Autore Topic: La canzone che sto ascoltando  (Letto 834397 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ifride

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.117
    • Il mio sito di foto su Flickr
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16305 il: 06 Gen 2018, 11:24 »
Il bellissimo, bellissimo, bellissimo pezzo che Sufjan Stevens ha scritto per la colonna sonora dell'interessante e da vedere film "Chiamami col mio nome" di Luca Guadagnino

https://www.youtube.com/watch?v=KQT32vW61eI&feature=youtu.be

Offline fiordocanadese

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.217
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16306 il: 12 Gen 2018, 15:55 »
https://open.spotify.com/user/1170516934/playlist/2jorwk4aIVZsvvJpL0aq1g

personalmente degli anni 10 per ora mi sembra che il 2015 sia stato l'anno più fiacco a livello musicale..
Comunque ho fatto la top tutta mia delle 50 canzoni che più ho amato.
Magari interessa.

Ma andiamo nel 2016. Straconsigliato questo:

(ma quanto è bella la copertina?)
Australiano, cantautore dalla voce bellissima, il ragazzo sa sia scegliere le cover che scrivere canzoni molto valide.
E se proprio volete una sola canzone:
https://www.youtube.com/watch?v=Hxfc8rbOgZs
Insulti il politico e poi lo rivoti.

Offline fiordocanadese

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.217
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16307 il: 27 Gen 2018, 00:58 »
https://open.spotify.com/user/1170516934/playlist/4QLJ2c4vRIYwDUwCd8i7ks?si=bmxJao09SJCUNppDWNEMPQ

1902 - 1926 ( Chronological Order)

Ho creato questa playlist di musica vecchia che sto via via aggiornando.
Il succo era di creare la lista delle mie canzoni preferite dei primi 55 anni del '900 (dopo è un macello di roba, quindi sarà meglio cambiare approccio).
Alla fine, è da anni che voglio scrivere qualcosa sulla musica popolare del '900 e partirò da questo.


Sono fermo al '26, visto che in questi giorni (mesi, anni) sto affrontando il jazz.

per ora sono solo 19 canzoni proprio perché ho voluto fare una severa cernita di canzoni.

1902 Scott Joplin - The Entertainer
Partiamo con quello che per me è l’artista che ha iniziato tutto.
O perlomeno il piú bravo nel genere che ha iniziato tutto (per tutto si intende la musica popolare del ‘900), il ragtime. Genere prettamente pianistico che spopolò nella prima ventina d’anni del ‘900.
Semplicizzandolo era i ritmi sincopatici del banjo suonati dagli afroamericani ma riprodotti al pianoforte.
E questa la riconoscete per forza.

1904 Arthur Collins - All Coons Alike Me
Ma i bianchi americani che facevano all’inizio del ‘900 mentre il ragtime impazzava?
Quello che faranno spesso nella prima metà del ‘900: o rimanevano indietro o copiavano gli afroamericani.
Pratica quella della copiacarbone che ha inizio addirittura nel’700, e si “specializzò” con i minstrel nell’800, spettacoli itineranti per pubblico nero ma eseguiti da artisti bianchi che arrivavano persino a dipingersi di nero il volto.
Piú avanti nel secolo arriverà anche il riscatto, con i black minstrel, cioè con veri artisti di colore.
Capite bene quanto questi spettacoli avevano in sè suoni che saranno i germi della musica del’900 come gli spirituals o il ritmo frenetico (sincopatico) del banjo.
Infatti la musica che andava tanto in America all’inizio del’900 era la lirica di stampo italiano (Caruso) e le bande che erano la versione miniaturizzata delle grandi orchestre di musica classica (la piú importante, la Edison) con marce o eseguendo canzoni popolari con cantanti. Ogni tanto un piccolo passo avanti c’era come nella canzone di oggi, dove l’accompagnamento al cantato è dato da un banjo suonato proprio in maniera “negra” ma da un bianco, Vess L. Ossman.
Un tributo dovuto alla cultura nera?
Macchè. Come ho già detto i bianchi rubavano e non ringraziavano.
Anzi, questa canzone, all’apparenza innocente e scansionata, ha un testo che dire retrogrado è poco.
Basti pensare che “coon” (procione), ai tempi, era un modo dispregiativo per definire gli afroamericani.


