Autore Topic: [Musica] The Indie Place  (Letto 32338 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
[Musica] The Indie Place
« il: 25 Lug 2007, 10:22 »
Mi pare non ci sia un megathread per le segnalazioni indie, quindi provvedo.
Essendo che sto diventanto un po' gay, ultimamente ascolto molta roba indie.

Indie non vuol dire niente. E' come rock, come metal. Al suo interno c'è il mondo. Ecco perchè è cosa buona e giusta scambiarsi segnalazione sui gruppi più meritevoli. Inizio dopo la pausa caffè.
« Ultima modifica: 25 Giu 2009, 17:57 da Gatsu »

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #1 il: 25 Lug 2007, 10:31 »
Partirei con un sottogenere che mi sta affascinando molto: l'indie 30% country 30% beatles 40% malinconia. Detto così fa schifo ma vi invito a sentire qualcosa di quello che segnalo, facile che vi conquisti.

Tutto iniziò tempo fa con una canzone di Elliot Smith: Fond Farewell.

http://www.youtube.com/watch?v=2C7rASPXEY8
 
Me la fece sentire un'amica dicendo "questa sarà la canzone del mio funerale". Per come sono andate le cose, non è andata molto distante, si è fatta un paio di anni in manicomio ^__^
Ad ogni modo, la canzone mi colpì particolarmente, il tizio si era suicidato e quindi meritava il mio rispetto. Il resto della sua produzione non è stato così devastante (anche se l'album From a Basement on the Hill è abbastanza bello) ma ha avuto il merito di introdurmi ad altri artisti affini.
Nello specifico: The Shins e Sufjan Stevens. Nella prossima puntata.

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #2 il: 25 Lug 2007, 10:50 »
Poi venne Sufjan Stevens con John Wayne Gacy, Jr.

http://www.youtube.com/watch?v=x-E53oZZAZQ

Uno che fa album stranissimi. Io ho Greetings From Michigan The Great Lakes State, e Invites You To: Come on Feel the Illinoise. Il secondo alterna pezzi totalmente fuori dagli schemi con pezzi più concreti, come la canzone che vi ho linkato sopra. Titoli memoriabili: "They Are Night Zombies!! They Are Neighbors!! They Have Come Back From The Dead!! Ahhhhh!". Michigan è meno "pazzo" e ha pezzi bellissimi come Romulus o For The Widows In Paradise; For The Fatherless In Ypsilanti. Non tutto è oro che cola, ma abbastanza.

http://it.youtube.com/watch?v=O7oTRJU2120

http://www.youtube.com/watch?v=d4tkiGvV_ek

John Wayne Gacy, Jr merita anche per le lyrics:

His father was a drinker
And his mother cried in bed
Folding John Wayne's T-shirts
When the swingset hit his head
The neighbors they adored him
For his humor and his conversation
Look underneath the house there
Find the few living things
Rotting fast in their sleep of the dead
Twenty-seven people, even more
They were boys with their cars, summer jobs
Oh my God

Are you one of them?

He dressed up like a clown for them
With his face paint white and red
And on his best behavior
In a dark room on the bed he kissed them all
He'd kill ten thousand people
With a sleight of his hand
Running far, running fast to the dead
He took off all their clothes for them
He put a cloth on their lips
Quiet hands, quiet kiss

On the mouth

And in my best behavior
I am really just like him
Look beneath the floorboards
For the secrets I have hid

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #3 il: 25 Lug 2007, 11:37 »
The Shins, grandi sopravvalutati dell'indie. Band che ha certamente un merito: hanno composto New Slang, secondo le statistiche di last.fm la canzone che ho ascoltato più volte da quando sono iscritto.

http://www.youtube.com/watch?v=M11Kr1-q-pA

Questa canzone è una droga, punto.
E' comparsa, a dispetto del testo, anche in una pubblicità di McDonalds. Loro sono apparsi in varie soundtrack. Hanno composto un buon primo album: Oh Inverted World! che però viveva sostanzialmente di New Slang e di un paio di altre buone tracce, un secondo album anonimo (Chutes Too Narrow) e un terzo album abbastanza bello e meglio bilanciato degli altri (Wincing The Night Away). Segnalo anche Australia, dal nuovo album:

http://www.youtube.com/watch?v=OHTSxw6zN1E

In generale non sono male, ma i Rogue Waves sono molto meglio. Prossimo post.

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #4 il: 25 Lug 2007, 16:37 »
Dicevo, Rougue Waves. Se avete visto Heroes li avete sentiti almeno un paio di volte. Con questa canzone:

http://it.youtube.com/watch?v=-xTzMjBpxGE

Praticamente la mia nuova "New Slang" ^__^ Sarà che il testo mi prende molto, in questo periodo.

Hanno pubblicato due album: Descending Like Vultures e Out of The Shadows. Il primo è ECCEZIONALE. Il secondo deludente. Il terzo in uscita a Settembre, vediamo. Una delle mie canzoni preferite è Salesman on the day parade, ho trovato questa versione live:

http://it.youtube.com/watch?v=1GcvlPRXfW8

Provateli perchè meritano.

Offline ZionSiva

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.341
    • ZionSiva's Groove
The Indie Place
« Risposta #5 il: 25 Lug 2007, 18:40 »
Di Sufjan è pure molto carino l'album natalizio, anche se potrebbe essere una cosa da esaltati, ma in realtà è divertente anche perché in equilibrio stranissimo tra essere "classico" e completamente fuori dai canoni.
Per me comunque nel "genere" (che, concordo, non esiste: per me lo si usa ormai per definire roba che se definisci "rock" i puristi ti insultano, ma solo perché hanno problemi loro: in fondo è rock, pop o dipende dal caso) adoro i Flaming Lips (da sentire: The Soft Bulletin, Cloud Taste Metallic, In a Priest Driven Ambulance, Yoshimi Battles the Pink Robots, ma anche tutti gli altri son molto buoni), assolutamente spaziali; gli Arcade Fire, molto più recenti e autori di due ottimi album (Funeral e Neon Bible); e consiglio vivamente un disco di un "gruppo" (è sostanzialmente il progetto di un singolo, ma non del tutto), Neutral Milk Hotel: il disco si chiama In the Airplane Over the Sea e non a caso è spesso considerato uno dei migliori degli anni '90. Aggiorno quando ho voglia, ci sarebbe da inondare il forum di nomi :D
~~porcelina, she waits for me there
with seashell hissing lullabyes and whispers fathomed deep inside my own~~~~  What's So Funny 'Bout Peace, Love and Understanding?  Wag the dog.

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #6 il: 25 Lug 2007, 19:23 »
Concordo per quanto riguarda Arcade Fire (Funeral bellissimo, Neon Bible al primo ascolto mi ha fatto vomitare ma è un signor album, da studiare però) e Neutral Milk Hotel, anche se di questi ultimi mi piacciono solo alcuni pezzi. Volevo arrivarci dopo, ma visto che hai tirato fuori l'argomento, vi dò i miei personali pareri sui "secondi dischi dopo il disco del successo" di alcune delle band indie fra le più acclamate:

- Nuovo Interpol: Our Love To Admire > Bello ma giocano sul sicuro.
- Nuovo Maximo Park: Our Earthly Pleasures > Non male ma molto inferiore al precedente A Certain Trigger che a me fa impazzire.
- Nuovo Bloc Party: A Weekend In The City > Sound reinventato, disco eccellente. Il migliore del lotto delle "nuova prova di quella band di successo".
- Nuovo Editors: An End Has A Start > Così così, molto inferiore al bellissimo The Back Room
- Nuovo Arcade Fire: Neon Bible > Anche loro reinventati in questa rock opera da gustare. Bello.
- Nuovo The Killers: The Sam's Town > Sta nuova veste rock ammeregano dei cowboys a me non fa vomitare ma erano meglio prima.

Chi manca?

Offline ZionSiva

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.341
    • ZionSiva's Groove
The Indie Place
« Risposta #7 il: 25 Lug 2007, 20:48 »
Ho sentito bene del nuovo degli Artic Monkeys, ma non l'ho ascoltato quindi non so. Tra poco esce il nuovo dei The Go! Team e da quello mi aspetto molto.
Metterei in mezzo al calderone il secondo degli LCD Soundsystem, che è assolutamente spaziale.
Comunque per tornare a qualcosa di più "classico" (?) credo che se piacciono gli Shins possano piacere molto gli Eels, in particolare Electro-Shock Blues, bellissimo.
~~porcelina, she waits for me there
with seashell hissing lullabyes and whispers fathomed deep inside my own~~~~  What's So Funny 'Bout Peace, Love and Understanding?  Wag the dog.

Offline Yota

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.881
The Indie Place
« Risposta #8 il: 25 Lug 2007, 21:06 »
Diamine... avevo deciso di non venire a rompere le scatole in questo topic, ma non ho resistito. :lol:
Sarò onesto, tra i gruppi citati da Gatsu ce n'è fin troppi che rafforzano in me la convinzione che il termine "indie" sia sempre più usato per gettare del gran fumo negli occhi. E quindi far passare per nuove cose che si fanno già da venti/trent'anni, se va bene.

Giusto per farmi dare del bastian contrario: da quando l'ambiente "indie" è passato da nicchia (per necessità, tra l'altro), ad essere tremendamente in voga e di tendenza, beh, mi sta pesantemente sui cosiddetti.
Color me impressed.

Offline Yota

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.881
The Indie Place
« Risposta #9 il: 25 Lug 2007, 21:13 »
Citazione da: "ZionSiva"
Comunque per tornare a qualcosa di più "classico" (?) credo che se piacciono gli Shins possano piacere molto gli Eels, in particolare Electro-Shock Blues, bellissimo.

Questi invece sono davvero grandi.
Il mio preferito però è Beautiful Freak, ma probabilmente più per valore affettivo che altro.
Color me impressed.

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #10 il: 25 Lug 2007, 23:31 »
Citazione da: "Yota"
Sarò onesto, tra i gruppi citati da Gatsu ce n'è fin troppi che rafforzano in me la convinzione che il termine "indie" sia sempre più usato per gettare del gran fumo negli occhi. E quindi far passare per nuove cose che si fanno già da venti/trent'anni, se va bene.


Come anticipavo, "indie" è una etichetta calderone per molti generi diversi fra loro, portati avanti da etichette "underground". Ce n'è veramente per tutti gusti. "Far passare per cose nuove" non ha assolutamente alcuna rilevanza nel momento che il prodotto supera certi standard qualitativi, e quello che ho segnalato lo fa di gran lunga (le basi della mia argomentazione sono la mia collezione di cd personali, da un po' sopra i 1000 titoli, a cui si aggiunge quella di mio padre almeno equivalente. Diciamo che credo di avere delle buone basi in svariati generi per valutare ^__^).

Offline baku.nin

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.826
    • E-mail
The Indie Place
« Risposta #11 il: 26 Lug 2007, 00:10 »
Infatti, è talmente un termine contenitore che ci sto trovando nomi che conosco, ascolto o mi interessava già approfondire, quindi temo mi ritroverò a partecipare nonostante il termine e la moda "Indie" recenti mi stiano sui cosiddetti

gli Arcade Fire sono un gruppo geniale, di una qualità talmente superiore ai tanti 'compagni di decennio' (i cui nomi principali li ha fatti più o meno tutti gatsu) che li accompagnano in festival indie e ascolti indie del pubblico indie che quasi mi vergogno io per loro :)

io sapendo che piace ad un paio di amicoi miei, sto ascoltando i 2 album di Micah P. Hinson e li sto trovando molto molto belli... se nel topic ci trattate pure sta roba allora mi sa che mio malgrado sarò costretto a frequentarlo :?  :P

A chiunque scriva una segnalazione, vi pregherei di ricordare che, consci appunto del termine 'generico' che indie ha e gatsu stesso riconosce, esiste anche nei meandri di media un topic generico sul rock'n'roll che ci caghiamo io, Jello e pochi altri, quindi pensate bene come e dove scrivere ^^

infatti degli Arcade Fire ad es. ne avrei parlato nell'altro topic, e questo credo lo utilizzerò per segnalazioni più sull' acustico/roots.....
NO EMO. NO PUCCA. NO JACK SKELETON. NO OTAKU. NO KAWAII. NO GOTHIC PEOPLE. NO METAL CLOWNS. NO LACUNA. NO PIERCED MOUTHS. NO COSPLAYING. NO BLOGGERS. NO MYSPACE'S FRIENDSHIP. NO RAGGA-NIGGA. NO DAMS. NO ELECTRO-SHIT
 LET THERE BE BAKU

Offline Scarlet

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.933
  • Fuck Authority
The Indie Place
« Risposta #12 il: 26 Lug 2007, 05:10 »
definizione "precisa" di indie: musica rock sperimentale con forti influenze elettroniche per lo più, ma che alla fine sfocia un pò in tutto come avete fatto notare anche voi, pubblicata sotto etichetta indipendete (anche se alcuni gruppi come i my vitriol hanno  un contratto con una major).

