Autore Topic: TFP All-Time TOP TEN  (Letto 17506 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Nemesis Divina

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.721
  • Grotesqueries Rule!
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #30 il: 31 Mar 2019, 09:16 »
Vi raccomando di motivare, anche brevemente, le vostre scelte.

E sia chiaro che all'interno della Top Ten i giochi hanno tutti la stessa valenza (sono tutti "primi posti").

Se dopo la Top Ten volete nominare dei runner-up, benvenga.

Offline Laxus91

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.556
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #31 il: 31 Mar 2019, 09:17 »
Non in ordine preciso e non più di un titolo per brand dato che già così è difficilissimo e voglio evitare di togliere spazio focalizzandomi troppo sullo stesso brand.

- Devil May Cry

Padre di un nuovo genere, sontuoso nell'ambientazione, stile, gusto infinito, follia. Un videogioco importante

- Ninja Gaiden (il primo 3D)

Per tutte le lezioni che mi ha impartito: diventa più bravo e ce le farai, diventa più bravo e ce la farai, non è impossibile se diventi più bravo a giocare. Dotato poi di un'ispirazione incredibile per setting e boss fights

- Bayonetta

Titolo incredibile per il genere e consacrazione di Kamiya come director.
Lo scelgo rispetto al secondo (che in teoria è più rigoroso e valido gameplaysticamente oltre che più colorato) perchè aveva quel pizzico di follia nelle situazioni non replicata in seguito

- Metal Gear Rising Revengance

Anche qui action incredibile, dal combat system sperimentale ed originilissimo.
Gioco che guadagna punti ad ogni run successiva alla prima, più lo si comprende e più non può che esaltare.
Sticavoli che la trama raggiunge una sorta di apoteosi del trash, preferivo giocare!

- Resident Evil 4

Epocale.
Coincide con la svolta action della serie ma colpevolizzarlo per questo a mio parere vuol dire non afferrare la genialità di questo titolo in troppe cose, da elementi di design brillanti al modo in cui ha influenzato molto di ciò che è venuto dopo.
Un grande videogioco

- Metal Gear solid 3

Fra i meno 'Metal Gear' (il più Metal Gear per me resta il 2) eppure trovo incredibile l'apice emotivo, musicale e anche ludico di questo capitolo in particolare.
Immersione totale, contesto e ambientazione nelle mie corde, nuovo modo di giocare a Metal Gear (il 2 rifiniva le meccaniche del primo, il 3 oltre a quello aggiunge meccaniche survival particolarmente brillanti), e un'avventura indimenticabile

- Final Fantasy 6

Perché narrativamente incredibile, perchè stilisticamente bellissimo, perché ha le musiche più ispirate in una saga che può vantare musiche ispiratissime.
Titolo monumentale

- The Legend of Zelda Breath of the Wild

Qui ci stava votare Ocarina (adorai anche a Link to the Past), titolo fondamentale per il medium.
Però, però.... mai sono stato così fiducioso per quest'ultimo dopo Botw.
Perchè ha preso un genere, l'open world (diciamo il genere 'di moda' di quel momento) e... lo ha rivoltato come un calzino mostrando a tutti che è possibile creare un mondo di gioco enorme e sempre coerente con le proprie regole, ponendo di nuovo alla base l'interazione personaggio-mondo e un'esplorazione il più autentica, verace possibile.
Non perfetto ma davvero irrinunciabile

- Super Mario Galaxy

Glorioso semplicemente, divertente, vario, tecnico il giusto, artisticamente incredibile.

Meraviglioso a dir poco. E poi aveva quella magia nell'attraversare l'hub centrale, Rosalina, la storia degli sfavillotti ed una formula di gioco classicissima ma assuefacente.