1906 - Arthur Pryor's Band - Coon Band Contest
Anche oggi parliamo di bianchi americani.
Quindi anche oggi parliamo un pò del passato e anche oggi vediamo cosa ulteriormente copiavano i musicisti bianchi ai loro colleghi neri.
E anche oggi troviamo il termine”coon” tanto per far capire quanto fosse in uso e socialmente accettato.
Diciamo anche che quando fu inventata la registrazione e la riproduzione i primi a metterci le mani sopra furono artisti bianchi (Scott Joplin era un caso particolare).
Ma spesso, come anche in questo caso, ricreando suoni neri. Si, perchè il trombettista Arthur Pryors con questo brano voleva semplicemente tentare di copiare un tipo di musica nera suonata da piccole orchestre che eseguivano marce o brani popolari a velocità sostenuta come era prassi dopo i funerali o durante le feste comandate a New Orleans.
Ci provò. Ma non basta dare il titolo ad una canzone per farla diventare giovane.
Però se vi ascoltate questo brano (che trovo cmq molto carino) capirete che è come guardare una vecchia vestita da giovane.

1907 - Vess L. Ossman's Banjo Orchestra - Maple Leaf Rag
Vess L. Ossman che esegue al banjo una famosa canzone di Scott joplin. Questa volta il tributo è sincero.

1914 - Dan Kildare - Bregeiro (ft. Joan Sawyers Persian Garden Orchestra)
Ma quale fu il primo artista maledetto della storia? Partiamo dall'inizio.
Le string band erano band americane molte famose nei primi 30 anni del '90 ma che nascevano dal secolo precedente, se non prima.
Usavano quasi esclusivamente strumenti a corda (String, appunto). E si dividevano in 2 gruppi: Bianche e nere. Si, anche qui.
Le band bianche suonavano l'hillybilly e l'old-time music, in pratica padre e madre del country, la musica più bianca di sempre.
Quelle nere, saranno i padri invece dei gruppi jazz che già esistevano nei sobborghi di New Orleans ma ancora non erano riusciti a registrare.
Quello che suonavano, cmq, si avvicinava molto al jazz (e poi alla fine si trasformerà in jazz) ma ancora risentiva degli strascichi del '800. E poi erano bloccate dalla mera questione strumentistica (mancavano completamente gli strumenti a fiato e il pianoforte, c'erano solo, circa, banjo, contrabbasso, violino, mandolino o chitarra), per il fatto che con strumenti così "leggeri" avevano più possibilità di suonare in giro.
Sicuramente il nome più importante delle primissime string band nere fu Dan Kildare e la sua Ciro's Club Coon Orchestra. In certe sue canzoni si sente il banjo sincopatico oppure dei tempi swing delicati.
Certo, piccoli accenni di modernità su una tela ancorata al passato e difficilmente percettibili se non con il senno di poi, ma è indubbio che c'erano. 
E comunque, Kildare è anche il primo dei musicisti maledetti di questo secolo, ne rispetta tutti i canoni per esserlo:
Eccellente musicista (pianoforte), dedito al vizio (del alcool), morirà troppo giovane per vedere i frutti del suo lavoro e morirà di una fine tragica.
Infatti nel 1920, per gelosia e schizofrenia, uccisa la moglie, la cognata e se stesso a Londra, sparando a tutti in testa.

1917 - W.C. Handy - Memphis Blues
(Continua..)
Insulti il politico e poi lo rivoti.

Offline Ifride

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.117
    • Il mio sito di foto su Flickr
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16308 il: 29 Gen 2018, 20:47 »
Tutta la colonna sonora di Chiamami col tuo nome. Tutta e dico tutta bellissima

John Adams – Hallelujah Junction – 1st Movement – 7:09
Ryuichi Sakamoto – M.A.Y. in the Backyard – 4:25
Loredana Bertè – J'adore Venise – 4:15
Bandolero – Paris Latino – 4:01
Frank Glazer – Sonatine bureaucratique – 3:44
Alessio Bax – Zion hört die Wächter singen – 5:10
Giorgio Moroder e Joe Esposito – Lady Lady Lady – 4:15
André Laplante – Une barque sur l'océan – 7:10
Sufjan Stevens – Futile Devices (Doveman Remix) – 2:15
Ryuichi Sakamoto – Germination – 2:09
F.R. David – Words – 3:27
Marco Armani – È la vita – 4:11
Sufjan Stevens – Mystery of Love – 4:08
Franco Battiato – Radio Varsavia – 4:07
The Psychedelic Furs – Love My Way – 3:33
Valéria Szervánszky e Ronald Cavaye – Le Jardin féerique – 3:02
Sufjan Stevens – Visions of Gideon – 4:07