ho già postato in più topic alcuni dei nomi che seguono, ma siccome sembra che nessuno se li caghi riparto con l'elenco (e sia ben chiaro che sono veri gruppi indie, non le cagate che vanno in giro ora tipo franz ferdinand, the killers, the hives e tutto il resto della merda che piace tanto ai finti gay-emo):
my boody valentine (questi sono proprio essenziali per chiunque voglia ascoltare indie),
girls against boys,
new wet kojak (side project del cantante dei GVSB),
the jesus and mary chain,
my vitriol (si spera che si sbrighino a tirare fuori il secondo album: è un anno che lo aspetto maledetti),
autolux (presenti anche loro nella colonna sonora di friday night lights),
serena maneesh (scoperti solo da pochi giorni, grassa scandalosa),
snowpony (gruppo della cantante dei my bloody valentine),
shellac,
seam,
polvo,
last days of april,
don caballero,
deus,
amusement parks on fire,
gang of four,
dinosaur jr,
tahiti 80,
zoot woman,
death cab for cutie,
hanoi rocks
curve

potrei andare ancora avanti ma ne uscirebbe un post chilometrico. inoltre da menzionare la scena indie italiana, molto fervida nonchè madre di gruppi clamorosi (giardini di mirò, blonde redhead, the death of anna karina, rosolina mar, red worm's far, yuppie flu, julie's haircut, a toys orchestra, uzeda etc etc) ma vi rimando ai miei post nel topic del rock italiano underground, dove li avevo già segnalati

Offline baku.nin

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.826
    • E-mail
The Indie Place
« Risposta #13 il: 26 Lug 2007, 05:26 »
Per quanto l'approccio di scarlet sia decisamente più preciso e ficcante ( o per lo meno vedo che abbiamo gli stessi nemici in comune e tanto mi basta ^^) e più di me sull'argomento ne sa sicuramente a pacchi, c'è da dire che cmq non fa riconfermarmi l'idea di indie come grande contenitore senza un'identità precisa, se alla fine tra i cardini del 'genere' ti ci ritrovi la band fondatrice dello shoegaze (MBV) , quella del math rock (Don Caballero), gruppi noise e pionieri 'pre grunge' (Dinosaur Jr.), addirittura ci vedo dentro gli esponenti più indefessi e sbarazzini del glam hard rock anni 80 (Hanoi rocks ^^)

insomma, tanta grandissima musica, ma ne esco con le idee forse ancora più confuse, o diciamo dilatate :)

Io avevo sempre considerato l'assioma Pixies :arrow: Indie

e più cerco di informarmi, meno ce capisco, e mi attacco sempre più a questa idea primaria e basilare (e soprattutto vi invito a far vostro "Doolittle" per 10 miseri euro e disintegrarvi di ascolti prima di iniziare... sarebbe come un cristiano che ignora i 10 comandamenti ^^)
NO EMO. NO PUCCA. NO JACK SKELETON. NO OTAKU. NO KAWAII. NO GOTHIC PEOPLE. NO METAL CLOWNS. NO LACUNA. NO PIERCED MOUTHS. NO COSPLAYING. NO BLOGGERS. NO MYSPACE'S FRIENDSHIP. NO RAGGA-NIGGA. NO DAMS. NO ELECTRO-SHIT
 LET THERE BE BAKU

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.536
    • The World Anvil
The Indie Place
« Risposta #14 il: 26 Lug 2007, 10:12 »
Stronzi, sarebbe bello se linkaste video su youtube e/o mp3 da sentire, che a leggere il nome mi passa via e poi non li cercherò mai.
Visto che comunque Scarlet ha segnalato i Death Cab For Cutie, mi permetto di segnalare i The Postal Service, che hanno lo stesso cantante e credo abbiano avuto un successo di gran lunga maggiore. Trattasi di electro indie di prima qualità, abbastanza mainstream, ma il disco Give Up è uno dei migliori 5 dello scorso anno e dopo qualche ascolto non potevo farne più a meno. Ecco uno dei singoli:

http://www.youtube.com/watch?v=hMOkfI7wCrI

Segnalo che ne esiste anche una versione acustica fatta dagli Iron & Wine, altro gruppo che merita un approfondimento (più avanti).
Per rimanere nell'orbita dei membri della band, è uscito da poco un disco a nome Dntel, chiamato Dumb Luck di una bellezza tutta sua. Molto sommesso, molto glitch, ma se apprezzate i The Postal Service non potrà che stupirvi.

http://www.youtube.com/watch?v=8DNtA6vjx_E