- Metroid Prime 2 Echoes

Sua maestà.
Se il primo mi fece esplodere il cervello, questo mi ha assestato il colpo di grazia definitivo.
Fortezza del Santuario, una progressione che onestamente mi ha convinto maggiormente rispetto al bellissimo Prime, la dualità mondo luce/oscuro (con ulteriore variazione del level design in quest'ultimo e necessità di studiare e pianificare ogni spostamento).
Lo trovai semplicemente irresistibile.


Troppa la roba enormemente valida rimasta esclusa  :cry:
Tra le menzioni d'onore sicuramente:

Demon's Soul (non inserirlo in classifica è il cruccio più grande perchè lo merita di diritto. Idealmente facciamo uno strappo alla regola e consideriamolo lì in classifica, please)
Yakuza 0 (che dolore non vederlo in classifica  :()
Super Castlevania 4
God of War (2018)
God Hand (a un passo dall'inserirlo in classifica, poi ho optato per Resident Evil 4)
Silent Hill 2
Kingdom Hearts 2 Final Mix
Nier Automata e Nier 1 (quest'ultimo solo per la trama)
The Witcher 3
Wipeout Hd Fury
Monster Hunter World
Hollow Knight
Altri capitoli di saghe già citate (quali Super Mario World, Tloz A Link to the Past, Metal Gear Solid 1 ecc)
« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 09:46 da Laxus91 »

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.910
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #32 il: 31 Mar 2019, 09:39 »
Ho editato la mia vecchia top ten sostituendo Pang! con Metroid Prime (che non ricordo perché, all'epoca lasciai fuori).

Offline Nemesis Divina

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.721
  • Grotesqueries Rule!
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #33 il: 31 Mar 2019, 10:40 »
Un dubbio che mi frulla da un po', credo sia giunta l'ora di esplicitarlo: @Nemesis Divina, niente niente che lavori nel campo delle ricerche di mercato? ^__^

Nope, è solo che sto sfruttando l'onda dell'entusiasmo di Ivan per trascinare in Play tutte le cose belle della sezione Theory  ;)

Offline Gold_E

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.243
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #34 il: 31 Mar 2019, 15:11 »
I miei 10,in ordine sparso, poi argomento:

Zelda Botw: avventura e senso di scoperta allo stato puro, stupore e meraviglia per le trovate e l'estetica, setta nuovi parametri per gli open word e nel 2017 non era assolutamente facile.

Zelda OOT: vedi sopra cambiando solo l'anno..

Super Mario galaxy 2: quando pensi che la formula del platform 3d non abbia più niente di nuovo da offrire ecco che arriva Nintendo.

Super mario odissey: vedi sopra..

Super Mario 64: il capostipite del gioco 3d. Capolavoro senza tempo.

Metal gear solid: all'epoca fu il gioco più stupefacente che avevo mai giocato. C'era la storia, i personaggi, il gameplay e tante incredibili trovate.

Resident evil 2: atmosfera unica, il mio primo horror su console, non lo scorderò mai.

Final fantasy VII: il primo vg per cui mi sono commosso, basta questo per me.

Castlevania Simphony of the Night: l'apoteosi del gioco 2d, con delle musiche che ancora oggi tanti giochi si sognano.

Donkey Kong Tropical freeze: il platform 2d più bello della storia per quanto mi riguarda. Un meccanismo perfetto che esalta il gameplay, l'essenza del vg.

Mensione d'onore per Tetris, gioco senza tempo.
« Ultima modifica: 01 Apr 2019, 17:48 da Gold_E »
GOLD EXPERIENCE REQUIEM POTERI:                         
Le sue emanazioni azzerano il potere, le azioni e la volontà di chi lo attacca. Chi resta colpito fisicamente da Requiem vede la propria morte riportata a zero, e continua a riviverla ogni volta.

Offline Panda Vassili

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.528
  • Nintendo Akbar!
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #35 il: 31 Mar 2019, 15:30 »


Stalker Shadow Of Chernobyl

Era il 2008, ero annoiato a morte da PS3 e 360, un amico vuole vendere la sua gpu, la X1900XTX, e me la propone, dicendomi che ci sono una marea di titoli su PC. Io, avventure grafiche a parte, non ci giocavo più nulla da 7 8 anni praticamente.

Ed approccio il mondo del PC Gaming con Stalker Shadow Of Chernobyl. Avete presente la vostra prima esperienza sessuale? E' stato come riscoprire i videogiochi, come scopare per la prima volta. Stalker Shadow of Chernobyl continuo saltuariamente a giocarlo ancora oggi, con le mille mila mod che ci sono in giro. Non è solo un gioco ma un'esperienza a 360 gradi, ed è ancora oggi il gioco con la migliore intelligenza artificiale in ambienti aperti. Così come la Zona esaudisce tutti i desideri dei cercatori, Stalker SOC rappresenta per me l'alpha e l'omega, il prima e il dopo.  :)



Dota 2

Il gioco competitivo per eccellenza. Una mappa sola, 3500 ore circa passate sopra, serata condivise con "persone virtuali" che sono diventate una seconda famiglia. Da Dota 2 non si torna indietro, era il 2012, non avevo mai giocato un MOBA. Approccio difficilissimo, ma l'ho fatto insieme ad un ragazzo, che nel frattempo si è sposato a più di 1000 km di distanza e mi ha invitato al suo matrimonio. Ci giochiamo di tanto in tanto ancora oggi, come se fosse una partita di calcetto, ed è stranissimo vedere come le nostre vite sono cambiate nel frattempo. All'urlo di Cyka Bliat, Dota 2 è ha caratterizzato i miei anni videoludici e non solo.



Deus Ex

Lo comprai con giochi per il mio computer due anni dopo la sua uscita, provai a giocarci più volte senza mai finirlo, ma era troppo complesso per me, ed il mio PC non era adatto. L'ho giocato finito e completato 10 anni dopo la sua uscita, e mi ha lasciato di stucco. Mai nessun altro gioco era riuscito a fare una cosa del genere, level design ai mai visti, danni localizzati, un gioco in prima persona cyberpunk e ruolistico come pochissimi prima e dopo di lui. Rappresenta l'inizio e purtroppo la "fine" di un certo modo di vedere gli FPS, abbiamo preso la porta sbagliata, quella dei Call Of Duty brutti.




Shenmue 2

Mai avuto un Dreamcast, ma un Xbox di seconda mano la presi, avevo 13 anni. C'era un gioco giapponese di cui parlavano tutti nelle lettere delle riviste, ci facevano gli articoli, volevo metterci le mani sopra. Shenmue2, con l'orologio a scandire le giornate. Guadagnarsi da vivere per pagare il maledetto affitto. Camminare in mezzo alle persone senza correre mai, perché correre ti faceva sentire fuori posto. Combattere, allenarti nei templi, vivere l'Oriente. Shenmue 2 è stato pietra angolare e primigenio nel mondo degli open world. Durante i titoli di coda quel cliffhanger maledetto, e visto che negli ultimi anni i desideri si realizzano, ci metteremo di nuovo le mani sopra ad agosto.



Metroid Prime

A 15 anni, hai una console meravigliosa come il gamecube, esce un titolo in prima persona di cui parlano tutti e che tu non conosci, lo compri, e ti inabissi in un mondo alieno che riscrive per i tuoi standard la narrazione in gioco, con un ambiente che ti parla, ed un level design pazzesco. Le migliori boss fight mai viste, e cos'altro?Le musiche. Metroid Prime ti fa volare la calotta nell'iperspazio e ti lascia la faccia a brandelli. Mesmerizzante, non sono riuscito a giocare ad altro, e delusione il capitolo successivo. Troppo oltre e troppo grande il Prime.



Red Orchestra 2

FPS Multiplayer a cui gioco dal 2011, seconda guerra mondiale, ancora oggi insuperato per tatticismo, fase shooter, feeling con le armi, senso di squadra e di progressione, atmosfera a tratti horror, l'ultimo grande gioco multiplayer in prima persona su cui ho speso tempoe risorse. E' sempre il primo gioco che installo ad ogni format del PC. Capolavoro.



