Autore Topic: Condizionatori, datemi una rinfrescata  (Letto 23870 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #15 il: 29 Giu 2008, 19:34 »
Devo dire che nonostante ne venda una decina al giorno, Olimpia Splendid inclusi, non mi so spiegare nemmeno io le differenze esorbitanti di prezzo.
Classe A sì, ma ne ho da 250 e da 700 euro, why?

Sicuramente il primo fattore è la rumorosità, sia di un eventuale compressore esterno sia dello split stesso.
Eventuali filtri anitipolline, antipolvere etc (che all'ingrosso costano 2 euro ma te li fanno pagare come oro).
Eventuale presenza di pompa di calore per fare anche aria calda d'inverno.
Tenuta stagna del circuito del gas (ovvero: ogni quanto devo ricaricare il gas, che pure questo costa come oro - uscita del tecnico esclusa, che costa come il platino-?)
Generale qualità dei componenti (si rompe di meno, in teoria)


Tenuta stagna del circuito del gas?
Non so perchè ma mi ha strappato un sorriso sta cosa...
Se si parla di un pinguino o senza unità esterna, generalmente non hanno attacche per essere ricaricati.
Mentre per gli split con compressore esterno, ovvio che si. Però 9 volte su 10 la perdita è sulle cartelle fatte dall'installatore, non nei circuiti delle macchine.
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #16 il: 29 Giu 2008, 19:44 »
Da quello che ho capito, anche grazie a un consiglio di una persona che questi affari li monta, la meccanica di molti climatizzatori sembra essere solitamente di provenienza Mitsubishi o DeLonghi, tipo come i televisori dove le marche sono tante ma i costruttori di pannelli sono 3 o 4.

Le meccaniche sono quasi tutte Sanyo.
Ditte che fanno i compressori ce ne sono due in tutto il mondo.
Anni fa la Riello, ma molte altre ditte italiane comprava i Sanyo e poi ci metteva le plastiche sue di sopra...
Altro suggerimento: 1- Daikin, 2- Mitsubishi Electric, 3- a seguire.
Per quelli monoblocco, andate pure sui pinguino DeLonghi.
Non comprate i clima ai centri commerciali a 300 euro, generalmente ve li propongono con gas nuovo, quando nemmeno loro sanno quanti tipi di gas ci sono... Poi vi trovate con un clima di 5 anni fa con gas R22... [parlo sempre per quelli con unità esterna]
Non comprate marche sconosciute, che poi vi durano una stagione e mezza ed i ricambi non esistono.
Valutate bene ogni possibile applicazione ed installazione, se ci sono clima da 1000 e passa euro un motivo ci sarà. So che son tanti soldi, ma il mio a casa ha 12 anni e va ancora benone e non è mai stato caricato [al limite svuotato -lol-].
Poi dipende dall'ambiente, inutile uno split se deve raffrescare una sola stanza, pinguino e via, valutate anche quanto dovete rimanere in quella casa/appartamento/sottoscala.
Se mi viene in mente altro, aggiorno.
^_^
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.199
  • Mirkos
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #17 il: 29 Giu 2008, 20:40 »
Ne sai a pacchi, ma che li vendi tu?

Ad ogni modo a me serve per una stanza, dici che va bene un pinguino de longhi? Direi che è l'unica alternativa siccome ho problemi a mettere lo split (non è manco casa mia e non mi va di spendere per un montaggio che sarà temporaneo), ma se fa schifo preferisco morire di caldo piuttosto che buttare soldi per un accrocchio malfunzionante.

Sono rumorosi i pinguini? si riescono a tenere accesi tutta la notte? O è una pratica sconsigliata a prescindere? Insomma a me serve qualcosa per non rotolarmi in un bagno di sudore e dormire male, però ODIO i condizionatori a 18° con 35° in esterno, che fanno più male che bene (mi pare di aver letto che si deve settare sempre un valore di -5° rispetto all'esterno per stare bene, magari è una cazzata)

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #18 il: 29 Giu 2008, 21:01 »
Ne sai a pacchi, ma che li vendi tu?


