TFP Forum

[T]alk => Media => Topic aperto da: Jello Biafra - 15 Set 2021, 15:26

Titolo: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 15 Set 2021, 15:26
Su spinta e sollecitazione del buon @chirux apro un topiccone appositamente dedicato al genere nelle sue declinazioni più moderne: dalla Techno al Drum'n Bass passando per tutto lo scibile House ma anche i fermenti più recenti: Juke, Dubstep, ecc...

Memorie, testimonianze, analisi, considerazioni ma soprattutto TRACCE!

Inizio io con una bomba atomica appena sganciata, uscita poche settimane fa sulla mitologica Teklife di Chicago ad opera del mitico DJ Deeon, pezzo da novanta della scena Ghetto della Citta del Vento, attivo sin dai primi novanta sul Dance Mania e fra i più importanti attori della transizione Ghetto House-->Techno-->Ghettotech-->Juke\Footwork e che ora ritorna su sonorità più Techno con un EP intitolato Destiny che è clamoroso, tutto scintillanti melodie elettroniche e ritmiche schiacciasassi.

Lo trovate tutto su bandcamp in streaming:

TFP Link :: https://teklife.bandcamp.com/album/destiny

LIVING THAT TEKLIFE!
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 15 Set 2021, 16:47
Ottimo!!  ;D

Ognuno si può costruire la sua raccolta, con Jello da apripista, guida e suggeritore.

Recupero qualcosa di già postato altrove:

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=3054.msg2683569#msg2683569

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=3054.msg2684100#msg2684100

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=3054.msg2684569#msg2684569

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=3054.msg2684607#msg2684607

https://youtu.be/EE-Un6K4Uvg

https://youtu.be/8MF-iZ3PS1Y

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=25890.msg2667104#msg2667104
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 15 Set 2021, 17:17
 Armand van helden , autore house abbastanza conosciuto grazie alla sua diffusione in radio e discoteche.
Per iniziare a riscoprirlo:

https://youtu.be/O4DsREmQRJI

https://youtu.be/rY6uRh_FS5Q
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 15 Set 2021, 17:40
Questa, di Jaydee olandese di musica house, mi rovinava:

TFP Link :: https://youtu.be/UwPKi1H8t9M 
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 15 Set 2021, 17:52
E vabbe', grazie al ca**o, tirare fuori un assoluto capolavoro come Plastic dreams non vale, è come citare "Kind of blue" quando si parla di jazz!  :D

Io recentemente sto ascoltando molto l'ultimo album di Roisin Murphy (ex cantante dei Moloko) "Roisin Machine": non è forse nulla di particolarmente innovativo ma è una buona house con qualche influenza disco '70, ottimamente prodotta e molto piacevole.
https://www.youtube.com/watch?v=k5D2K889XBc&list=PLowJYGn6rWFRZISl4_ifgD6LA_HYUTTyB (https://www.youtube.com/watch?v=k5D2K889XBc&list=PLowJYGn6rWFRZISl4_ifgD6LA_HYUTTyB).
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 15 Set 2021, 20:07
E vabbe', grazie al ca**o, tirare fuori un assoluto capolavoro come Plastic dreams non vale, è come citare "Kind of blue" quando si parla di jazz!  :D

Io recentemente sto ascoltando molto l'ultimo album di Roisin Murphy (ex cantante dei Moloko) "Roisin Machine": non è forse nulla di particolarmente innovativo ma è una buona house con qualche influenza disco '70, ottimamente prodotta e molto piacevole.
https://www.youtube.com/watch?v=k5D2K889XBc&list=PLowJYGn6rWFRZISl4_ifgD6LA_HYUTTyB (https://www.youtube.com/watch?v=k5D2K889XBc&list=PLowJYGn6rWFRZISl4_ifgD6LA_HYUTTyB).

Caro @nodisco se mi citi Roisin Murphy non posso che tirare fuori IL pezzo dei Moloko, Sing It Back ma nel leggendario Boris Dlugosch Musical Mix, dieci minuti di Garage House Nirvana da stato dell'arte del genere.

https://www.youtube.com/watch?v=q-ZQbWQqZuA (https://www.youtube.com/watch?v=q-ZQbWQqZuA)

Cmq, come dicevo, questo è anche un topic di esperienze e testimonianze.

Parto io con tre momenti per me fondanti in quanto coronamento del mio percorso di avvicinamento alla DANCE.

Estate 2011, Red Zone di Perugia, FRANCOIS KEVORKIAN
E' il primo nome importante che ho modo di ascoltare, emozione ed aspettative al massimo e FK non delude: un diluvio di House, Funk, Soul, persino l'occasionale asprezza Techno il tutto organizzato in quel magma profondissimo e Dubby tipico del suo stile. Narrazione sonora totale. Esperienza totalizzante.

Primavera 2012, Red Zone di Perugia, guest star DERRICK MAY in persona.
Il mitologico fa un set splendido, in bilico fra passato (tante le chicche, soprattutto Deep e Underground) presente e phuturo, in un visionario, trascendente, flusso sonoro pieno di Soul e latinità. Rapimento estatico totale, quando, in mezzo al nulla, spunta fuori pure Acid Trax dei Phuture mixata ad Ananda Project (!!!) è tipo l'alpha e l'omega.

Inverno 2013, sempre Red Zone, stavolta c'è LITTLE LOUIE VEGA, nientemeno.
Come per Kevorkian, aspettative altissime e sicuramente il set è stato eccellente ma, non so, ne conservo un ricordo di amaro in bocca, come se fosse tutto troppo perfetto, tutto molto convenzionale, Vega sciorina Garage, Soul, Deep in un mix da stato dell'arte, con tanto mestiere ma mi manca il guizzo, mi manca la narrazione, che per me è il cuore di ogni DJ set che si rispetti.

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 15 Set 2021, 20:13
Sposto dal topic sulla FAX, dove era OT, a questo:

Citazione
Posso chiudere Muta con la sesta traccia  :o
Passo a te un eventuale commento tecnico.

https://youtu.be/EE-Un6K4Uvg

E' quello che intendevo quando parlavo di spiriti degli antichi romani che osservano distaccati ed impassibili un Rave nelle catacombe sotto i sette colli.  :yes:

Cmq Muta è il picco di tutta la Techno italiana ed uno dei vertici della Techno mondiale. Su ACV ci sono tanti altri dischi bellissimi ma mai quanto lui.

Il suo contraltare è il monolite Antisystem di Lory D.

Lory D è l'altro grande fuoriclasse della scena, se Leo è più diretto e centrato, più accessibile, Lory è più visionario ed anarchico, fonda la Sounds Never Seen (omaggiata da Aphex Twin con l'omonima raccolta su Rephelx nel 2003) dove apre un entusiasmante cantiere di sperimentazioni fra Techno, Electro, broken beat post-industriale, squarci Ambient e, su tutto, quell'atmosfera tenebrosa, nera come la pece, orrorifica e psicotica che rese grande la Techno sotto i sette colli.

Nel 1993 la BMG tentando di fare il colpaccio lo mette sotto contratto.

Solo che Lory non è uno dei tanti produttori artigianali che facevano dischi come in catena di montaggio e partorisce un buco nero inclassificabile come Antisystem.

Un mostro Techno freeform dove sperimentazioni estreme su suoni e strutture vengono prese a calci da casse gabba o da ritmiche post-electro destrutturate sino a renderle irriconoscibili, correnti ambientali neo classiche si alternano ad assalti rumoristi a loro volta alternati ad esperimenti musicali radicali registrati nel 1992 al festival di musica verticale nell'aula magna de La Sapienza (con la soprano Barbara Lazotti, il flautista Paolo Zampini, il clarinettista Paolo Ravaglia ed il violoncellista Luca Peverini). Un disco incredibile che è un monumento dell'elettronica tutta, realizzato con il contributo di altri mostri sacri della scena romana come Andrea Benedetti ed Eugenio Vatta.

Peccato sia introvabile a prezzi decenti (la BMG ovviamente non seppe che farsene, credeva di avere il solito disco Dance pronto da vendere e si ritrovò in mano questa creatura deforme e tentacolare e non lo promosse, ne distribuì poche copie e ovviamente non lo ha mai ristampato), ma su You Tube qualcuno lo ha messo per intero:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=9BRVkrFYxis

Qui qualche retroscena sulla sua realizzazione: https://www.electronique.it/greatest-pills/2423-antisystem-lory-d (https://www.electronique.it/greatest-pills/2423-antisystem-lory-d)

Qualche altro titolo Techno da Roma:

1)Freddy K - Rage of Age
2)Riccardo Rocchi - It's Just a Meltin Pot of Emotions
3)Sandro Galli - Spectrum
4)Monomorph - Alternative Fluid
5)Marco Passarani - 22nd Century

Citazione
Sicuramente sarò OT, ma guarda cosa ha tirato fuori il Leo italico; un mix house/ambiente?

https://youtu.be/8MF-iZ3PS1Y

Altra chicca assoluta, Deep House sulla scia di Larry Heard dalla fase in cui l'Italia guidava il genere (con Sueno Latino, Don Carlos, ecc...).

Un Leo che ad appena 18 anni tira fuori una roba del genere.

Vi lascio una chicca: Leo e Lory ospiti a L'istruttoria di Giuliano Ferrara:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=lhzmJYQKNyU
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 15 Set 2021, 21:39
Armand van helden , autore house abbastanza conosciuto grazie alla sua diffusione in radio e discoteche.
Per iniziare a riscoprirlo:

https://youtu.be/O4DsREmQRJI

https://youtu.be/rY6uRh_FS5Q

Il MIO Van Helden è questa colossale bomba atomica qua: Break Night, uscita nel 1995 a nome The Mole People. Cassa sul jack tribale e possente, basso da profondità oceaniche e, soprattutto, QUEL riff di tastiera, una roba che travolge tutto, che divora tutto, che, realmente, fa ciò che il titolo promette, e rompe la notte.

https://www.youtube.com/watch?v=qvvpvU9b4rM (https://www.youtube.com/watch?v=qvvpvU9b4rM)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 16 Set 2021, 13:23
Metto subito le carte in tavola per le mie esperienze: semplicemente poco o niente; dove vivo non c'è quasi mai stata la voglia di osare, andare oltre una musica commerciale che voleva riempire le discoteche; ogni tanto qualche DJ ci provava a portare un ascolto più ricercato, ma non durava molto. Avrei dovuto andare, da solo, in altre città, ma non me la sentivo, pur avendone il desiderio.
Al mare, in Riviera romagnola, in vacanza, sarei potuto andare al Cocoricò, ma passare la maggior parte del tempo a schivare pasticche, spintoni, mi fecero desistere.
Le conoscenze(poche) musicali me le sono andato a cercare da solo, in particolare con le mitiche cassettine di amici DJ.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 16 Set 2021, 13:55
Caro chirux ti capisco benissimo vivendo anche io in piena profondissima provincia (meccanica).

Ecco perché, dopo le esperienze al mitico Cyborg di Attigliano quando ero pischelletto (seconda metà anni '90, all'epoca senza rendermene conto, adesso col senno di poi ho scoperto che in quegli anni era un posto mostruosamente fico) ho dovuto aspettare la senilità e maggiori possibilità di spostamento\economiche così ho avuto la fortuna di vivere gli ultimi anni del mitico Red Zone di Perugia (che sta ad un'oretta o poco più da dove vivo) dove appunto ho visto i set di cui parlavo ma anche Kevin Saunderson!
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 16 Set 2021, 18:24
Io invece ho la fortuna di abitare in Romagna e le discoteche della riviera le ho frequentate con una certa regolarità fin dalla fine degli anni '80, in primis il Cocoricò dove suonavo anch'io (in genere facevo chill-out in uno dei privée ma ogni tanto anche techno in sala grande sotto la piramide, bei tempi).

Quindi insomma, di DJ ne ho sentiti parecchi, ma la serata che forse mi è rimasta più nel cuore è quella di Sven Väth all'ECU di Rimini nell'estate 1994, quando suonò della techno-trance tendente alla Goa (ricordo molti 12" della Dragonfly, la label fondata da Youth aka Martin Glover, bassista dei Killing Joke).
In una sala Sven, in un'altra il compianto Ricci, ed in giro per il locale c'erano anche Maurizio e Christina dei Krisma.
Ed era una serata "normale", non chissà quale evento particolare.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 16 Set 2021, 20:48
Io invece ho la fortuna di abitare in Romagna e le discoteche della riviera le ho frequentate con una certa regolarità fin dalla fine degli anni '80, in primis il Cocoricò dove suonavo anch'io (in genere facevo chill-out in uno dei privée ma ogni tanto anche techno in sala grande sotto la piramide, bei tempi).

Quindi insomma, di DJ ne ho sentiti parecchi, ma la serata che forse mi è rimasta più nel cuore è quella di Sven Väth all'ECU di Rimini nell'estate 1994, quando suonò della techno-trance tendente alla Goa (ricordo molti 12" della Dragonfly, la label fondata da Youth aka Martin Glover, bassista dei Killing Joke).
In una sala Sven, in un'altra il compianto Ricci, ed in giro per il locale c'erano anche Maurizio e Christina dei Krisma.
Ed era una serata "normale", non chissà quale evento particolare.

Invidia.

E grandissimi Chrisma\Krisma.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Freshlem - 16 Set 2021, 20:59
Io ci venivo spesso a Riccione.
Con i miei amici si andava a determinato locale in base a chi suonava.
Erano la fine degli anni 90 e l'inizio del 2000.
Ai tempi, di italiani, mi piaceva un sacco MBG.
E le corse a comprare le cassette dai vari DJ.
Da Jesolo (Musikò, Muretto), a Desenzano (Mazoom), passando per Bologna (Kinki, Matis) e appunto giu' fino a Riccione.
Bello sapere che ci saremmo anche potuti inconsapevolmente incrociare.

La figata è che con i miei amici non si guidava mai indietro dopo aver fatto serata.
Avevamo le nostre pensioni di fiducia dove andare.
Da qualche parte vicino a Rimini c'era la fantomatica "Da Renzo e Lucia".

Mi ricordo che una volta al Kinki vennero i Depeche Mode dopo aver finito il concerto (a Bologna, appunto).
Quanti ricordi.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 17 Set 2021, 14:45
Dopo il post di @nodisco mi Chino mestamente....
Aver fatto il Di al Cocco non sarà stato male per le esperienze musicali.

Qui da me, la più grande esperienza musicale con ospite un DJ fu quella di........ Molella e Fargetta ??? Rispetto, ma poco più che commerciali, secondo me; e giusto "orecchiabili" I loro dischi.

Infine, un autore che mi sono promesso di approfondire è il mitico Sven Vath.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Set 2021, 17:43
Infine, un autore che mi sono promesso di approfondire è il mitico Sven Vath.

Del leggendario consiglio allora lo splendido The Art of Dance a nome Barbarella (fatto assieme a Ralf Hindenbeutel), praticamente l'atto di fondazione della Trance senza i suoi stereotipi ed con le radici ben salde dentro Techno e House. Ispirato ironicamente all'omonimo film di fantascienza degli anni '60 di Roger Vadim con Jane Fonda (da cui provengono svariati campionamenti) è un ludico e divertito viaggio verso la luccicanza Trance prima che questa venisse formalizzata e resa canone.

Le ritmiche non sono ancora super veloci, il lato lisergico è ben presente ma non ancora preponderante, i suoni sono curatissimi nella loro artigianalità e le tracce funzionano tutte a meraviglia, con le loro melodie estatiche, il loro ingenuo romanticismo e le loro avvolgenti correnti elettroniche.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=K4LakGDZAXk&list=PLTutSz7Eu_Bk--aptAUZ0_1Lhrt1PchL_

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=lzlI0fN1KWM&list=PLTutSz7Eu_Bk--aptAUZ0_1Lhrt1PchL_&index=7

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 17 Set 2021, 22:24
Mi fa piacere vedere citato "Barbarella - The art of trance" perché è un ottimo album ma purtroppo raramente ricordato, come dici tu è un perfetto esempio della techno-trance '90 prima delle eccessive influenze goa-psichedeliche (che pure apprezzo molto), e secondo me gran parte del merito va ad Hildenbeutel che all'epoca produsse tantissima roba, da Cygnus-X a Earth Nation a tanti altri.

Una piccola considerazione personale:
per quella che è la mia esperienza, quasi MAI un bravo DJ è anche un bravo produttore musicale, e viceversa. Non saprei dare una spiegazione tecnica alla cosa, ma uno o è un bravo DJ, o è un bravo musicista/produttore: le due cose insieme, no.

Sven Väth è probabilmente il DJ che ho apprezzato ed apprezzo tuttora di più, mi piacciono le sue scelte musicali, mi piace il modo in cui mixa e nelle sue serate non mi sono mai annoiato.
I suoi dischi come autore, però, IMHO non sono granché, e se invece sono piacevoli (come appunto "Barbarella") penso che il merito sia dei musicisti e produttori ai quali si affida, come Hildenbeutel o altri.

Analogamente, quando un bravo musicista/produttore decide di mettersi a fare il DJ la delusione è quasi sempre dietro l'angolo: vuoi per scarsa padronanza tecnica, vuoi per la scarsa esperienza o altro, assistere a serate di questo tipo mi ha sempre lasciato l'amaro in bocca.