Morrowind

Indeciso se inserire Morrowind o The Witcher 3, ho optato per il primo capitolo degli Elder Scrolls che ho giocato. Le motivazioni sono un po' le stesse di Shenmue, mi ritrovai catapultato in un mondo immenso, pellegrino spaesato che doveva orientarsi con le indicazioni degli npc e i cartelli, tra mille razze e villaggi e città incredibili. Giocarlo all'età a cui l'ho giocato è stato l'ennesimo scalpo.




Final Fantasy 8
Non posso rinnegare le mie origini, ho scelto lui come rappresentante dei JRPG. E' il più bel JRPG che ho giocato? Assolutamente no, con il senno di poi è una merdina di gioco, con buchi narrativi enormi e sistema dei guardian force che ha ucciso le magie ed era una sorta di spam continua e cut scene di un minuto per ogni attacco, terribile se ci ripenso. Eppure lo comprai convinto da mio cugino, che non me lo volle prestare. "Costa solo 49 mila lire, fidati e prendilo". Non so perché, ma andai in negozio e lo comprai, mai giocato uno. 13 anni circa. Andai a dormire alle 5 del mattino, quando finì il mio primo giorno al Balamb Garden, con quel ballo tra Rinoa e Squall sulle note di Waltz for the Moon.




Zelda Breath of The Wild

Zelda arriva insieme a Switch il 3 marzo 2017, in un periodo un po' negativo della mia vita, in cui avevo comunque tanto tempo libero. Non ho mai approfondito colpevolmente la serie, avendo saltato lo snes, avevo giocato solo Wind Waker, Ocarina of Time fuori tempo massimo su gamecube e Twilight Sonaro Princess. Conoscenza basica, ma non serve sapere nulla, visto che questi qua hanno semplicemente riscritto il concetto di open world, portando un livello di interazione e fisica che non si era mai visto, con un grado di libertà che il genere non conosceva dai tempi di Morrowind. Lì ad orientarsi con la geografia e i punti di riferimento visivi, le note di piano improvvise in mezzo all'erba alta, i culossi gioco nel gioco, un senso di progressione e avventura, la scoperta di ogni anfratto di questa mappa meravigliosa. Il ground zero dei videogiochi moderni.   




Alan Wake

Quando penso ad Alan Wake, penso sempre a In dreams di Roy Orbison, che chiude il primo episodio. Penso anche a Velluto Blu di David Lynch, penso a Stephen King, penso che in un videogiochi sono riusciti a inserire tutto ciò che amo. It's not a lake, it's an ocean. E da giocare resta meraviglioso, l'ho archiviato solamente dopo 50 ore e tanti replay. Un gioco a cui voglio bene e a cui vorrò bene per sempre. E spero sempre che torni. E' tornato Shenmue, tornerà Alan Wake e tornerà Half Life, voglio crederci.



Switch sarà la console casalinga mobile più potente in circolazione. Statece.

Offline Floyd

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.076
  • Since 1989
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #36 il: 31 Mar 2019, 17:51 »
Link's Awakening (Nintendo, 1993)

Perché è la versione surreale/dream-like di LTTP, perché il gameplay è più dinamico (puoi saltare!), vario (ci sono pure piccole sezioni a scorrimento laterale), e con meno tempi morti di LTTP, perché è ricco di tante citazioni di altri giochi nintendo.

Super Metroid (Nintendo, 1994)

Perché riportava in alto l'ormai dimenticato (all'epoca) genere dei metroidvania, perché ha un'opprimente atmosfera raramente vista nei giochi Nintendo, perché nessun titolo all'epoca univa cosi bene dinamismo ed esplorazione.

