Autore Topic: Lingua e inclusività. Parliamonə  (Letto 1674 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 27.357
    • The First Place
    • E-mail
Lingua e inclusività. Parliamonə
« il: 13 Set 2020, 01:05 »
Trovo tutto il dibattito sulla lingua inclusiva e sulla scevà piuttosto stucchevole.

Offline babaz

  • Reduce
  • ********
  • Post: 23.954
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #1 il: 13 Set 2020, 20:09 »
Trovo tutto il dibattito sulla lingua inclusiva e sulla scevà piuttosto stucchevole.

Ho googlato "scevà" e poi ho perso mezzo pomeriggio a girare su Wikipedia fra idiomi indo-europei e mozioni LGBTI+

il che non sarebbe male se solo non fossi in ferie, in Sicilia.


Epperò piove 😝

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.891
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #2 il: 13 Set 2020, 21:26 »
Bravo Conte, accultùrati :yes:
Nintendo vende droga purissima ai bambini. Soprattutto quelli interiori.

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.158
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #3 il: 13 Set 2020, 22:29 »
Tutto il dibattito sul mondo lgbtqecc ecc che ultimamente sta motando mi ha fatto da poco rendere conto di una cosa.

Io, fin da piccolo ho sempre avuto problemi nell'identificarmi nel mio stato socioeconomico. Non mi ritrovo e non mi sono mai ritrovato nell'essere un povero imprenditore che si deve spaccare la schiena per raggiungere il fatturato. Io fin da piccolo mi sono sempre sentito un miliardario, guardavo agnelli in tv e pensavo "papa!" Penso che lo stato si dovrebbe occupare anche di noi prevedendo un percorso psicologico e sopratutto includendo nella sanitá pubblica un trapianto di conto corrente di cui avrei estremamente bisogno per sentirmi finalmente realizzato.... Ma nessuno pensa a noi transmiliardari...

Offline Red Alex

  • Navigato
  • **
  • Post: 814
  • अनिच्चा
    • Flickr
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #4 il: 14 Set 2020, 09:08 »
:D

Si, le battaglie civili andrebbero selezionate con un pochino più di buonsenso e pragmatismo, ma il vero problema è che il danno di immagine risultante da queste buffonate impatta anche sulle battaglie che un senso ce l'avrebbero.

Offline piwi

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.045
  • Cazzaro professionista
    • Vito "Piwi" Potenza - Sketchblog
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #5 il: 14 Set 2020, 09:19 »
Può essere.
D'altra parte per tutta una generazione di amabili nonnini è assolutamente normale usare la parola "ne*ro".
Può darsi che diventerà una delle tante battaglie di principio a cui non seguirà niente. O può darsi che siamo già diventati una generazione di vecchi rincoglioniti pronti a guardare i cantieri, mentre nel frattempo il mondo continua a girare.
My portfolio/blog/sarcàzz: VitoPotenza.it | Instagram: vito_potenza
Facebook/Linkedin: Vito Potenza | Twitter/PSN: PiwiTFP

Offline rule_z

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.300
    • Retro Engine HD
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #6 il: 14 Set 2020, 09:22 »
Intanto fuori da forum si ammazzano ancora le sorelle perché infette, forse un senso queste battaglie lo hanno.

Offline eugenio

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.574
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #7 il: 14 Set 2020, 09:44 »
Intanto fuori da forum si ammazzano ancora le sorelle perché infette, forse un senso queste battaglie lo hanno.

Immagino ti riferisca a questa notizia.

Rimanendo nella dimensione della battuta: le persone "fuori da forum" non leggono "dibattiti da forum", quindi "queste battaglie" - implicito: da forum - non hanno senso per sensibilizzare tali persone.

Ovviamente è una semplificazione.

Sto forse dicendo che queste battaglie non abbiano senso?

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.158
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #8 il: 14 Set 2020, 10:26 »
Sembra che per i sostenitori dell' lgbt faccia piu scalpore il fatto che la stampa si riferisca al fidanzato come a una fidanzata. A me sembra una questione di lana caprina. Un fratello ha uccis sua sorella per un rapporto che non approvava quello é il punto. Se fosse stata una donna, un nero, un capuleti pensate che sarebbe cambiato qualcosa? Bisogna scegliersi le guerre e credo che questa sia la guerra sbagliata. Un conto é come una persona si sente e quello che fa per raggiungete il proprio benessere, sono questioni sue e non esiste che debba essere in pericolo o discriminata per queste scelte. Un conto é voler costringere altri ad abbracciare la tua visione. Quello riguarda anche me e non é con una legge che mi farai cambiare idea.

