Autore Topic: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine  (Letto 190479 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Grendel

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.692
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #75 il: 15 Nov 2006, 13:21 »
Non mi pare che qui nessuno stia difendendo una fantomatica bontà ludica di Rule Of Rose... ^_^
2.0

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 46.134
  • Gnam!
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #76 il: 15 Nov 2006, 15:07 »
Citazione da: "Grendel"
Non mi pare che qui nessuno stia difendendo una fantomatica bontà ludica di Rule Of Rose... ^_^


Manie d protagonismo eh?

 :o

Offline Grendel

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.692
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #77 il: 15 Nov 2006, 15:36 »
Mi sembra che sia caratteritica necessaria per iscriversi a TFP... ;)

Tornando IT, mi pare che questa volta il solito articolo malfatto abbia agitato per bene le acque, in entrambe le direzioni...
2.0

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.628
    • Players
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #78 il: 15 Nov 2006, 16:29 »
Citazione da: "Grendel"
Mi sembra che sia caratteritica necessaria per iscriversi a TFP... ;)

Tornando IT, mi pare che questa volta il solito articolo malfatto abbia agitato per bene le acque, in entrambe le direzioni...



Mah, nei forum ludici sicuramente c'è un veemente/positivo dibattito e discussione, "dall'altra parte" (istituzioni-media generalisti) vedo solo l'ennesimo tentativo di sviare l'attenzione della ggggente dai problemi quotidiani e la totale mancanza di riflettere seriamente sul problema. Incredibile come al primo peto mediatico salti fuori il potente/analfabeta di turno (Mastella) immediatamente pronto a afr piovere soldi dei contribuenti sull'Autority di turno (che hanno vagamente rotto i coglioni eh...e checazzo).
ANCHE UN TANUKI PUO’ SORPRENDERE UNA TIGRE CHE DORME.

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.628
    • Players
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #79 il: 15 Nov 2006, 17:31 »
Informativa urgente del Governo sulle iniziative volte ad impedire la vendita di videogiochi che stimolano la violenza (ore 9,15).
PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca lo svolgimento di un'informativa urgente del Governo sulle iniziative volte ad impedire la vendita di videogiochi che stimolano la violenza.
Dopo l'intervento del rappresentante del Governo, interverranno i rappresentanti dei gruppi in ordine decrescente, secondo la rispettiva consistenza numerica, per cinque minuti ciascuno. Un tempo aggiuntivo è attribuito al gruppo Misto.


(Intervento del ministro della giustizia)
PRESIDENTE. Ha facoltà di parlare il ministro della giustizia, Clemente Mastella.

CLEMENTE MASTELLA, Ministro della giustizia. Signor Presidente, onorevoli colleghi, premetto che sono anch'io indignato per il livello di efferatezza e di abiezione a cui possono giungere i videogiochi, che finiscono assai spesso nelle mani di bambini e di ragazzi.
Non c'è bisogno di dosi massicce di orrore per far divertire i nostri ragazzi e credo che i più giovani abbiano il diritto di vivere al riparo dalla violenza e di ricevere al tempo stesso una valida educazione in ordine ai sinceri principi della convivenza civile.
Per tale motivo sono d'accordo sul fatto che occorra agire da subito, prima che i danni si aggravino, evitando inutili e dannosi elementi di commercializzazione.
Fino ad ora questo non è stato fatto e si è lasciata proliferare questa mala pianta.
In primo luogo, ho il dovere di comunicare quanto riferito dall'Associazione Editori Software Videoludica Italiana, in ordine al videogioco «Rules of Rose», di produzione giapponese, della cui imminente diffusione in Italia aveva dato notizia il settimanale Panorama. Tale videogioco - secondo la predetta associazione -, pur appartenendo al genere horror, non ha come tema centrale la perversione e la violenza macabra. L'episodio della sepoltura della bambina - dice questa associazione -



