Autore Topic: Il lavoro  (Letto 1609074 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Tetsuo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.188
Re: Il lavoro
« Risposta #19845 il: 20 Nov 2021, 16:43 »
alto turnover = azienda di incompetenti

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.310
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Il lavoro
« Risposta #19846 il: 20 Nov 2021, 20:28 »
Quasi tutte le aziende di cui sono stato dipendente. Anche adesso, ma almeno la mia situazione è parecchio migliore.

Incompetenti nel gestire il personale. Purtroppo con l'alta disoccupazione non hanno nessun incentivo a migliorare. Il risultato però è che in genere i migliori o riescono a farsi dare benefit molto maggiori o se ne vanno.
Se tu dai un pesce ad un uomo, lo avrai sfamato per un giorno. Se gli proponi di imparare a pescare, ti risponderà che sei un neoliberista
My TFP Yearbook

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 27.318
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19847 il: 20 Nov 2021, 20:35 »
Da me tutta la compagnia. Ovviamente è sparsa in tutta Europa e ci sono realtà periferiche più felici ma l’andazzo è questo. Ora pare stiamo pure cambiando strategia generale (ovvio, si cominciano a vedere i risultati sulle prenotazioni e la soddisfazione dei clienti e quindi si cambia per non tornare indietro) e ovviamente noi che ci lavoriamo non ne sappiamo nulla e lo scopriamo strada facendo (tipo l’ultima mail di promozione mandata ai clienti lascia intravedere quale sarà il nostro futuro, almeno in uk). Fatto sta che hanno fatto in modo di togliersi dalle scatole un sacco di gente coi contratti vecchi (e migliori) con la scusa della pandemia (perché licenziare mentre lo stato ti paga tutti gli stipendi dei dipendenti?), che stanno velocemente sostituendo con gente coi contratti a tempo (che da noi prima non esistevano o quasi), così li usano quando servono e poi gli dicono che li tengono in pausa per l’anno prossimo e chi vuole torna. Il tutto mentre a chi è rimasto viene complicata la permanenza (e infatti molti stanno lasciando).
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.771
Re: Il lavoro
« Risposta #19848 il: 22 Nov 2021, 08:14 »
Fatto sta che hanno fatto in modo di togliersi dalle scatole un sacco di gente coi contratti vecchi (e migliori) con la scusa della pandemia (perché licenziare mentre lo stato ti paga tutti gli stipendi dei dipendenti?),
Scusa @peppebi , ma licenziati così, senza motivo?

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 27.318
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19849 il: 22 Nov 2021, 09:50 »
Hanno fatto una cosa becera, aiutati dai sindacati. In pratica hanno annunciato tagli al personale (perchè? Gli stipendi li stava già pagando il governo) e hanno usato come criterio di scelta le assenze per malattia ed eventuali richiami per altri motivi. Cosa gravissima che la legge vieta. Ma, d'accordo coi sindacati, sono riusciti ad aggirare la legge perchè non era motivo di licenziamento ma di minaccia di licenziamento. Quelli interessati sono stati chiamati per un colloquio individuale, sono stati informati di essere a rischio licenziamento e posti di fronti alla scelta di andarsene con un bonus (il doppio della buonuscita, comunque bassa qui in UK perchè basata sullo stipendio di una singola settimana per anno, mentre da noi è un mese) e con la possibilità di avere un canale privilegiato nelle future assunzioni oppure di dare la disponibilità ad essere inviati in altre basi UK, oppure di non fare niente ma rischiando il posto. Hanno accettato quasi tutti, specialmente quelli che lavorano qui da tanti anni.
Due mesi dopo sono tornati a riassumere coi contratti stagionali ma solo qualcuno dei vecchi è tornato; il resto tutta gente nuova o di altre aziende fallite. Ditemi voi se sta cosa è lecita e la parte più bella è che poi gli stessi sindacati complici fanno le campagne contro i licenziamenti per poi riassumere (eh ma da noi non hanno licenziato: li hanno invitati ad andare via).
Tra un mese a sta gente finirà il contratto ma è già pronta la nuova infornata di stagionali che comincerà a febbraio/marzo.
E vabbè così risparmiano dirà qualcuno. Il problema è che, fiutato l'andazzo, sono in pochi quelli con qualche esperienza che decidono di lavorare per noi, quindi arriva tutta gente nuova, senza o con pochissima esperienza, disposta a farsi il culo per un pezzo di pane. In pratica stiamo diventando come la famosa compagnia low cost prima dello sciopero dei piloti di qualche anno fa che portò qualche miglioramento. Tutto questo nell'ottica dell'azienda di non essere più una low cost con una marcia in più ma un'azienda che fa concorrenza alle compagnie di bandiera con prezzi più bassi.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.771
Re: Il lavoro
« Risposta #19850 il: 22 Nov 2021, 10:27 »
Minchia, in una fase emergenziale pandemica, puoi permetterti di usare le assenze per malattia come criterio di minaccia di licenziamento? :o
Non per infilare il complottismo ovunque, ma quando qualcuno dice che si usi la pandemia per ristrutturare certi assetti, magari non è a livello mondiale e organizzato, ma se ognuno fa la sua parte, sindacati compresi :scared:
A nessuno è venuto in mente di fare vertenze o denunce, cioè tutti hanno accettato il "ricatto" della compagnia senza fiatare, che ti risulti?

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 27.318
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19851 il: 22 Nov 2021, 11:33 »
Che io sappia nessuno ha fatto nulla. Per gli inglesi prendersi quei soldi extra è stato un ottimo incentivo. Chi voleva rientrare lo hai poi fatto mentre gli altri hanno trovato altri lavori. Sono successe cose assurde in aviazione in questo periodo e altre aziende hanno fatto molto peggio: una molto famosa del medio oriente un bel giorno ha fatto un meeting con tutti i dipendenti della base e li ha fatti dividere in due gruppi e poi ha detto loro "voi siete salvi, gli altri licenziati". Oppure Norwegian che non ha fatto sapere nulla per mesi ai dipendenti e poi un bel giorno ha mandato la lettera chiudendo tutte le basi europee tranne quelle in Norvegia (perchè ha preso soldi dal governo per tenerle aperte).
Alla fine quella che ha agito meglio è stata proprio quella low cost più famosa: ha tenuto i voli fin quando ha potuto, ha ripreso a volare subito limitando i tagli ai voli e ai dipendenti ha tagliato solo lo stipendio (del 7% mi pare) con la parte tagliata che verrà restituita nel 2023. Hanno sempre lavorato mentre noi stavamo a casa in cassa integrazione e i voli venivano tagliati (e purtroppo molte tratte sono saltate del tutto, tipo quelle per la puglia).
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Wis

  • Highlander
  • *********
  • Post: 61.077
  • Mellifluosly Cool
Il lavoro
« Risposta #19852 il: 22 Nov 2021, 11:57 »
Non per infilare il complottismo ovunque, ma quando qualcuno dice che si usi la pandemia per ristrutturare certi assetti, magari non è a livello mondiale e organizzato, ma se ognuno fa la sua parte, sindacati compresi :scared:
Non è questo il thread per discuterne, ovviamente, ma mi sembra evidente che molte aziende abbiano sfruttato il pretesto della pandemia per fare cose orribili.
Ma l’hanno fatto ad ogni livello ed è una conseguenza, non l’obiettivo.

Offline Xibal

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.771
Re: Il lavoro
« Risposta #19853 il: 22 Nov 2021, 12:55 »
Non per infilare il complottismo ovunque, ma quando qualcuno dice che si usi la pandemia per ristrutturare certi assetti, magari non è a livello mondiale e organizzato, ma se ognuno fa la sua parte, sindacati compresi :scared:
Non è questo il thread per discuterne, ovviamente, ma mi sembra evidente che molte aziende abbiano sfruttato il pretesto della pandemia per fare cose orribili.
Ma l’hanno fatto ad ogni livello ed è una conseguenza, non l’obiettivo.
L' idea è che non sia stata una improvvisazione, nel senso che ogni pretesto sarebbe stato buono per farlo, proprio perchè, evidentemente, a monte ci sono già tutti i motivi e la volontà di farlo, mancava, appunto, solo il pretesto.
Quando l'azienda ha il supporto dei sindacati, per inculare il lavoratore, e non è una novità, significa che il problema è strutturato ed organizzato, non certo un colpo di mano, che avrebbe dovuto, al contrario, subìre la resistenza del sindacato (almeno in teoria, ovviamente)...

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 27.318
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19854 il: 22 Nov 2021, 13:23 »
Da me avevano già un piano pronto poi non attuato perchè abbiamo protestato e lo stato ha attivato la cassa integrazione. Era troppo articolato per non pensare che abbiano preso tutto quello che da tempo sperano di fare e lo abbiano confezionato sfruttando l'occasione. Peccato che, uno alla volta, stiano riproponendo e attuando tutti i punti di quel piano.
Mi viene da bestemmiare pesante.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT