Autore Topic: TFP All-Time TOP TEN  (Letto 17498 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 24.382
    • The First Place
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #15 il: 30 Mar 2019, 18:20 »
Mah, i capolavori sono tanti, e ognuno ha un valore diverso per ciascuno.

Sono convinto che ci sarà parecchia varietà. Poi sicuro sbaglio  :)

Offline Belmont

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.411
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #16 il: 30 Mar 2019, 18:55 »
Ovviamente selezionarne 10 è stato davvero difficile. Ne avevo subito buttati giù una trentina...

Comunque, ecco la sofferta top-ten (in ordine di anno di uscita dei giochi) :

1) Final Fantasy VI: Questo gioco è il mio "tutto" videoludico. E' il romanzo d'avventura che leggi da bambino, è quello epico che leggi da adolescente, è poesia, è il tuo film preferito. La sua colonna sonora non sarà mai eguagliata, la grafica raggiunge un livello stilistico che mette il gioco al riparo dall'invecchiamento (triste sorte che ha colpito il quasi-altrettanto-bello Final Fantasy VII), ogni personaggio è una VITA intera che commuove. Non so cos'altro dire: lo amo.

2) Super Metroid: Onestamente credo sia difficile chiedere di più ad un videogioco. Per uno come me, che da bambino era rimasto affascinato dall'estetica e atmosfera cinematografica di classici Amiga come Another World o Flashback, questo gioco rappresentava la fusione di atmosfera immersiva-cinematografica e di un gameplay di caratura superiore. Al netto del barocco sistema di controllo (troppi pulsanti) e dell'infame "punto del salto a parete" è praticamente un videogioco senza difetti.

3) Street Fighter Alpha 2: Ho sempre adorato Street Fighter, e di episodi per me importanti ce ne sono diversi: il SUPER è il primo che ho posseduto, il III è il primo che sono riuscito a finire in sala giochi, Alpha 3 è quello che sui cui mi sono più allenato e che più ho spolpato, il IV quello che mi ha riavvicinato alla serie dopo tanto tempo. Ma se c'è una cosa che ho sempre adorato di Capcom è l'incredibile cura artistica dei suoi prodotti, la sua banda di illustratori bravissimi, gli incredibili artigiani della pixel art e dell'animazione: i picchiaduro 2D di quegli anni sono uno spettacolo visivo semplicemente unico (penso anche ad i vari Marvel ed Darkstalkers). Probabilmente Alpha 2 rappresenta tutto quello che ho sempre potuto desiderare da uno SF: carismatico comparto audiovisivo, un riuscito equilibrio tra meccaniche classiche e novità (equilibrio che si è un po' perso nel seguito), e, non ultimo, il rispetto mostrato verso il celebre mondo finzionale creato da Capcom.

4) Castlevania: Symphony of the Night: Non c'è molto da dire, è il sequel di Super Metroid negli anni bui della tridimensionalità. In realtà con quest'ultimo non è che ci azzecchi molto (soprattutto non è così perfetto), ma ci siamo intesi. E' il Castlevania che mi ha definitivamente reso un fan della serie, un gioco straordinario per ritmo ed atmosfera, che inoltre celebra l'intera saga costruita nella decade precedente. Menzione d'onore in particolare per la colonna sonora della Yamane e per le illustrazioni della Kojima, che influenzarono non poco il mio stile di disegno da adolescente.

5) Suikoden 2: Probabilmente la scelta più "emotiva" del lotto. Non lo rigioco da allora e non so se oggi lo troverei perfetto come un tempo, ma è certamente un gioco per cui provo un profondo attaccamento. Ricordo ancora il "finale vero" come uno dei momenti più commoventi provati nella mia esperienza di giocatore. Oltre alla pixel art semplicemente stupenda, apice qualitativo che si raggiunse nell'era 32-bit, trovo che la narrazione di questa serie rappresenti un equilibrio perfetto tra la "passione" dei Final Fantasy e dei jrpg "per ragazzi" ed il cinico materialismo dei giochi di Matsuno e dei jrpg "per adulti".

6) Vagrant Story: Il videogioco d'autore. Come dichiarato dallo stesso Yasumi Matsuno, gioco diretto in modo "dittatoriale" e supervisionato in ogni suo centimetro quadrato virtuale, prassi che con l'aumentare dei budget e degli staff sarebbe in seguito diventato impossibile. L'unità di luogo e di tempo, i personaggi ed i dialoghi mai banali, una OST che letteralmente si fonde con ambienti ed eventi, una narrazione cinematografica perfetta, con una sua piena dignità stilistica, che si muove in continuo equilibrio tra il linguaggio del cinema e quello del fumetto.
A tutto questo si unisce un solidissimo gameplay da dungeon crawler che ha dato al gioco una forse non del tutto meritata fama di gioco "hardcore" ed intransigente.
Matsuno non si ripeterà mai più a questi livelli, eppure l'eredità di Vagrant Story continuerà a vivere nel misconosciuto e bellissimo Crimson Shroud.

7) Phoenix Wright: Ace Attorney: Se mi avessero detto che mi sarei trovato col batticuore, a sudare, esultare, urlare di gioia e di rabbia, commuovermi davanti ad una visual novel di avvocati difensori, probabilmente non ci avrei creduto. Solo un genio nipponico poteva arrivare a tanto: fondere manga, anime, beat'em up Capcom (eh sì...), Agatha Christie in un prodotto dall'appeal universale e profondamente originale. Forse avrei dovuto votare per il mio preferito della saga, Trials and tribulations, che vede nel procuratore Godot uno dei miei personaggi di finzione preferiti di sempre, ma ho voluto premiare il capostipite e la sua dirompente carica innovativa.

8 ) Metroid Prime: Dei 3 giochi che rappresentano la sacra trinità del 3D (insieme a Mario 64 e Ocarina of Time) ho scelto questo. Come immaginate è stata una scelta soffertissima, eppure mi sembra che questo titolo immortale abbia retto il tempo meglio degli altri due e abbia tradito meno lo spirito dei corrispettivi antenati bidimensionali.
L'arrivo a Tallon Overworld, le nuove atmosferiche musiche di Yamamoto, il labirintico mondo e gli epici momenti finali, dopo 8 anni di attesa e di mancanza di Metroid sono stati un vero e proprio sogno. Avessi fatto questa lista una decina di anni fa avrei messo in top-ten il favoloso seguito, Metroid Prime 2: Echoes, per il quale avevo un vero e proprio culto, ma da allora i miei gusti sono un po' cambiati ed ho come l'impressione che se lo rigiocassi oggi non lo troverei pienamente convincente.

9) Fire Emblem: Path of Radiance: Al mondo ci sono i jrpg strategici. Poi c'è Fire Emblem, padre del genere ed esponente ineguagliato. La serie ha una qualità media semplicemente elevatissima, dove anche l'episodio meno riuscito è un orologio svizzero di meccaniche. Tra tutti, l'episodio per Gamecube può essere considerato l'apice: la maturità del gameplay, una sorta di cesellatura di quello del quinto episodio per SNES, si unisce ad una componente narrativa che per qualità della scrittura e della coerenza interna del mondo può rivaleggiare con Suikoden. Questo capolavoro viene poi infinitamente potenziato dal suo seguito, Fire Emblem: Radiant Dawn, forse un pelo più grezzo nell'esecuzione, ma incredibilmente ambizioso nella visione di fondo. Insieme, i due giochi costituiscono una delle più coerenti e affascinanti saghe nel mondo dei jrpg.

10) The Legend of Zelda: Breath of the Wild: Fino all'ultimo sono stato indeciso se mettere al suo posto Xenoblade Chronicles. In fin dei conti la sensazione di star vivendo l'avventura con la A maiuscola, il jrpg di Monolith me l'aveva data con qualche anno di anticipo rispetto a BotW. Però, mentre Xenoblade incarna "solo" il perfetto ritmo e carisma dei jrpg anni '90 trasportato finalmente in un enorme mondo tridimensionale, BotW è qualcosa che va davvero oltre. A momenti, mentre lo giocavo, pensavo che qualunque videogiocatore fosse nato per giocare questo gioco. Ed ancora, che la stessa saga di Zelda, una delle più celebrate serie videoludiche di sempre, fosse nata per poter diventare BotW. E se questo non merita un posto nella all-time top ten, non so proprio cosa.