Offline fiordocanadese

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.217
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16309 il: 31 Gen 2018, 12:20 »
Tutta la colonna sonora di Chiamami col tuo nome. Tutta e dico tutta bellissima

John Adams – Hallelujah Junction – 1st Movement – 7:09
Ryuichi Sakamoto – M.A.Y. in the Backyard – 4:25
Loredana Bertè – J'adore Venise – 4:15
Bandolero – Paris Latino – 4:01
Frank Glazer – Sonatine bureaucratique – 3:44
Alessio Bax – Zion hört die Wächter singen – 5:10
Giorgio Moroder e Joe Esposito – Lady Lady Lady – 4:15
André Laplante – Une barque sur l'océan – 7:10
Sufjan Stevens – Futile Devices (Doveman Remix) – 2:15
Ryuichi Sakamoto – Germination – 2:09
F.R. David – Words – 3:27
Marco Armani – È la vita – 4:11
Sufjan Stevens – Mystery of Love – 4:08
Franco Battiato – Radio Varsavia – 4:07
The Psychedelic Furs – Love My Way – 3:33
Valéria Szervánszky e Ronald Cavaye – Le Jardin féerique – 3:02
Sufjan Stevens – Visions of Gideon – 4:07
io nomi ci sono.
Com'è il film?? Mi sembra una lista "sorrentina" (ed è un complimento per me)

5 canzoni tutte italiane:

Cosmo - L'Amore
Il nuovo album di Cosmo è una bomba. Uno straordinario album mainstream ed indipendente insieme (come fecero, troppi ormai, anno fa i Subsonica con Microchip emozionale).
Dura quasi 120 minuti ma non gli si può dire nulla.
https://open.spotify.com/track/1tF3VLbEhtSJK0KN04G6iV?si=eKF9QXZDRt-5_ZOPsL7_KQ

Ghali - Cara Italia
Veramente un singolone. Ottimo, ottimo. Spero che ghali faccia ancora musica per ragazzini per tanto tempo. E' musica necessaria.
https://www.youtube.com/watch?v=z3UCQj8EFGk

Piero Ciampi - Adius
Spero in verità di non doverlo consigliare a nessuno questo brano, insomma si spera che lo conosciate tutti.
Sennò, rimediate che Piero Ciampi l'ha abbiamo avuto solo noi e un cantautore così difficile tornerà.
https://www.youtube.com/watch?v=ntsSDuwIAHw

Zen Circus - Vecchi Senza Esperienza
Non si sa perché gli zen hanno smesso di fare le canzoni brevi. Cmq questo è dal celebre Andate Tutti A Fanculo del 2009. E tra poco esce il nuovo album.
https://www.youtube.com/watch?v=2K3nUFk9fEY

Persiana Jones feat. Mao - Lunedì
Cover meravigliosa di Vasco Rossi.
https://www.youtube.com/watch?v=7NjScImhCuM
« Ultima modifica: 31 Gen 2018, 12:22 da fiordocanadese »
Insulti il politico e poi lo rivoti.

Offline Akidaso

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.478
  • Flickr.com/photos/akidaso
    • http://www.flickr.com/photos/akidaso/
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16310 il: 31 Gen 2018, 16:00 »
Fiordocanadese immagino tu abbia ascoltato anche il nuovo di Paletti. Secondo me ti piace, più o meno abbiamo i gusti simili.
Tanta roba, ascoltatelo.

Offline Ifride

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.117
    • Il mio sito di foto su Flickr
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16311 il: 31 Gen 2018, 16:19 »
Fiordo, il film spero di vederlo nel weekend, nel frattempo recuperate la soundtrack!

Offline fiordocanadese

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.217
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16312 il: 31 Gen 2018, 23:50 »
Fiordocanadese immagino tu abbia ascoltato anche il nuovo di Paletti. Secondo me ti piace, più o meno abbiamo i gusti simili.
Tanta roba, ascoltatelo.
si si paletti è in lista ma piuttosto lontano.
Si cmq l'indie italiano è il mio genere preferito soprattutto perchè riesco a vederlo spesso dal vivo.
« Ultima modifica: 01 Feb 2018, 12:19 da fiordocanadese »
Insulti il politico e poi lo rivoti.