Risposta rapida, sono bruciatorista, oltre al caldo, lavoro anche con ste robe qui.
Sono e resterò comunque un tecnico specifico per il riscaldamento, ma devo per forza di cosa interessarmi pure ai climatizzatori.
Lavoro in un centro assistenza Riello da tre anni, mentre i precedenti nove in un centro assistenza Ecoflam con clima Mitsubishi, Sanyio, Ecoflam e altre marche minori.
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #19 il: 29 Giu 2008, 21:34 »
Ne sai a pacchi, ma che li vendi tu?

Ad ogni modo a me serve per una stanza, dici che va bene un pinguino de longhi? Direi che è l'unica alternativa siccome ho problemi a mettere lo split (non è manco casa mia e non mi va di spendere per un montaggio che sarà temporaneo), ma se fa schifo preferisco morire di caldo piuttosto che buttare soldi per un accrocchio malfunzionante.

Sono rumorosi i pinguini? si riescono a tenere accesi tutta la notte? O è una pratica sconsigliata a prescindere? Insomma a me serve qualcosa per non rotolarmi in un bagno di sudore e dormire male, però ODIO i condizionatori a 18° con 35° in esterno, che fanno più male che bene (mi pare di aver letto che si deve settare sempre un valore di -5° rispetto all'esterno per stare bene, magari è una cazzata)

A sto punto meglio un pinguino.
Il più piccolo che c'è, se serve solo per una stanza e se lo vuoi usare solo di notte.
Considera però che una finestra deve stare socchiusa, che devi mettere il tubo fuori per l'espulsione dell'aria calda.
Buona norma sarebbe di non tenere più di 5 gradi di sbalzo termico dall'esterno, ma più che altro perchè se fai dentro fuori parecchie volte ti prendi una broncopolmonite, mica per altro.
Che poi, nessun climatizzatore "casalingo" con 40 gradi esterni te ne da 20 in casa.
A volte basta tenerli in deumidificazione, tolta l'umidità la temperatura si abbassa di qualche grado ed il corpo è felice che non appiccica più.
Questione rumorosità, non ne conosco i particolari dei modelli nuovi, certo però che fanno rumore. La ventola che muove l'aria fa un rumore nella norma, poi c'è il compressore ma sono ultra imbottiti ed isolati. Quanta tolleranza hai tu?
Questione accesi tutta la notte: Tu imposti la temperatura, la ventola corre tutta la notte per muovere l'aria ma il compressore [quello che poi fa tutto il lavoro sporco di produrre freddo]non sta attaccato sempre. Lavora perlopiù all'inizio ma una volta che la temperatura scende se ne sta li pacifico a riposare ed interviene solo per leggere correzioni se ci sono variazioni.
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.199
  • Mirkos
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #20 il: 29 Giu 2008, 21:46 »
Ok quindi pare che debba trovarmi un pinguino silenzioso...peccato tu non conosca i nuovi modelli, mi servirebbe un consiglio mirato, vabbè mi informerò.

Per il tubo...penso di fare un buco nel vetro, eventualmente come lo chiudo in inverno?
Ah, il pinguino fa anche da pompa di calore? mi servirebbe...

tolleranza: beh direi nella norma, dipende cmq da quanto rumore fa il condizionatore, se è roba del tipo "PC acceso" magari va bene pure, se è roba tipo phon allora no ovviamente.
cmq chiedo perchè avevo letto in giro che per dormire ci vuole lo split, i monoblocco son troppo rumorosi, ma non ho esperienza.

Come deumidificatore fanno rumore? magri per la notte basta la deumidificazione

P.S. che vuol dire aria-aria e aria-acqua?
« Ultima modifica: 29 Giu 2008, 21:51 da Konron »

Offline lozioste

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.332
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #21 il: 30 Giu 2008, 10:16 »
Io in questi giorni sto abbracciato al pinguino, meno male che c'è almeno quello.
Non riesce ad abbassare la temperatura di molti gradi rispetto alle altre stanze di casa (2-3 gradi in meno, al massimo), ma deumidifica, é quello il vero piacere. La percezione della temperatura senza umidità é tutt'altra cosa.
Casino? Casino ne fa anche, ma ci si abitua in fretta, un po' di rumore é il male minore, se altrimenti si tratta di sopportare questo clima schifoso. Dopo un po'  il rumore del pinguino é un po' come il micio che fa le fusa, ti ci abitui, penso che si possa tranquillamente far andare la notte intera. Il mio pinguino, però, deumidificando, ad un certo punto si spegne da solo causa vaschetta dell'acqua piena; dovreste vedere quant'acqua tira via dall'aria, é una goduria. In quei casi, soddisfatto, mi accendo un buon Marlborone, estraggo la vaschetta e verso con gioia il suo contenuto maligno nel cesso, quindi riattacco la baracca.
Magari farlo nel mezzo della notte é meno soddisfacente.
In genere l'efficacia di quel marchingegno é azzoppata dalla necessità di tenere la finestra socchiusa; il tubo di fuoriuscita dell'aria (quella rovente) scalda parecchio ed ha un discreto diametro, lqa finestra é ben più che socchiusa, a dire il vero. Un chirurgico buco nel vetro, ben sigillato, farebbe la differenza, ne sono certo.
Vado a cercare una mazza da baseball, faccio il buco e ci metto il tubo, semplice e lineare. Funzionerà?

Offline omotigre

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.068
  • Rooaarrr
    • Racconti brevissimi
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #22 il: 30 Giu 2008, 11:05 »
Se dovete farlo montare trovate una ditta seria che vi dia 12 mesi di garanzia, se esiste. La ditta a cui mi sono rivolto per montarlo anni fa, dà solo 6 mesi, che per un prodotto ad uso stagionale è una grossa furbata. L'ho fatto sistemare l'anno scorso e già non funziona, c'è una perdita che fa disperdere il gas. Che culo.

6 mesi sono una balla, comunque devono darti un anno.
Ma soprattutto, quanti anni fa? E da dove perde?
Mi hanno risposto cmq che danno 6 mesi di garanzia. Cmq il problema è che perde un bullone all'interno del motore fuori l'appartamento. il tecnico dice che la vistosa macchia d'olio in quei paraggi è dovuta ad una perdita del bullone che ha una filettatura rovinata. Per anni è andato tutto bene, poi visto che il motore fuori dava fastidio l'abbiamo fatto spostare di qualche metro. l'anno successivo il condizionatore non andava bene, quindi abbiamo richiamato la ditta (purtroppo non la stessa, ma una con un nome simile abbiamo scoperto dopo) che ha solo ricaricato il gas senza cercare la perdita. quest'anno di nuovo non funziona, abbiamo chiamato la ditta resposnabile dello spostamento... Ma quanto costa ricaricare il gas? l'anno scorso mi hanno chiesto 150 euro, quest'anno siamo sulla stessa cifra, credo mi stiano dando una grandissima sola...



Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 33.785
    • The First Place
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #23 il: 30 Giu 2008, 12:04 »
In genere l'efficacia di quel marchingegno é azzoppata dalla necessità di tenere la finestra socchiusa; il tubo di fuoriuscita dell'aria (quella rovente) scalda parecchio ed ha un discreto diametro, lqa finestra é ben più che socchiusa, a dire il vero. Un chirurgico buco nel vetro, ben sigillato, farebbe la differenza, ne sono certo.
Vado a cercare una mazza da baseball, faccio il buco e ci metto il tubo, semplice e lineare. Funzionerà?
Storie di vita vissuta...
Avevo un problema simile, come l'ho risolto? Vado a illustrare.

Estraggo dai cardini una metà della finestra e la porto a spasso. Operazione "Orecchino".
Il mastrovetraio: "Eh, c'è il doppio vetro, non è facile, io non te lo posso fare il buco, e poi sai, le mezze stagioni, il mercato dell'Inter e gli UFO..."
Io: "..."
Il mastrovetraio: "Insomma, lo devi portare da boh, che fare un buco in quel doppio vetro è un casino. E poi rovini la finestra, in fondo".

Allora ho telefonato a McGyver.
E la soluzione è stata...

Vado da Bricofer, mi faccio tagliare una lastra di plexiglass con misure perfette. Torno dal vetraio, mi faccio fare il foro nella lastra di plexiglass.