Ed adesso, per dare un po' di contesto, ecco una lunga lista di runner-up:

Super Mario Bros 3, Super Mario World, Yoshi's Island, The Legend of Zelda: Link's Awakening, Seiken Densetsu, Bionic Commando (gameboy), Monkey Island, Turrican 2, Broken Sword, The Legend of Zelda: Ocarina of Time, Super Mario 64, Super Mario Galaxy, Metal Gear Solid 1, 2 & 3, ICO  e Shadow of the Colossus, Chrono Trigger, Final Fantasy VII, Xenoblade Chronicles, Resident Evil 4, Final Fantasy Tactics, Front Mission, Fire Emblem Radiant Dawn, The Last Story, Fire Emblem Genealogy of the Holy War

@Nemesis Divina
« Ultima modifica: 22 Apr 2019, 13:48 da Belmont »

Offline Alle

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.031
  • Tigella man
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #17 il: 30 Mar 2019, 19:08 »
Visto che 10 sono pochi, aumento la difficoltà creando 4 sottocategorie.
Non sono stato molto a psicoanalizzarmi, ho appuntato i primi 15-20 titoli che mi venivano subito alla mente e li ho scremati fino alla lista qui di seguito.

Sala giochi (i bei pomeriggi ai tempi delle superiori)
Raiden
Uno shmup come tanti, ma lo finivo con un gettone ogni tanto (l'unico del genere che sono mai riuscito a finire... forse per questo mi è caro :lol:)
Mortal Kombat
Sono sempre stato una pippa clamorosa in questo tipo di giochi, ma le Fatality furono una svolta. Pomeriggi attaccati per cercare le combinazioni che attivavano le animazioni truculente e tornei infiniti con praticamente tutti gli avventori della sala giochi.
Tower of Doom
Ci abbiamo giocato tantissimo, lo finivamo a occhi chiusi, e alla fine con il mio gruppo di amici si giocava uno contro l'altro. Lo scopo era fare morire gli altri invece di battere il gioco, l'ultimo che sopravviveva aveva vinto la partita! Che risate.

Amiga/PC
Monkey Island 2
Il primo videogame che mi ha fatto sia ridere che esclamare "ma che caz...". Poco da aggiungere, ho consumato i dischetti ed è un titolo che mi è rimasto nel cuore.
Diablo
Aaaaaah la bgm di Tristram! Con quella chitarra! Ancora oggi la metto su ogni tanto. Ci ho perso centinaia di ora nei labirinti sotto quella dannata chiesa, ho maxato tutto il maxabile e ricordo ancora il salto dalla sedia quando aperta una porta ho sentito "Ah! Fresh meat!"
Cities Skylines
Evabè, sono monotono, ma non potevo non metterlo. Amo i city builder e questo gioco ha anche una community di modder epica. Tra mod e asset il workshop di Steam è enorme e costantemente aggiornato ancora oggi.

Console
Super Mario Bros
Forse banale, ma il primo gioco che ho spolpato su console. Che tra l'altro non possedevo, quindi andavo a giocare da un bambino della mia età che abitava nello stesso condominio. Bambino che mi stava sulle palle, ma aveva il NES, quindi toccava.
Yakuza 0
Amo la serie di Yakuza, la sua seriosità, i temi e i toni adulti, il tutto frullato con la follia tipica giapponese. L'episodio 0 è particolarmente azzeccato come trama che raccorda un po' tutti gli altri episodi. Me lo sono giocato tutto col sorriso sulle labbra.
Persona 5
Mi erano molto piaciuti il 3 e il 4. Persona 5 è la somma migliorata e con una bellissima colonna sonora. Me lo sono bevuto d'un fiato.

