Autore Topic: [ARCADE] Tehkan World Cup  (Letto 1457 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline chirux

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.327
[ARCADE] Tehkan World Cup
« il: 23 Set 2004, 20:09 »
Tehkan World Cup

I giocatori di vecchia data sicuramente si ricorderanno di questo gioco di calcio che è prodotto nel lontano 1985 dalla Tehkan (produttrice del famosissimo Bomb Jack e del flipper Pinball Action). La particolarità di questo titolo risiede nel giocarlo utilizzando una trackball (o sfera) per il movimento del giocatore; inoltre nella modalità multiplayer i contenti si trovano uno di fronte all’altro. Questo c’introduce al gameplay: la visuale è “a volo d’uccello” e si adatta benissimo al multi. Lo schermo è occupato quasi interamente dal terreno di gioco, mentre nella parte destra troviamo una striscia che indica punteggio, radar e tempo. Prima di scendere in campo non esiste possibilità di scelta della squadra che verrà assegnata di default. Sono presenti le squadre più importanti che sono riconoscibili esclusivamente dal colore della maglietta.
L’aspetto grafico è ridotto ai minimi termini con un uso dei colori appropriato. I calciatori hanno la stessa identica fisionomia e si differenziano esclusivamente per il colore della maglietta (a parte la pelle per il Brasile). Pur trattandosi di una vista dall’alto le animazioni sono varie anche se per ogni tipo d’azione vi è associata una sola animazione tranne che per il tiro. Infatti la scivolata, il colpo di testa e il rinvio del portiere sono solo alcune con la monoanimazione. Non mancano l’esultanza in massa dopo un gol oppure lo sfondamento della rete (a volte). Effetto d’ombra del pallone quando è in aria, fotografi a fianco delle porte e qualche bandiera dietro il portiere completano il tutto. La parte sonora è costituita dal fischio dell’arbitro, dal suono emesso dal pallone quando viene colpito o parato dal portiere e da un simpatico motivetto che accompagna tutta la partita.
Una schermata pessima con le due foto identiche delle squadre c’introduce al match.
Caratteristica principale della parte giocata riguarda il controllo della palla che rimarrà incollato ai vostri piedi. Potrete roteare su voi stessi e compiere qualsiasi manovra senza nessun problema di perdere il pallone. La struttura di gioco non è delle meglio riuscite. E’ possibile partire dalla propria area di rigore, sgambettare per tutto il campo fino alla porta avversaria per effettuare il tiro. Oppure tentare una manovra con qualche passaggio, ma con un paio di tocchi si è subito a ridosso dell’area avversaria. Proprio in questa porzione di campo si svolgeranno la maggior parte delle azioni: la fase a centrocampo è in sostanza inesistente. Secondo me è una delle pecche del gioco; le offerte di manovra sono pochissime: si arriva al limite dell’area, diagonale e gol oppure cross dalla fascia in prossimità dell’area e gol in semirovesciata o di testa. La quasi totalità dei gol verrà segnato in questo modo anche perché altre vie non ci sono. A tutto ciò va aggiunta un’intelligenza avversaria che rasenta il ridicolo nei primi match per migliorare soltanto poco prima della finale dove ci sono tentativi di pressing e il portiere esce da un coma che pareva irreversibile. Non è improbabile terminare i primi match con punteggi che vanno oltre il classico “tennistico” e con il nostro portiere che poteva restarsene tranquillamente a casa. Un altro aspetto che ho trovato assurdo riguarda il portiere: non è possibile farlo uscire dalla sua area piccola. Di conseguenza quando un avversario entra in area è impossibile evitare il gol.
Ci troviamo di fronte ad un calcio con struttura arcade, semplice, immediato. Il gameplay all’inizio diverte, ma arrivare alla finale non è impossibile e la struttura non lascia molto spazio alla creatività.

Voto: 5,5

Per coloro che non lo conoscono o non ricordano: