Autore Topic: [GIUDIZIO UNIVERSALE] - I videogiochi più sopravvalutati di sempre!  (Letto 10509 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Alan Fontana

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.135
@Alan Fontana scrive un post che potrebbe essere un altro manifesto di questo topic: testata ad Halo e i boxari li abbiamo sistemati; poi calcio nelle palle a Killzone e ambizioni sonare; prova a umiliare Uncharted ma dopo averne giocati quattro direi che ha vinto il gioco, a meno che non si tratti di Sindrome di Stoccolma (Oh, c'è anche Lost Legacy, puoi continuare!) e infine sevizia FF8.
A quel punto uno pensa "Ammazza se è figo Alan, a lui non la si fa, gioca duro"... e poi niente ricorda i bei tempi dell'Assassin's Creed che furono...

 :D :D :D
Hai ragione, ma credo che le incongruenze facciano parte del DNA dei giocatori. Perché non si possono apprezzare i giochi belli se non si passa dai brutti. E non esiste il giocatore col mignolo alzato, solo quello che alla fine, qualcosa vuole giocare.
I giochi citati li ho giocati tutti, Halo (fino al 4), Killzone (i primi 3, l'ultimo piantato a metà), Uncharted tutti e 4 + il Lost Legacy, e gli Assassin's Creed fino allo Unity. Di tutti gli episodi, ricordo con piacere Halo 2, Uncharted 2, Assassin's Creed la saga di Ezio più il Black Flag, anche se l'ultimo con un pò di pesantezza.
Quello che probabilmente è sbagliato nel mercato ludico è che di millemila episodi di una saga se ne salvano un paio se va bene, il resto da cestinare. E il punto è che noi li compriamo e li giochiamo sperando di rivivere qualcosa di quello che abbiamo apprezzato, anche se in un solo episodio. Ma all'ennesimo rimpasto, in cui la serie ormai è diluita come non mai, insomma, anche no.
Come uscire con una ragazza che ti dà un bacio, e dopo 4 mesi ti dice restiamo amici.  :scared:

Facciamo un paragone coi fumetti, Berserk, Bastard, Vagabond, Walking Dead... saranno anche un capolavoro, ma quando te lo piazzano lì a metà e capisci che la serie non va da nessuna parte, e che alla fine diventano vacche da amungere, bé finisci per odiarli. E torni a rileggerti un City Hunter qualunque, che nella sua semplicità e "innocenza", senza pretese da capolavoro, almeno a un certo punto ha chiuso (salvo poi riaprirsi con Angel Heart, che ho fatto finta non esistesse... evidentemente Tsukasa Hojo doveva finire il mutuo della mega casa che non riusciva a pagarsi con Family Compo).

"Ma non si può scrivere 'sti post in minuscolo... Senza le maiuscole, senza i punti, senza le virgole...E non si riesce a capire un c@zzo qui !!!"

Offline Mr.Pickman

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.169
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Considerazioni sparse.

1a) Ma che cazzo di gusti che avete però

1b) @Il Gladiatore #toposocialmanager e #sicariomanager e #teleCarloCronaca

1c) Ora provateci a scrivere qualcosa contro Ghost of Tsushima nel thread, provateci sul serio, no dico, provateci. Gli uccelli ve li ficco nel culo, assieme alle volpi.  :D

1d) La verità è che no ci piace un cazzo, e va bene così.
Siamo esploratori spaziali, pellegrini del siderale, colonizziamo pianeti lontani pensando che abbiano tutte le risorse di cui necessitiamo, ma quando tocchiamo il suolo di questi splendidi biomi, sempre lontani, sempre lontanissimi ed inaccessibili...ecco che manca sempre qualcosa.
C'è terra, ma non ci sono foreste, c'è acqua ma non c'è aria. Ci sono montagne, ma non ci sono i preziosi cristalli (che merda No Men's Sky) E del resto è la vita del viaggiatore no?, ci si ferma per poco, si prende quello che si può, poi si emigra su un altro gigante gassoso, con animali randomizzati a merda.

1e) Trovo commoventi i tentativi con The Witcher, sul serio, dico davvero. Purtroppo sono come Adinolfi con lo strigo.
 
Veniamo a noi.

Rage.
Presi questo gioco sulla scia della Fallout-mania. Gioco osceno. Due coglioni esagerati. Non so esattamente perché questo gioco mi abbia sfrancicato i maroni così alla svelta, ma penso che sia l'assenza di stile, stile che invece sembra possedere Rage2 e che non ho comprato (ovvio!) Ero nelle fogne, avevo appena ucciso un ratto bic mac, e mi ero rotto genuinamente i coglioni. Un giorno ci riproverò, ma un giorno lontano. Le sezioni con le macchinine sembravano funzionare. In realtà mi sono scoperto assolutamente privo di pazienza con questo gioco, hic et sunt.

Bulletstorm. Non funzionò. Nel senso letterale.
Il DVD del 360 era graffiato. Questo mi fece pregare l'altissimo e riconsiderare l'idea di prestare i giochi a chi li usa come sottobicchiere e come lavoro, spaccia. Non ho mai potuto scriverlo, mi sono tolto un peso.

Meatboy
"Nuuuuoooo cioè TU LO DEVI GIOCARE!
cioè TU NON PUOI MISSARLO
uno come te DEVE GIOCARLO"

Fatto, l'ho giocato, e mi ha fatto cagare.
Dovrei aprire un discorso specifico sui giochi hipster, giochi come Crypt of the Necromancer, Celeste, e tutta questa risma di giochi con i pixelloni perché fa figo. In realtà è che "nù son boni" Con la scusa della grafica "stailish", in stile flash o pixellone sgranato bitmap, si ovvia l'incapacità di fare animazioni. Perché non tutti sono capaci di fare Blasphemous, diciamolo. Dietro al "È un scelta stilistica" ci sono al 90% ristrettezze di carattere molto più terreno.
 

Bloodstained: Ritual of The Night

Il mondo pare si sia fermato. Ho due percezioni per questo gioco, la prima riguarda i nostri connazionali.
C'è una sorta di tiepido entusiasmo, quando si parla di questo gioco, anche il thread fa fede. Per una volta, questo metroidvania è stato valutato per quello che è. La seconda percezione è quella mondiale. Il gioco è osannato, difeso, fan-artizzato, ho speso moltissimo su gruppo dei finanziatori AAA a parlare con gente che come me, ha speso e parecchio, e ho cercato (ingenuamente) di costruire una critica sul "Ok, sono come voi, ho pagato come voi, ho delle osservazioni da fare, ecco che ne penso" Non l'avessi mai fatto. Una guerra che è finita con "Voi europei ed i vostri giochi da ratti che vivono nelle topaie, andate a farvi fottere" [USA-fan]
Il Covid-19 ha sicuramente influito nella discussione, paranoia, aggressività, demenza, ma arrivare a questo livello....solo i social di Multy o Eurogamer avevano osato tanto. Incredibile come qualunque osservazione a Bloodtained finisse con il "sono contento di come è uscito il gioco, non potrei chiedere di più di quello che ho avuto, anzi" - esattamente cosa abbiamo avuto pal? A me pare una mezza incluata.

:evil: :death:

Offline Il Gladiatore

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.609
Metà del forum ha i messaggi privati bloccati a causa di TLOU2. Ecco per dire.  ;D

Quindi @Mr.Pickman cambiamo 1)a e 1)e. per favore, grazie! Lo so che sei ironico e scherzi ma nessuno commenta contro, abbiamo ampiamente dimostrato che il più pulito di noi ha la rogna!  :D :D :D
« Ultima modifica: 23 Mag 2020, 10:04 da Il Gladiatore »
Skippo cutscene all'occorrenza senza remore.

Offline xPeter

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.418
  • youtuber per caso
    • E-mail
Bene, allora, vediamo...

NINJA GAIDEN 2
Questa è un'ottima scelta! Al di fuori del combat system in senso stretto, che gli è valso una reputazione invidiabile, quel gioco ha un game design ed una direzione artistica che sono crimini contro l'umanità, diciamocelo :D
PSN: r3surr3ct | Switch: SW-5721-2319-2222 | looygi bros. gaming

Offline TremeX

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.484
  • / | \
Diablo III

Non so se è stato citato. Il gioco per il quale chi non ha mai comprato un gioco, ha comprato un notebook e fatto l'account. Gente che pensava solo alla figa, gente che faceva sport, gente che ha gli apericena in testa, ha comprato Diablo, Signori, III.

E io pure, ho completato una run e non sono riuscito ad andare oltre.