Menzione d'onore:
Fallout 2
Probabilmente il gioco che come trama e atmosfera mi ha rapito di più. Il mondo post atomico delle Wasteland, piano piano scoperto partendo dal villaggio sperduto di Arroyo, è stato un viaggio davvero epico. Senza contare che ADORO l'ironia nera che pervade la serie.
« Ultima modifica: 30 Mar 2019, 19:42 da Alle »
In tigella veritas

Offline TremeX

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.308
  • / | \
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #18 il: 30 Mar 2019, 20:08 »
1) The Talos Principle - Top di sempre
2) Planescape: Torment - Insuperato rpg
3) Dark Souls - Primo Souls
4) Mass Effect - Primo sparamuretto
5) Diablo - Primo gioco pc
6) Panzer Dragoon - Periodo Saturn
7) Drakan: Order of the Flame - Primo gioco 3d
8) Braid - Cervello unleashed
9) Dead Space - Primo horror
10) ...

Menzioni dovute (a me stesso):

Halo: Reach - Primo shooter
N64 Extreme-G - Periodo N64
Darksiders - Primo Zelda
C64 Bubble Bobble - Primo local coop
VIC20 Gorf - Primo video gioco "posseduto" di sempre
Bulletstorm
FTL: Faster Than Light
StarCraft
Saturn - Guardian Heros
Saturn - Virtua Fighter
Mega Drive - Wonder Boy in Monster World
Saturn - The Story of Thor 2
Rollcage

In generale, il periodo Saturn è quello che mi è rimasto più nel cuore anche perché giocavo con mio frate, ma il gioco top di sempre è recente.
« Ultima modifica: 06 Apr 2019, 10:02 da TremeX »

Offline Shinji

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.803
  • Buraido!
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #19 il: 30 Mar 2019, 20:16 »
1 - Final Fantasy VI - Ne sono innamorato ancora a distanza di 20 anni
2 - Castlevania Rondo of Blood - Premio per il miglior episodio classico di una delle mie serie preferite
3 - Final Fantasy VII - Si avvicina alla magnificenza del VI
4 - Castlevania SOTN - Ha rivoluzionato un genere
5 - Zelda BOTW - Mi ha fatto rivivere emozioni che pensavo ormai perse nella gioventù
6 - Zelda OOT - il primo Zelda 3D
7 - Chrono Trigger -  jrpg leggendario
8- Zelda ALTTP - primo Zelda giocato, meraviglioso
9 - Super Mario 64 - ha rivoluzionato il videogioco
10 - FZero X - correre in pista non è mai stato così divertente


Possibili modiche nei giorni a venire
« Ultima modifica: 30 Mar 2019, 20:37 da Shinji »
Now Playing: - Fire Emblem Three Houses [8]

Offline hob

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.206
  • un sessantenne di settantanni
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #20 il: 30 Mar 2019, 20:20 »
A caso, poi magari metto in ordine

- Final Fantasy VII (giocato col vocabolario sulle ginocchia, mi ha fatto imparare l'inglese e cosa sono le doujinshi. Indimenticabile)
- Xenogears (il polpettone anime-like per eccellenza, oggigiorno sarebbe raffermo, ma all'epoca l'ambizione e tutto l'impianto narrativo spaccavano le cervella)
- Silent Hill (non il 2, occhio. Parlo dell'1, che ha inventato l'orrore videoludico psicologgggico, dove ogni romanticheria era dimenticata prima di iniziare, una storia di droga, culto, disperazione e umani andati a male. Tra l'altro lo giocai, piratozzo, regalatomi da un amico il cui zio era andato... boh, a Singapore, forse, con una cover stampata a colori con il faccione di Dahlia su sfondo arancione fluo. E niente, non c'erano soluzioni e l'enigma del piano mi bloccò per settimane)
- Siren (ci ho scritto talmente tanto dietro che la tesi di laurea m'è venuta più corta. Visionario a dir poco e con un'attenzione al dettaglio e ai collegamenti narrativi ad oggi impareggiata)
- Monkey Island 2 (pagherei col mio primogenito -- che non ho -- per un MI3 scritto e diretto da Ron Gilbert)
- Shenmue II (quando si dice "il viaggio è più importante della destinazione". Un viaggio formativo e il miglior gioco di Yu Suzuki genio diddio sempre sia lodato. Quando, all'inizio di SM2 e prima di arrivare a casa di Xiuying, ero nel piccolo ostello, ricordo quando aprivo la finestra, guardavo la gente muoversi per strada e intanto le musiche di Yuzo Koshiro risuonavano. E c'era il gatto sul tetto. Ti amo, Scenmuddue)
- Super Mario 64 (ad oggi una perfezione formale nel platforming 3d che risulta impareggiata, imho. Poi vabbè, quel classico gioco nintendo che ti esce e traspone il platform in 3d come fosse la cosa più facile del mondo, e sul quale hanno costruito l'hardware del n64 con stick analogico e tutto)
- Zelda OOT (primo Zelda giocato, fu amore, e vale il discorso fatto per SM64, il passaggio 2d-3d fatto in modo così perfetto che è come aver plasmato un'idea che era nella testa di tutti e non poteva essere in altro modo se non così)
- The Last Guardian (input lag, telecamera, frega niente di tutto questo, tecnologicamente fa delle robe che nessun altro gioco ha mai provato di fare, riesce spesso bene e a volte male, ma una cosa vorrei sottolineare: la storia inizia perchè Trico viene
Spoiler (click to show/hide)
Se non è amore questo)
- Nier Automata (amo le storie coi contorni sfumati e la visionarietà dietro tutto il gioco è degno di un magnum opus)