--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 4

--------------------------------------------------------------------------------

costituirebbe un sogno che dà il via ad un'avventura nello spazio. Il video è stato ritenuto dal PEGI - il sistema europeo classificatore dei videogiochi - visionabile da ultrasedicenni. Una simile valutazione, quando riguarda, come in questo caso, video di contenuto destinato a ragazzi più grandi, viene ulteriormente confermata da una agenzia esterna, la Video Standard Council, che fa un esame più approfondito delle scene e dei messaggi, anche subliminali.
Si tratta, naturalmente, di una disciplina europea concertata dagli stessi produttori e distributori e valida soltanto come indicazione per gli utenti. Il fatto che il videogioco sia ritenuto adatto agli ultrasedicenni o, in ipotesi, anche ai maggiorenni non impedisce che venga venduto a ragazzi più piccoli o, comunque, che questi ultimi ne vengano in possesso. Il nostro sistema giuridico, allo stato, può fronteggiare gli abusi e pervenire al sequestro di materiale soltanto laddove sia configurabile un'ipotesi di reato (ad esempio, l'istigazione a delinquere).
Al riguardo, ricordo che, di recente, sono state rivisitate ed aggravate le ipotesi di detenzione di materiale pornografico e di pornografia virtuale (articoli 600-ter e 600-quater del codice penale) e che è stata adeguatamente sanzionata la responsabilità penale dell'host provider, non solo nel caso della detenzione e dell'utilizzazione del materiale, ma anche nell'ipotesi in cui la divulgazione del materiale pornografico avvenga in forma virtuale, ovvero per via telematica o tramite chat.
Devo rilevare, tuttavia, che fino ad oggi il legislatore non ha mai inteso sanzionare la specifica condotta di chi produce, detiene e divulga materiali in cui i minori sono oggetto di violenza da parte di soggetti adulti o minori. Sul punto vale osservare che la maggior parte dei giochi distribuiti sul mercato è intrinsecamente connotato da molteplici aspetti di violenza. La violenza, in ipotesi, potrebbe essere vietata, almeno nei casi in cui sfoci nelle sevizie e in crudeltà efferate, non soltanto fisiche, ma anche psicologiche. In tale direzione, il Governo intende muoversi, concertando con i ministri che hanno competenza al riguardo uno studio circa la praticabilità di un controllo preventivo sull'immissione in commercio dei videogiochi, in modo che possano essere individuati e neutralizzati



--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 5

--------------------------------------------------------------------------------

quelli recanti un intollerabile contenuto di violenza. L'opera, chiaramente, deve essere preventiva e non intervenire quando gli effetti sono già stati prodotti.
Credo che sia l'intervento penale, che è indispensabile, sia l'intervento sul versante amministrativo e commerciale, attraverso il controllo sull'immissione in commercio dei videogiochi, in modo tale da evitarne la vendita e la diffusione, possano essere una forma di deterrenza. Così come è auspicabile - mi pare che qualcuno l'abbia fatto, come la neopresidente della Commissione per l'infanzia - immaginare la creazione di un'authority che stabilisca gli standard accettabili, sia sotto il profilo dei contenuti, sia sotto quello della disciplina delle modalità con cui viene attuata la vendita ai minori negli esercizi commerciali.
Ritengo che, parallelamente a tale interventi in campo nazionale, deve darsi impulso ad un'iniziativa normativa concordata in sede europea, in modo da trovare soluzioni comuni valide su tutto il territorio del continente. In tale direzione, insieme al Governo, intendo muovermi immediatamente.




--------------------------------------------------------------------------------

Pag. 6

--------------------------------------------------------------------------------


Terrò conto ora anche dei contributi che verranno - dopo l'allerta sollevata da tanti responsabili nel settore pedagogico e da tanti operatori del sistema delle comunicazioni - in maniera sapiente da parte dei gruppi parlamentari di questa Camera (Applausi dei deputati dei gruppi L'Ulivo e Popolari-Udeur).


 
 :lol:
 :cry:
ANCHE UN TANUKI PUO’ SORPRENDERE UNA TIGRE CHE DORME.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 38.766
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #80 il: 15 Nov 2006, 17:44 »
Citazione da: "Giobbi"
Chissà perché articoli su videogiochi non li fan scrivere a Ivan Fulco et similia...

Quello su Rule of Rose sulla Stampa... per problemi logistici dell'ultim'ora.
Altrimenti stavo scrivendone io. (qui ci andrebbe una faccina di qualche tipo)
TFP Yearbook - [2019] | [2020] | [2021] | [2022] | [2023]

Offline Duffman

  • TFP Service
  • Eroe
  • *****
  • Post: 13.251
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #81 il: 15 Nov 2006, 17:47 »
Duffman ci dà di nuovo dentro FORTE E CHIARO,
in direzione del problema. Ma un po' meno. OOOHHH YEAH!!!  online: DuffmanTFP

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 38.766
    • The First Place
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #82 il: 15 Nov 2006, 17:52 »
Mi pare per buona parte condivisibile il discorso di Mastella.
Si crei una Authority e si impongano sanzioni amministrative a chi vende a minori videogiochi "vietati".