Funestato dall'asta con soldi, e sentimenti, veri. Funestato dall'asta tour court. Funestato dall'online obbligatorio. Funestato dal gameplay e dalle mappe random copia incolla. Funestato da tutto il peggio possibile, non ci sono le microtransazioni, ma è come se ci fossero. Farm, grind, boost, run, coop, legendary... il pelo che esce dal neo, questo è Diablo III.

Forse, ci spero, sono un coglione, uscirà la remastered di Diablo II.

Offline TremeX

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.484
  • / | \
Metà del forum ha i messaggi privati bloccati a causa di TLOU2. Ecco per dire.  ;D

Quindi @Mr.Pickman cambiamo 1)a e 1)e. per favore, grazie! Nessuno commenta contro, abbiamo ampiamente dimostrato che il più pulito di noi ha la rogna!  :D :D :D

L'hai modificato che non si capiva.
"il più pulito di noi ha la rogna"  :D

Offline Azraeel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.281
  • Vae Victis
    • E-mail
Ecco la tripletta dell'infamia, da febbraio ad oggi:

Nioh
"Ti odio poi ti amo poi ti odio poi ti apprezzo"
Per me invece è "Ti amo poi ti odio poi -sei l'unico gioco con cui ho rischiato di tirare un pad- poi ti compatisco ma infine mi manchi"

Nioh è tante cose, ma come per Balto sono quelle che non è a caratterizzarlo:
- Non è bello da vedere, sembra infatti uscito da PS2, Demon's è meglio, e certamente meno impastato
- Non ha un buon level design, non basta mettere mostri che oneshottano per creare un gioco difficile, come non basta mettere un'arena in cui i mostri spawnano da ogni direzione se la mobilità del personaggio, e soprattutto la gestione di lock-on e telecamera non permettono di destreggiarsi al meglio.
Come non è level design inserire le stesse arene in ogni regione differente, in barba a quello che la trama cerca di spiegare nei suoi filmatoni pesi in cui ci credono molto (filmatoni che non ho visto, al motivo ci arrivo fra poco).

Anche il sistema delle stance, alla fine serve a poco, basta usare le doppie katana ed il ventaglio per sciogliere ogni mostro, salvo che non si staggeri e ti onshotti, come capita sovente.
Il sistema di loot e di crafting collegato sono dementi e criminali, non è praticamente possibile scegliere una build perchè il tutto è troppo legato al caso; e soprattutto è davvero troppo logorroico.

Sto gioco però ha fatto tornare la voglia di giuocare al mio compagnuccio di giuocate, quindi si ama a prescindere. Steam mi segna 125 ore, ritagliate tra lavoro e studio da febbraio al 25 aprile, giorno in cui abbiamo preso il prossimo giuoco. Il problema è che il mio compagnuccio di giuocate è pure uno per cui due righe son troppe, e 20 secondi di filmato mezza vita, quindi, visto che tra le tante genialità di sto titolo aggiungiuamo che durante le coop, sia host che guest possono saltare i filmati, e questo vale per entrambi, io non ne ho visto mezzo. (Anzi uno, mentre attendevo che Massy avviasse il gioco, e sentendo il filmato è scoppiato a ridere "Ti godi l'unico filmato che hai potuto vedere eh?"

Ad ogni modo ecco quanto amiamo Nioh:
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=8TQIHBnZx2g

Fade To Silence

Le opinioni online sono chiare: MERDONE.
Gioco incompleto, buggato, ingiocabile.

Noi ovviamente ci crediamo duro "Sei pronto per iniziare il nostro nuovo cammino?" mi chiede Massy in cuffia. "Certo, ovviamente!"  Eccerto, bruciamo 20 € così!

Il gioco parte male: la grafica è oscena, i controlli sono pure peggio, la stamina dura un soffio (di nuovo, per fare un souls non basta mettere stamina e oneshot facili).
Il primo nemico da affrontare ci fa subito capire che si, siamo idioti ad aver preso un gioco del genere.
Peccato perchè l'idea di un mondo sepolto nella neve, con strani esseri che corrompono la natura, con una base da costruire e difendere mentre si esplora alla ricerca di alleati, rifugi e risorse era figa per davvero.
C'è pure una strana isola galleggiante da cui piovono detriti tra cui rottami di auto...  :o
L'ambientazione sarebbe pure bella ed evocativa, la neve e la tormenta son stupende.
Peccato che questo sia un bug con attorno qualche pezzo di gioco e stop.
Davvero, non si salva nulla. Steam mi segna 10 ore. Praticamente 2 € l'ora. Il gioco più costoso della mia vita. Partito Democratico.