Sì, sono un nostalgico di merda degli anni 90.

Altri nomi, sempre a casaccio:

- Zelda BotW (segnalinite, nemico di questa gen, sconfitta da sto gioco, aspetto che qualcuno colga l'insegnamento, intanto gioco Spiderman che ha più segnalini del manuale di scuola guida)
- Dishonored (amo le immersive sim e questo me l'ero dormito last gen, perchè mi girava stutteroso su pc. Ripreso di recente, l'amore è sbocciato e siamo andati in viaggio di nozze. Tra l'altro, l'impianto ludico preciso e puntuale, persino col pad, è un piccolo grande miracolo)
- Deus Ex (il papi delle immersive sim. Vecchio, invecchiato, ma con quel gusto 90s che mi sconfinfera ancora. E poi giocando i Deus Ex moderni ti rendi conto che c'è una backstory della madonna che iniziava già allora)
- Metroid Prime (solito discorso fatto per SM64 e Zelda OOT. Spero che star fox GP sia a sto livello)
- Braid
- The Witness (se devo dire dei puzzle game duri e puri, sono sti 2. Ancora non capisco come la mente di una persona riesca a inventarsi ste robe. Vorrei esserne capace anch'io T_T)
- i 3 Gabriel Knight (tutti e 3 e per ragioni differenti. Il primo per il concept e i personaggi, e la New Orleans maggica, il secondo perchè è un gioco FMV e nonostante tutto tocca picchi emotivi alti e ha ottimi enigmi, e la storia di Ludwig e la Baviera irresistibili, e il 3 perchè è un'avventura 3d che ha senso proprio in funzione della dimensione aggiunta, e Le serpent rouge che è la cosa più bella del mondo)
- Bloodborne (lo switch Lovecraftiano lo rende il miglior gioco Lovecraftiano di sempre. Non-licensed, per giunta :D)
- Chrono Trigger (il jrpg 16 bit perfetto per esecuzione. E' come una fetta di filetto di jrpg, dura 20 ore e non spreca un minuto. Dura 25 ore con le side, e ciascuna di queste è preziosa. Che giocone)
- Castlevania SOTN (il senso di potenziamento di sto gioco è ineguagliato, il momento in droppi la Crissaegrim e ti senti tipo la persona più potente dell'universo)
- Day of the Tentacle (in termini di puro equilibrio enigmistico, la migliore avventura di sempre. Enigmi logici--o illogici ma logici nel contesto, dialoghi divertenti, e il gimmick del time travel che sta sempre bene ovunque)
- Red Dead Redemption 2 (gameplay non pervenuto ma ci ho fatto 200 ore cmq, e mi ha rapito per tutta la sua durata. Tecnologicamente è la cosa più avanzata che ci sia e da amante di Shenmue continuo a reputarlo il vero diretto discendente di certe sue feature^^)
- Metal gear solid 1-2-3 (il primo lo giocai in giapponese, piratato, andai avanti con le unghie per beccare la frequenza di Meryl o capire come funzionava la Pal Key. Il secondo lo ammiro, più che dire che mi piace. E' Hideo Kojima al 120%, e non lo vedremo mai più così--forse DS? MGS3 invece è proprio bellissimo, dalla grafica che spremeva PS2 come un limone, le boss fight una più bella dell'altra, il senso epico della campagna che finisce tipo in 20 ore, con un climax da favola. E la scala)
- Persona 3-4-5 (qualsiasi gioco mi faccia segnare 100+ ore merita la classifica, perchè son 4 giorni della mia vita, quindi DEVONO essere belli sennò son coglione io. P3 l'ho giocato vanilla con la IA di Mitsuru che spammava Marin Karin e nonostante tutto lo amo. P4 ero nel pieno dell'hype per la serie e ho adorato la campagnolitudine, i compagni controllabili, e mi son perso dietro alle fusioni, mentre P5 ha i menu più belli di sempre e quindi merita la classifica e in generale è stiloso marcio e ha l'interfaccia per le battaglie a turni più semplice e sensata di sempre. Tutto shortcuttato, e voglio dire, con tutti quei tasti nel pad, perchè non son così anche gli altri giochi?)
- Zone of the Enders 2 (la miglior campagna di sempre in un action game. Gimmick dopo gimmick ognuno sviluppato a dovere, difficilotto, spingeva la ps2 al limite, e un robotico con un protagonista incazzato nero chiamato DINGO? Fuck yeah XD)
- Winning Eleven 4 (giocato sempre e solo in doppio, praticamente perfezione per gli anni in cui uscì e un gameplay che nel feel tattile è stato insuperato pure dai seguiti causandomi di tornare a giocare WE4, l'unico vero Re a mio avviso)
- Furi (miglior gioco d'azione della gen trascorsa + Carpenter Brut. Un gioco che fa 2 cose su 10 che farebbe bene un tripla A, ma le fa che meglio non si potrebbe e tutto il game design è consapevole di ciò)
« Ultima modifica: 16 Apr 2019, 23:06 da hob »
Next time, let the wolves eat all your brain... then you'll be a genius.