Poi alcune eccezioni ci sono, naturalmente: il primo che mi viene in mente è Richie Hawtin che nel suo genere è tanto bravo come DJ che come produttore.
Però in linea di massima apprezzo di più i DJ che fanno solo i DJ, ed i musicisti che si limitano a produrre la loro musica.
Il connubio ideale era quello dei Datura, che nei primi '90 l'avevano già capito: due musicisti (Ciro Pagano e Stefano Mazzavillani) e due DJ (Ricci e Cirillo).
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 18 Set 2021, 11:26
Aver fatto il Di al Cocco non sarà stato male per le esperienze musicali.
Sì, devo dire che in tutti quegli anni ho avuto modo di ascoltare ed apprezzare tantissimi generi e stili musicali, sia nell'ambito dance "standard" con i vari filoni house, techno, trance, ecc. che soprattutto in quello "sperimentale" grazie al DJ fiorentino David Love Calò che per me rimarrà sempre il numero uno, è stato lui a farmi conoscere Aphex Twin, i Boards of Canada, Max Tundra, Squarepusher, i Gentle People e decine di altri artisti allora poco conosciuti. Suonava (anzi, faceva il "mettitore di dischi", come diceva lui) nel Morphine, il privé più "alternativo" del Cocoricò, assieme alla cantante NicoNote (aka Nicoletta Magalotti dei Violet Eves).
Era un luogo di cultura a tutto tondo, non solo musicale.

btw, sto divagando: per rientrare IT segnalo uno dei miei pezzi preferiti dell'epoca, "Children at play" di Max Tundra, su etichetta WARP
https://www.youtube.com/watch?v=zt8570U0-gA (https://www.youtube.com/watch?v=zt8570U0-gA) 
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 18 Set 2021, 16:46
Miiiinnnchia, nodisco, un pozzo senza fondo di esperienze dirette!!  :o

Se dovessi fare una scrematura musicale, chi sarebbero i tuoi Top artisti produttori?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 19 Set 2021, 14:19
Piccola parentesi Italiana che ricordo con discreto piacere perché si distinguevano dalla marea uguale della dance nostrana che definisco "commerciale", grazie ad un mix di suoni particolare.

Sono Christian Hornbostel e Sasha Marvin, i Virtualmismo.
I brani:
https://youtu.be/GNVTSHeImOg
https://youtu.be/0FRbzYTwqu4
https://youtu.be/aMqX80CXydM

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 19 Set 2021, 16:03
 "Barbarella - The art of trance".

Confermo il delizioso Album, che si distacca dallo Sven che ho conosciuto io: più duro, con quella techo fortemente spinta da Bassi e velocità. Invece con  "Barbarella - The art of trance" riesce a farsi sempre ascoltare, sia per ballare che ascoltare, miscelando suoni con armonia.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 20 Set 2021, 18:47
Caro @chirux allora sei pronto per LA BOMBA. Sven è ancora agli inizi della sua missione Trance,qui lo aiuta A.C. Boutsen, che poi diventerà famoso come Cygnus X (sua è la leggendaria The Orange Theme) ed insieme fanno uno dei grandi prototipi della Trance: cassa felina e velocissima, estatici vibrati elettronici, ostinato covante e quelle chitarre psichedeliche da infinito panorama aereo.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=d146LKl2ixU
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 20 Set 2021, 20:27
Una piccola considerazione personale:
per quella che è la mia esperienza, quasi MAI un bravo DJ è anche un bravo produttore musicale, e viceversa. Non saprei dare una spiegazione tecnica alla cosa, ma uno o è un bravo DJ, o è un bravo musicista/produttore: le due cose insieme, no.

Non so, non sono troppo d'accordo. Per lo meno non sempre. E cito come esempio Derrick Carter (ma anche Derrick May, che citavo prima)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 21 Set 2021, 12:00
Una piccola considerazione personale:
per quella che è la mia esperienza, quasi MAI un bravo DJ è anche un bravo produttore musicale, e viceversa. Non saprei dare una spiegazione tecnica alla cosa, ma uno o è un bravo DJ, o è un bravo musicista/produttore: le due cose insieme, no.

Non so, non sono troppo d'accordo. Per lo meno non sempre. E cito come esempio Derrick Carter (ma anche Derrick May, che citavo prima)
Le eccezioni ci sono eccome (penso anche al compianto Andrew Weatherall) ma mi è capitato diverse volte di assistere a DJ-set di artisti che avevano fatto qualche bel disco come musicisti/produttori e di rimanere deluso ascoltando delle scalette palesemente costruite e preparate a priori: per me un DJ bravo è uno che riesce a capire il proprio pubblico ed allo stesso tempo a coinvolgerlo nella sua personale scelta della musica, spesso improvvisando e tirando fuori dischi inaspettati. Gente come Ralf, Montanari, Coccoluto, Flavio Vecchi, Zappalà e tanti altri, anche solo restando nell'ambito italiano.

Quando invece un DJ decide di creare e comporre da solo delle canzoni proprie (attenzione: non di remixare pezzi altrui, quello è un altro discorso) c'è il rischio che ne esca fuori qualcosa di banale e poco interessante; ora come ora non mi vengono in mente esempi da citare ma anche in questo caso ricordo di esser stato deluso dagli ascolti di dischi usciti a nome di DJ famosi. Ovviamente ci sono eccezioni anche in questo senso (Villalobos o Ellen Allien, i primi due che mi vengono in mente).

Non so, ho sempre avuto l'impressione che un bravo DJ "veda" la musica in maniera diversa da un bravo musicista/produttore, e le due visioni siano difficilmente conciliabili.

(nota: scrivo sempre "musicista/produttore" perché specialmente nell'ambito della musica elettronica il "produttore" è quello che materialmente "costruisce" la canzone con computer, synths, sequencers e quant'altro, quindi è quello che ha le necessarie competenze tecniche e musicali; è una figura leggermente diversa dal "produttore" in ambito rock/pop/jazz)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 21 Set 2021, 12:18
Se dovessi fare una scrematura musicale, chi sarebbero i tuoi Top artisti produttori?
Non è una domanda facile, ci sono molti che hanno fatto musica grandiosa per un certo periodo e poi si sono un po' "infossati" replicando sempre le stesse formule o impantandosi in generi un po' sterili (penso ai pur bravissimi Chemical Brothers, ai Juno Reactor o ai flippatissimi Future Sound Of London, per esempio), oppure altri che hanno pubblicato due-tre cose incredibili e poi sono spariti.

Fra quelli che IMHO hanno avuto una buona evoluzione, fra relativi alti e bassi ma sempre in maniera dignitosa metterei sicuramente gli Underworld, che ogni tanto sfornano ancora qualche perla come l'EP con Iggy Pop di 2-3 anni fa.

Fra quelli che invece sono spariti direi Detlef Hastik e Ralph Fritsch, che hanno pubblicato sia come Komakino che con altri nomi: la loro "Outface (G-60 mix)" è uno splendido esempio della prima trance/breakbeat frizzante e libera da schemi. Hanno prodotto anche la storica "Sunbeam - Outside world".

Poi citerei il francese Emmanuel Top, con le sue immortali "Acid phase" e "Turkish bazar", e passando invece alla techno hard-core impossibile non citare Marc Trauner aka Marc Acardipane, autore di decine di brani con altrettanti pseudonimi.

Mi fermo ma ce ne sarebbero tanti altri, in effetti faccio fatica a limitare la scelta.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 21 Set 2021, 15:17
Ecco bravo nodisco che mi cita Marc Acardipane. All'anagrafe Marc Trauner, per me è uno dei più grandi produttori Techno di sempre.

Ovviamente è un produttore molto prolifico e che sa navigare bene il mercato, con decine di tracce e progetti nell'ambito Hardcore e Gabber moltissimi dei quali di natura "alimentare". Ma quando si toglie i panni dell'imprenditore e si mette quelli dell'artista non ce n'è per nessuno.

Il suo regno si chiama The Mover, due album (di cui uno su Tresor nel 2002) e un pugno di 12" letteralmente storici.

Si parte con l'inno, la leggendaria We Have Arrived a nome Mesclinum United dove di fatto inventa l'Hardcore estremizzando cupezza, durezza e rumorismo in nuce nella Techno europea senza per altro violarne i confini: https://www.youtube.com/watch?v=BL5xh-wt3Vc (https://www.youtube.com/watch?v=BL5xh-wt3Vc).

Un brano ancora oggi pazzesco, fra industrial, noise e techno, quella cassa a bombarda, quei synth impazziti che sono puro acido solforico, quei piatti frastornanti che ti schiaffeggiano e, sul finale, il fischio di quel razzo in partenza verso l'ignoto sono un concentrato di violentissimo, dionisiaco abbandono che davvero non ci si crede.

Altre chicche Acardipaniane sono i corrosivi schizzi Acid in trielina fra rumori spettrali e spaziali di Over Land and Sea: https://www.youtube.com/watch?v=oq97NQJ3YZ4 (https://www.youtube.com/watch?v=oq97NQJ3YZ4)

Il militaresco, debordante, metallico, grottesco passo di The Empereor Takes Place https://www.youtube.com/watch?v=dpTMIdTHcZc (https://www.youtube.com/watch?v=dpTMIdTHcZc)

Lo scheletrico, gelido terrorismo di Deep Down and Cold https://www.youtube.com/watch?v=i0xAd7hyxMQ (https://www.youtube.com/watch?v=i0xAd7hyxMQ)

I paesaggi plumbei e devastati descritti da Into Wasteland... https://www.youtube.com/watch?v=6zXDYklq8v8 (https://www.youtube.com/watch?v=6zXDYklq8v8)

...e quelli gelidi e mortiferi di Astral Demons: https://www.youtube.com/watch?v=cWVNHqebiQU (https://www.youtube.com/watch?v=cWVNHqebiQU)

La travolgente e terrificante Invite the Fear on quell'ostinato che spacca tutto: https://www.youtube.com/watch?v=cRY7mL89udY (https://www.youtube.com/watch?v=cRY7mL89udY)

Addirittura il ribollente nucleo Electro ricostruito a suon di breakbeat industriali di The Final Sickness: https://www.youtube.com/watch?v=Q3SZeexFYhM (https://www.youtube.com/watch?v=Q3SZeexFYhM)

Per me è un culto totale ed assoluto.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 21 Set 2021, 15:37
Jello, ci sei andato bello leggeri con Acardipane. Aveva ragione nodisco affermando la sua musica "hardcore impossibile"; personalmente la reggo a fatica, a volte neppure a vent'anni  :)

Tornando al nostro Sven Vath mi son fatto un altro giretto di ascolti e non riesce a darmi quella meraviglia di suoni che un talento riesce a dare, magari anche facendo dei brani sottotono (Anibaldi??  ;)) .
Poi mi frulla per la testa un suo brano che molti molti anni fa avevo ascoltato in una cassetta mixata in vendita dal titolo, mi pare, " Cocoricò " o che ci fosse il nome della discoteca romagnola.

Comunque un topic bello vario e dalle infinite espansioni.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 21 Set 2021, 17:07
Jello, ci sei andato bello leggeri non con Acardipane. Aveva ragione nodisco affermando la sua musica "hardcore impossibile"; personalmente la reggo a fatica, a volte neppure a vent'anni  :)
:D le tracce che ti ha indicato Jello non sono nemmeno fra la più pesanti, quelle che preferisco io sono questa:
https://www.youtube.com/watch?v=A-cz2Ww7OwE (https://www.youtube.com/watch?v=A-cz2Ww7OwE)
e soprattutto questa con "My way" cantata da Sid Vicious all'inizio, che Ricci metteva spessissimo
https://www.youtube.com/watch?v=ypQnMomudIM (https://www.youtube.com/watch?v=ypQnMomudIM)
uno dei pezzi hardcore più "cattivi" di quegli anni.

Sempre su questo genere sono storiche anche "100% Acidiferous - Tank" https://www.youtube.com/watch?v=i0NUMH6pLIU (https://www.youtube.com/watch?v=i0NUMH6pLIU)
"Hocus Pocus - Here's Johnny" https://www.youtube.com/watch?v=WnDjMWnBweg (https://www.youtube.com/watch?v=WnDjMWnBweg)
e la semplice ma efficace, ignorante e potentissima "Fuckin' Hostile" di Lenny Dee: https://www.youtube.com/watch?v=7TbkLjcsClI (https://www.youtube.com/watch?v=7TbkLjcsClI)

Ascoltarle sull'impianto del Cocoricò, con quei volumi e quella potenza sonora, era un'esperienza mistica.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 21 Set 2021, 17:35
Eh, come dicevo io mi sono tenuto sul versante più puramente Techno del nostro, lì si va sull'hardcore spinto!

Allora non ci si può esimere, visti che citi Lenny Dee, dal ricordare la mitologia Industrial Strentgh, di cui c'è una bellissima raccolta (e ce ne è anche un'altra che è uscita addirittura su Earache, che era l'etichetta di Metal estremo per eccellenza, quella di Carcass, Napalm Death, ecc... a disegnare punti di incontro insospettati ma molto plausibili a sentir bene quelle musiche).

Purtroppo non trovo la prima raccolta su You Tube (che si chiama Industrial Strenght) ma per fortuna c'è la seconda, quella su Earache, che si chiama Industrial Fucking Strenght (ma le scalette sono simili, si aprono entrambe con We Have Arrived e non poteva essere altrimenti):

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=r47I4_BlXII&list=PLGjvfOBh_slVzAAYoCofKas9BSdpbk1Ml

Ah, su IS c'erano anche i mitici Amiga Trax (o Amega Trax, a seconda) che si chiamavano così perché usavano un Amiga 500 col Pro Tracker per fare i brani:

https://www.youtube.com/watch?v=qxseiH6KRc0 (https://www.youtube.com/watch?v=qxseiH6KRc0)

Quello dell'Hardcore o del Gabba è un mondo a parte, a me piace alle origini quando quel misto letale e micidiale, estremo e devastante fra Techno e Industrial non aveva ancora assunto i connotati circensi che tuttora conserva.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 21 Set 2021, 18:32
Appena ho letto ""Hocus Pocus - Here's Johnny" mi sono fondato ad ascoltarla, vecchi bei ricordi. Ma non era quella e nel mentre passa mia madre e mi guarda con un "ma ti sei rincoglionito???!!!  :scared: :D
In realtà quella che ricordavo io era questa, un pò più accessibile:

https://youtu.be/7ihfEkkhU_c
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 21 Set 2021, 18:42
LOL!  :D

Sì, "bau-ci-bau" era sempre loro ma più innocua, un po' sciocchina e allegrotta.

Io ricordo che mio babbo entrò in camera mentre stavo ascoltando un pezzo hardcore che io e i miei amici avevamo fatto su commissione per Cirillo e mi aspettavo che mi avrebbe detto "cos'è 'sta porcheria?" mentre con mia grande sorpresa commentò "Non male! Ha ritmo!"  :D

Era questa qui: https://www.youtube.com/watch?v=qofJW11F9fQ (https://www.youtube.com/watch?v=qofJW11F9fQ)
Comporre questa roba era veramente divertente
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 21 Set 2021, 19:01
Ora però vogliamo gustosi retroscena! Tipo che strumenti usavate, aneddoti divertenti, ecc...!

Nel frattempo, uscendo dal campo dell'Hardcore ma rimanendo entro i confini della Techno più dura, potente ed abrasiva, non si può non citare la mitica Synewave, etichetta fondata a New York da Demon Wild (dopo che questi aveva lasciato, non senza polemiche, la direzione della Experimental di Silvio Tancredi).

Il piatto di portata principale del catalogo Synewave, almeno per i primi due anni, è Acid Techno da stato dell'arte del genere, tutta ritmiche brutali, fraseggi di TB-303 bollenti, urticanti, travolgenti e mentali correnti elettroniche fra i vicoli della Grande Mela e l'infinità del cosmo.

Ci sono quattro raccolte su CD, intitolate Synewave New York e pubblicate una per anno, per riassumere il meglio uscito per i suoi tipi. Il primo volume rimane il top, anche perché dopo la Synewave si sposterà su sonorità più minimali, metalliche e percussive in scia all'evoluzione del suono Techno post-Jeff Mills della seconda metà dei novanta.

Qualche pezzone:

Pump Panel (sono Tim Taylor e il padrone di casa Damon Wild)

Ego Acid
https://www.youtube.com/watch?v=NcSQ5BrJH64 (https://www.youtube.com/watch?v=NcSQ5BrJH64)

Bang the Acid
https://www.youtube.com/watch?v=ixNKXmYB4LE (https://www.youtube.com/watch?v=ixNKXmYB4LE)

La velenosa Acid Trance di Stormwatch a nome Morph (Damon Wild insieme a Dennis Ferrer)
https://www.youtube.com/watch?v=0_2kbaNAKWc (https://www.youtube.com/watch?v=0_2kbaNAKWc)

Le feroci astrazioni ricche di correnti melodiche dei Voyager 8 (sempre Wild ma insieme al mitico Steve Stoll) con We Left the Planet
https://www.youtube.com/watch?v=vMqUhCYtJtM (https://www.youtube.com/watch?v=vMqUhCYtJtM)

E, soprattutto, l'Acid devastante degli XP (Wild assieme a Joey Beltram, il vero eroe della Techno nuovayorkese)

https://www.youtube.com/watch?v=d2d_b91Xn3s (https://www.youtube.com/watch?v=d2d_b91Xn3s)

Tanta roba
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 23 Set 2021, 13:30
Ora però vogliamo gustosi retroscena! Tipo che strumenti usavate, aneddoti divertenti, ecc...!
Come strumenti usavamo synth e campionatori vari controllati non da un computer (all'epoca era comune l'Atari ma noi non ce l'avevamo) ma dal sequencer interno della Korg 01, una workstation dei primi anni '90.
Per quella canzone in particolare mi sembra di ricordare che esca tutto da un campionatore AKAI S950: Cirillo venne da noi e ci chiese di fare un pezzo hardcore con i samples di "No sleep til' Brooklyn" dei Beastie Boys, quello di voce dei Nitzer Ebb e una cassa (bassdrum) presa da non so quale disco.
Noi abbiamo aggiunto un suono di synth dal Roland SH-101 (tastierina analogica che ora viaggia sui mille € ma noi pagammo 135mila lire, all'epoca quella roba non la voleva nessuno) e in uno-due giorni abbiam finito la canzone.
Il sabato successivo per "provarla" Cirillo la suonò al Cocco direttamente dal DAT, legnava come poche.
180 bpm di pura ignorantezza!  :D

Un'altra di cui vado particolarmente fiero è questa qui, in realtà un remix di un disco già uscito. Ce la commissionò sempre Cirillo e piacque molto anche a Ricci, che la mise in una sua compilation (Satanika 2 o 3): https://www.youtube.com/watch?v=cbsQkgSGUpM (https://www.youtube.com/watch?v=cbsQkgSGUpM)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 23 Set 2021, 15:07
Spettacolo! Non avevate una drum machine? La cassa era sempre campionata? So che il 950, se ci si spingeva oltre un certo livello di "allungamento" dei campioni li distorceva con un suono metallico che era spettacolare (e che dovrebbe essere stato molto usato in ambito Hardcore come kick se non sbaglio).

P.S. TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=WIiWGCh4RzY
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 23 Set 2021, 15:26
Bella ragazzi, 'sto rinascendo e divertendo  ;) ;D

Senza offesa per pezzi oltre la mia tolleranza di BPM, tutto il topic è bella fonte di aneddoti interessantissimo e riscoperta o scoperta di nuovi pezzi.

Nodisco, come imposta vi la tua musica al Cocco e che gente/musica c'era?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 23 Set 2021, 17:07
Spettacolo! Non avevate una drum machine? La cassa era sempre campionata? So che il 950, se ci si spingeva oltre un certo livello di "allungamento" dei campioni li distorceva con un suono metallico che era spettacolare (e che dovrebbe essere stato molto usato in ambito Hardcore come kick se non sbaglio).
No non abbiam mai avuto una drum machine, già allora erano costose, la batteria era sempre campionata.
Il 950 aveva una funzione "stretch" che serviva per allungare o accorciare un campione mantenendone il pitch, e oltre certi valori aggiungeva delle interessanti sonorità metalliche. Per il kick personalmente non l'ho mai usato perché lo stretch aggiungeva quel timbro ma toglieva "potenza" alla cassa.

Nel corso degli anni poi il nostro set-up si è arricchito di altra strumentazione, bazzicavamo spesso i negozi di strumenti in cerca di occasioni e abbiamo avuto molto roba Roland come il Juno 106, il Juno 60, Juno 1, JX3P, SH 101, TB 303, gli Oberheim Matrix 6 e Matrix 1000, una Yamaha DX7, un SIEL nonricordocosa, un AKAI S-1100, un Korg MS 20 e sicuramente altro che ora mi sfugge.

Eravamo in tre e dividevamo le spese, abbiam cominciato a suonare musica new wave alle superiori e poi nel 92-93 siam passati alla techno che per certi versi ne era la naturale evoluzione: gran parte dei DJ e dei primi appassionati di quel genere venivano dalla scena dark, gotica, new wave o come la si vuol chiamare.

x chirux: riguardo al Cocco scriverò un post quando avrò più tempo, ora non riesco ;-)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 25 Set 2021, 17:36
Schlangenfarm 3phase.

Brani di apertura e chiusura piuttosto ipnotici, dei viaggi musicali. Ma io ho bisogno di energia se mi rivolgo alla techno; così mi risollevò con la traccia:

https://youtu.be/88cT1mWBxF4
Cassa veloce che non trova spazio, peró, in mezzo al resto dei suoni che mi tengono sulle spine fino alla fine; bello quel piccolo stacco di cassa che lascia riposare un secondo per poi riprendere; finalone coi tamburi.

E qui abbiamo il giusto equilibrio:
https://youtu.be/XeGjcDJ8nGE

Complessivamente un Album techno ipnotico/aggressivo.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 26 Set 2021, 09:46
Capolavorone del mitico Sven Rhorig!

Altro suo pezzaccio che però non finì nel disco:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=LP8BSVCDZgo
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 27 Set 2021, 17:44
Uno può anche tritarsi le balls mentre preparava le verdure o asciuga i piatti! Quindi si sceglie della buona musica stimolante:

Grazie a @Jello Biafra, decido di lasciare la Germania per andare in Inghilterra ad incontrare il musicista Dave Angel.
E dai suoi due Album Classic e Globtrotting, ne esce della bella musica. Non saprei quale scegliere tra i due, sono leggermente diversi: nel secondo trovo più house e suoni ben amalgamati, mentre il primo, mi sembra, sia più espressione del talento e più originale.
 
Da Classic:
https://youtu.be/dmgJ654gdZg
Mi è piaciuto il tribale.

https://youtu.be/Exj2VT8b-Zk
Ruvida, ma giusta.

Da Globtrotting:
https://youtu.be/GICrTz3S9sM
https://youtu.be/OGykTBBmcaM

Per ora è il musicista che mi ha soddisfatto maggiormente per costanza e qualità.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 27 Set 2021, 20:33
Il mitico Dave Angelico Nicholas Gooden è uno dei miei miti sotterranei, un culto totale che, per me, rappresenta in pieno tutto ciò che c'è di bello nella Techno della perfida Albione: la potenza muscolare e il piglio sperimentale, la vena melodica e quella malinconica, le suggestioni urbane e quelle futuristiche, il retroterra Acid House intesa non come genere ma come colonna sonora della seconda estate dell'amore che ha liberato costumi e creatività, Detroit vista come luce guida, il Jazz e l'afrocentrismo.

Un mito.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 30 Set 2021, 16:03
Mi permetto un appunto negativo per il nostro buon Dave Angelico ed il suo Album Tales Of The Unexpected : mi è parso quasi senza una chiara idea, brani "classici", senza sussulti.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 30 Set 2021, 16:46
Prendo il mio aereo privato e lascio temporaneamente l'Europa per scoprire gli Stati Uniti; scendo dall'aereo ed il cocktail di benvenuto è abbastanza poderoso:

https://youtu.be/CYXAKmAXHzA
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 30 Set 2021, 19:33
Ok, scopro solo ora che Robert Armani è statunitense!  :D
Ero convinto fosse belga o francese, figlio di emigrati italiani (e invece 'Armani' è un nome d'arte, altra cosa che imparo oggi)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 01 Ott 2021, 17:00
Di Robert Armani ricordo solo un brano che girava spesso in radio e discoteche:
l'ipnotico AMBULANCE:

https://youtu.be/sjTtb8kf-Eo

Se non ricordo male era periodo di "zanzarismo".
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 01 Ott 2021, 19:24
Americanissimo e di Chicago ma di casa a... ROMA! Era infatti uno dei pilastri del catalogo ACV.

Di quella genia di produttori che trasformarono la Chicago House in Chicago Techno congiungendo i due generi sul filo di lana del Jack, ricorderei anche il mitologico Mike Dearborn, forse meno pornografico e cafone e più scientifico ma assolutamente devastante:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=7ZIfBBR_eW0
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 02 Ott 2021, 14:00
Ammazza Jello, che cultura!! Dai quel tocco di classe al topic non indifferente (anche se faccio un pò fatica a recepire le tue analisi dei brani  ;D)

Per esempio: ho ascoltato i due Album di Armani e personalmente riesco ad estrapolare poco di veramente "fuori dai soliti schemi"; mette un bel martello spacca teste, qualche suono e via verso la fine.
Ascoltando il brano che hai appena postato di Mike Dearborn, già noto delle piccole, ma importanti variazioni che mi alzano il livello di ascolto: sempre bastoni in testa, ma anche trame ipnotiche ricercate.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 02 Ott 2021, 14:15
Armani è più diretto e brutale, più paraculo anche (si vantava di finire una traccia in meno di un'ora di lavoro...) ma a sentirci bene non mancano spettacolari tocchi di classe dove emerge il lontano e oramai quasi vestigiale (ma pur sempre presente) retaggio Soul e addirittura Jazz dell'uomo:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=Ddr8N2wLvCY

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=wPJ4mDv29G0

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 03 Ott 2021, 14:32
Armani è chiaramente diretto alla Chicago Techno.

Mike Dearborn, tramite alcuni brani ascoltati, è più vario; la techno pulsante e martellante è chiara, ad esempio con il delicatissimo  ;D

https://youtu.be/CuVpKzUvfB0

Per passare a tracce che escono dallo schema classico, tipo questo bella traccia:

https://youtu.be/n8XzyAESjlw

O anche:

https://youtu.be/ShNodfP8IjY

https://youtu.be/n5VZYkNtp_E

Pezzone che trascina e non stanca:

https://youtu.be/t6NCxZzgXi0

Qui mi son lasciato trascinare più volte. Stranamente....

https://youtu.be/RwVasX91hQM
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 03 Ott 2021, 20:05
Cmq se ti piace Mike Dearborn si potrebbe disegnare un ideale percorso evolutivo della Chicago più dura, minimale ed abrasiva, quella incentrata tutta intorno al Jack.

Un percorso che parte nel cuore degli anni '80 con le trax più oscure e muscolari di:

Farley Jackmaster Funk - Jack the Bass (1985):
https://www.youtube.com/watch?v=OnsWRMF1SpI (https://www.youtube.com/watch?v=OnsWRMF1SpI)

Phuture - Acid Trax (1985 ma pubblicata solo nel 1987, forse il singolo brano Dance più importante ed influente di sempre):
https://www.youtube.com/watch?v=PJJ5FxpVGUY (https://www.youtube.com/watch?v=PJJ5FxpVGUY)

Prosegue al cambio di decennio con l'emergere di talenti come Armando Gallop e la sua Muzique (che, non a caso, battezzerà l'esordio di Armani, Dearborn, Rush e molti altri):

Armando - Land's End (1994)
https://www.youtube.com/watch?v=V1tnABWfWdE (https://www.youtube.com/watch?v=V1tnABWfWdE)

Steve Poindexter - Work That Motherfucker (1989)
https://www.youtube.com/watch?v=B9uHG7IHW-M (https://www.youtube.com/watch?v=B9uHG7IHW-M)

Il mitico DJ Rush e la psicopatia violenta che spesso sconfina nell'hardcore (e non a caso, fuori da Chicago, in Europa, Rush sbancherà proprio come DJ hardcore)

DJ Rush - Motherfuckin' Bass
https://www.youtube.com/watch?v=c0lZOQtV62U (https://www.youtube.com/watch?v=c0lZOQtV62U)

E non può mancare nemmeno il leggendario Paul Johnson, purtroppo scomparso da poco:

Paul Johnson - Tone Generator (1995)
https://www.youtube.com/watch?v=0h_9C8C5ruM (https://www.youtube.com/watch?v=0h_9C8C5ruM)

Paul Johnson - EQ (1995)
https://www.youtube.com/watch?v=pkBQ7hsbDI4 (https://www.youtube.com/watch?v=pkBQ7hsbDI4)

Da questi alla successiva\contemporanea evoluzione Techno di Armani e Dearborn (con DJ Rush la sacra trimurti del Jack-brutalismo in salsa Techno Chicagoano) il passo è breve ed i legami solidissimi. Una zona di confine fra Techno ed House dove tutto è possibile.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 04 Ott 2021, 15:27
Visto che trattiamo spesso di autori che sono DJ, si potrebbe anche postare qualche bella miscela resuscita morti, tipo una serata da ricordare.
Così diamo sfogo anche al buon @nodisco .
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 07 Ott 2021, 12:10
Oi scusate se intervengo poco ma in 'sti giorni c'ho un po' da fare, passo solo per suggerirvi al volo il documentario "Disco Ruin", un film sulla storia delle discoteche italiane dalle origini negli anni '60 fino alla metà dei '90, dal Piper al Cocoricò passando per Baia degli angeli, Cosmic, Plastic, Easy Going, Kinki, eccetera.
Io l'ho visto quest'estate a Rimini e anche un paio di settimane fa a Bologna, stanno facendo un po' di proiezioni e presentazioni in giro per l'Italia, se vi capita non fatevelo scappare.
Il sito ufficiale è https://www.discoruin.com/ (https://www.discoruin.com/)

C'è poi anche un film/documentario incentrato sulla nightlife della riviera romagnola, che purtroppo non sono ancora riuscito a vedere, "Riviera clubbing": https://www.rivieraclubbing.it/ (https://www.rivieraclubbing.it/)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 08 Ott 2021, 08:28
Bellissimo Disco Ruin, sì lo stra consiglio anche io.

A proposito di DJ Set, su You Tube se ne trovano di storici ed anche clamorosi tipo questo:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=NTybmLMmV6k
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 09 Ott 2021, 16:11
Voglio anche scoprire il nostro Sven Vath come DJ.
Parto dal 2020. Mi sembra su ritmi tranquilli. Poi cerco qualcosa di meno recente.

https://youtu.be/9fR6SABtc94
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 10 Ott 2021, 21:27
Sven ha pubblicato fin dal 2000 un cd mixato all'anno, nella collana "The sound of the [n]th season", ne sono usciti 20 in totale.
Sono a tutti gli effetti dei DJ set "reali" mixati coi vinili, e alcuni secondo me sono favolosi, in particolare il secondo che è diviso fra un cd "day" e uno "night" con musica più soft in uno e più "impegnativa" nell'altro.
Io li ho trovati molto utili per scoprire nuovi artisti o per remix o canzoni che non conoscevo.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 11 Ott 2021, 16:17
Mitttiiiiicccooooo @nodisco  ;D

A parte l'ottima segnalazione che andrò ad ascoltare un pò alla volta, mi hai fatto trovare quella traccia che chiedevo (non riuscivo a ritrovare) qualche post indietro: trovata in the sound of the third season ed entra al minuto 50.

La second, sia primo CD che secondo, sono piuttosto tranquilli come sound e ritmo; la third aumenta.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 12 Ott 2021, 14:22
E sono riuscito a recuperare autore e traccia del precedente post:

John Starlight - Blood Angels
https://youtu.be/4RswlnIvyL0

Lo ascoltavo anni fa spesso prima di entrare in fabbrica; avevo bisogno di carica positiva  ;D

E andiamo a conoscere l'autore, credo tedesco e con altri pseudonimi.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 13 Ott 2021, 12:03
E andiamo a conoscere l'autore, credo tedesco e con altri pseudonimi.
E' "solo" quello che ha fatto Zombie Nation - Kernkraft 400  :D
Lo scopro ora, non lo conoscevo neanch'io.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 13 Ott 2021, 15:04
E andiamo a conoscere l'autore, credo tedesco e con altri pseudonimi.
E' "solo" quello che ha fatto Zombie Nation - Kernkraft 400  :D
Mitico brano techno che spopolava nelle discoteche.

Credo che Zombie Nation racchiuda un progetto musicale.
Di John Starlight ho ascoltato ed apprezzato parecchio il suo Album del 2003 RIP it!

Adesso vado che mia mamma ha detto che "devo andare a rispondere al citofono" (Blood Angels, minuto 5:08    :D :D)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 17 Ott 2021, 15:22
Ma come ho fatto tutti questi anni senza la conoscenza di Jeff Mills?! (un grazie a @Jello Biafra  ;))
Ho ascoltato diverse tracce e quello che ho percepito riguarda un autore le cui sonorità sono talmente amalgamare, ricercate e raffinate che le puoi mettere in un cocktail e berlo  senza fine oppure in una serata e far ballare i presenti senza fine.

A parte, solo ora (ma non è un problema, anzi...) mi rendo conto della vastità e varietà del mondo Dance, anche solo ristretto agli anni '90. E anche di come fosse limitata la distribuzione della stessa musica tramite radio e discoteche.

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Ott 2021, 15:24
Beh Jeff Mills (assieme ai suoi compari Robert Hood e "Mad" Mike Banks) e' LA TECHNO, cioè in ambito techno, tolta la Basic Channel non puoi trovare di meglio.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 17 Ott 2021, 15:58
Questi brani di Jeff Mills che mi sembra bastino per dare un'idea della sua varietà di stile e suoni:

Paradise:
https://youtu.be/JLA_A4ILSis

The Fly Guy:
https://youtu.be/WLn8kEeWTTM

Medicine Man:
https://youtu.be/s1Cp8aoj3Fw

E chiudiamo con un bel..... Tango:
https://youtu.be/k6ZiE-7bU4I

Inserisco, in ultimo, questo brano, che merita il commento di @Jello Biafra :

https://youtu.be/9rVOkV3DDgM

Carriera notevole , a prima vista, sia come compositore che pure DJ.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 17 Ott 2021, 16:24
E qui vogliamo anche il parere di @nodisco  :)

https://youtu.be/CiGCK1zgpfQ
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Ott 2021, 20:44
Eh caro chirux, il Mills come dicevo è uno dei colossi del genere (e della musica popolare tutta: con lui, Hood, Banks si trascendono i confini Dance per arrivare una universalità che lo pone di fianco ai più grandi anche e soprattutto fuori dal suo ambito di riferimento).

Ovviamente i suoi capolavori sono i due volumi delle Waveform transmission (Vol. 1 e Vol. 3, il Vol. 2 è opera di Robert Hood) e la raccolta dei singoli su Puroposemaker, quando virò sul tribale.

Ma poi Mills è anche autore a tutto tondo, col passare degli anni sempre meno Techno-centrico pur rimanendo totalmente Techno, la svolta la sua nuova colonna sonora per il classico del 1927 Metropolis di Fritz Lang, da lì in avanti un diluvio di album, forse troppi ma ogni tanto la zampata vincente ancora la piazza.

Altri pezzoni millsiani: Changes of Life
https://www.youtube.com/watch?v=0tFBH_BWibg (https://www.youtube.com/watch?v=0tFBH_BWibg)

Solid Sleep:
https://www.youtube.com/watch?v=SfWflQUwMWc (https://www.youtube.com/watch?v=SfWflQUwMWc)

Step to Enchantment:
https://www.youtube.com/watch?v=eLtnhsLwSZE (https://www.youtube.com/watch?v=eLtnhsLwSZE)

The Bells:
https://www.youtube.com/watch?v=DwpedKWwS3w (https://www.youtube.com/watch?v=DwpedKWwS3w)

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 18 Ott 2021, 18:09
Vorrei ricordare che il topic non è ad uso solo di martelli, citofoni o alte velocità.  ;D
Si può anche abbassare il tono parlando di House. E tornando nel Bel Paese, dove ci sono stati autori di una certa rilevanza e che io, purtroppo, non ho mai assaporato dal vivo. Ma almeno era la musica che potevo sperare di ascoltare nelle piccole Disco della mia zona di vita da fanciullo dancer.

E insieme a Coccoluto - I love you
https://youtu.be/uK15QiIIisA
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 21 Ott 2021, 15:13
Che derive ha avuto il buon Jeff Mills?? Dopo aver ascoltato Metropolis credo che abbia tentato qualche esperimento e questo non mi è piaciuto  :no:
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 21 Ott 2021, 20:09
Che derive ha avuto il buon Jeff Mills?? Dopo aver ascoltato Metropolis credo che abbia tentato qualche esperimento e questo non mi è piaciuto  :no:

Bulimia produttiva: ha fatto uscire una quantità di album decisamente eccessiva e quindi l'ispirazione non ce l'ha fatta a reggere il passo. Inoltre, pur rimanendo quintessenzialmente Techno (anzi: è sempre più techno) ha iniziato a fare dischi con orchestre filarmoniche, sonorizzazioni per mostre d'arte moderna, colonne sonore... Insomma, troppo.