Generation Zero

 Le opinioni online sono chiare: MERDONE.
Gioco incompleto, buggato, ingiocabile.
Ah, l'ho già scritto...  ??? Bhe ma noi siamo duri di cervello.
E poi c'è stato il free week end  8) Mica siamo scemi!
Dopo 3 ore siamo innamorati: sparare ai robocani di notte, con questo sistema di illuminazione è una goduria per gli occhi, mamma mia. I paesaggi sono mozzafiato, un 80% fotorealismo ed un 20% ispirazione artistica; davvero merita di farci un giro.
È pure in saldo, lo compriamo, mica siamo fessi, dopo due croste siamo finalmente approdati ad un gioco.
C'è pure il mio personaggio, se non è un segno questo:


Cioè, un pirla con chiodo borchiato e cresta che spara ai robot. Amore puro.

Poi però, passato il tempo di ambientarsi e soprattutto della prova gratis  :hurt: arriva il vero problema di sto gioco, un po' comune a tutti i cazzo di open world demmerda.
Il game/level design.

Qui ci sono chiari problemi: ci sono macchine che possono richiamare altre macchine in un loop infinito di spawn. Solo che loro quasi oneshottano, e noi al meglio facciamo il solletico.
Ora, le macchine hanno punti deboli, hanno corazze da fal saltare via per esporre i circuiti, hanno sensori, gli si può far cadere le armi.... cazzo era un design vincente...

Invece ci troviamo in campi sterminati, con 50 macchine morte, altrettante che ci caricano, ed il game design è in sunto morire e respawnare, sperando di uccidere almeno un nemico nel mentre.

Io rimpiango davvero i vecchi giochi corridoio, giochi in cui il game ed il level design erano studiati. Non basta mettere un mondo enorme e qualche incontro a cazzo. Questo non è game design. Serious Sam aveva mille mostri per centimetro cubo, ma le ondat, gli spazi ed i tempi, e le armi a disposizione; tutto era studiato per permetterti di affrontare i nemici.
Qui no. Loro sono enormi e tenaci, ed anche puntando i sensori ci vuole troppo tempo, e si viene bersagliati da distanze siderali con precisione chirurgica. Peccato, altra idea figa che viene messa in atto male.
Ah, la narrazione silenziosa alla Dark Souls, meno male!

Un saluto (la gonna da resistenza al fuoco!)




Offline Alan Fontana

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.135
Amiga, Team17 e Sensible Software
"Amiga", o "fidanzata" per tradurlo in italiano, in un'epoca in cui l'unica altra fidanzata era Federica. Quanti ricordi. L'unico computer che scrivevi le parolacce, e te le ripeteva con accento britannico, un precursore di Alexa. Ma i giochi. I GIOCHI. I giochi? Giocavamo a Body Blows ed Elf Mania pretendendo fossero picchiaduro. Giocavamo Assassin's pretendendo fosse Strider. Giocavamo Sensible Soccer pretendendo fosse un gioco di calcio. Giocavamo Alien Breed e Superfrog pretendendo fossero un action e un platform.
E quando finalmente giocavamo qualcosa di serio tipo Monkey Island, c'erano 11 floppy disk da cambiare. Oppure ore e ore da aspettare per ogni turno di Civilization.
Dopo i primi anni di gloria con Lemmings, Stunt Car Racer e compagnia si sono affacciati sul mercato gentaglia del calibro di Team17 o Sensible Software che ci hanno torturato con giochi mediocri e dalla difficoltà MOSTRUOSA (alzi la mano chi ha finito un solo gioco dei loro senza l'aiuto dei trainer) solo per nascondere che i giochi, alla fine, non li sapevano fare. Non è un caso che oggi Team17 campi solo con Worms.
Ma il popolo Amiga era così. L'amiga teneva testa a SNES, MegaDrive e PC, messi insieme. La conversione di Mortal Kombat 2 era eccellente. E non è morta per colpa sua, è stato il mercato. Giocatori che non capiscono niente.