Offline RXZero

  • Avviato
  • *
  • Post: 374
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #21 il: 30 Mar 2019, 20:32 »
Gran Turismo 1
Shenmue 2
Shadow of the Colossus
Metal Gear Solid
Metal Gear Solid 3
Demon's Souls
Castlevania Symphony of the Night

Ho messo intanto quelli a cui darei 10/10, modificherò poi il post aggiungendo altri giochi + motivazioni :yes:
Now loading, please wait...

Offline Floyd

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.076
  • Since 1989
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #22 il: 30 Mar 2019, 20:41 »
.
« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 17:50 da Floyd »

Offline naked

  • Reduce
  • ********
  • Post: 42.612
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #23 il: 30 Mar 2019, 20:52 »
Day of tentacles
Castlevania SOTN
Metal Gear Solid
Bloodborne
Tomb Raider
Final Fantasy Tactics
Dark Souls
Sekiro
Prince of Persia
Monkey Island II

« Ultima modifica: 01 Apr 2019, 06:20 da naked »
23.000.000.000 per sterilizzare l'iva. Grazie buffoni.

Offline Ifride

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.317
    • Il mio sito di foto su Flickr
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #24 il: 30 Mar 2019, 21:01 »
Super Mario Bros 3
Final Fantasy 6
Chrono Trigger
Monkey Island 2
Zelda BotW
Mario 64
Super Mario Galaxy
Shadow of the Colossus
Yoshi's Island
Super Mario Bros
http://www.flickr.com/photos/gaetanocrisafulli/?details=1
Sto giocando a Fire Emblem: Three Houses

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.694
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #25 il: 31 Mar 2019, 00:13 »
Personalmente scremo un unico esponente per Saga (per esempio un solo final fantasy ed un solo Souls)
La vecchianza mi spinge a premiare più titoli che ho adorato quando ero giovane. Escono anche meno titoli originali ed innovativi.
Ordine random

- Final Fantasy VI (SNES)
Storia, personaggi, villain, mondo. E quella sequenza iniziale che mi commuove ancora oggi.

- Super Mario Kart (SNES)
Il migliore di sempre. Dopo aver giocato alla versione "classica", il battle mode mi ha tenuto compagnia per altri 15 anni insieme a mia sorella e mio cugino. Colpire gli avversari con i gusci verdi lanciati in curva, evitare gusci rossi con i saltelli e negli eventi più estremi, riuscire a colpire l'avversario con il guscio rosso da lui lanciato, da crisi di tigna

- The Legend of Zelda A Link to the Past (SNES)
Più perché è stato il primo che ho giocato che per pregi assoluti.

- Demon Souls (PS3)
Idem, se dovessi premiare quello che mi ha divertito di più il premio andrebbe a Bloodborne. Forse il più equilibrato di tutti è Dark Souls.
Ma questo è stato il primo, e la prima volta è sempre più bella, in questo caso anche più traumatica.
Più nel male che nel bene, è anche il gioco From Software più criptico, alcuni aspetti del gioco li ho scoperti 5-6 anni dopo averlo finito.

- Street Fighter 2 (Arcade)
Pomeriggi in sala giochi. Sfide con i compagni di liceo.
Poi, cazzo, ho vinto il Super Nintendo ad un torneo di Street Fighter 2!

- Fallout (PC)
Il primo che ho giocato è stato il secondo capitolo. Questo l'ho giocato dopo e devo dire che il bilanciamento di tutto il gioco è migliore. Più corto, non necessariamente votato al combattimento come il secondo capitolo.
Finendolo molte volte ho potuto constatare la cura nella realizzazione del mondo di gioco, le scelte possibili, le differenza nelle caratteristiche del personaggio.

- Civilization (PC)
Indimenticabile. Prima la gioia di creare la civiltà dagli albori, i contatti con le altre civiltà (bastarde), i vari finali.
Giornate intere passate a giocarci.
Poi l'innalzamento del livello di difficoltà. Tentativi al limite del reverse engineering per capire come aumentare il punteggio.
Quanto tempo avevo a disposizione :cry:

- Grand Theft Auto 3 (PS2)
Mi ha sconvolto. L'enormità del mondo di gioco, di cose da fare. La consistenza del tutto. I capitoli seguenti per alcuni punti di vista sono peggiorati.
Ad oggi è un genere che non mi piace più come una volta, ma a suo tempo questo è stato una bomba.

- Resident Evil (PS1)
Non il primo survival horror che ho giocato (quello fu Alone in the Dark), e sicuramente non il miglior capitolo della saga (Per me è il 4) ma il primo ad avermi coinvolto e spaventato in modo profondo.
Quando l'ho comprato non sapevo neanche cosa fosse.
Poi inizio, il legno delle animazioni, il primo zombie che ti inquieta ma non spaventa troppo.
Poi la calma della casa, suono di violini leggero che mi fa alzare il volume. Corridoio lungo, cosa ci sarà dietro l'angolo? Nulla, bene.
Suono di vetri rotti, cani che entrano dalla finestra; il mio pad è per terra, caduto dalle mani per lo spavento, mentre mi sbranano.

- Monkey Island (PC)




Tolti a malincuore: Ico, Vagrant Story, Metal Gear Solid 3, Super Mario World, Valkyrie Profile, Silent Hill, Castlevania: Symphony of the Night, Super Mario Galaxy, Chrono Trigger
« Ultima modifica: 07 Apr 2019, 19:24 da Void »

Offline Ivan F.

  • Amministratore
  • Reduce
  • *********
  • Post: 24.382
    • The First Place
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #26 il: 31 Mar 2019, 01:18 »
Uhm, la mia lista è arrivata a 14.
Il più vecchio è del 1979, il più recente del 2016.

Credo che dovrò lavorarci ancora.

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.624
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #27 il: 31 Mar 2019, 01:50 »
Ci metterò una vita a compilarla. Odio le top ten, ma non posso esimermi. Intanto il post è prenotato.

Un dubbio che mi frulla da un po', credo sia giunta l'ora di esplicitarlo: @Nemesis Divina, niente niente che lavori nel campo delle ricerche di mercato? ^__^

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 42.960
  • Gnam!
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #28 il: 31 Mar 2019, 03:58 »
. Final Fantasy Tactics (PS1)
. The Legend of Zelda Ocarina of Time (N64)
. The Legend of Zelda Breath of the Wild (WiiU)
. Metroid Prime (GC)
. Fire Emblem Path of Radiance (GC)
. Resident Evil Rebirth (GC)
. Xenoblade (Wii)
. Super Mario 64 (N64)
. Final Fantasy VII (PS1)
. Dishonored (360)

La motivazione é sostanzialmente la stessa per tutti, ovvero un'armonia di gameplay, atmosfera, resa stilistica, musiche e sonoro.

Magari Final Fantasy VII é meno sul lato gameplay, piuttosto boring, ma brilla negli altri campi e mi piace anche come "significato".

-----

Restano fuori a malincuore almeno Tomb Raider e Silent Hill (PS1), Xenoblade X (WiiU), Jet Set Radio (Dreamcast), Waverace BS (GC), Shadow of the Colossus (PS2), qualche X-COM, Tactics Ogre Let Us Cling Together (Snes-PSP), Ogre Battle (N64), Super Metroid (SNES), Donkey Kong Tropical Freeze (WiiU), Yoshi Touch 'n go (DS)
« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 16:20 da Giobbi »

Offline Freshlem

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.914
  • Anthem - Adhesive Wombat
    • YouTube Channel
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #29 il: 31 Mar 2019, 08:23 »
Troppi, troppi giochi da citare.

Wipeout Omega Collection (PS4/VR) IL gioco di guida futuristica per eccellenza. Vince su F-Zero perchè più tecnico e meno arcade. Una grafica da urlo accompagnata ad una Soundtrack altrettanto da urlo.



SuperHot VR (PS4/VR) Questo gioco già in versione normale è molto divertente, ma la versione VR è qualcosa di nuovo, fresco e che non sarebbe stato possibile realizzare senza il caschetto. Videogaming 3.0.



Bloodborne (PS4) ammetto la brutta mancanza di non aver mai giocato un Soul. Bloodborne è stata la mia “prima volta” ed è stato subito un amore bastardo nell’animo.



Super Mario World (SNES) laggente può dire quel che vuole di SMB3. Ma SMB3 non aveva un sistema di salvataggi, costringendo i giocatori a completare il gioco in una sessione unica. E poi l’inerzia di Mario era ancor più accentuata ai capitoli precedenti. SMW invece è la perfezione del 2D. Lo spolpai all’epoca e ancora ad oggi lo riprendo in mano con molto piacere. Puccettoso fino alla morte, ha alcune musiche ed effetti sonori che rimmarranno con me fino alla bara.



Super Hexagon (iOS/Android) Io non gioco molto su mobile. Ma questo gioco è la dddroga pura. 6 anni dopo è ancora installato sul mio cellulare.



Gran Turismo Sport (PS4) l’apice di tutta la serie GT. IL mio gioco di guida preferito.



Grand Theft Auto V (PS4) e questo l’apice degli open world della saga di GTA. Non giocarlo sarebbe una grave mancanza.



Metal Gear Solid V (PS4) Metal Gear è una fetta importante della mia vita di giocatore. Scegliere tra il primo, il terzo e questo episodio non è stato facile. Ma alla fine, nonostante una storia mozzata in tronco, il V ha un gameplay fantastico, dove ho trascorso 200+ ore senza alcun rimpianto.



The Legend of Zelda: Link’s Awakening (Gameboy). Reduce dei primi 2 capitoli su NES, mai completati (il primo arrivai all’ottavo dungeon, ma mi inchiodai), comprai quest’episodio senza grosse aspettative. Link’s awakening porta su Gameboy quanto introdotto con ALTTP, capitolo che al tempo non giocai. Mio dio. Fu ammmmmore. Ci trascorsi sopra un’ammontare osceno di tempo.



Metroid (NES) il primo  Metroidvania me lo giocai a 9 anni. Un sistema di password che levati, ma c’era talmente tanta scuola di gameplay dentro quella cartuccia che ancora oggi fa una signora figura. Hollow Knight mi prese benissimo, ma il primo Metroid resta ancora oggi insuperato a livello di emozioni provate. Notare che all’epoca non c’era internet. E il gioco non aveva una mappa consultabile in-game (il catalogo Mattel di Natale 1987 mi aiutò non poco)
« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 09:01 da Freshlem »
PSN: mangusto  Switch: Fresh
YouTube Channel | PSVR Streaming