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 25.910
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #9 il: 14 Set 2020, 10:43 »
D'accordo con te per quanto riguarda l'attaccarsi al sostantivo usato dalla stampa.
Sul resto però bisogna precisare per forza perchè in questo caso il fratello non è che non approvasse la relazione; lui riteneva che la sorella fosse stata infettata dalla compagna! Che è ben più grave del non approvare una relazione. Bisogna fare i distinguo perchè un conto è non approvare (fermo restando che alla fine sono cavoli di chi si sceglie il partner) una relazione perchè il ragazzo nero è, che ne so, un delinquente, e ben altro farlo solo perchè è nero.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.158
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #10 il: 14 Set 2020, 10:52 »
D'accordo con te per quanto riguarda l'attaccarsi al sostantivo usato dalla stampa.
Sul resto però bisogna precisare per forza perchè in questo caso il fratello non è che non approvasse la relazione; lui riteneva che la sorella fosse stata infettata dalla compagna! Che è ben più grave del non approvare una relazione. Bisogna fare i distinguo perchè un conto è non approvare (fermo restando che alla fine sono cavoli di chi si sceglie il partner) una relazione perchè il ragazzo nero è, che ne so, un delinquente, e ben altro farlo solo perchè è nero.

Ma anche "infettatta" é una parola, usata dal fratello per dare una parvenza di logicitá al suo gesto che di logico non ha nulla ed é solo l'espressione di una ignoraza e una mancanza di empatia che fanno veramente spavento.

E una persona cosi come speri di cambiarla? Impuntandoti sul una parola? Pensi che se ci fosse stata una legge sarebbe cambiato qualcosa?

Mi sembra fuorviante andare sempre a puntualizzare quando quero paese ha un problema di fondo che é comune a tutta l'intolleranza, il razzismo e la rabbia che va per le strade.

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 25.910
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #11 il: 14 Set 2020, 11:07 »
Su questo sono d'accordo. Fatti del genere succedono e basta per un sacco di motivi che andrebbero risolti. Non penso che il tizio ci avrebbe ripensato se ci fosse stata una legge ad hoc che lo punisce e invece la politica sembra fossilizzata su questo aspetto e non a cambiare le cose serie.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.891
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #12 il: 14 Set 2020, 12:28 »
Uno dei modi di cambiare "le teste delle persone" è cambiare il linguaggio.

Non lo dico io, ma decenni di studi sulla comunicazione, da Wittgenstein (non il blog di Sofri, ma anche*) in poi.

Tutto il dibattito sulla questione è inquinato dal fatto che manca nei più una consapevolezza basilare, un assunto fondante del pensiero (e della scienza umana) moderni, ovverosia che il linguaggio plasma il pensiero e di conseguenza la realtà. E' ormai un postulato, molto arduo da mettere in discussione.

Eppure rimane ad oggi una "verità" sconosciuta ai più. Quantomeno non ancora interiorizzata. Anche da chi con le parole ci lavora da sempre, parrebbe @Ivan F. ;)

*
TFP Link :: https://www.ilpost.it/2020/08/25/asterisco-lingua-italiana/
TFP Link :: https://www.ilpost.it/2020/08/28/schwa/


P.S. In tutto questo, perché stiamo parlando di questa cosa nel topic "adozione e omosessualità"? ;D
« Ultima modifica: 14 Set 2020, 12:33 da Gaissel »
Nintendo vende droga purissima ai bambini. Soprattutto quelli interiori.

Offline Van

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.158
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #13 il: 14 Set 2020, 12:45 »
Infatti demonizzare la parola "negro" ha provocato un drastico calo degli episodi di razzismo e ha reso l'america un paradiso on cui tutte le etnie convivono.

E anche il movimento LGBTQ+ (hanno messo un piu perche si erano rotti il cazzo purenlore di aggiungere lettere che tra un po era mettevano tutto l'alfabeto) sta facendo un lavoro egregio nel non far capire niente a nessuno fra trans cis ftm mtf e una chiusura mentale che mai mi sarei aspettato da questa frangia.

Stanno cercando di piantare semi nella sabbia del deserto. Bisotna a farenun lavoro a monte su un cojcetto piu ampio di umanitá

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 27.357
    • The First Place
    • E-mail
Re: Lingua e inclusività. Parliamonə
« Risposta #14 il: 14 Set 2020, 12:51 »
Uno dei modi di cambiare "le teste delle persone" è cambiare il linguaggio.

Naturalmente, ma le modalità devono essere ragionevoli.
In questo caso, il rapporto costi-benefici è insensato.


Citazione
P.S. In tutto questo, perché stiamo parlando di questa cosa nel topic "adozione e omosessualità"? ;D

Non sapevo dove metterlo.