Conversioni PAL per NES
Sia chiaro, la questione conversioni PAL è sempre stato una merda fino ad epoche recenti, ma ai tempi del NES vi era una ulteriore aggravante a fare capolino... l'aumento della difficoltà. Ed ecco un Double Dragon 3 che diventava assurdamente arduo, Mad City che diventava Bayou Billy, e via discorrendo. In compenso Mario 2 era troppo difficile per noi sfigati occidentali, non facciamolo uscire.
Forse i giapponesi hanno visto i giochi Amiga (vedi sopra) e credevano che il nostro concetto di divertimento fosse lanciare il pad a terra dalla frustazione...

Resident Evil 6
"Lazzaro, spara e muoviti"
A me Resident Evil è sempre piaciuto, sì, anche il 5. Talmente cazzone e assurdo da essere divertente, con il bikini leopardato di Sheva ed Excella che ti esce le minne. La fiera del trash, con un finale da Terminator con Wesker risucchiato dal vulcano o Jill mentalmente controllata da un rubino in mezzo alle puppe. Poi arriva Resident Evil 6, e Capcom vuole farla grossa. E la fa grossa. E fuori dal water. La fiera del trash ritorna, ma quel poco che funzionava nel 5 viene completamente distrutto da un gameplay orrendo e mal bilanciato. E poco importa se finalmente i personaggi imparano a camminare e sparare contemporaneamente, dopo anni che Capcom cerca di convincerci che non sarebbe stato realistico. Secondo me si erano accorti che RE6 faceva cagare, e ci hanno messo la pezza.
Tanta carne al fuoco, troppa, tutta avariata. Un episodio senza amore per la saga né i fan.

Fable
Ci sono personaggi mitologici che vengono talmente osannati, che nessuno si ricorda il perché. Peter Molyneaux è uno di questi. Come Martin Scorsese con "Quesi Bravi Ragazzi", ha azzeccato il gioco della vita con Populous (in cui non era nemmeno l'unico designer, nel resto dei giochi Bullfrog è stato più che altro produttore), per poi riciclarsi lead designer; se ne esce con Black & White, che qualcuno ha già citato nel topic, e mi fermo qui.
Ma lui procede imperterrito, imperituro, le spara grosse e tutti a idolatrarlo manco fosse il mejo designer occidentale. E arriva Fable, RPG rivoluzionario in cui si parla di fare figli e mandarli in battaglia, livello di interazione sublime e roba mai vista.
In effetti non si è mai visto un gioco dove si conquistano le pulzelle a suon di scorregge. L'unica idea geniale mai partorita in questa saga. Perché il bello dei videogiochi è fare quello che non puoi fare nella vita reale.
Che poi, oh, l'idea di girare per il regno e trombare a destra e manca mi è piaciuta in Fable 2, voglio dire, è il concetto di "piazzare la bandierina" nel mondo ludico. E un giro ci può stare.
Ma anche qui, al terzo episodio, anche basta. BASTA. Ho fatto più peti in Fable che in tutta la mia vita.
Per il resto la competizione di miglior game designer in epoca XBOX è ancora da assegnare, l'oscar delle minchiate era ambito anche da Lorne Lanning, quello che Oddworld lo doveva fare su XBOX perché PS2 "non je la faceva a gestire il capolavoro".
Ma Peter rimane imbattuto, e da 20 anni stiamo ancora aspettando il suo capolavoro - come io aspetto ancora quello di Martin Scorsese, perché "The Irishman", non esiste.

Duke Nukem Forever
E' incredibile che nessuno lo abbia citato - dove eravate? Ah, lo avevate rimosso? Vi capisco, quasi me ne scordavo anch'io. Duke Nukem 3D è ancora oggi un capolavoro. Caciarone, stupido, ridicolo, ma tanto sparare e figlio di quegli anni 90 che ci piacevano tanto, all'epoca. Ci si aspettava molto dal seguito, con trailer che ci facevano sbavare come dei Terranova sudati, e George Broussard che se ne usciva serafico con annunci degni della partita Italia-Inghilterra di "Fantozzi: il ritorno".
Poi il tempo passa, e Duke Nukem si trasforma nel Vapourware più famoso della storia videoludica. C'è ma non c'è. Toccherà a Gearbox l'ingrato compito di finire il lavoro - avevano chiesto di essere trasferiti in un Gulag piuttosto, e invece no, dovevano finire il lavoro a qualunque costo.
Duke ne esce distrutto, rovinato, martoriato dal tempo e dalla poca grazia di un design che non sta né in cielo né in terra. Tirare la merda contro le pareti di una doccia diventa l'emblema di un gioco che non sai nemmeno da dove cominciare a demolirlo. Dalle tettone siliconate di Hustler degli anni 90 alle chiappe cellulitose e pancetta delle peggiori attrici porno amatoriali del tardo 2000.
"Ma non si può scrivere 'sti post in minuscolo... Senza le maiuscole, senza i punti, senza le virgole...E non si riesce a capire un c@zzo qui !!!"