Dungeons and Dragons: Shadows over Mystaria (Capcom,1996)

Perché rappresentava una summa del misto tra arcade e rpg che capcom ha sempre coltivato fin dai tempi di black tiger (1987), perché rappresentava insieme al diversissimo ma coevo Battle Circuit uno dei canti del cigno del picchiaduro a scorrimento, perché i vari personaggi, i segreti e i bivi davano un minimo di profondità al genere.

Nights: Into Dreams (SEGA, 1996)

Perché aveva una splendida atmosfera onirica, perché l'originale gameplay costringeva nella medesima misura il giocatore a correre contro il tempo, fare acrobazie, esplorare il livello, perché era un misto tra 2d e 3d che c'entrava poco con mario 64 e i suoi epigoni.

Xenogears (Squaresoft, 1998)

Perché univa robottoni,filosofia e psicologia in una scala temporale paragonabile a quella di star wars, perché il sistema di combattimento era originale e c'erano anche i gli scontri tra mech, perché 60 ore di avventure a cui fanno seguito altre 10 di cutscenes non si dimenticano facilmente.

ICO (Sony, 2001)

Perché riportava i videogiochi indietro ai tempi gloriosi degli action adventure, perché creava un'atmosfera unica degna dei primi minimalisti cinematic platformer, perchè tu e yorda eravate una cosa sola.

Silent Hill 2 (Konami, 2001)

Perché metteva insieme il crudo immaginario di Jacob Ladder con quello più psicologico di Lynch, perché al livello massimo gli enigmi e la sopravvivenza non erano facili come in Resident Evil, perché adesso il mostro era il tragico ma represso passato di un individuo e di un'intera comunità.

Sin and punishment (Treasure, 2001)

Perché era la summa del gameplay platform/shooter di Treasure, perché riusciva a rendere di nuovo creativo uno dei generi più classici e abusati del videogioco, l'on-rail shooter, perché rappresentava il canto del cigno tecnico del Nintendo 64.

Demon's Souls (From Software, 2009)

Perché rendeva di nuovo i videogiochi astrusi e difficili nell'anno del trionfo di Uncharted 2 e Modern Warfare, perché aveva il miglior sistema di combattimento mai visto in un action rpg, perché la malata atmosfera dark fantasy rispecchiava perfettamente l'oscuro gameplay.

La Mulana (Nigoro, 2012 remake)

Perché era il metroidvania più astruso e folle dai tempi di Legacy of The Wizard (1987), perché faceva scoprire al pubblico occidentale la versione più ardita dell'action adventure disponibile per computer giappi negli anni 80, perché da buon doujin si manteneva comunque umile e giocoso rispetto alle pretese dell'indie nostrano.
« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 20:44 da Floyd »

Offline Macca

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.206
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #37 il: 31 Mar 2019, 18:46 »
In ordine più o meno sparso...

Resident Evil

Miglior level design della storia, dove la magione è, in realtà, una sorta di scatola magica da percorrere sfruttando, e sopravvivendo, a meccanismi perfetti. Inventa il genere Survival Horror. O, almeno, lo presenta adeguatamente al mondo.

Silent Hill 2
Sì, bellino il primo. Ma Silent Hill 2 resta la più bella e intima produzione di uno dei team più strambi e talentuosi di sempre. SH 2 non fa paura, ma mette a disagio più di qualunque altro capitolo. Più di qualunque altro gioco. Con la migliore soundtrack di sempre, per altro.

SHENMUE
Sì, lo so che il secondo è più gioco, più bello e più tutto. Ma il primo mi ha fatto letteralmente esplodere la testa, facendomi mettere i videogiochi su un piano diverso.

Street Fighter II' Champion Edition
Probabilmente, il gioco più giocato della mia vita. Dal 1991 ad oggi, ancora oggi, un "gettone" a settimana è suo. Immortale.

Metal Gear Solid 2
Kojima allo stato puro.  Punto.

