto che sia un vg.
Questa è pigrizia mentale e modularità nello sviluppo. Se ti annoi dopo 3-4 ore quanto puoi aver cannato progressione e tempistiche?

Mi fa combattere, bene, non voglio God of War e non lo pretendo ma viene fuori da questa spicciola impostazione da "azione-reazione" in cui il solo problema di ogni scontro è scoprire la piccola variazione (se c'è) che poi mi fa ripetere il pattern all'infinito e sbloccare- superare l'arena. Ma dico, chi te l'ha chiesto? Fai un gioco più fluido, veloce e innocuo, che se devo godermi lo show non vengo tediata da ruggine esecutiva, modelli obsoleti e sostanziale incapacità di fondo per non annoiarmi tra un merluzzo surgelato e un altro da scoprire nello sfondo?

Da un punto di vista narrativo ed emotivo non so, c'è sempre la cornice del discorso che è tana libera tutti ossia degli esperti di pazzia e schizofrenia contattati per rendere tutto realistico però, come nel caso del primo, faccio un po' mio sia il pensiero di @Diegocuneo che nuovamente di @bub. Da un parte s'è perso il fattore sorpresa e dirompente del primo e per questo il gioco appare come un qualcosa di già visto. Dall'altro la sensazione che sia tutto spicciolo e superficiale non mi abbandona, sembra un po' l'angolo della Psicologa di Donna Moderna, non trovo spunti intellettuali e purtroppo sono venuti meno anche quelli emotivi, per quanto il mio sia un giudizio di come semplicemente mi sia arrivata l'opera.

Perché siamo tutti qui allora? Perché sto gioco c'ha il graficone, perché quando vuole spinge sul pedale della creazione  artistica e pittorica a mezzo schermo con dei quadri che mozzano il fiato, con delle ambientazioni che, per quanto lineari e poco esplorabili, dimostrano tutto il gusto di NT nel farmi vedere quello che sanno fanno, creatori di mondi superbi. Solo per questo si deve giocare H2.

Per questo non boccio in toto H2, sta roba non si vede tutti i giorni e sono contenta di aver fatto questa esperienza.

Ma per Odino:
O il gioco ce lo metti (e mi va bene); 
o il gioco me lo togli (e mi va bene lo stesso).
Vale tutto ma non sto ibrido ludicamente raccapricciante.
"Non ho particolari talenti ma riconosco gli idioti già da lontano..."

Offline Diegocuneo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.559
  • licet insanire
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: [XS] Hellblade 2
« Risposta #258 il: Oggi alle 14:54 »
@Ruko ...si, si son persi in cazzate. Per il mio gusto potevano abbandonare i puzzle e picchiare molto di più. E concordo sulla psicologia da donna moderna , ma per quanto riguarda " i sensi di colpa e le voci" . Che è un peccato perchè quando invece mi trattano gli altri personaggi/compagni allora si che esce fuori che son bravi a scrivere, ma anche a riprendere, perchè le loro turbe e mancanze traspaiono non solo da quel che  dicono ma da quel che recitano, dalle loro microespressioni perse nel vuoto etc etc.
Questo HB2 fa sperare nel futuro, ha valore come...strumento .
Sono un cretino,di classe,infima. Ni.

Offline Oberon

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.056
    • E-mail
Re: [XS] Hellblade 2
« Risposta #259 il: Oggi alle 19:11 »
Allora,

Il primo è un mio feticcio del fastidio, credo che si tratti della commistione di tutto quello che non mi piace/sia inopportuno in un videogioco con l'aggiunta della presunzione della sospensione del gameplay come evoluzione dei sistemi di gioco.
Che se lo fai crolli miseramente schiacciato dalle macerie delle tue velleità.
Il problema di Hellblade (1 e 2) è che nonostante la breve durata i modelli di gioco proposti per trascinarmi dentro quella che è la sua visione artistica sono asfissianti  e noiosissimi. Ma co' ste sfere da piazzare, travi da allineare, rune da scoprire, ripetute 1-2-3-4-5 volte in un gioco di una manciata di ore ma come ti salta in testa che possa andare bene?
Questa è pigrizia mentale e modularità nello sviluppo. Se ti annoi dopo 3-4 ore quanto puoi aver cannato progressione e tempistiche?

Mi fa combattere, ma viene fuori da questa spicciola impostazione da "azione-reazione" in cui il solo problema di ogni scontro è scoprire la piccola variazione (se c'è) che poi mi fa ripetere il pattern all'infinito e sbloccare- superare l'arena. Ma dico, chi te l'ha chiesto? vengo tediata da ruggine esecutiva, modelli obsoleti e sostanziale incapacità di fondo per non annoiarmi tra un merluzzo surgelato e un altro da scoprire nello sfondo
Da un punto di vista narrativo la sensazione che sia tutto spicciolo e superficiale non mi abbandona, sembra un po' l'angolo della Psicologa di Donna Moderna, non trovo spunti intellettuali e purtroppo sono venuti meno anche quelli emotivi, per quanto il mio sia un giudizio di come semplicemente mi sia arrivata l'opera.

Perché siamo tutti qui allora? Perché sta roba non si vede tutti i giorni e sono contenta di aver fatto questa esperienza.

Ninja Theory: "Io ho concluso."


« Ultima modifica: Oggi alle 19:15 da Oberon »
"Quas dederis, solas semper habebis opes."