Autore Topic: [NES] Zelda II: The Adventure of Link  (Letto 771 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Druss

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.734
[NES] Zelda II: The Adventure of Link
« il: 17 Giu 2003, 14:33 »
[Produttore]: Nintendo [Anno]: 1987                           [Programmatore]:  Interno     [Sistema]:   NES                 [Genere]: Avventura/Rpg        [Giocatori]: 1


     – ZELDA II: The Adventure of Link –


Il Videogioco non ha tempo, l’emozione non ha età.
Ciò che il passato raggiungeva, l’era moderna non aggiunge, tecnica che sia o mera ricerca stilistica.
Nulla avvicina l’appagamento che può dare il vivere un sogno ad occhi aperti.
Lontano dalla realtà, ma talmente vicino all’immaginazione, che gli occhi stentano a vedere.

Affiora nella memoria l’emozione di un bambino.
Affiora nella memoria l’avventura di un bambino.

ZELDA

Immersi in un mondo incantato, dovremo incarnare le virtù di un giovane e coraggioso eroe.
Accompagneremo Link tra dungeon e castelli, tra villaggi e terre inesplorate.
E proprio dall’esplorazione parte l’immaginazione ed il viaggio che ci accomuna al nostro eroe, quella sorta di magia che si respira nell’avventura senza tempo.
Viaggeremo e correremo con Link, cresceremo e rideremo con Link, vivremo e combatteremo con Link.
Perché siamo dei giovani eroi e combatteremo il male, affrontando tutte le difficoltà.
Attraverso boschi, rigogliosi e verdi prati, montagne e quant’altro il nostro mondo avrà da offrire dovremo combattere, a meno di non scegliere la via più comoda: la strada.
La via sicura però, non porta gloria, il nostro livello non potrà crescere e nemmeno potremo esplorare tutto il territorio con i suoi segreti.
Allontanandoci dalla strada, saremo avvicinati dai mostri che, una volta a contatto trasporteranno il nostro eroe in una visuale laterale a scorrimento, adottata per i combattimenti.
Stesso discorso per quanto riguarda i villaggi, i dungeon ed i castelli.
Al girovagare invece è affidata la visuale in classico stile Zelda, vista dall’alto.

HYRULE

Gli abitanti di questo splendido mondo, saranno affaccendati e di gran fretta, ma si riveleranno indispensabili nella prosecuzione del nostro viaggio.
Otterremo informazioni cruciali e altre meno importanti, indicazioni utili a scovare segreti e, cosa importante, ad individuare i maestri del mana, saggi conoscitori dell’antica arte della magia.
Essi saranno disponibili all’insegnamento, ma spesso vorranno qualcosa in cambio della loro magia.
Quest’ultima sarà a volte indispensabile per affrontare enigmi, segreti e Boss dei castelli.
Dovremo dedicare quindi la massima attenzione nell’affrontare determinati mostri e situazioni, soffermandoci a riflettere prima di agire.
Ma è questo che vogliamo dall’avventura, esplorare, ragionare, combattere: Coraggio, intelligenza e forza.
Le virtù dell’eroe.

I combattimenti, se affrontati nel modo sbagliato, potranno spesso essere fatali.
In nostro aiuto troveremo le fate, che con la forza risanante della loro magia, cureranno le tante ferite.
Due i tasti da utilizzare, uno per l’attacco, e l’altro per il salto.
Al tasto select è rilegato l’uso delle magie, che saranno sempre di difesa o aumento di determinati parametri e capacità.

OH CHE BEL CASTELLO, MARCON- DIRON- DIRONDELLO

Il fulcro dell’esperienza di gioco deriva dal superamento dei Boss che dimorano tra le mura dei castelli sparsi per Hyrule.
Queste fortezze, sono piene di mostri e segreti, nonché di enigmi di natura esplorativa, come ad esempio il ritrovamento di determinati oggetti o chiavi necessari al superamento dell’ostacolo.
Essi nascondono sempre qualche oggetto chiave per la sconfitta del Boss o continuazione dell’avventura.
I guardiani, infatti, non sono semplicissimi da sconfiggere e sono spesso necessarie perticolari abilità, magie o oggetti in grado di sistemarli a dovere.
Giungere al loro cospetto è difficile, per la natura stessa dei castelli un po’ contorta e pieni di stanze simili e passaggi nascosti.
La ricompensa, però, sarà sempre degna e appagante.
Perché la vita dell’eroe è fatta di nemici sconfitti e ricompense.
Perché questa è la vita che cerca l’eroe.

UN GRANDE VIAGGIO

Alla fine del viaggio, non vorrete più abbandonare Hyrule, i suoi abitanti e i suoi segreti.
Vorrete riviverli ancora una volta, vorrete riviverli per sempre.
Ma il vero eroe cerca nuove avventure, non si ferma ad aspettare ma abbraccia gli eventi e si lascia trasportare dalle emozioni.

Alla fine è vero, ero solo un bambino.
Ma ero anche un eroe.


VOTO: 10