Ora, apro tutta la finestra, inserisco la lastra di plexiglass a sinistra, negli incavi della struttura (optando per il giusto spessore la lastra è sufficientemente flessibile), chiudo la metà destra della finestra, attacco il tubo del condizionatore mobile al plexiglass. Fine.

Costo: pochi euro
Tempo di realizzazione: qualche ora
Tempo di installazione: 30 secondi
Isolamento termico: totale
Luce: 100%

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #24 il: 30 Giu 2008, 19:28 »
Se dovete farlo montare trovate una ditta seria che vi dia 12 mesi di garanzia, se esiste. La ditta a cui mi sono rivolto per montarlo anni fa, dà solo 6 mesi, che per un prodotto ad uso stagionale è una grossa furbata. L'ho fatto sistemare l'anno scorso e già non funziona, c'è una perdita che fa disperdere il gas. Che culo.

6 mesi sono una balla, comunque devono darti un anno.
Ma soprattutto, quanti anni fa? E da dove perde?
Mi hanno risposto cmq che danno 6 mesi di garanzia. Cmq il problema è che perde un bullone all'interno del motore fuori l'appartamento. il tecnico dice che la vistosa macchia d'olio in quei paraggi è dovuta ad una perdita del bullone che ha una filettatura rovinata. Per anni è andato tutto bene, poi visto che il motore fuori dava fastidio l'abbiamo fatto spostare di qualche metro. l'anno successivo il condizionatore non andava bene, quindi abbiamo richiamato la ditta (purtroppo non la stessa, ma una con un nome simile abbiamo scoperto dopo) che ha solo ricaricato il gas senza cercare la perdita. quest'anno di nuovo non funziona, abbiamo chiamato la ditta resposnabile dello spostamento... Ma quanto costa ricaricare il gas? l'anno scorso mi hanno chiesto 150 euro, quest'anno siamo sulla stessa cifra, credo mi stiano dando una grandissima sola...




Non ho idea di quanto costi il gas, ma c'è il lavoro e lo smaltimento. [in teoria]
Comunque si, è un mestiere ignorante. Al cliente puoi raccontare quello che vuole, pure che l'italia ha vinto gli europei e ci deve credere per forza.
Secondo me il problema non è il compressore od il clima, ma i nuovi tubi. Hanno cannato le "cartelle" e perde dai raccordi dei tubi.
Mo son cazzi amari che se non trovi quello che si vuole sbattere un minino qualsiasi persona chiami ti ricarica di gas e vai avanti un altra stagione con la microperdita.
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline marco_zell

  • Eroe
  • *******
  • Post: 16.656
  • medaglia! medaglia! medaglia!
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #25 il: 30 Giu 2008, 19:31 »
Ok quindi pare che debba trovarmi un pinguino silenzioso...peccato tu non conosca i nuovi modelli, mi servirebbe un consiglio mirato, vabbè mi informerò.

Per il tubo...penso di fare un buco nel vetro, eventualmente come lo chiudo in inverno?
Ah, il pinguino fa anche da pompa di calore? mi servirebbe...

tolleranza: beh direi nella norma, dipende cmq da quanto rumore fa il condizionatore, se è roba del tipo "PC acceso" magari va bene pure, se è roba tipo phon allora no ovviamente.
cmq chiedo perchè avevo letto in giro che per dormire ci vuole lo split, i monoblocco son troppo rumorosi, ma non ho esperienza.

Come deumidificatore fanno rumore? magri per la notte basta la deumidificazione

P.S. che vuol dire aria-aria e aria-acqua?
Si, c'è anche in pompa d calore. Ormai ce l'hanno tutti. Ma chiedi comunque per conferma.
Il rumore è sempre quello, in freddo, caldo, deumidificazione. A meno che non sia "inverter" e allora si va a coprire tutto un altro discorso.
xbox live: marco zell * psn: marco_zell * steam: shinzell

Offline lozioste

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.332
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #26 il: 02 Lug 2008, 10:18 »
In genere l'efficacia di quel marchingegno é azzoppata dalla necessità di tenere la finestra socchiusa; il tubo di fuoriuscita dell'aria (quella rovente) scalda parecchio ed ha un discreto diametro, lqa finestra é ben più che socchiusa, a dire il vero. Un chirurgico buco nel vetro, ben sigillato, farebbe la differenza, ne sono certo.
Vado a cercare una mazza da baseball, faccio il buco e ci metto il tubo, semplice e lineare. Funzionerà?
Storie di vita vissuta...
Avevo un problema simile, come l'ho risolto? Vado a illustrare.

Estraggo dai cardini una metà della finestra e la porto a spasso. Operazione "Orecchino".
Il mastrovetraio: "Eh, c'è il doppio vetro, non è facile, io non te lo posso fare il buco, e poi sai, le mezze stagioni, il mercato dell'Inter e gli UFO..."
Io: "..."
Il mastrovetraio: "Insomma, lo devi portare da boh, che fare un buco in quel doppio vetro è un casino. E poi rovini la finestra, in fondo".

Hmmm, pure io doppi vetri. Di certo bucare allegramente i doppi vetri ne pregiudica le capacità di isolamento termico e acustico. Una via in effetti non praticabile, per quel che mi riguarda.

Citazione da: Ivan F.
Allora ho telefonato a McGyver.
E la soluzione è stata...

Vado da Bricofer, mi faccio tagliare una lastra di plexiglass con misure perfette. Torno dal vetraio, mi faccio fare il foro nella lastra di plexiglass.

Ora, apro tutta la finestra, inserisco la lastra di plexiglass a sinistra, negli incavi della struttura (optando per il giusto spessore la lastra è sufficientemente flessibile), chiudo la metà destra della finestra, attacco il tubo del condizionatore mobile al plexiglass. Fine.


Ci ho messo un pochino a capire, poi l'illuminazione.
Geniale!
Efficiente, economico, veloce, rimovibile all'occorrenza. Proprio come dice il resoconto sotto:

Citazione da: Ivan F.
Costo: pochi euro
Tempo di realizzazione: qualche ora
Tempo di installazione: 30 secondi
Isolamento termico: totale
Luce: 100%


A quel punto potrei anche socchiuderla con piacere, la finestra, che il plexiglas è trasparente e i curiosi di fronte mi sbirciano in casa quando vago con i genitali al vento dopo la doccia ( e mi asciugo proprio con il getto fresco e deumidificato del pinguino).
Grazie mille per la dritta, penso di metterla in pratica a breve!

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 33.785
    • The First Place
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #27 il: 02 Lug 2008, 13:00 »
Felice di essere stato d'aiuto.
Una difficoltà c'è, se vogliamo: non sbagliare le misure della lastra, che va sistemata negli incavi.
Inoltre opta per uno spessore intermedio, così che sia flessibile ma non floscia.

Io non ho avuto problemi, ma magari è stato un colpo di fortuna :)

Offline answer

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.682
  • Infiltrato
    • E-mail
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #28 il: 02 Lug 2008, 20:35 »
[]Ma quanto costa ricaricare il gas? l'anno scorso mi hanno chiesto 150 euro, quest'anno siamo sulla stessa cifra, credo mi stiano dando una grandissima sola...

Minchia! E' un furto a mano armata, altroché sola.
Non so quanto gas contenga un climatizzatore, non credo più di 3/4 kg, anzi.

Ecco, i gas più costosi oggi (le miscele D-numeri) costano sui 18 € al kg, di listino. Questo perché sono fuori produzione e siamo vicini al shortage irreversibile. Ma si usano nei vecchi impianti, e pure grossi...

Insomma, per farla breve, un'azienda di professionisti pagherà le miscele R (404, 410, ecc, quelle che si usano normalmente) boh... 5 Euro al kg.? Se hanno condizioni "normali", ovvero né listino, né "overscontate" (sic)

Fate vobis. :)

RESPECT

Tutto è relativo, tranne quello a cui crediamo.
Riflettere Essere Scoprire Praticare Esprimere Convivere Tornare

Online atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 48.524
  • Pupo
Re: Condizionatori, datemi una rinfrescata
« Risposta #29 il: 02 Lug 2008, 21:08 »
Ivan, ma ai bordi della lastra hai messo delle guarnizioni? Altrimenti mi riesce difficile credere in un isolamento termico totale...