Yoshi's Island
L'ho giocato tardi, su GBAdvance. E quanto l'ho amato. Yoshi è il "mio" personaggio Nintendo. E la sua Isola uno dei posti più belli che abbia mai ludovisitato.

REZ
Rez, per me, era Rez già ad inizio secolo. Difficilmente, però, lo avrei inserito in questa Top Ten senza la versione VR. Dopo due anni e mezzo di realtà virtuale, resta una delle esperienze più belle e riuscite. Quasi quanto...

Resident EVIIL Biohazard
è possibile passare 5-6 ore con il visore in testa? Sì, si può. Amen

The Legend of Zelda: BOTW
Probabilmente, il miglior gioco di lancio per una console. Avventura epica, con cui qualunque produzione dovrà, e deve, fare i conti. Perfetto.

Halo 2
Prima di Halo 2, da fiero giocatore console, odiavo gli FPS. Ecco.

Restano fuori altri giochi che ho nel cuore: Castlevania SOTN, Daytona USA, Sonic, Mortal Kombat II, Super Mario Bros e un sacco di altra roba. Ma come Top 10 del giorno ci può stare.


« Ultima modifica: 31 Mar 2019, 18:50 da Macca »
The World's Not Set in Stone

Offline Lost Highway

  • Reduce
  • ********
  • Post: 25.766
  • Lynchologo!
    • http://www.facebook.com/loveretrolove
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #38 il: 31 Mar 2019, 21:22 »
Ecco la lista.

10 sono pochi, così ho deciso di fare qualcosa di diverso, ovvero scegliere il mio gioco preferito delle mie 10 console preferite di sempre.

Sega Mega Drive
Streets of Rage 2
Appare in ogni mia top ten insieme ad un paio di altri, semplicemente l'apice ludico di uno dei miei generi preferiti di sempre.

Super Nintendo
Super Mario World
Per quanto io ci provi e cerchi, non ho mai trovato un platform a questo livello.
Il titolo che ho più giocato (e che tutt'ora gioco) nella mia vita.

Neo Geo
Fatal Fury Special
Volevo scegliere un picchiaduro della lunga epopea di questa gloriosa console,  uno solo è difficilissimo, così ho scelto di cuore, pescando un titolo che ho sempre amato, il primo ad entrare in casa mia con la console mostro. Vederlo girare in casa mia rimane tutt'oggi una delle più grandi cadute di mascella di sempre.

Arcade
Street Fighter III: 3rd strike
Non può mancare la mia vita in sala giochi, non può mancare un titolo della storica serie Capcom.
Semplicemente l'episodio perfetto.

Nintendo 64
Mario Kart 64
Probabilmente l'episodio di MK che più mi ha infiammato in multiplayer, complici le 4 porte per altrettanti pad.
Il battle mode è stata una delle esperienze in multiplayer più belle di sempre.

Playstation 2
Burnout Revenge
Non il migliore della serie, ma il titolo a cui sono più affezionato, una sberla in faccia a qualunque racing uscito fino a quel momento.

Xbox 360
Halo 3
La mia vita videoludica si divide tra prima e dopo Halo 3.
Prima odiavo gli fps, dopo sono diventati uno dei miei generi preferiti in multiplayer.

Nintendo WiiU
New Super Mario Bros.U
Pensi che mai nessun gioco potrà mai avvicinarsi alla Perfezione (SMW).
E poi è Nintendo stessa a sorprenderti.
Con buona pace degli episodi pologonali che per quanto maestosi, per me non si avvicineranno mai nella vita al feeling unico di un perfetto platform 2d.

Playstation 4
Bloodborne
Un mondo a se stante, morboso, profondo, sfidante.
Ad oggi la sfida videoludica più bella e la storia che più di ogni altro mi si è impressa dentro.