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.523
    • E-mail
Ci stiamo un po' perdendo per strada il concetto di sopravvalutazione.

Ma va bene anche così eh, che Alan mi fa ghignare e Azraeel quando torna a scrivere fa sempre piacere.

Basterebbe cambiare il titolo in "i giochi che mi hanno fatto cacare", e passa la paura ;D

Offline Il Gladiatore

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.609
Ci stiamo un po' perdendo per strada il concetto di sopravvalutazione.

Ma va bene anche così eh, che Alan mi fa ghignare e Azraeel quando torna a scrivere fa sempre piacere.

Basterebbe cambiare il titolo in "i giochi che mi hanno fatto cacare", e passa la paura ;D
Puntalizzazione giusta, il fatto è che "i giochi che fanno cagare" è un concetto troppo soggettivo e troppo particolare per non stilare liste del tutto anonime.
La "sopravvalutazione" è l'incontro tra un sentire "personale" e un riconoscimento esterno che, come abbiamo già avuto modo di dire, può essere commerciale, immaginifico, di popolarità ecc.
Dell'ultima lista di Alan trovo poco a fuoco la conversioni Pal e DN Forever ma in fondo basta chiarirsi un attimo per comprendere come all'antipatia personale debba comunque corrispondere un'opposta idea generalizzata.

Che poi è proprio il senso dell'intelligenza, un pensiero fuori dal coro che sia accettabile senza sfociare a suo volta in errori concettuali.

@Gaissel, aspetto qualche tua nuova idea divergente. :yes:

Davvero a fuoco Fable di @Alan Fontana (un gioco di cui nessuna macchina farebbe girare ancora i primi screen diffusì  :D) e anche Nioh di @Azraeel che è un titolo tanto valido nell'esecuzione quanto odioso per la mitologica costanza con cui il giocatore pro ti si accosta facendoti due palle così.
Due esempi di come l'odio spesso non abbia nulla a che fare con il risultato in sé che può essere ottimo ma con le circostanze che ammantano il titolo.  :)

Non ho mai giocato il Rage di @Mr.Pickman, son curioso.
Skippo cutscene all'occorrenza senza remore.

Offline EGO

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.351
Ci stiamo un po' perdendo per strada il concetto di sopravvalutazione.

Ma va bene anche così eh, che Alan mi fa ghignare e Azraeel quando torna a scrivere fa sempre piacere.

Basterebbe cambiare il titolo in "i giochi che mi hanno fatto cacare", e passa la paura ;D
Eh no, qui è un attimo andare fuori tema, ma facciamo il possibile per evitarlo. Altrimenti avveriamo certe profezie che non meritano conferma. Salviamoci almeno dal “ve l’avevo detto”.

Resident Evil 6 è stravenduto, ma non certo sopravvalutato. Non parliamo poi di Duke Forever, che è uno dei pochi giochi su cui la critica è concorde nel ritenerlo sudicio.

Anche Bloodstained... se Mr. Pickman si è imbattuto in qualche tifoso che lo difende a spada tratta (sicuramente un backer che ha speso 10000$ per cenare con Igarashi, non c’è altra spiegazione), non è un motivo sufficiente per considerarlo sopravvalutato IMO.

Se il topic fosse “i giochi che mi hanno fatto cacare” staremmo parlando di tutt’altro, e ci sarebbe più odio ma meno obiettività.

Offline ederdast

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.402
    • E-mail
Un Post un gioco e siamo a 4.
Super Mario Bros.
Allora io a quello prima mi ci ero divertito e pure parecchio, trovavo le tartarughe da rovesciare uno spasso e insomma gli idraulici italiani in salsa sol-levantica  sollazzavano il me infante.
Nella sua estrema semplicità mi riportava al gorillone lancia barili.
Ma il passaggio a sto mondo cubettoso a scorrimenuo di tubi e funghi fatto di  bandierine da chiappare dallo scalone non l'ho mai digerito.
La parte di scorrazzare a giro col baffo poi l'ho sempre trovata un legno assoluto.
Pone però le basi per altri giochi a tema mariesco che invece risulteranno clamorosi pure al mio palato.
Quindi seminale si, piaciuto a me mai.
Le opinioni sono come le palle, ognuno ha le proprie.
Callhagan.