Però rimane sempre il più grande e se ti è piaciuto lui aspetta di ascoltare Robert Hood...
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 22 Ott 2021, 15:17
Mettiamolo in lista Robert Hood  ;)
E ci sarebbe anche la Techno Tribale....

Praticamente, dopo aver ascoltato diversi brani di Jeff Mills, posso affermare che dopo metà anni '90 parte, letteralmente, per lo Spazio e sforna Album con trame che escono da un contesto che io definisco puramente ballerino o dancereccio; suoni astratti per viaggi su altri pianeti.
Mi tengo il Mills terrestre  ;D
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 23 Ott 2021, 21:11
Cmq cari amici danzerecci vi annuncio ufficialmente che a primavera sarà in libreria, nientemeno che per i tipi di Arcana, il mio Dance! Techno & House: cento dischi fondamentali

Celebriamo l'ufficialità:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=zTKKwm7Osnw
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 24 Ott 2021, 13:36
Cmq cari amici danzerecci vi annuncio ufficialmente che a primavera sarà in libreria, nientemeno che per i tipi di Arcana, il mio Dance! Techno & House: cento dischi fondamentali.
E aggiungo che l'autore merita perché culturalmente è ben fornito. Grazie a lui ho conosciuto realtà e suoni che ignoravo; il mondo musicale Dance è vastissimo ed una guida del genere è un buon aiuto per scegliere ciò che piace.

Personalmente uscire dall'Europa per andare in America è stato un momento di scoperta di suoni sia brutti, laceranti e fuori dalle mie orecchie, ma quando si ascoltano i fuoriclasse allora si vola alto alto, probabilmente più che in Europa.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 24 Ott 2021, 14:43
Cmq cari amici danzerecci vi annuncio ufficialmente che a primavera sarà in libreria, nientemeno che per i tipi di Arcana, il mio Dance! Techno & House: cento dischi fondamentali.
E aggiungo che l'autore merita perché culturalmente è ben fornito. Grazie a lui ho conosciuto realtà e suoni che ignoravo; il mondo musicale Dance è vastissimo ed una guida del genere è un buon aiuto per scegliere ciò che piace.

Personalmente uscire dall'Europa per andare in America è stato un momento di scoperta di suoni sia brutti, laceranti e fuori dalle mie orecchie, ma quando si ascoltano i fuoriclasse allora si vola alto alto, probabilmente più che in Europa.

Grazie @chirux !

Ed allora, per continuare il tour americano, un bella guida turistica di Detroit:

I tre volti di Underground Resistance, quello da calci in bocca, opera di Jeff Mills con Punisher (1991):
https://www.youtube.com/watch?v=q1c7qCJFNK0 (https://www.youtube.com/watch?v=q1c7qCJFNK0)

Quello afrocentrico e Soul\Jazz da "Mad" Mike Banks con The Theory (1992):
https://www.youtube.com/watch?v=QvEGTEY0pRI (https://www.youtube.com/watch?v=QvEGTEY0pRI)

Quello astratto e ipertecnologico di Robert Hood con Killer Whale (1992)
https://www.youtube.com/watch?v=0jRekf5TKbY (https://www.youtube.com/watch?v=0jRekf5TKbY)

E poi altri fuoriclasse a caso:

Silent Phase - Waterdance (1995)
https://www.youtube.com/watch?v=k6zY9Ae1qlI (https://www.youtube.com/watch?v=k6zY9Ae1qlI)

Blake Baxter - The Warning (1991)
https://www.youtube.com/watch?v=Lmm1uMIAvIg (https://www.youtube.com/watch?v=Lmm1uMIAvIg)

Alan Oldham - Locomia (1999)
https://www.youtube.com/watch?v=rcJTRXp8X9Y (https://www.youtube.com/watch?v=rcJTRXp8X9Y)

Drexciya - Digital Tsunami (2002)
https://www.youtube.com/watch?v=DURK5Owy98U (https://www.youtube.com/watch?v=DURK5Owy98U)

Eddie "Flashin'" Fowlkes - Computee (1993)
https://www.youtube.com/watch?v=6gn0N35lvrM (https://www.youtube.com/watch?v=6gn0N35lvrM)

Kenny Larkin - Butterflies (1995)
https://www.youtube.com/watch?v=_yUWmAcL320 (https://www.youtube.com/watch?v=_yUWmAcL320)

Carl Craig - Clear and Present (1992)
https://www.youtube.com/watch?v=MC8w7ok-YWk (https://www.youtube.com/watch?v=MC8w7ok-YWk)

Carl Craig - Andromeda (1990)
https://www.youtube.com/watch?v=MvULIKS33lw (https://www.youtube.com/watch?v=MvULIKS33lw)

Carl Craig - Sub Seducer (1991)
https://www.youtube.com/watch?v=VxO7z8QObeg (https://www.youtube.com/watch?v=VxO7z8QObeg)

E niente, per me la Techno di Detroit rimarrà sempre come la musica del e dal futuro (anzi: dal phuturo) per eccellenza.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 24 Ott 2021, 16:16
Provo a starti dietro, Jello, e rilancio con:

Derrick Carter, qui in ottima forma, non solo house.
https://youtu.be/MehElIKVRhk

Sempre lui. E non ci molla:
https://youtu.be/vzAy5fBy46Q
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 24 Ott 2021, 18:58
E, per tornare al discorso di qualche pagina fa, Derrick Carter oltre ad essere un produttore fuoriclasse è anche uno dei migliori DJ al mondo.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 26 Ott 2021, 20:56
Ancora Techno, ancora Detroit che per me è LA Techno per antonomasia e per eccellenza, con alcuni produttori di culto assoluto autori di una fracca di tracce magnifiche.

James Pennigton a.k.a. Suburban Knight - Midnight Sunshine (1994)
https://www.youtube.com/watch?v=AvaWRDHBLSE (https://www.youtube.com/watch?v=AvaWRDHBLSE)

Claude Young a.k.a. Lowkey - Rainforest (1992)
https://www.youtube.com/watch?v=jNc2C48TGvY (https://www.youtube.com/watch?v=jNc2C48TGvY)

Kelly Hand - Psycho World (1995)
https://www.youtube.com/watch?v=kU_T0lCH5hw (https://www.youtube.com/watch?v=kU_T0lCH5hw)

Octave One - Black Water (2000)
https://www.youtube.com/watch?v=8PZIce6hZSs (https://www.youtube.com/watch?v=8PZIce6hZSs)

Thomas Barnett a.k.a. Subterfuge - The Last Dimension (1993)
https://www.youtube.com/watch?v=AxoOFKS-cpY (https://www.youtube.com/watch?v=AxoOFKS-cpY)

E poi lei, LA traccia, un capolavoro totale che nel 1999 la Sony tentò di rubare commissionandone una versione farlocca ad un mestierante di fiducia dopo il rifiuto di Mad Mike di concedergliela in licenza, versione tarocca subito ritirata a seguito del mail bombing degli appassionati:

DJ Rolando a.k.a. The Aztec Mystic - Jaguar
https://www.youtube.com/watch?v=LK2qFtDanxw (https://www.youtube.com/watch?v=LK2qFtDanxw)

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 28 Ott 2021, 14:43
Dammi tregua, Jello!!!  :D

Quindi, nel lontano 1991, in America spacciava le orecchie Jeff Mills. E nella mia stanzetta, di ritorno da scuola, mi rilassato con il nostro:
Digital Boy-This Is M.
https://youtu.be/KMgTSyKV1Ug

Ancora adesso mi scuote, però colgo delle differenze.

Lo zanzarismo del periodo era quello e credo che gli autori siano italiani e non ho idea se si ispirassero a Detroit.

Altro classico del periodo:
Phenomenia-Who is Elvis
https://youtu.be/6ufZhILAxNc
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 28 Ott 2021, 14:58
Dammi tregua, Jello!!!  :D

Quindi, nel lontano 1991, in America spacciava le orecchie Jeff Mills. E nella mia stanzetta, di ritorno da scuola, mi rilassato con il nostro:

https://youtu.be/KMgTSyKV1Ug

Ancora adesso mi scuote, però colgo delle differenze.

Lo zanzarismo del periodo era quello e credo che gli autori siano italiani e non ho idea se si ispirassero a Detroit.

Altro classico del periodo:

https://youtu.be/6ufZhILAxNc

Giornalista: "un produttore Techno italiano da ricordare?"
Jeff Mills: "Digital Boy!"

E poi, al mitico Luca "Digital Boy" Pretolesi, gli Underground Resistance (che erano Mills, Hood e Banks) gli concederanno addirittura di remixare la loro Living for the Night:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=Aom1sfQhB5w
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 28 Ott 2021, 15:33
Giornalista: "un produttore Techno italiano da ricordare?"
Jeff Mills: "Digital Boy!"
Fa piacere. Però parecchie produzioni del nostro italiano Luca non mi hanno entusiasmato: orecchiabili.
Al precedente brano aggiungo:

https://youtu.be/mwh4_se7mnU
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 29 Ott 2021, 00:15
Sì era chiaramente una risposta ironica (ma anche affettuosa). Quella di Digital Boy è buona Techno un po' terra terra, ma sicuramente molto simpatica.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 29 Ott 2021, 11:06
Scusate se non intervengo molto ma fra lavoro e impegni vari in 'sto periodo sono un po' latitante  :whistle:

Digital Boy fece alcune cose interessanti ma anche parecchie trascurabili; fra i produttori techno di quegli anni io continuo a nutrire grande stima per il team Persi-Rizzatti-Moratto che stava dietro al progetto Ramirez e a molti altri titoli dell'epoca.
E' vero che alcune cose erano di un maranza e trash sulla soglia dell'inascoltabile (penso alla imbarazzante "El Gallinero"...) ma dal punto di vista tecnico avevano una qualità incredibile, già all'epoca eravamo stupiti da quanto "suonassero bene" in discoteca, e alcuni pezzi sono passati alla storia, fra tutti "La musika tremenda" nel remix del compianto Ricci
https://www.youtube.com/watch?v=qUOI7D2k3vU (https://www.youtube.com/watch?v=qUOI7D2k3vU)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 31 Ott 2021, 08:59
Mitico Ramirez! Certo, lì si esce dalla Techno per entrare nel magico mondo dell'Italodance (in una variante più "cosmica" che lambisce la Trance), ma era comunque roba divertentissima e con una sua dignità quantomeno tecnica.

Anche gli stessi Datura rientravano in quel contesto: proposta di grana orgogliosamente grossa, coatta e nazionalpopolare (in senso buono, eh!) ma assolutamente valida e spassosa:

https://www.youtube.com/watch?v=6hhsgDnTYW8 (https://www.youtube.com/watch?v=6hhsgDnTYW8)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 31 Ott 2021, 15:04
Direi che è un plebiscito: la commerciale simil techno italiana era rappresentata da Datura, Ramirez, Prezioso, Molella.... un banda che piaceva, divertiva e faceva ballare tanta gente. I DJ e le Radio non sbagliavano, per la massa di frequentatori di discoteche e ascoltatori radio; ricordo di Molella che a Radiodeejay tentò un piccolo esperimento con musica più "ricercata".
Poi, tecnicamente, non me la sento di esprimere pareri perché non sono esperto.
Di sicuro, dopo una cena ricca e ben bagnata di vino, ci stava a pennello una sfilata di maranza di Ramirez  :D :D
Comunque credo che discoteche tipo il Cocoricò spaziavano anche in altre direzioni.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 01 Nov 2021, 16:45
Eccolo qui il programma di Molella. Esce fuori la techno progressiva.

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://m.youtube.com/watch%3Fv%3DwR0Y7Tzspck&ved=2ahUKEwiyz636vvfzAhVJSfEDHUEHATcQo7QBegQIBxAE&usg=AOvVaw2S4l2oieTbkbVx93ThUxXI
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 01 Nov 2021, 16:53
Mega DJ Set di Peter Sumner aka Function ad Amsterdam nel 2019, scaletta da urlo fra passato, presente e phuturo, Techno al suo massimo:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=hpieR4zFL1o
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 01 Nov 2021, 18:05
Comunque credo che discoteche tipo il Cocoricò spaziavano anche in altre direzioni.
Sì al Cocco la musica era al 90% tedesca, belga o olandese, ma Ramirez e Datura venivano passati perché Cirillo e Ricci erano parte attiva in quelle produzioni e alcuni mix erano fatti apposta per le discoteche, penso per esempio a "El sueño" e ai 12" di Devotion e Eternity

https://www.youtube.com/watch?v=ZYZkO4S7J3U (https://www.youtube.com/watch?v=ZYZkO4S7J3U)
https://www.youtube.com/watch?v=QnC2JR-AwSc (https://www.youtube.com/watch?v=QnC2JR-AwSc)
https://www.youtube.com/watch?v=bZQ1H54MaXs (https://www.youtube.com/watch?v=bZQ1H54MaXs)

Molella era molto più radiofonico e "commerciale", come si diceva allora, ma del resto veniva dalla Radio DJ di Albertino dove il taglio era quello.
A fine '90 tentò anche qualche produzione meno "danzereccia" e più pop, fra le quali conosco bene l'album dei Countermove che però all'epoca non uscì a causa dello scarso successo dei singoli.
Lo so perché c'ero anch'io in studio mentre lo componevano, i Countermove sono i miei due amici con cui facevo i dischi techno più un nostro amico come cantante  :D
Molella passava spesso di lì ed era un tipo alla mano e simpatico.
Se cercate su youtube "Countermove - Something" credo ci sia tutto l'album (ma è pop quindi siamo OT! :-P)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 01 Nov 2021, 18:15
Sempre in ambito italiano mi è tornato tra le orecchie il buon Mauro Picotto ed il suo Album The Double Album in cui si trovano brani famosi e tracce interessanti che non conoscevo. Non male
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 02 Nov 2021, 16:49
Mega DJ Set di Peter Sumner aka Function ad Amsterdam nel 2019, scaletta da urlo fra passato, presente e phuturo, Techno al suo massimo:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=hpieR4zFL1o
:o :o
E sti razzi!!! Bomba!!
Se ero lì non ne uscivo più...
Bello percepire ancora sensazioni date dalla musica e serate così in tempi recenti.
Ora, però, a fine serata, sarebbe assicurata visita dal l'Otorino poi dal neurologo  :D

E attendo una bella serata al Cocoricò da @nodisco  (se la trova  :))
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 02 Nov 2021, 17:20
[E attendo una bella serata al Cocoricò da @nodisco  (se la trova  :))
Guarda, ti linko direttamente questa qui che proviene da un DAT registrato da me la sera del 16 luglio 1994 e successivamente editato e poi caricato da qualcuno (non io) su Youtube.
E' costituito dalla parte iniziale e da quella finale di quella serata, le ho unite io ma non mi ricordo più dov'è il punto esatto (ehm...), e vedo che su YT manca l'ultimissima canzone che è "Orca - 3AM" preceduta da "Promise me" di Beverley Craven. La qualità audio è molto buona ed il set è piuttosto rappresentativo della musica del Cocco di quel periodo: si inizia con la trance a 125-130 bpm e poi si va gradualmente in crescendo fino all'hardcore a 180 e oltre.
https://www.youtube.com/watch?v=nI4bRLRQM70 (https://www.youtube.com/watch?v=nI4bRLRQM70)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 02 Nov 2021, 18:36
ll set è piuttosto rappresentativo della musica del Cocco di quel periodo: si inizia con la trance a 125-130 bpm e poi si va gradualmente in crescendo fino all'hardcore a 180 e oltre.
Ecco, io dedico la mia traccia per il fine serata:

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://m.youtube.com/watch%3Fv%3DsjTtb8kf-Eo&ved=2ahUKEwjN2rqZmvrzAhVMzKQKHS8dDfAQwqsBegQIBBAE&usg=AOvVaw1S1Eeq7P_QiNaNQ7rq6Yrc
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 02 Nov 2021, 20:22
Io invece colgo l'occasione per celebrare un mio mito assoluto, Joey Beltram da New York.

Carattere schivo, una proposta musicale dirompente che parte dal freestyle (misto tipicamente newyorkese di House, Electro, latinità e Hip Hop), lo sottopone ad una scientifica e plumbea cura TECHNO e crea un linguaggio nuovo trasferendovi dentro tutta la cupezza e la catartica violenza dell'Heavy Metal (Beltram si dirà sempre grande appassionato di AC\DC e Metallica).