Xbox One
Forza Horizon 4
La mia serie preferita in ambito racing.
Inizialmente volevo puntare sul 2, per la splendida ambientazione nostrana, ma la maestosità del quarto episodio è semplicemente pltre qualunque altra cosa.
« Ultima modifica: 07 Apr 2019, 18:04 da Lost Highway »
Xbox Live:  LOST HIGHWAY80
...And sometimes is seen a strange spot in the sky
PSN: Lost_Highway80 - Nintendo Wii U: LOSTHIGHWAY
A human being that was given to fly...

Online Dan

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.884
  • Kojima Sola
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #39 il: 31 Mar 2019, 21:38 »
Sempre difficile fare una Top10 che regga con il passare del tempo, ma guardando quella di 6 anni fa tutto sommato mi ci ritrovo ancora, specialmente per i miei "capisaldi". Il resto ha cominciato a sbiadirsi, anche in maniera insospettabile. Ad ogni modo, fino alla posizione 7, credo che resterà immutata ancora per lungo tempo.

1- Metal Gear Solid
2- Monkey Island 2: Le Chuck's Revenge
3- Papers, Please
4- Portal
5- Shadow of the Colossus
6- Left 4 Dead 2
7- Prince of Persia
8- Bioshock
9- The Stanley Parable
10- Alan Wake

(mi si perdoni se copio-incollo brutalmente alcune delle motivazioni già esposte nel vecchio topic ma, come è ovvio, non sono troppo cambiate nel tempo)

Metal Gear Solid - Non sto nemmeno qui a ripetermi, che tanto lo avrò scritto ormai in tutte le salse. Gioco della vita. Letteralmente. Il mio Alpha e il mio Omega. Se qualcuno tornasse indietro nel tempo al 1997 e mi impedisse di venire a conoscenza di MGS, l'Effetto Farfalla sulla mia vita sarebbe radicale.

Monkey Island 2: Le Chuck's Revenge - Insieme a The Secret of Monkey Island, altro titolo "formativo" per me. Giocati intorno agli 8 anni, hanno senza dubbio influenzato il mio immaginario e, probabilmente, pure il mio senso dell'umorismo. Esempi di scrittura inimitabili, freschi, brillanti, geniali e, in definitiva, immortali. Dovendo optare per uno solo dei due capolavori di Gilbert, scelgo il secondo per quel pizzico in più di atmosfere dark che lo caratterizzano.

Papers, Please - Lucas Pope è un genio assoluto. Non è un'iperbole, lo dico convintamente. Papers, Please è un concentrato di conflitti morali, sensi di colpa e orgoglio, pietà e cinismo, paura e coraggio, egoismo e solidarietà, pregiudizio e scrupolosità, corruzione e onestà, avidità e generosità. Tutto questo racchiuso in un gabbiotto di frontiera, mentre si controllano i documenti in mezzo a svariate procedure burocratiche. Un'esperienza unica, intensa come poche altre. Secondo me la conquista delle dimensione etica nei VG è il futuro del medium, e questo titolo ne è una pietra miliare.

Portal - Se esiste un tempio della fantascienza, allora, tra un racconto di Asimov e un 2001: Odissea nello Spazio, c'è sicuramente Portal. Un'opera di tale portata che da una parte trascende il mezzo, dall'altra ne è legata a doppio filo: senza il giocatore Portal non può esistere. Una scrittura straordinaria, ma non solo: anche un concept di gioco semplicemente geniale. Uno dei titoli più innovativi di sempre.

Shadow of the Colossus - Un gioco muto che parla con il linguaggio più puro di questo medium. Un titolo profondo che arriva dritto all'anima. Senza parole, senza orpelli, senza sbavature; asciutto come le sue lande aride, solenne some i suoi colossi.
La corsa sfrenata con Agro, affiancando le ali di roccia di Phalanx che affondano nella sabbia del deserto; un salto dalla sella, una presa con le ultime falangi e poi su, trascinato a centinaia di metri da terra. Un ricordo così vivido che quasi pare di averlo vissuto in prima persona.