Offline Laxus91

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.087
    • E-mail
Dunque

Outlast

Perchè considerato fra i migliori esponenti dell'hide and seek quando anascondersi dovrebbe essere soltanto il gioco, con meccaniche ludiche sempliciotte e situazioni (tizio 1brutto che ti cerca, fase esplorativa, tizio 2 ancora più brutto che ti cerca con un pò più convinzione ecc) reiterate che alla lunga riescono a risultare piatte e ripetitive nonostante sia pure globalmente un titolo corto!

Ma poi non è solo lui, ma tutta la moda e i mille mila giochi simili influenzati, e ripieno di jump scare stupidi che oramai è un modo di generare paura che npn funziona più.
Survival dovrebbe voler dire sfruttare e gestore le poche risorse ma anche difendersi con le unghie e con i denti, armi improvvisate e quant'altro, non giocare a nascondino totalmente disarmati

Che poi nella prima metà regge pure almeno il contesto, da un certo punto in poi è però un completo delirio, scrittura in vacca, rappresentazione del gore gratuita e senza gusto, minchiate assortite e una trama con un finale da prendere e cestinare;
Che bruttura tutta la parte finale, davvero

Offline Alan Fontana

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.135
@EGO Giusta osservazione su Duke Nukem Forever e Resident Evil 6. Chiedo scusa per l'OT.

Correggerò il tiro, anche se in realtà non credo di avere molto altro da aggiungere, ma Fable ci tenevo a citarlo, il resto è una sghignazzata tra amici (tranne per l'Amiga in cui invece confermo tutto quanto scritto col sangue)... permettetemi di aggiungere qualcosa più in topic (anche se così è più difficile scherzarci su :) ):

GTA 4
Io AMO GTA. E' il mio gioco preferito. Mi piace cazzeggiare a destra e manca. Ma in GTA 4 è mancata la coerenza, cercando di propinarci un protagonista e situazioni più "realistiche", con un background "profondo". Ma chi vogliamo prendere in giro? In GTA siamo dei maniaci, la virtù non c'entra una mazza. GTA 5 corregge il tiro con Trevor, ecco, quello è il prototipo che rappresentiamo. Niko è il vero problema di GTA, perché scusate, chiunque ami GTA non è che lo ama perché GTA è bello, lo ama perché GTA è cazzone.
E meno male che a detta di Michael Hollick gli avrebbero dovuto dare di più perché se non era per lui e la sua meravigliosa performance di doppiaggio Niko non sarebbe stato quel che è diventato. Ma che è diventato? Claude di GTA 3 era più simpatico.
Tra l'altro, dal legno che era in epoca PS2 si passa alla gomma, con auto che rimbalzano e protagonista che vola via ad ogni soffio. Gunplay non pervenuto, ti copri, si spara, Mafia 2 era meglio. Anche qui, non ti aspetti il capolavoro di gameplay, ma almeno non ribaltarsi in auto nel 5 è già qualcosa...
Episodio da dimenticare, non fosse per la bellissima Liberty City che, con l'espansione di Gay Tony, riceve un trattamento migliore.


LA Noire
Si spara sulla croce rossa qui, titolo che doveva rappresentare qualcosa di nuovo, alla fine se ci facevano un gioco di Poker avrebbero meglio sfruttato la grandiosa mimica facciale di cui era dotato. Almeno sarebbe servita a qualcosa, tanto in tutto il gioco il colpevole non si becca mai. E il vero colpevole è il Team Bondi, che usa 3 dischi per rappresentare una Los Angeles vuota e anonima, con un free-roaming più inutile di Mafia, quando in realtà 1 DVD per fare una Graphic Novel era tutto quello che ci voleva...
« Ultima modifica: 23 Mag 2020, 13:58 da Alan Fontana »
"Ma non si può scrivere 'sti post in minuscolo... Senza le maiuscole, senza i punti, senza le virgole...E non si riesce a capire un c@zzo qui !!!"

Offline Andrea_23

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.311
  • A digital store operator that once made videogames
    • Ventitre's Lair

20 anni appeso ad una "Speranza".


<3
.....f|0w
-----------. Steam ID|B.net