Questo taglierebbe le gambe al 90% delle polemiche.
TFP Yearbook - [2019] | [2020] | [2021] | [2022] | [2023]

Offline Macca

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.570
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #83 il: 15 Nov 2006, 17:52 »
Citazione da: "Ivan F."
Citazione da: "Giobbi"
Chissà perché articoli su videogiochi non li fan scrivere a Ivan Fulco et similia...

Quello su Rule of Rose sulla Stampa... per problemi logistici dell'ultim'ora.
Altrimenti stavo scrivendone io. (qui ci andrebbe una faccina di qualche tipo)


The World's Not Set in Stone

Offline Monkey Soft

  • Recluta
  • *
  • Post: 185
    • http://www.monkeysoft.too.it
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #84 il: 15 Nov 2006, 17:57 »
Citazione da: "Duffman"
http://ps2.ign.com/articles/746/746164p1.html

Ma lol.
Bocca, ti prego, taci.


La cosa sta diventando un sproloquio di livello planetario. Sarebbe divertente se a farci brutta figura non fosse l'Italia.
b]Blog decostruttivo - Play. NaaC[/b]
 My Game Design - Evil Bob - [url=http://www.t

Offline Zel

  • Moderator
  • Reduce
  • *********
  • Post: 38.607
  • Supa Scoopa
    • It's me
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #85 il: 15 Nov 2006, 18:00 »
Citazione da: "Ivan F."
Mi pare per buona parte condivisibile il discorso di Mastella.
Si crei una Authority e si impongano sanzioni amministrative a chi vende a minori videogiochi "vietati".

Questo taglierebbe le gambe al 90% delle polemiche.


stessa cosa che ho cercato di spiegare a mia madre l' altro giorno a pranzo...
| (• ◡•)|  (❍ᴥ❍ʋ)

Offline Duffman

  • TFP Service
  • Eroe
  • *****
  • Post: 13.251
    • E-mail
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #86 il: 15 Nov 2006, 18:00 »
Citazione da: "Ivan F."
Mi pare per buona parte condivisibile il discorso di Mastella.
Si crei una Authority e si impongano sanzioni amministrative a chi vende a minori videogiochi "vietati".

Questo taglierebbe le gambe al 90% delle polemiche.


Ma infatti quando hanno proposto la cosa in America l'ho trovata sensata e condivisibile. Il punto è che in itajja sembra si voglia impostare la cosa come una approvazione preventiva sui giochi, con la conseguente possibilità che qualche incompetente (perchè diciamolo, finirà che a presiedere questa authority sarà la "faccina" postata da macca) impedisca la pubblicazione, e non solo la vendita ai minori.
Duffman ci dà di nuovo dentro FORTE E CHIARO,
in direzione del problema. Ma un po' meno. OOOHHH YEAH!!!  online: DuffmanTFP

Offline Voodoo

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.258
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #87 il: 15 Nov 2006, 19:25 »
PSN: Voo_Doo  Live: I Voodoo I   Steam: voodoozz  Battle.net: Voody#2454

Offline Il_Simon

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.567
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #88 il: 15 Nov 2006, 19:44 »
Più 10.000 punti all'ufficio stampa di DB per aver messo in piedi questo bordello. :D
Pure IGN e Gamespot!
Scommetto che hanno passato il forecast iniziale del 900%.

Ricordo che anche per Mortal Kombat Nonsoquale avevano tirato insieme un teatrino simile.

Grandi.
Forse (sicuramente?) non condivisibile, ma indubbiamente efficace.

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.628
    • Players
Re: Il videogame e l'opinione pubblica, TG e magazine
« Risposta #89 il: 15 Nov 2006, 19:51 »
Citazione da: "Ivan F."
Mi pare per buona parte condivisibile il discorso di Mastella.


Sarebbe meglio dire del ghost writer che gliel'ha preparato. Comunque ha ragione Duffman, in Italia faremmo sicuramente le cose alla cazzo e presidente dell'Autority finirebbe ad essere qualche mafioso in area centrista.

Inoltre, e anche questa mi sembra una cosa su cui riflettere, è singolare che il "mondo videogioco" non sia stato capace, in Italia, (ma forse nemmeno nel mondo) di creare alcun opinion leader credibile che possa rappresentarlo quando saltano fuori questi problemi (il primo che nomina Bittanti si consideri fucilato all'istante).
ANCHE UN TANUKI PUO’ SORPRENDERE UNA TIGRE CHE DORME.