Offline Akidaso

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.478
  • Flickr.com/photos/akidaso
    • http://www.flickr.com/photos/akidaso/
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16313 il: 01 Feb 2018, 16:45 »
Sto ascoltando il nuovo di Cosmo. Ha deciso di cantare sopra i chemical brothers, la cosa non è un male. Veramente bello, veramente bravo.

Offline Diegocuneo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.740
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16314 il: 01 Feb 2018, 20:37 »
Incuriosito da Fiordo,ho provato ad ascoltare Cosmo per 30 dolorissimi minuti.
Io salvo certe metriche interessanti che usa in alcuni passaggi,salvo quel vago sentore di decadenza che si respira ogni tanto,ma per il resto lo trovo davvero...brutto.
È proprio una questione del gusto ( il suo) che trovo insopportabile.
Pure i testi super delusione.Usa pure una buona scelta lessicale,ma sfocia spesso nel risibile nonsense
No
E no
Eppure avrebbe del talento...peccato.
"Kifflom ha cambiato la mia vita. Avevo un lavoro ben pagato, una famiglia e tutto sembrava andasse bene. Ora ho dato tutto per trovare il significato del vestirsi in azzurro proclamando la mia religione. Kifflom!'

Offline Claudio

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.061
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16315 il: 01 Feb 2018, 22:32 »
A proposito di Zen Circus, questo è il nuovo singolo
https://www.youtube.com/watch?v=Vv3R3VcvLSA

Io li ho visti l'estate scorsa. Hanno suonato in una palestra, gratis, in turboacustico, come l'hanno chiamato loro, senza palco, con la gente a 20 cm.
E' stato bello. Loro mi piacciono molto

Un video di quella serata  :)

https://www.youtube.com/watch?v=U17yM0wxgR0
« Ultima modifica: 01 Feb 2018, 22:34 da Claudio »

Offline fiordocanadese

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.217
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16316 il: 01 Feb 2018, 23:50 »
A proposito di Zen Circus, questo è il nuovo singolo
https://www.youtube.com/watch?v=Vv3R3VcvLSA

Io li ho visti l'estate scorsa. Hanno suonato in una palestra, gratis, in turboacustico, come l'hanno chiamato loro, senza palco, con la gente a 20 cm.
E' stato bello. Loro mi piacciono molto

Un video di quella serata  :)

https://www.youtube.com/watch?v=U17yM0wxgR0
Che contesto splendido!
Quando partiva il pogo nn era pericoloso?!
Insulti il politico e poi lo rivoti.

Offline Claudio

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.061
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16317 il: 02 Feb 2018, 10:20 »
No, macchè pogo. C'erano solo alcune ragazzine che saltavano. Serata tranquillissima

Offline Diegocuneo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.740
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16318 il: 02 Feb 2018, 11:32 »
due anni fa abbiamo visto Appino (il cantante degli Zen) in un locale minuscolo a davvero 1 metro da noi.Suonava lui chitarra voce ed era accompagnato da un violinista/seconda chitarra.
Tutto molto tranqui,e loro proprio bravi ed affabili.Abbiamo fatto mille foto assieme e beveva bello tranquillo con noi (ma meno  :-[ )
Mi piacque più vedere lui che gli Zen l'anno scorso,perchè pure voce/chitarra ha un tiro della madonna.E' proprio uno bravo,non fa nulla di difficile,ma lo fa bene e (fondamentalmente) ha talento e gusto.
"Kifflom ha cambiato la mia vita. Avevo un lavoro ben pagato, una famiglia e tutto sembrava andasse bene. Ora ho dato tutto per trovare il significato del vestirsi in azzurro proclamando la mia religione. Kifflom!'

Offline Raiden

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.781
    • http://loforum.forumattivo.it/
Re: La canzone che sto ascoltando
« Risposta #16319 il: 17 Feb 2018, 10:18 »
Vabbé, ma quanto bello è il nuovo di Joan as Police Woman? Totale.

Anche Pure comedy di Father John Misty è stupendo (questo dell'anno scorso).
I AM LIGHTNING. THE RAIN TRANSFORMED.
PSN: RaidenMGS2 - LIVE: RaidenCocco - ID Nintendo: RaidenCocco