Le sue prime produzioni, ad inizio '90, sono uno sparo nel buio, tutte pubblicate sulla belga R&S ridefiniscono il genere proponendo inni da Rave urticanti e psichedelici, memori del locale New beat ma con una velenosità ed un respiro urbano che sono quintessenzialmente New York. I due brani-cardine sono:

Energy Flash (il suo capolavoro totale)
https://www.youtube.com/watch?v=ALsHox5sYCk (https://www.youtube.com/watch?v=ALsHox5sYCk)

Mentasm (fatta a nome Second Phase assieme al mitico Edmundo "Mundo Muzique" Perez, che introduce il leggendario "hoover sound" ottenuto rielaborando un suono del Roland Juno Alpha 2, la classica staffilata che farà da base per tanto Hardcore a venire)
https://www.youtube.com/watch?v=u8VY5dxq5CU (https://www.youtube.com/watch?v=u8VY5dxq5CU)

La sua produzione del periodo è raccolta sull'imprescindibile Classics.
(https://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/2/2b/Joey-beltram-classics-album-cover.jpeg)

Poi si accasa alla rinata Trax Records dove estremizza il suo suono, lo asciuga, elimina tutti i fronzoli e ne mette in risalto l'anima più urbana, verace e meccanica in una sorta di omaggio Techno alle Ghetto Trax chicagoane. I vertici di questa fase sono:

Dance Generator (con quel piglio funk che da in testa)
https://www.youtube.com/watch?v=RIQJ3sjcLC0 (https://www.youtube.com/watch?v=RIQJ3sjcLC0)

Work Dat (durissima e acida)
https://www.youtube.com/watch?v=p3SPz5EJsZ4 (https://www.youtube.com/watch?v=p3SPz5EJsZ4)

Life Force
https://www.youtube.com/watch?v=i3nHeTqTLns (https://www.youtube.com/watch?v=i3nHeTqTLns)

Flash Cube (devastante, sorta di Energy Flash 2.0 con quel giro Acid tarantolato e inarrestabile)
https://www.youtube.com/watch?v=GxTTRMTJm3c (https://www.youtube.com/watch?v=GxTTRMTJm3c)

Il materiale di questa fase è raccolto sull'altrettanto imprescindibile Trax Classix.
(https://media.hardwax.com/images/47424_01big.jpg)

Poi la svolta. Esplode Jeff Mills e Beltram lo segue sui sentieri di una Techno sempre più minimale e metallica, dandone una propria personalissima interpretazione in un capolavoro assoluto come Places, uscito su Tresor nel 1995. Un disco bellissimo dove l'istinto urbano tipico del nostro azzanna alla gola la reiteratività ritmica e timbrica tipica del periodo in una serie di brani capolavoro sempre più duri, secchi e minimalisti. Qualche esempio:

Game Form
https://www.youtube.com/watch?v=2MtnPtB2zXg (https://www.youtube.com/watch?v=2MtnPtB2zXg)

Ten Four (ah, quell'ostinato di tastiera...)
https://www.youtube.com/watch?v=R5S--x82yiw (https://www.youtube.com/watch?v=R5S--x82yiw)

Oval
https://www.youtube.com/watch?v=tF4T3xkRyho (https://www.youtube.com/watch?v=tF4T3xkRyho)

Un album classico:
(https://lastfm.freetls.fastly.net/i/u/500x500/78263407afb54b599e2312a5c26eaaed.jpg)

Poi il nostro si perde un po'.

Nel 1993 era uscito l'eccellente Aonox, disco tutto ambientale che mostra un lato inedito ma ugualmente imprescindibile. Dopo diversi singoli spettacolari ma forse l'ispirazione un po' cede, Joey segue le mode, con Close Grind, nel 1996, esordisce su una major (la Mute) ma senza colpire nel segno nonostante la copertina dei Designers Republic.

(https://aentcdn.azureedge.net/graphics/items/sdimages/a/300/2/5/1/9/179152.jpg)

Poi il silenzio fino al 2004 quando a sorpresa ritorna su Tresor con un un nuovo disco-bomba che è totalmente fuori dal tempo e dalle mode, un update tecnico del suo suono Rave dei primi '90 in una fase storica dove a dominare è la minimal fighetta da installazione artistica. Joey invece no, quella roba proprio non gli piace e tira fuori una bomba atomica di devastante, urticante, potenza, innervata di ACID e psichedelia, con tutta l'artigianale cura di cui è capace.

Il disco si chiama The Rising Sun ed è una chicca, qualche esempio:

Resurgence
https://www.youtube.com/watch?v=gZybJHNHg0I (https://www.youtube.com/watch?v=gZybJHNHg0I)

It Works
https://www.youtube.com/watch?v=S-uWPcLmHGw (https://www.youtube.com/watch?v=S-uWPcLmHGw)

Solar Storm
https://www.youtube.com/watch?v=zOrIPwaC_XY (https://www.youtube.com/watch?v=zOrIPwaC_XY)

Un mito.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 04 Nov 2021, 17:34
Ho ricevuto una lettera di reclamo da parte dell'Amministratore. Però ne è valsa la pena  ;D

Paula Temple
TFP Link :: https://youtu.be/NY23tzmnWgY

Martello senza tregua e stacco e ripartenza.

Inoltre dal precedente video postato da Jello sempre a Katharsis 2019, ho iniziato ad ascoltare alcuni artisti della scena techno attuale e non deludono e se ne può riparlare.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 06 Nov 2021, 14:41
Ma lo vogliamo aprire il capitolo Italodance? Lo vogliamo davvero aprire?

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=9jFF9vqvlvE

Ok, possiamo richiuderlo  :D
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 06 Nov 2021, 22:01
Porca miseria.
Dopo 27 anni finalmente scopro da dove i Krisma hanno preso il sample "bomba denge" per la loro intro alla "Cocoricò compilation winter 1993-1994", che segnò il loro ritorno alla musica dopo cinque anni di silenzio.
Grazie!  ;D
Non scherzo, è una curiosità che ho sempre avuto e fino ad oggi non ero mai riuscito a scoprire l'origine di quel sample.

La compilation si può sentire qui ma attenzione perché nell'audio c'è solo uno dei due canali, e specialmente nella seconda canzone (Eternity dei Datura) la cosa dà parecchio fastidio
https://www.youtube.com/watch?v=TSbOUGdnB18
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 06 Nov 2021, 22:18
Che poi, a sua volta, chissà da dove lo avrà preso Mephisto...
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 08 Nov 2021, 08:10
Cmq caro @nodisco visto che oramai abbiamo sdoganato l'Italodance e visto che li abbiamo più volte citati, non possiamo far finta di nulla e continuare ad ignorare i Datura!

Al di là dei tanti singoli la vera chicca è proprio l'album Eternity che, per me, è il culmine del genere per la qualità dei singoli brani (un inno dopo l'altro, in pratica), per la cura di suono e produzione, per il respiro internazionale (ci sono brani cantati dalla leggendaria Billie Ray Martin e una rielaborazione di Fade to Grey dei Visage con lo stesso Steve Strange alla voce) e per come interpreta con piglio psichedelico e carico di suggestioni etnico-terzomondiste quel micidiale e spesso trash (ma irresistibile) misto fra Trance ed Italohouse che è alla base dell'Italodance in quella fase storica.

Eternity è uno dei miei "piaceri proibiti", quei dischi che ci piacciono tantissimo ma non lo diciamo troppo in giro.

Passion (con la mitica alla voce e si sente subito, quando parte quel giro di synth super innodico e poi arriva lei è uno di quei momenti lì):
https://www.youtube.com/watch?v=ENwv4Jx1lOY (https://www.youtube.com/watch?v=ENwv4Jx1lOY)

La più Housey Nu Style
https://www.youtube.com/watch?v=KK5UyXbW2E0 (https://www.youtube.com/watch?v=KK5UyXbW2E0)

Un altro visionario inno come Devotion, stavolta con la loro storica voce Amparo Fidalgo
https://www.youtube.com/watch?v=gWcV039loV0 (https://www.youtube.com/watch?v=gWcV039loV0)

nodisco dicci di più sui Datura che a quanto ho capito li conoscevi! (ci sono anche, oltre a Ciro Pagano e Stefano Mazzavillani, anche Ricci e Cirillo!)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Prikaz 227 - 08 Nov 2021, 16:10
A parte, solo ora (ma non è un problema, anzi...) mi rendo conto della vastità e varietà del mondo Dance, anche solo ristretto agli anni '90. E anche di come fosse limitata la distribuzione della stessa musica tramite radio e discoteche.

Bravo chirux, condivido in toto. Leggere questo topic è, quasi sempre, epifanico.
Ora anche in materia Italodance, tenuto conto che le mie prime esperienze disco risalgono al 1992-1993.
Mia moglie, in questo periodo, chiede lumi circa la rinnovata fiamma per il genere. Le fornirò i vostri nominativi @chirux @Jello Biafra @nodisco  ;D 

E a tal proposito ...

Cmq cari amici danzerecci vi annuncio ufficialmente che a primavera sarà in libreria, nientemeno che per i tipi di Arcana, il mio Dance! Techno & House: cento dischi fondamentali

Complimenti davvero.  :yes: Io terrò d'occhio il sito ma tu avvisaci qui non appena disponibile.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 08 Nov 2021, 17:35
Grazie prikaz! certo che vi aggiornerò!

Intanto, visto che prima coi Datura è spuntata fuori Billie Ray Martin, non posso che riproporvi IL pezzo simbolo della divina, Your Loving Arms, capolavoro totale sia in versione originale (un take inglesissimo ed elegantissimo sulla nostra Italodance):

https://www.youtube.com/watch?v=ReQ0r-45r5E (https://www.youtube.com/watch?v=ReQ0r-45r5E)

...che nel mitologico remix di Roger Sanchez, che spedisce un pezzo già magnifico di suo nell'House-nirvana esaltando al massimo l'inconfondibile voce della leggendaria con un serpentone Garage da mani in aria e lacrime agli occhi:

https://www.youtube.com/watch?v=XdC1l6bdbKw (https://www.youtube.com/watch?v=XdC1l6bdbKw)

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 10 Nov 2021, 14:22
Quando volete parlare o approfondire la musica dance/techno italiana anni '90, che sia trashona o di qualità, io ci sono  ;D

Nel frattempo mi sono infossato in DJ set degli ultimi anni, in particolare al Katharsis Amsterdam; per ora trovo di buon livello ed affine ai miei gusti Paula Temple che sprigiona una techno con un bel martello pulsante che lascia poca tregua, ma non uccide, poca acidità e suono che lascia il segno, ma non fa sanguinare.
Inoltre dando una breve ed iniziale spiata ai brani dei set si scoprono ottimi artisti attuali; praticamente la techno è viva.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 11 Nov 2021, 10:54
Un ciaone a tutti!!
Magari torno  ;D

TFP Link :: https://youtu.be/L7PrP_6dPcw
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 11 Nov 2021, 16:30
Ritornando indietro nel tempo, avendone già parlato in post precedenti, vorrei lasciare un segno completo della nostra techno italiana, che ci piace e lo diciamo ( vero, jello  ;D) :
E con la comodità di scelta traccia.
Terapiiiiaaaaa

Ramirez
https://youtu.be/hwXU9shgzLY

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 12 Nov 2021, 17:53
Sì sì, diciamolo anche se non troppo ad alta voce  :D

Scherzi a parte: a me l'Italodance piace, è sempre piaciuta e gli riconosco quantomeno una grande dignità tecnica ed artigianale. Certo, con quei ritmi produttivi da catena di montaggio tanta roba era scadente e dozzinale ma chi ci credeva sapeva tirare fuori cose belle.

Cmq il ruolo dell'Italia nel mondo Dance è sempre stato centrale. Da Giorgio Moroder che, da solo, inventa la Dance così detta "moderna" con I Feel Loved (mescolando Kraftwerk, Disco e psichedelia krauta) a tutta la scena Italodisco che è stata FONDAMENTALE nel far nascere le originali scene Techno ed House (a Detroit e Chicago veneravano come dei i nostri Alexander Robotnick, Kano, Valerie Dore, persino Spagna!) fino ad arrivare alla mitica Italohouse che a suon di ostinati di pianoforte dominava i club in Inghilterra ed infine le scene più evolute, quella Techno di Roma e quella del nordest (con la mitica triade Leo Mas-Gemolotto-Fabrice a dettar legge). Poi la scena di Napoli di fine '90, altro caposaldo del genere a livello internazionale. Ed oltre quello tanti battitori liberi come i mitici Visnadi (la loro racing Traxx sarà un faro per gente come Richie Hawtin ed è ancora oggi il brano dance più amato nientemeno che da John Peel!)

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=gYpasQklpU8
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 14 Nov 2021, 11:34
nodisco dicci di più sui Datura che a quanto ho capito li conoscevi! (ci sono anche, oltre a Ciro Pagano e Stefano Mazzavillani, anche Ricci e Cirillo!)
Ciro Pagano era nei Gaznevada e fa musica fin dai primi anni 80, frequentava la Bologna "alternativa" di quegli anni ed è stato persino ritratto da Andrea Pazienza in qualche sua opera, e all'inizio dei 90 con i Datura è stato fra i primi in Italia a capire in quale direzione stava andando la musica ed a farsene portavoce, è un grande ma purtroppo di persona non l'ho mai conosciuto. Con Stefano invece almeno una volta c'ho parlato, venne lui a conoscere me ed i miei amici e con nostro grande stupore ci parlò del nostro primo disco che nonostante non abbia avuto alcun successo a lui era piaciuto (un 12" con una cover di "Future brain" di Den Harrow, a nome "Cy-clone"). Molto alla mano e cordiale, ci fece davvero piacere conoscerlo.
Cirillo era il DJ resident del Cocco nel 93 e l'ho conosciuto meglio, l'abbiam frequentato per diversi anni (i nostri dischi eran pubblicati da lui) e l'accompagnavamo a suonare al Gatto e la Volpe di Ferrara, al Teatriz a Lugo e in tanti altri locali della zona.
Ogni settimana lui volava in Germania o in Inghilterra e tornava con le ultime novità discografiche, che poi passava in discoteca; ai tempi potevano passare anche mesi prima che un disco arrivasse nei negozi italiani, e questo faceva sì che in pratica lui fosse l'unico o quasi a suonare certa musica, tutti gli altri DJ sarebbero arrivati con settimane di ritardo.
La sua scaletta era gestita in maniera intelligente e logica, partendo con musica trance a pochi bpm e poi andando man mano in crescendo attraverso gli altri generi fino all'hardcore: ogni serata era praticamente un lungo viaggio senza interruzioni.
Ricci invece andava più ad istinto e "spezzava" il ritmo passando da un brano all'altro senza regolarità, ma (come anche Cirillo) veniva dalla scena alternativa/indie/new wave e aveva sostanzialmente un'attitudine punk, nelle sue serata saliva in piedi in consolle, lanciava dischi, si scatenava, era un vero spettacolo. Ed era una persona disponibile, gentile e dal grande cuore, la sua scomparsa nel 2000 è stata davvero una grande perdita.
All'interno dei Datura Ciro e Stefano erano i musicisti, che creavano e componevano le canzoni, ma NON frequentando affatto le discoteche si affidavano a Cirillo e Ricci per capire come andavano strutturati i loro brani perché potessero "funzionare" in pista. Ed è stato un connubio vincente, senza dubbio.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 14 Nov 2021, 22:06
Mitico nodisco, grazie della retrospettiva!   :yes:

Da ascoltatore che "nasce" rock, ovviamente ho conosciuto Pagano prima con i Gaznevada (Sick Soundtrack è uno dei dischi New Wave più avanti, un po' Gang of Four, un po' Pop Group, un po' tanto Devo) e solo poi con i Datura, o meglio: solo poi ho scoperto che metà dei Datura era lui.

Però era in buona compagnia, moltissimi produttori infatti venivano da Punk e New Wave, si pensi ad esempio a Moritz Von Oswald (che suonava con i Palais Schamburg negli '80) tanto per dirne uno.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Nov 2021, 14:25
Uscendo un po' dall'Italodance e tornando alla Techno, direi che è ora di parlare di Laurent Garnier!

Una delle forze che contribuirono a creare la scena francese, un DJ fra i migliori al mondo ed un produttore visionario e dal talento purissimo che, soprattutto dal '91 al '95,  stato in fiamme sfornando capolavori a ripetizione.

Un approccio che è quintessenza Techno (la scientificità elettronica del suono, le siderali atmosfere cosmiche, la melodia, il retaggio Soul, l'aristocratica eleganza delle strutture e la potenza delle ritmiche) ma che non dimentica una sensualità ed un'immediatezza tutte House per un percorso produttivo di infuocata creatività.

Si parte con tre EP per la sua F Communications che mettono subito le carte in tavola.

Stronger By Design colpisce subito durissimo con le mentali correnti melodiche di The Dream, l'abrasività di Virtual Breakdown e soprattutto la pompa pianistica devastante eppur drammatica di Luv' Chicago.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=anOPAwTAzRk

A bout de souffle, un anno dopo, aggiunge alla ricetta una sensibilità Trance cosmica e travolgente approfondendo la questione e regalando il grande inno acid Wake Up, dedicata all'omonimo locale parigino.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=GHaxJaiKqlk

Planet House, del 1994, è quasi un album (dura un'ora!) e prosegue quel percorso di ibridazione fra House e Trance su solide basi Techno iniziato nei predecessori. Il suono è sempre più duro ma anche sempre più fluido, discorsivo e soprattutto ricco di seduzioni melodiche e scorci lisergicamente visionari con Derrick May a fungere da luce guida.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=sLGNn6vvhZo

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=o3xm46-KSMk

Poi nel 1994 il capolavoro, il suo esordio sulla lunga distanza Shot in the Dark. Ed è, tenendo fede al titolo, un vero sparo nel buio, disco dove le anime garnieriane convivono esaltandosi a vicenda in un percorso entusiasmante verso la luccicanza Techno. Ogni brano un capolavoro, quelli che mandano subito al tappeto sono le cosmiche, drammatiche, correnti melodiche di Shapes Under Water, le crude ridefinizioni dance sull'asse Detroit-Chicago di Harmonic Groove e The Force (che cita il bassone Reese di Just Another Chance) e le oscure spirali di Rex Attitude, ma tutta la scaletta è ai vertici del genere.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=uAJ7YFchpQQ

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=h-n0ejw1HkE

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=BB_n18noCOU

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=GQqLNxFyTI0

Dopo il nostro si perderà un po' a seguito del successo, andando verso un suono crossover che lo limita parecchio ma sempre mantenendo grande classe e grande padronanza tecnica.

A margine non possono mancare le collaborazioni. Con Nic Britton nel progetto Alaska per due Ep di pura Trance tutta europea, travolgente e visionaria:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=AG4hsEcoU1I

Con Didier LaSalle e Ludovic Navarre (il poi famoso St. Germain) nel capolavoro assoluto Acid Eiffel, fra House, ACID e cupe vampe atmosferiche:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=gPuA-Zun4rk

E con Pascal Dardoufas (dei Resistance D) nell'EP The Alliance a nome Dune, ancora Trance da stato dell'arte con quell'inconfondibile tocco francese:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=i8fAyuW1g0w

Un gigante.

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 17 Nov 2021, 15:28
Molto interessante Laurent Garnier, ennesima mia nuova scoperta.

Io ho una cotta (musicale  ;D) per Paula Temple.
Come DJ trascina soprattutto grazie alla scelta delle tracce infondendo energia, voglia di ballare e anche ascoltare; sempre una techno che mi piace, mai pesante o banale.
E lo stesso da musicista: basta ascoltare il suo Album Edge of Everything per ritrovare il suo stile fatto di cassa, cassa, cassa, che si unisce ad una varietà di sonorità anche particolari; a me sembra di ascoltare una techno particolare. Poi ci sono, nel suo Album, tracce senza una trama techno, ma semplicemente strumentale ipnotica che sembra facciano da pausa per i successivi martelli.
Non ho trovato esperimenti nei suoi brani in generale, ma una stessa linea musicale.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Nov 2021, 19:49
Oltre ad essere una bella topolona, la Temple è anche un'ottima produttrice. Certo, rimane sempre nell'ambito di quella Techno minimale e percussiva, quasi esclusivamente ritmica e poco fantasiosa, tipica degli anni '00 ma quantomeno è molto lontana dalle dozzinali banalizzazioni di tanta minimal commerciale post-2005, fa Techno vera e cazzutissima (con suoni clamorosi, fra l'altro).
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 18 Nov 2021, 16:25
Oltre ad essere una bella topolona, la Temple è anche un'ottima produttrice. Certo, rimane sempre nell'ambito di quella Techno minimale e percussiva, quasi esclusivamente ritmica e poco fantasiosa, tipica degli anni '00 ma quantomeno è molto lontana dalle dozzinali banalizzazioni di tanta minimal commerciale post-2005, fa Techno vera e cazzutissima (con suoni clamorosi, fra l'altro).

Tieni presente che inizio a scoprire solo ora la techno   , diciamo recente, anni 2010/2020. Ho alcuni nomi. Poi non è detto che una techno più ricercata e complessa possa piacermi.
Puoi farmi dei confronti?  ;)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 18 Nov 2021, 21:35
Oltre ad essere una bella topolona, la Temple è anche un'ottima produttrice. Certo, rimane sempre nell'ambito di quella Techno minimale e percussiva, quasi esclusivamente ritmica e poco fantasiosa, tipica degli anni '00 ma quantomeno è molto lontana dalle dozzinali banalizzazioni di tanta minimal commerciale post-2005, fa Techno vera e cazzutissima (con suoni clamorosi, fra l'altro).

Tieni presente che inizio a scoprire solo ora la techno   , diciamo recente, anni 2010/2020. Ho alcuni nomi. Poi non è detto che una techno più ricercata e complessa possa piacermi.
Puoi farmi dei confronti?  ;)

La techno nel nuovo millennio è stata soprattutto memoria storica, reducismo e paraculismo. Inizialmente (diciamo fra 2003 e 2008 più o meno) c'è stato il boom commerciale della Minimal, con tanto di carrozzone mediatico ed un sacco di produttori che si sono buttati a pesce su quel suono sterile e fintissimo a metà strada fra sonorizzazione di galleria d'arte e fighetteria ketaminica.

Diciamo che qui il grande colpevole è stato Richie Hawtin: la sua serie Concept 1 (a sua volta ispirata alla simile serie Studio 1 di Wolfgang Voigt) e la sua Minus sono stati l'imprinting, anche promozionale\commerciale, della nuova ondata minimal assieme a produzioni di gente come Ricardo Villalobos.

Poi, dopo il 2008, l'aria è cambiata e, complice il ritorno di tanti grandi vecchi con dischi bomba (secondo me il punto di svolta è stato Omega di Robert Hood, nel 2009) anche le nuove leve hanno via via abbandonato la minimal per un Techno più dura e pura, che guardava direttamente ai grandi maestri del passato ma con un piglio molto più duro, percussivo, reiterativo, una sorta di passo avanti tecnico (ma non sostanziale, non artistico) sul suono post-Mills di fine '90. Qui e lì sono affiorate anche tentazioni più puramente retromaniache, soprattutto quando sono stati tentati begli incroci col Dubstep e il Grime (penso a Martyn o a Lone che non sono mai stati Techno ma che avevano comunque quel retaggio).

Insomma, di bella musica continua ad uscire ma nulla di cruciale. Io continuo a seguire i grandi vecchi che, bene o male, la zampata continuano a tirarla sempre, tipo il mitico Luke Slater che nel 2017 si presenta con un doppio CD fra tentazioni ambientali e numeri più dritti come Arc Angel e proprio quest'anno è uscito con una botta intitolata Skyscraping:

TFP Link :: https://youtu.be/K6-YM_4dheU
TFP Link :: https://youtu.be/HOSwNHJ6xdQ
TFP Link :: https://youtu.be/U8Z3RZvgn2k

Poi, vabbè, se si punta su Detroit non si sbaglia mai:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=inAzXUWTjT0
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 19 Nov 2021, 16:21
Jello, ascolto tutto quello che posti, cerco di (ri) farmi una cultura; tante tracce validissime soprattutto da ascoltare. Però mi devi spiegare come mi colpisca la techno proposta dalla Temple a differenza di altri artisti: potente, semplice se vogliamo, ma soprattutto coinvolgente. Non credo sia un genere particolare.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 19 Nov 2021, 16:49
La differenza tra la techno berlinese della Temple e i vari di Detroit si percepisce netta. Per me belle entrambe, ma emozioni restituite differenti.

Detroit ( e solo per il TFPforum con tracklist  ;D)
https://youtu.be/4My4XIT2fII
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 19 Nov 2021, 20:57
Jello, ascolto tutto quello che posti, cerco di (ri) farmi una cultura; tante tracce validissime soprattutto da ascoltare. Però mi devi spiegare come mi colpisca la techno proposta dalla Temple a differenza di altri artisti: potente, semplice se vogliamo, ma soprattutto coinvolgente. Non credo sia un genere particolare.

E' la produzione: quella "moderna" è compressissima e potente (nodisco saprà sicuramente dare una definizione tecnica più precisa). Diciamo che è fatta apposta per fare quell'effetto.

Anche il disco di Terrence Dixon che ho postato è uscito nel 2021 ma non suona in quel modo, è molto più "naturale" e meno d'impatto (ed io lo preferisco nettamente).
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 28 Nov 2021, 14:31
Interessanti quei mix che ho postato in precedenza sulla techno di Detroit; a parte che mi piace il mixaggio, ma ho la possibilità di scovare qualche buon artista tra noti e meno famosi; ad esempio non mi dispiace Jay Denham, che ha un catalogo di tracce ampio e vario come sonorità.
Cito il suo The Reset Ep e la traccia Botroit prodotta insieme a Frank Valon.

E come risveglio di buon buon mattino  :D :
Mike Dearborn con la traccia 3.45 AM
https://youtu.be/j5GyBYyLz-E
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 28 Nov 2021, 17:11
MITICO Jay Denham! Era persino sulla leggendaria compilation Techno 2 (seguito della storica Techno: The New Dance Sound of Detroit che di fatto battezzò il genere inventandone pure il nome su suggerimento di Juan Atkins)!

Una Techno, la sua, cosmica e fisica allo stesso tempo, pregna di Funk e con quei guizzi melodici inaspettati che mi mandano sempre al tappeto, in equilibrio fra urbano (il retaggio Hip Hop si sente) e trascendente.  :yes:

https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI (https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI)

Si potrebbe creare una bella playlist tutta incentrata su Detroit!
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 29 Nov 2021, 16:38
https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI (https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI)

Si potrebbe creare una bella playlist tutta incentrata su Detroit!
Bravo, mi ero dimenticato di citare la traccia "senza fine ascolto" Black trax.

Per la playlist: d'accordo, magari recuperando ciò che abbiamo citato in precedenza, giusto per dare ordine, poi aggiungendo altre chicche.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 30 Nov 2021, 20:13
https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI (https://www.youtube.com/watch?v=eFaDfKRbjFI)

Si potrebbe creare una bella playlist tutta incentrata su Detroit!
Bravo, mi ero dimenticato di citare la traccia "senza fine ascolto" Black trax.

Per la playlist: d'accordo, magari recuperando ciò che abbiamo citato in precedenza, giusto per dare ordine, poi aggiungendo altre chicche.

Vai, allora parto io, poi continuate voi!

MOTOR CITY BLUES: DETROIT TECHNO 1985-20XX

Model 500 - No UFO's (Vocal)
https://www.youtube.com/watch?v=KNz01ty-kTQ (https://www.youtube.com/watch?v=KNz01ty-kTQ)

Kevin Saunderson - The Groove That Won't Stop
https://www.youtube.com/watch?v=RFTEu0ZS-Xg (https://www.youtube.com/watch?v=RFTEu0ZS-Xg)

Rhythm Is Rhythm - The Beginning
https://www.youtube.com/watch?v=2-8X_YHyhDA (https://www.youtube.com/watch?v=2-8X_YHyhDA)

X-Ray - Untitled
https://www.youtube.com/watch?v=xtvm2Rxy6b8&t=67s (https://www.youtube.com/watch?v=xtvm2Rxy6b8&t=67s)

Inner City - Big Fun (12" Mix)
https://www.youtube.com/watch?v=-gu3albgauw (https://www.youtube.com/watch?v=-gu3albgauw)

Psyche - Elements
https://www.youtube.com/watch?v=6xJwpGvQ2y0 (https://www.youtube.com/watch?v=6xJwpGvQ2y0)

Blake Baxter - The Warning
https://www.youtube.com/watch?v=Lmm1uMIAvIg (https://www.youtube.com/watch?v=Lmm1uMIAvIg)

Lowkey - Rainforest
https://www.youtube.com/watch?v=jNc2C48TGvY (https://www.youtube.com/watch?v=jNc2C48TGvY)

Underground Resistance - Punisher
https://www.youtube.com/watch?v=RhLNawtC0bo (https://www.youtube.com/watch?v=RhLNawtC0bo)

Underground Resistance - Sometimes I Feel Like
https://www.youtube.com/watch?v=T1qaztdvcJ8 (https://www.youtube.com/watch?v=T1qaztdvcJ8)

X-102 - Mimas
https://www.youtube.com/watch?v=P5QGs5JmzSg (https://www.youtube.com/watch?v=P5QGs5JmzSg)

X-103 - The Gardens
https://www.youtube.com/watch?v=5hWH3k6mp8o (https://www.youtube.com/watch?v=5hWH3k6mp8o)

The Vision - The Protector
https://www.youtube.com/watch?v=BforSiRkR_0 (https://www.youtube.com/watch?v=BforSiRkR_0)

Jeff Mills - Solid Sleep
https://www.youtube.com/watch?v=SfWflQUwMWc (https://www.youtube.com/watch?v=SfWflQUwMWc)

The Martian - Skypainter
https://www.youtube.com/watch?v=EGNegYQvvSc (https://www.youtube.com/watch?v=EGNegYQvvSc)

Eddie "Flashin" Fowlkes - My Soul
https://www.youtube.com/watch?v=f3yH4JuZwFo (https://www.youtube.com/watch?v=f3yH4JuZwFo)

Subterfuge - The City (Synthetic Dream)
https://www.youtube.com/watch?v=urR-L3UclDg (https://www.youtube.com/watch?v=urR-L3UclDg)

Robert Hood - Home
https://www.youtube.com/watch?v=Sk2dtCXGy1I (https://www.youtube.com/watch?v=Sk2dtCXGy1I)

Robert Hood - SH-101
https://www.youtube.com/watch?v=6x9v6RowtTs (https://www.youtube.com/watch?v=6x9v6RowtTs)

Kenny Larkin - Track
https://www.youtube.com/watch?v=_SkC59vJ2ik (https://www.youtube.com/watch?v=_SkC59vJ2ik)

Suburban Knight - Midnight Sunshine
https://www.youtube.com/watch?v=AvaWRDHBLSE (https://www.youtube.com/watch?v=AvaWRDHBLSE)

Infiniti - Raindrops
https://www.youtube.com/watch?v=fnYBFSYC3rw (https://www.youtube.com/watch?v=fnYBFSYC3rw)

Silent Phase - Waterdance
https://www.youtube.com/watch?v=k6zY9Ae1qlI (https://www.youtube.com/watch?v=k6zY9Ae1qlI)

Paperclip People - Clear and Present
https://www.youtube.com/watch?v=MC8w7ok-YWk (https://www.youtube.com/watch?v=MC8w7ok-YWk)

Terrence Dixon - Untitled (Minimalism II)
https://www.youtube.com/watch?v=6bhepXhyD1k (https://www.youtube.com/watch?v=6bhepXhyD1k)

Scan 7 - Unusual Channel
https://www.youtube.com/watch?v=xrKEObrhP9M (https://www.youtube.com/watch?v=xrKEObrhP9M)

Jeff Mills - The Bells
https://www.youtube.com/watch?v=2Epe1KlU4gw (https://www.youtube.com/watch?v=2Epe1KlU4gw)

Optic Nerve - Vortex (Original Mix)
https://www.youtube.com/watch?v=FOg-FMVikyY (https://www.youtube.com/watch?v=FOg-FMVikyY)

Octave One - Daystar Rising
https://www.youtube.com/watch?v=mXhdaVHtZuY (https://www.youtube.com/watch?v=mXhdaVHtZuY)

DJ Rolando a.k.a. The Aztec Mystic - Jaguar
https://www.youtube.com/watch?v=gw7vrBSBQwk (https://www.youtube.com/watch?v=gw7vrBSBQwk)

Jay Denham - Smoker's Delight
https://www.youtube.com/watch?v=0WjZ2yIS-A0 (https://www.youtube.com/watch?v=0WjZ2yIS-A0)

K.Hand - Noon (Midnight Mix)
https://www.youtube.com/watch?v=iUYR-OPeQ0g (https://www.youtube.com/watch?v=iUYR-OPeQ0g)

Drexciya - Digital Tsunami
https://www.youtube.com/watch?v=DURK5Owy98U (https://www.youtube.com/watch?v=DURK5Owy98U)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 01 Dic 2021, 21:29
Uno dei tre padri della Techno (kevin Saunderson) in un mitico set dell'ammore da Detroit

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=9Iw5qubCg-w
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 02 Dic 2021, 21:18
Il set dell'ammore di Kevin Saunderson mi ha ricordato come House e Techno siano anche e soprattutto generi che vivono di singoli brani che sbucano fuori all'improvviso dal nulla, i cui autori sono avvolti nel più assoluto mistero, e che sbancano tutto per potenza, evocatività, intensità emotiva, significatività.

Una volta si trattava di 12" spesso white label (cioè senza indicazioni, autoprodotti, distribuiti in maniera sotterranea ed indipendente), oggi la stessa cosa la si fa coi file.

Succede che nel 2005 esce un white label di questi che lasciano il segno.

Sopra c'è una cover del capolavoro di Billie Ray Martin del 1995, Your Loving Arms, il cui decennale è celebrato con una sua versione assolutamente mostruosa, che getta una delle canzoni più belle mai uscite dal mondo Dance in un pozzo nero di echi, riverberi, compressioni, filtri, dinamiche da club so '00s ma figlie della stagione Progressive inglese di fine '90, con un'interpretazione clamorosa di Karen Overton, capace di trasfigurare il dramma d'amore dell'originale in un disperato erotico stomp carico di lascivia e sensualità di quelli da tramandare ai posteri.

Nulla si sa a proposito di chi sia il produttore, molto poco si sa di Karen Overton. Spulciare la rete seguendo le tracce lasciate da discogs come pollicino fa con le briciole di pane ci porta a scoprire un passato da corista nei Texas e poco altro. Una desueta pagina MySpace a lei associata risulta oramai vuota.

Ma le basta quest'unico colpo da maestro per entrare nella storia, magari dalla porta di servizio come del resto piace a noi.

Qui il pezzo, una bomba vera: https://www.youtube.com/watch?v=bNbWUDeATNI (https://www.youtube.com/watch?v=bNbWUDeATNI)

Qui la pagina discogs sul disco, con le uniche foto della Overton reperibili in rete (spoiler: è da innamoramento istantaneo): https://www.discogs.com/artist/404106-Karen-Overton (https://www.discogs.com/artist/404106-Karen-Overton)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 03 Dic 2021, 16:58
Qui la pagina discogs sul disco, con le uniche foto della Overton reperibili in rete (spoiler: è da innamoramento istantaneo)
Porc...   :scared: <3 <3<3

Non la conoscevo, grazie della segnalazione e del rush ormonale! :-D
Bella la cover ma in tutta sincerità come voce preferisco quella della Ray Martin (che vidi anche live con i suoi Electribe 101 a supporter dei Depeche Mode a Milano nel '90, gran concerto).

Intervengo poco nel topic ma leggo, eh, e vi ringrazio per i tanti titoli e spunti segnalati.
Appena avrò un po' più tempo scriverò come si deve, per ora segnalo solo un disco di musica ambient-elettronica famosissimo ma che ho riscoperto ed apprezzato pienamente solo ora, "Substrata" del norvegese Biosphere. Non è da ballare ma è splendido
https://www.youtube.com/watch?v=xL3MBMim36E
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 03 Dic 2021, 20:12
Sì, quella di Billie ray è il top, ma è Billie ray ad essere il top  :-*

Però quella di Karen fa molto sesso, è un piglio diverso.  :yes:
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 05 Dic 2021, 15:23
Le mie orecchie si stanno piacevolmente abituando allo stile techno di Detroit dopo un inizio un pò traumatico, abituate alle sonorità europee.
Quindi avanti con la scoperta di altri artisti.

Gary Martin - Black Forest:
https://youtu.be/nfoGgbTq5Ok

Gary Martin - Well & we get down
https://youtu.be/2a2KyzMRm_s

Maddaaaaaiiiiiii.... questa la metterei come finale in una serata a......... Berlino  :D
Maaaaammmbooooo
Gary Martin - Mambo Elektro
https://youtu.be/d6wBpPCNjHk
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 06 Dic 2021, 16:43
Comunque gira di qua o là, alla fine si torna all'ovile; se cerco qualcosa che mi abbassi il colesterolo o risvegli la Casa di Riposo di fianco a casa mia allora pesco sempre da lui: Mike Dearborn, techno pura come piace a me.
Tante tracce belle (qualcosa già postata), ma alcune lasciano un segno indelebile come questa, secondo me:
Bassline
https://youtu.be/t6NCxZzgXi0
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 06 Dic 2021, 21:08
Il mitico Gary "Gigi Galaxy" Martin, unico bianco nella nerissima scena di Detroit, col suo mix di Techno, Electro e addirittura Exotica\Lounge!

Io non lo conosco tantissimo, anche a causa della scarsa reperibilità su CD della sua opera ma quello che negli anni ho ascoltato m'è sempre piaciuto un fracco soprattutto per l'originalità dello stile e la voglia di infrangere regole e confini.

Un'altra sua chicca col suo nome d'arte più famoso:

https://youtu.be/JRB39May5h8 (https://youtu.be/JRB39May5h8)

E poi la magica, indimenticabile, The Dream:

https://youtu.be/mAEsmW3nDtA (https://youtu.be/mAEsmW3nDtA)

Bravo chirux che lo ripeschi!
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 08 Dic 2021, 16:52
E chi si nasconde sotto le tre lettere H&M? E sempre a Detroit?
Soluzione immediata: i soliti noti Robert Hood e Jeff Mills, che hanno lavorato insieme. Ho scoperto il loro EP Drama tra cui non posso esimermi di citare la traccia che più riesce ad accelerare il mio flusso sanguigno al cervello:
Percepition:
https://youtu.be/5q0Wlc3RJbY
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 10 Dic 2021, 14:14
Un accenno alla pratica per un buon ascolto casalingo?
Per esempio, mi sono imbattuto nella ricerca di CD di Mike Dearborn, ma non trovo nulla, quindi presumo sia tutto su vinile; quindi potrei ascoltarlo tramite mp3.
Provo a cercare anche per altri artisti.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 10 Dic 2021, 20:34
Un accenno alla pratica per un buon ascolto casalingo?
Per esempio, mi sono imbattuto nella ricerca di CD di Mike Dearborn, ma non trovo nulla, quindi presumo sia tutto su vinile; quindi potrei ascoltarlo tramite mp3.
Provo a cercare anche per altri artisti.

Discogs è la mecca.

Di Mike Dearborn sono usciti due CD: Muzikal Journey e Ready for War, entrambi facilmente reperibili a basso prezzo ma purtroppo appesantiti dalle spese di spedizione (il primo lo trovi a minimo 16,50 euro spedizioni comprese, il secondo purtroppo è più caro):

https://www.discogs.com/sell/release/602?ev=rb (https://www.discogs.com/sell/release/602?ev=rb)

https://www.discogs.com/sell/list?master_id=80889&ev=mb (https://www.discogs.com/sell/list?master_id=80889&ev=mb)

Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 12 Dic 2021, 14:34
Un accenno alla pratica per un buon ascolto casalingo?
Per esempio, mi sono imbattuto nella ricerca di CD di Mike Dearborn, ma non trovo nulla, quindi presumo sia tutto su vinile; quindi potrei ascoltarlo tramite mp3.
Provo a cercare anche per altri artisti.

Discogs è la mecca.

Di Mike Dearborn sono usciti due CD: Muzikal Journey e Ready for War, entrambi facilmente reperibili a basso prezzo ma purtroppo appesantiti dalle spese di spedizione (il primo lo trovi a minimo 16,50 euro spedizioni comprese, il secondo purtroppo è più caro):

https://www.discogs.com/sell/release/602?ev=rb (https://www.discogs.com/sell/release/602?ev=rb)

https://www.discogs.com/sell/list?master_id=80889&ev=mb (https://www.discogs.com/sell/list?master_id=80889&ev=mb)
Nello specifico di Mike Dearborn ero più interessato a Jaws e Razorsharp .

Comunque tengo in osservazione Discogs per tutti gli artisti, per CD.
Quindi, quando non è uscito il CD, si và di formato digitale, purtroppo.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 12 Dic 2021, 15:32
Purtroppo quelli non ci sono in CD (un paio di tracce di razorsharp sono però su Muzikal Journey).

Messi insieme sarebbero stati un album perfetto.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 15 Dic 2021, 19:45
Cmq, spinto dal buon @chirux in questi giorni sto facendo un ripassino di Mike Dearborn, uno dei miei artisti Techno preferiti. Un suono devastante che media l'impatto brutale, ottusamente robotico e fisicamente devastante del Jack chicagoano tipico delle trax più dure e spartane di scuola Dance Mania e iper tecnologici mentalismi Techno, organizzato in militareschi stomp di abrasiva potenza ma anche dall'assassino senso del groove.

Un vero peccato che non sia mai uscito un disco o una raccolta in grado di rendergli onore. Muzikal Journey ci si avvicina ma è macchiato dall'inspiegabile presenza di Move non in versione originale ma nel (comunque ottimo seppur totalmente fuori posto) remix dei tedeschi Hardfloor e dall'assenza di altri capisaldi della produzione dearborniana.

Non mancano invece due capolavori assoluti come la mitologica Birds on E, forse la traccia Acid Techno più folle e devastante di sempre con quell'ostinato che brucia il cervello ed il visionario, cosmico, Trance Mixx di Outer Limits.

Artista splendido, speriamo che Miss Djax (l'opera di Dearborn che conta è uscita tutta sull'etichetta olandese Djax-Up Beats) prima o poi ci degni di una raccoltona doppia fatta come si deve.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 16 Dic 2021, 13:46
Sono d'accordo con te, Jello, su Mike; mi manca da approfondire Moments, ma a parte Ready for war che non sembra nemmeno uscito da lui, il resto è di gran livello. Inoltre lo preferisco ad Armani che ho comunque rivalutato ed apprezzato con il suo Album Next Start.

Per fare stampare un suo colossale CD credo, ormai, bisogna scendere in piazza  :cry:
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 16 Dic 2021, 16:43
Eh, al contrario di altre etichette storiche (penso alla Trax) la Djax-Up Beats non ha ancora iniziato a recuperare, ristampare e valorizzare il suo catalogo storico. Speriamo che prima o poi Miss Djax capisca che può essere un buon affare ed agisca di conseguenza...
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 24 Dic 2021, 15:45
 :D :D :D

Scusate.....

Sono in anticipo, è per domani.
E dico solo Natale  ;D

https://youtu.be/3gIEhaAMuDA
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 26 Dic 2021, 16:20
Model 500: non mi aspettavo di ascoltare quei suoni stile Daft Punk o Chemical Brothers; belle sonorità, anche se non è il mio genere preferito.

Ben colpito da Morganistic(Luke Slater) con il Fluids Amniotic: tutto al posto giusto con varietà elettroniche, ne troppo duro ne troppo moscio, bel ritmo. Ovviamente niente CD  ???
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 26 Dic 2021, 21:11
Mitico chirux che prosegue il viaggio!  :yes:

Cmq, Morganistic si trova, dai! Certo, non è proprio economicissimo ma io lo presi anni fa ad una ventina d'euro spedizione compresa!  :yes:

Luke Slater mito assoluto, consiglio vivamente anche la raccoltona 92-94, roba grande, grossa e cazzuta che si apre con un apocalittico meteorite come questo:

https://www.youtube.com/watch?v=rVjYC9sIDSo (https://www.youtube.com/watch?v=rVjYC9sIDSo)

Poi c'è il suo progetto Planetary Assualt Systems, anche qui abbiamo la fortuna di due belle raccoltone in CD, Archives ed Archives Two, oltre a vari dischi veri e propri.

https://www.youtube.com/watch?v=Ke0Cjpi2Sq8 (https://www.youtube.com/watch?v=Ke0Cjpi2Sq8)

Non mi stupisce che Model 500 ti abbia richiamato alla mente i Daft Punk: si tratta infatti di musica che è l'atto fondativo della techno ed è stata incisa fra 1985 e 1989, pieni anni ottanta, con sonorità che poi i retromaniaci Draft Punk studieranno a memoria (sebbene da un punto di vista più House, Hi-NRG e Synth Pop laddove Model 500 è sempre stato più cosmico, più fantascientifico, più quintessenzialmente elettronico.)  :yes:

Ad ogni modo è stato proprio Juan Atkins ad inventare la Techno sia come genere (assieme a May e Saunderson, ma lui prima) sia, soprattutto come nome: il termine "techno" per identificare la nuova musica Dance proveniente da Detroit lo coniò proprio lui nelle note di copertina della storica raccolta del 1987 "Techno: The New Dance Sound of Detroit", che è il primo documento dove il nome viene usato. :-[
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 28 Dic 2021, 15:02
Il mio viaggio continua, ma grazie alla tua presenza Jello  :yes:
Ho ancora molto da ascoltare,conoscere e selezionare quello che più mi scombussola.

Per i CD di Morganistic: hai ragione tu, esistono anche se non li regalano.
E vado avanti con l'ascolto di quello che hai consigliato.
Poi qualche CD, se possibile, me lo procurero', sia perché amo ancora "il fisico" e per la qualità audio.

Che mi dici della qualità dei tuoi CD?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 28 Dic 2021, 19:05
Che mi dici della qualità dei tuoi CD?

Ma dici come suono?

Dipende molto dall'edizione. Ad esempio ho da poco acquistato le ristampone giapponesi della P-Vine di Elements 1989-1990 di Psyche\BFC (cioè Carl Craig) e la rimasterizzazione è fenomenale, con un buon impianto (il mio purtroppo non lo è, ma mi accontento) il risultato è garantito.

In altri casi, dove purtroppo i master sono stati smarriti e chi ha curato il CD è dovuto ricorrere al vinile (ad esempio molte delle raccolte Trax sui grandi vecchi dell'House o Phases & Faces di Kevin Saunderson), la qualità è meno buona ma in generale sia i CD usciti in tempo reale durante i '90 sia, a maggior ragione, le ristampe rimasterizzate, suonano molto bene.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 29 Dic 2021, 14:59
Sì parlo della qualità sonora.
Jello, sei una fonte incredibile, complimenti  :yes:
Innanzitutto, se mi capita qualcosa di interessante chiedo prima a te.
Inoltre: le rimasterizzazioni possono riguardare qualsiasi periodo e artista oppure solo determinate etichette?
Infine: il punto di riferimento per rimanere informati ed aggiornati è solo Discogs?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 29 Dic 2021, 15:46
La questione della qualità sonora dei cd è molto complessa e spesso "senza risposta", perché ci sono tantissime ristampe e compilation nelle quali la canzone è stata rippata da vinile senza che la cosa sia indicata, o anche "rimasterizzata" male con eccessiva compressione e perdita di dinamica.
L'esempio più rappresentativo è il superbo "Spatial expansion" remix di William Orbit di "Hey music lover" di S Express, uscito nell'89 in vinile e pubblicato all'epoca in forma digitale solo su un CD promo USA - che purtroppo non ho - e che poi a distanza di anni è stato inserito in una raccolta in cd "12"/80s Club Classics" ma con una qualità audio atroce, stracompressa ed inascoltabile.
Purtroppo anche alcune recenti riedizioni in formato digitale sono prese da vinile: ho comprato da poco "Techno Bert - Neue Dimensionen" (pezzo storico ed indispensabile) in formato FLAC ma con mio grande dispiacere c'ho trovato dei click che tradiscono un vinyl-rip non troppo curato.

L'ideale secondo me sarebbe trovare delle edizioni in CD dell'epoca ma spesso queste non esistevano, e se c'erano quei dischi potrebbero a distanza di tanti anni non essere più leggibili, a me purtroppo è capitato più di una volta anche con cd non vecchissimi.

Il sito di riferimento più attendibili, per rispondere a Chirux, è sicuramente Discogs ma per sua natura non è necessariamente completo. Non so se ne esistono di più specifici per la techno.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 29 Dic 2021, 16:10
Sì parlo della qualità sonora.
Jello, sei una fonte incredibile, complimenti  :yes:
Innanzitutto, se mi capita qualcosa di interessante chiedo prima a te.
Inoltre: le rimasterizzazioni possono riguardare qualsiasi periodo e artista oppure solo determinate etichette?
Infine: il punto di riferimento per rimanere informati ed aggiornati è solo Discogs?

Come dicevo (e come ribadito da nodisco) dipende molto non solo dall'etichetta ma anche dal singolo disco. Per quelli i cui master sono andati perduti purtroppo non c'è speranza e tocca accontentarsi dei rip da vinile...

In generale però etichette come Rush Hour, Defected, Urban o P-Vine fanno riedizioni rimasterizzate molto curate e ben suonanti. Anche la Strictly Rhythm si difende egregiamente.

Fin'ora purtroppo la "peggiore" in questo senso è anche la più importante e cioè la Trax (ma lì la colpa non è sua, visto che si tratta di cose anni '80 che già di loro erano lo-fi).
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 29 Dic 2021, 16:23
Quindi "va bene" viaggiare tra MP3 e qualche buon CD?
Voi come avete fatto finora?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 29 Dic 2021, 20:58
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96, e per fortuna in Germania all'epoca di molte canzoni non uscivano solo i vinili ma anche i cdsingle: nel corso degli anni ho trovato quasi tutti quelli che cercavo.
Ho anche molte compilation ma lì è un prenderci, non sai mai come sarà la qualità audio delle tracce, e spesso ci sono mix o versioni diverse da quelle che sono scritte in copertina.
Molte cose sono state rimasterizzate e sono disponibili come files digitali su Beatport, Juno o siti analoghi, altre ancora sono purtroppo reperibili solo sui vinili dell'epoca, che può non essere facile trovare in buone condizioni a prezzi accettabili.
Quel "Techno Bert" di cui parlavo prima per esempio costa abbastanza e ancora non ce l'ho. 
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 30 Dic 2021, 13:31
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".

Per il resto: i siti che citi, nodisco, di musica digitale, li avevo già addocchiati, ma non sarei molto propenso.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 06 Gen 2022, 18:11
Cmq fin'ora abbiamo parlato solo di Techno, a questo punto facciamo una puntatina nel pianeta House!

Che è universo sconfinato dai mille volti ed ancor più sottogeneri.

Per questo, senza perdersi nei suoi mille rivoli, parto recuperando un vecchio post che scrissi nel thread "La canzone che sto ascoltando" e che riguarda due colossi del genere, gli inglesi Pete Heller e Terry Farley, una delle coppie produttive più importanti di tutta la storia dell'House, due geni dei quali è provvidenzialmente uscita qualche anno fa la TRIPLA raccolta House Matsers della sempre benedetta Defeted:

Citazione da: Jello Biafra
E niente, dopo due anni e mezzo di resistenza, alla fine ho ceduto, non ce l'ho fatta, ho ordinato il volume di House Masters dedicato a Heller & Farley, arrivato l'altro ieri, già consumato.

I primi due CD dedicati ai loro storici remix, il terzo alle produzioni in proprio, quattro ore e quindici minuti di musica, un testo sacro da studiare per anni, scorrendo la scaletta sembra che i loro pezzi più importanti ci siano tutti (manca Big Love che però è del solo Pete Heller ma uno spazietto si poteva trovare, dai).

Il Wild Pitch di DJ Pierre da un lato, l'edonismo della Garage nuovayorkese dall'altro, tante declinazioni di questi due stili ma una sola febbre: HOUSE HOUSE HOUSE. Ispirazione a livelli impensabili, anima e passione che bruciano tutto, suoni da stato dell'arte.

I remix cruciali, quelli che fanno la storia sono:

1)il La musica es la respuesta Mix su Music Is The Answer di Danny Tenaglia, 11 minuti di struggenti vocalizzi da drag queen sorretti da una tastiera battente in lacrime e da una chitarra acustica latineggiante spezza cuore

https://www.youtube.com/watch?v=YS8A3tKvJwk (https://www.youtube.com/watch?v=YS8A3tKvJwk)

2)L'Heller & Farley Saturday in Chicago Mix di I Don't Want to See Myself (Without You) di Terry Callier, che porta dentro l'House-Nirvana l'originale, già peculiarissimo di suo, Soul Folk di un grande eccentrico come Callier

https://www.youtube.com/watch?v=70Ee0USueug (https://www.youtube.com/watch?v=70Ee0USueug)

3)lo Zooromancer Mix su Salome degli U2, trasfigurata in un lunare miraggio Soul elevato verso l'infinito da cosmiche correnti Trance

https://www.youtube.com/watch?v=O0VFPmRZrgw (https://www.youtube.com/watch?v=O0VFPmRZrgw)

4)il Fire Island Mix su Regret dei New Order, che trasforma una canzone meravigliosa in un inno Garage carico di piangenti ed estatici echi balearic

https://www.youtube.com/watch?v=ncPNOIk0508 (https://www.youtube.com/watch?v=ncPNOIk0508)

5)i due Robert Owens, il Fire Island Vocal su Was I Here Before, paranoica e possente, che lancia la voce House per eccellenza, quella di Owens, dentro un tunnel oscuro ad altissima velocità, e il Roaching the Bassbin Mix su Ordinary People, col suo assetto Wild Pitch da battaglia e quella voce che esce ed entra nel campo sonoro come un ipnotico fantasma Blues da mondi lontani

https://www.youtube.com/watch?v=EtaQg9Fjxu8 (https://www.youtube.com/watch?v=EtaQg9Fjxu8)
https://www.youtube.com/watch?v=WXyDkSVvQa8 (https://www.youtube.com/watch?v=WXyDkSVvQa8)

6)il Roach Motel Remix su Who Dares to Believe in Me di The Believers (uno degli pseudonimi di Roy Davis Jr.), pura psicosi elettronica Chicagoana con voce tonante e minacciosa, come quella di un Dio vendicativo e crudele e quel sassofono che parte inarrestabile in un fraseggio spiritato

https://www.youtube.com/watch?v=QqkUdJyB5p4 (https://www.youtube.com/watch?v=QqkUdJyB5p4)

7)il Fire Island Mix su Movin', di Monè, che trasla le suggestioni Garage da cartone animato dell'originale in un carrello esplosivo di tastiere vitree e vocalizzi Soul di bellezza e seduzione irresistibili

https://www.youtube.com/watch?v=zDan4eYCKbU (https://www.youtube.com/watch?v=zDan4eYCKbU)

E poi i loro pezzi autografi, roba forte, fortissima, quasi insostenibile, come Wild Luv a nome Roach Motel, omaggio/monumento al Wild Pitch, Movin' On, sempre Roach Motel, fumettosa ed estiva come una appassionata lettera d'amore alla House continentale più scanzonata, i travolgenti cantati Garage sotto le insegne Fire Island (If You Should Need a Friend, There But for the Grace of God, We Built This House, pregni di anima e Gospel), il sogno di mezza estate innervato da potenti pulsazioni tribali The Rising Sun, la Deep House da guerra The Night, l'omonima, celebrativa, Fire Island, con Rap militaresco di Ricardo da Force e una selva di raggi laser in sottofondo...

Che roba, amici miei, che roba colossale.

Se amate il genere ci morirete dentro, se non vi siete mai avvicinati questa è la volta buona, rischiate di non uscire più dal tunnel.

Due giganti.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 06 Gen 2022, 19:10
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".
Oh scusa, vedo il post solo ora.
Ti elenco un po' di titoli per dare un'idea:
 
le uscite di Emmanuel Top su Attack Records (Acid phase, Turkish bazar, ecc.),
Blue Alphabet - Cybertrance,
Outface - Komakino,
Drax ltd. - Amphetamine,
Cherrymoon - The house of house,
Mystic force - Mystic force,
Sunbeam - Outside world,
Energy 52 - Café del mar,
Jones & Stephenson - The 1st rebirth,
The Montini experience - Astrosyn,
Hocus Pocus - Here's Johnny,
Astral projection - Powergen,
The art of trance - Octopus,
Lenny Dee - Fuckin' hostile,
molti dischi dei PCP usciti con duemila pseudonimi, eccetera.

Sostanzialmente tutta roba uscita dal '92-93 in poi e prima che si imponessero schemi e strutture compositive che poi sono diventate standard negli anni a seguire.
Per dire, la canzone che ad un certo punto si svuota della cassa e fa una "pausa" di un certa lunghezza con una "ripartenza" trionfale nasce credo con Cherrymoon nel '94 e poi è diventata una cosa quasi obbligatoria in tutti i pezzi techno/trance.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 08 Gen 2022, 15:12
A me piace particolarmente la techno-trance del periodo 1993-96
Mi rinfreschi la memoria?(In generale e le tue preferenze);dovrebbe essere anche "il mio periodo".
Oh scusa, vedo il post solo ora.
Ti elenco un po' di titoli per dare un'idea:
 
le uscite di Emmanuel Top su Attack Records (Acid phase, Turkish bazar, ecc.),
Blue Alphabet - Cybertrance,
Outface - Komakino,
Drax ltd. - Amphetamine,
Cherrymoon - The house of house,
Mystic force - Mystic force,
Sunbeam - Outside world,
Energy 52 - Café del mar,
Jones & Stephenson - The 1st rebirth,
The Montini experience - Astrosyn,
Hocus Pocus - Here's Johnny,
Astral projection - Powergen,
The art of trance - Octopus,
Lenny Dee - Fuckin' hostile,
molti dischi dei PCP usciti con duemila pseudonimi, eccetera.

Sostanzialmente tutta roba uscita dal '92-93 in poi e prima che si imponessero schemi e strutture compositive che poi sono diventate standard negli anni a seguire.
Per dire, la canzone che ad un certo punto si svuota della cassa e fa una "pausa" di un certa lunghezza con una "ripartenza" trionfale nasce credo con Cherrymoon nel '94 e poi è diventata una cosa quasi obbligatoria in tutti i pezzi techno/trance.
Sì, ci siamo, ricordo con piacere parte di quelli da te citati e di sicuro ne troverei altri. Inoltre presumo che recuperarli su CD vuole dire Compilation.

Jello, arriverà anche il mio momento di visitare la House.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 08 Gen 2022, 16:21
Inoltre presumo che recuperarli su CD vuole dire Compilation.
In realtà molti si trovano anche in cdsingle, non so i prezzi attuali ma non li ho pagati molto. L'unico costoso è stato Mystic Force, una trentina di €

(https://i.imgur.com/pxLblr3.jpeg)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 08 Gen 2022, 17:12
Bene, nodisco, ed interessante foto  :).

Approfitto per un OT, nodisco: da DJ ed appassionato presumo tu abbia un buon impianto di ascolto. Lo chiedo perché stavo valutando un sistema di ascolto decente che comprende la Dance, ma non solo.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 10 Gen 2022, 11:24
da DJ ed appassionato presumo tu abbia un buon impianto di ascolto.
Mah guarda, ti deluderò: non ho un impianto particolarmente ricercato e adatto per la musica techno/house/ecc.
Come amplificatore ho un Marantz PM-65 che avrò forse dai primi anni '90, come casse delle Sony SS-NX1 che mi erano state date come ripiego temporaneo ma poi ho tenuto perché mi ci trovo bene.
Prima avevo delle Acoustic Research AR-6 ma le ho "cotte" e sarebbero da restaurare, prima o poi lo farò. Per ora le uso per appoggiarci sopra la tazza da tè, son proprio dell'altezza giusta.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 12 Gen 2022, 18:05
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=8FT-1bCoS6c
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 14 Gen 2022, 13:58
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.
Anche questi non li conoscevo.
Subito ho identificato il suono "europeo" e la vicinanza musicale con tracce uscite negli anni a seguire.

Poi non riesco più a non chiedere a @nodisco (se ha piacere, tempo e possibilità) di comporre un set con tracce a sua scelta.

E scusate se capita che non rispondo o lo faccio in ritardo, ma le email di notifica funzionano alla ..zzo
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 14 Gen 2022, 20:52
Uno dei momenti definitivi della musica Dance anni '90: Lush 3-2 e Lush 3-2 degli Orbital.
Anche questi non li conoscevo.
Subito ho identificato il suono "europeo" e la vicinanza musicale con tracce uscite negli anni a seguire.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=C5YkVhk-LZk

 ;)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Prikaz 227 - 16 Gen 2022, 00:22
Bravo Jello.

Visto che ho inserito Frequency nella mia classifica TFP ALL-Time TOP TEN, ecco il contributo degli Orbital in quel fior fiore di gioco.

TFP Link :: https://youtu.be/SO9QOs-7cG4

Nel frattempo, mentre con calma vi leggo ed ascolto, ho recuperato gli otto album dei Kraftwerk ripubblicati nel 2020, a seguito della scomparsa di Florian Schneider.

Ora - al di là della monumentale estetica del pacchetto (viene letteralmente voglia di leccare i vinili fluo che girano sinuosi sul piatto, mentre si accarezzano con occhi e mani le iconiche copertine ed i booklet fotografici) - che fottuti genii erano questi tedeschi ?
Mentre li ascolto nella penombra del soggiorno, suggestionato dai loro ritmi silicei, mi aspetto quasi che una pattuglia della Stasi piombi in casa per arrestarmi, allertata dai vicini delatori per il volume quantomai eccessivo.

(https://i.postimg.cc/hv813yZv/521-C613-F-D598-46-D7-9-DD3-CF6-D8121-AA1-E.jpg) (https://postimg.cc/n9zmXkJf)

Avanti anni luce a tutto e tutti, pensando anche ai mezzi tecnici che avevano a disposizione quando hanno spettinato il mondo durante gli anni settanta.

Piccola curiosità, visto che nel topic tanto si è (giustamente) parlato dei guru di Detroit.
Nel 1999 i Kraftwerk pubblicano un singolo intitolato Expo 2000, in vista dell’esposizione universale che si terrà ad Hannover l’anno successivo. Lo stesso singolo verrà ripubblicato l'anno seguente con il titolo di Expo 2000 Remix, presentando sei nuove versioni del brano remixate da DJ della scena techno di Detroit.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Gen 2022, 15:14
Beh, i Kraftwerk sono l'alpha e l'omega dell'elettronica popolare, la cosa che più mi ha sempre mandato fuori di testa è il fatto che dei bianchi, a loro volta inizialmente influenzati dai neri (visto che i Kraftwerk iniziarono suonando Rock fra psichedelia e Progressive quando ancora si chiamavano Organisation e nei primi due dischi) influenzarono in maniera radicale altri neri (Afrika Bambaata prima e poi tutta la scena House e Techno delle origini).

Un cortocircuito di quelli da far esplodere il cervello.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=_rlUQsC8ECk

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=XMVokT5e0zs
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Prikaz 227 - 17 Gen 2022, 17:40
"... Hütter described the link between Detroit and Germany as a spiritual connection. He was impressed “that this music from two industrial centres of the world, with different cultures and different history, suddenly there’s an inspiration and a flow going back and forth”. Kindred spirits from different backgrounds bringing people together and trying to envision a brighter future. From Kraftwerk’s Kling Klang studio to WGPR-FM, Belleville and The Music Institute, back to Berlin and UFO, Planet, Tresor, to UR headquarters, Drexciya and Motor Club, to Bar 25, Hoppetosse and Berghain, the exchange continues."

Articolo completo qui: https://www.theguardian.com/music/2020/may/25/from-germany-to-detroit-and-back-how-kraftwerk-forged-an-industrial-exchange
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 17 Gen 2022, 20:50
Esatto. Non a caso Derrick May (che, assieme a Saunderson e Atkins il genere lo ha inventato) ha sempre definito la Techno come "Kraftwerk e George Clinton chiusi in un ascensore".
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 17 Gen 2022, 21:16
Poi non riesco più a non chiedere a @nodisco (se ha piacere, tempo e possibilità) di comporre un set con tracce a sua scelta.
Leggo adesso. Grazie, mi fa piacere la richiesta, ma... intendi un set mixato? Ma io non sono mica capace!  :D
No, scherzi a parte: al Cocco quando facevo il DJ mixavo musica electro-chillout usando i Pioneer CDJ del locale che ti facilitano moltissimo le cose dandoti i bpm del pezzo, cosa che rende il mixaggio veramente semplice anche per chi (come me) non nasce come DJ. Negli ultimi anni, cioè fino al 2019, invece di mixare facevo un "live set" suonando con synth e computer sopra delle basi già preparate.
A casa però non ho niente con cui mixare quindi non saprei mica come fare per registrare un set.
E scusate se capita che non rispondo o lo faccio in ritardo, ma le email di notifica funzionano alla ..zzo
Mail di notifica? Ok, forse devo impostare qualcosa per ricevere le notifiche
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 17 Gen 2022, 21:34
i Kraftwerk sono l'alpha e l'omega dell'elettronica popolare
Ricordo che anni fa una rivista musicale aveva chiesto a diversi musicisti quale era stato l'artista o il gruppo che li aveva spinti a fare quel mestiere e i Kraftwerk a sorpresa furono tra i più citati assieme a Bowie.
Vale anche per me, io nel '78 passavo i pomeriggi nella macchina di mio zio che aveva l'autoradio a sentire e risentire da capo la cassetta di "The Man-Machine".
Sono anche il gruppo che ho visto più volte dal vivo, cinque: Ferrara, Verona, Torino, Utrecht e Kiev, quest'ultima la ricordo in particolare perché fu "a sorpresa".
Nel 2008 avevo accompagnato in Ucraina due miei amici che dovevano suonare lì, e quando siamo atterrati all'aeroporto ho visto all'uscita un tipo con un cartello in mano con scritto "KRAFTWERK".
Mentre stavo pensando "ma dai, chissà cosa cavolo vorrà dire 'kraftwerk' in ucraino" ho visto arrivare di fianco a me Ralf Hütter, con ai piedi un paio di All Stars (non so perchè mi rimangono impressi 'sti dettagli inutili) e gli altri del gruppo.
La sera stessa poi siamo riusciti ad andare al loro concerto, lì in centro a Kiev. Fantastico.

Sì comunque sono i "padrini" del pop elettronico e in parte anche della new wave, senza di loro forse non sarebbero esistiti Human League, O.M.D., Depeche Mode, Nitzer Ebb e chissà quanti altri.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 18 Gen 2022, 17:01
Sì, verissimo ciò che dici a proposito dei Kraftwerk ed io a tal proposito ricorderei un po' tutto il krautrock, che ha avuto sulla musica elettronica popolare (quella "colta" si muoveva su altri binari che però spesso si incrociavano col pop, vedi ad esempio tanti musicisti kraut che erano stati studenti di Stockhausen).

Le reiterazioni ossessive e minimali dei Can, le suite totalmente elettroniche degli Harmonia, le esplorazioni siderali di Klaus Shultze e quelle etno-spirituali-tribali dei Popol Vuh, certe sperimentazioni dei Faust (tipo la mitologica Krautrock: https://www.youtube.com/watch?v=RzPUoG3M9gA (https://www.youtube.com/watch?v=RzPUoG3M9gA)) ma soprattutto l'invenzione del motorik beat dei NEU! (https://www.youtube.com/watch?v=zndpi8tNZyQ (https://www.youtube.com/watch?v=zndpi8tNZyQ)) hanno avuto un impatto incalcolabile su quanto venuto dopo.

Il personaggio più importante è però Manuel Gottsching. Il suo E2-E4 è stato un album fondamentale per la dance, non a caso campionato da Sueno Latino e da milioni di altri. Un disco fatto in cameretta per avere un po' di musica che accompagnasse il nostro nei suoi viaggio in aereo che, una volta pubblicata nel 1984, ha ribaltato tutto.

Ma prima di E2-E4 c'era stato Inventions fur Elektrik Guitar, un disco del 1975 suonato solo con una chitarra che però pare un album Ambient Techno di vent'anni dopo. Ascoltare per credere:

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=khejrbgdc4w

Qui invece E2-E4, registrato nel 1977 ma uscito nel 1984:
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=ys0HyevZpQg

Praticamente ha inventato tutto lui.
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 19 Gen 2022, 15:37
Notevoli anche gli album degli Ash Ra Tempel, nei quali all'inizio assieme a Göttsching c'era anche Klaus Schulze.
Il Krautrock è un capitolo immenso e fondamentale per tutta la musica a venire, elettronica ma non solo, per chi volesse approfondire consiglio la lettura del meraviglioso libro di Julian Cope "Krautrocksampler", non so se sia ancora in catalogo ma c'è anche in italiano.
Oltre a quelli che hai nominato aggiungo gli Amon Düül, ovviamente i primi Tangerine Dream, i Cluster e gli L.A. Düsseldorf.
Dei Neu! io adoro "Hero", che in un passaggio mi ha sempre ricordato "Dancing with myself" dei Generation X.
Oddio magari è una coincidenza perché è una semplice scala, però ascoltate la prima a 5'30" e la seconda a 1'30" circa...
https://www.youtube.com/watch?v=hbfVXCWz9jY
https://www.youtube.com/watch?v=LMdOhFwuUFc
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 19 Gen 2022, 21:20
Comunque, la bellezza di ben diciassette anni fa aprii io stesso un thread sul Krautrock!

https://www.tfpforum.it/index.php?topic=13805.0 (https://www.tfpforum.it/index.php?topic=13805.0)
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 20 Gen 2022, 15:18
A parte preferenze personali, trovo che il topic sia veramente interessante e stimolante perché continua a regalarmi novità, a farmi rivivere il passato e stuzzicare possibili altri argomenti, il tutto sempre collegato alla dance, elettronica e simili.

Butto nel mucchio la mia discreta passione Anni '80 e  qualcosina Anni '70: materiale che rientra in topic?
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: nodisco - 20 Gen 2022, 17:02
Beh di musica anni '80 e '70 che ha precorso techno/house et similia ce n'è tantissima, a partire proprio dal krautrock.
Volendo citare un "filone" non ancora considerato c'è tutta la scena industrial/new wave/sperimentale dei Throbbing Gristle e correlati vari, fra i quali un posto di rilievo meritano sicuramente Chris & Cosey, che nell'84 pubblicarono un LP a nome "CTI" nel quale c'è uno dei primissimi pezzi costruiti con Roland TR 808 e TB 303, "Dancing ghosts"
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=mo8is1XSTSc
Da quanto mi dicono amici più grandi, qui nelle discoteche della riviera era parecchio suonato dai DJ della cosiddetta scena "afro".
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: Jello Biafra - 20 Gen 2022, 19:00
Verissimo. Ricordiamoci poi che, quando esplose l'acid house, gli Psychic TV sotto vari pseudonimi fecero una valanga di dischi in stile, che avevano un po' il limite di concentrarsi sul "qui e ora" e di risentire di una certa bulimia produttiva, però c'erano dentro tante tracce di livello che mediavano il nascente suono acid house con le classiche venature paranoiche, malate ed oscure dei nostri.

TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=vKtXZF4XHsA


TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=VYBu6DKF0XU
Titolo: Re: Il topic DANCE // Techno, House & Breakbeat
Inserito da: chirux - 25 Gen 2022, 15:18
Oi scusate se intervengo poco ma in 'sti giorni c'ho un po' da fare, passo solo per suggerirvi al volo il documentario "Disco Ruin", un film sulla storia delle discoteche italiane dalle origini negli anni '60 fino alla metà dei '90, dal Piper al Cocoricò passando per Baia degli angeli, Cosmic, Plastic, Easy Going, Kinki, eccetera.
Io l'ho visto quest'estate a Rimini e anche un paio di settimane fa a Bologna, stanno facendo un po' di proiezioni e presentazioni in giro per l'Italia, se vi capita non fatevelo scappare.
Il sito ufficiale è https://www.discoruin.com/ (https://www.discoruin.com/)

C'è poi anche un film/documentario incentrato sulla nightlife della riviera romagnola, che purtroppo non sono ancora riuscito a vedere, "Riviera clubbing": https://www.rivieraclubbing.it/ (https://www.rivieraclubbing.it/)
Premetto che non ho visto niente dei consigli di nodisco.

Aggiungo il mio parere sul documentario film Roma Caput Disco, trasmesso ieri sera da Rai5.
Si parla della musica disco e delle discoteche romane dagli anni '70 fino a fine '80; però più incentrato sulle discoteche ed i suoi personaggi: DJ, vip, imprenditori. In più interviste e foto(queste davvero belle) direttamente del periodo e altre attuali con i personaggi protagonisti.
Personalmente, quando guardo un documentario, mi piace che dia una rappresentazione specifica e dettagliata dell'argomento; questo documentario mi è sembrato più un "riviviamo quel periodo". Non male, si lascia guardare, si possono conoscere persone mai sentite o scoprirne la storia personale.