Autore Topic: [SNES] Super Turrican 2  (Letto 799 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.504
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
[SNES] Super Turrican 2
« il: 30 Set 2003, 12:14 »
Strano anno il 1995. Probabilmente è stato il vero punto di "passaggio" tra i vecchi sedici bit e la loro grafica bidimensionale e le appena nate macchine a 32, con il loro carico di poligoni e texture. Destino ha voluto che Super Turrican 2, ultimo rappresentante di una delle saghe simbolo del 2D arrivasse nei negozi proprio in quell’anno, segnando tanto la fine della serie quanto di un certo modo "puro" di intendere i videogiochi da parte delle software house occidentali, simbolizzato da Rainbow Arts prima e da Factor 5 poi. L’addio però fu di quelli col botto, un impatto devastante che ha lasciato dietro di sè un enorme cratere pieno di software fumante…

Su SNES era già arrivato, due anni prima, Super Turrican, risultando un gioco eccellente sotto tutti i punti di vista, eppure nessuno si aspettava un seguito cosi… Come dire… Immenso, anzi, leggendario dalla testa ai piedi, dalla schermata dei titoli a quella finale. Come il predecessore non si tratta di una conversione pedissequa da Amiga, ma di un gioco tutto nuovo, che riprende solo alcune caratteristiche di Turrican 3 (come il gancio estensibile a la Bionic Commando, che permette al protagonista di appendersi alle pareti o di attrarre a se gli item) e sfrutta al massimo tutte le peculiarità dei una macchina come il 16bit Nintendo per offrire all’incauto giocatore un’esperienza a dir poco "totale". Al contrario delle versioni per la macchina Commodore in entrambe le release nintendiane l’accento è posto più sul blastaggio che sull’esplorazione di enormi ed intricatissimi livelli; ciò non vuol dire affatto che le mappe siano lineari, tutt’altro: a volte vi troverete in dei veri e propri labirinti dove trovare l’uscita non sarà affatto facile, nonostante l’incredibile estensione degli stages amighisti sia stata decisamente ridimensionata. Comunque la combinazione tra platform e shoot’em up è assolutamente perfetta, facendo risaltare un impianto di gioco eccezionalmente equilibrato e profondamente divertente. La cosa che più lascia a bocca aperta di ST2 è la varietà. In nessun altro titolo (non solo di questo genere) si è mai vista una simile differenziazione dei livelli e del gameplay. Oltre agli stage nel classico stile della serie, ve ne saranno alcuni dove vi troverete alla guida di uno strano veicolo da deserto, oppure di un veloce jet-speeder sottomarino, o ancora altri dove la visuale sarà alle spalle del protagonista con uno svolgersi in tutto e per tutto simile ad After Burner. Per non parlare delle sezioni che ricordano addirittura Tempest, in cui potrete muovervi solo sui bordi di un impressionante tunnel d’acqua.
Ancora: alcuni livelli avranno una visuale dall’alto e uno scrolling verticale obbligato, con un effetto di scorrimento prospettico del fondale con nulla ha da invidiare al mitico Axeley. Inoltre, anche negli stage "normali" la varietà di situazioni è massima: si va dal saltare sul dorso di enormi vermi alieni al ritrovarsi appesi sotto la pancia di un astronave cercando di far fuori una creatura composta da pura energia. Naturalmente  anche i nemici e le ambientazioni sono estremamente diversificati (si va da deserti post atomici ai fondali marini, da enormi complessi industriali allo spazio aperto, passando per lussureggianti foreste e metropoli futuristiche). Tutto ciò ovviamente è fuso insieme in maniera armoniosa, e tutte le sezioni mostrano la stessa, maniacale cura del dettaglio. La varietà si estende anche all’arsenale di Turrican, mai cosi ampio e che stavolta comprende anche un devastante lanciafiamme, davvero spettacolare ed efficace. Tutto ciò, unito ad un sistema di controllo semplicemente perfetto, ad un level design ispiratissimo e a un’atmosfera apocalittica rende ST2 uno dei giochi più divertenti e coinvolgenti che possiate provare. Le partite si susseguono una via l’altra e le ore passano senza che ve ne accorgiate (complice una difficoltà alta ma ottimamente calibrata e mai frustrante), caratteristica comune solo nella cerchia dei più grandi. E ST2 ne fa pienamente parte.

Tecnicamente siamo (of curse) ai massimi livelli. La grafica è straordinariamente dettagliata, con una palette di colori ampissima e sfoggia una vera e propria "parata" di tecniche di programmazione: si va dal parallasse multiplo allo scrolling in prospettiva, dal color copper alle trasparenze, passando per dissolvenze ed effetti di luce. La parte del leone la fa però il Mode 7: la disarmante versatilità dell’hardware Nintendo si evidenzia nelle sezioni pseudo 3D o negli scontri con i giganteschi boss, che vengono ruotati e ridimensionati senza che la velocità e la fluidità ne risentendo minimamente. Aggiungete al tutto una serie di schermate introduttive e di intermezzo renderizzate, con delle animazioni in simil FMV da slogamento della mascella ed avrete un quadro (quasi) completo della situazione. Stesso discorso per il sonoro, composto, as usual, da un Chris Huelsbeck in forma smagliante: si va da melodie sinfoniche a quelle metal, passando per alcuni adrenalinici pezzi techno, accompagnati da effetti sonori di classe cristallina. Già alla seconda partita ripeterete con il computer: "Arm your assault suit…". Fantastico. Insomma, ST2 è una pietra miliare, degno episodio conclusivo di un saga leggendaria, che ne riassume tutte le qualità portandole ad un livello di eccellenza assoluta. In una parola, trascendentale.

GRAFICA: 10
SONORO: 9.5
GIOCABILITA: 10
LONGEVITA: 10
GLOBALE: 10