Left 4 Dead 2 - L'esperienza videoludica condivisa più intensa di sempre. Non è spiegabile a chi non l'ha provato. Un andamento narrativo che emerge unicamente dal level design e al quale il gameplay può dare ogni volta una sfumatura differente. Credo che la narrazione nei giochi multiplayer cooperativi sia una delle direzioni in cui si muoverà questo medium nel prossimo futuro, e L4D sarà un esempio a cui ispirarsi.

Prince of Persia - Prima di Another World (meglio, per me, di Another World), il capolavoro di Mechner guardava già al futuro del medium. La storia si regge su un level design evocativo ed è scritta dalle azioni del giocatore. Non serve altro.

Bioshock - Rapture è uno di quei luoghi virtuali che ti rimangono dentro anche a distanza di anni. Quella disegnata da Ken Levine è una città talmente ricca di dettagli, di reminiscenze, di sensazioni, che resta impressa nella corteccia cerebrale e non ti abbandona più. Forse più che un luogo reale, Rapture è quel sogno vividissimo fatto da bambino e che non hai più dimenticato.

The Stanley Parable - Un metavideogioco che accorcia le distanze tra autore e fruitore. Un viaggio nella propria mente e in quella di Wreden, un dialogo intimo portato poi avanti in The Beginner's Guide. Un tipo di opera possibile solo su questo medium.

Alan Wake - Come Rapture, Bright Falls è un altro locus horridus difficile da dimenticare. Remedy, con il suo stile distintivo, ha la capacità di rendere uniche esperienze che prendono in prestito da media differenti. Alan Wake è certamente una di queste. Ma CONTROL ha tutte le carte in regola per soppiantarlo, in questa mia classifica.

Restano fuori, a malincuore: gli Uncharted (capolavori perfettibili, di cui Lost Legacy ne è forse la summa), Dark Souls (luce guida del level design che, mi si dice, potrebbe aver trovato in Sekiro la sua evoluzione), Read Dead Redemption (quale eccellente simulazione virtuale di un tempo/mondo che fu, ma che, forse, per lo sviluppo di questo medium non è più sufficiente).
« Ultima modifica: 01 Apr 2019, 15:08 da Dan »
.: R.I.P. :.
Hideo Kojima (1963-1998)

Offline Diegocuneo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.528
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #40 il: 01 Apr 2019, 09:02 »
Poi la stilerò,ma il primo gioco che mi viene in mente è MARIO64,niente di più incredibile è mai uscito in relazione al quando lo ha fatto.Passammo 2/3 mesi a non giocare altro,tutti i giorni,col sorriso perenne.
"Per il resto @Diegocuneo @Oberon e @DRZ gente a cui le donne dovrebbero darla di più!"  disse RUKO

Offline jamp82

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.903
  • Team Kirkhammer ignorantia_&_violentia is da way
    • DeathstreetBoyZ - Pop Music From Hell!
    • E-mail
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #41 il: 01 Apr 2019, 10:08 »
Gran Turismo seminale, grandioso, parte tutto già dall'intro magnifica, probabilmente tra i miei filmati introduttivi preferiti in assoluto e non parlo dell'originale giapponese "si vabbè la musica originale è Moon over the casltle eresia per quella europea faccio la punta al cazzo gne gne gne", no, non mi ha mai detto un cazzo la soundtrack jappo, per me il primo GT è quello della soundtrack europea che ben si innesta nell'epoca MTV quando c'era bella musica, quelle figate di sonorità di fine anni '90 perfette per il titolo in questione con relativa bava dalla bocca durante i replay....un titolo compatto, divertente ed affascinante......capolavoro.

Metal Gear Solid un pugno in faccia, mai vista una roba del genere all'epoca, atmosfera da 110 e lode e caratterizzazione dei personaggi da sogno.

Final Fantasy VII non ho voglia di scrivere tanto su questo titolo, davvero non c'è n'è bisogno, dico solo che quando lo finii, presi i 3 magici cd, li disposi una a fianco all'altro, li fissai e stavo per piangere dal dispiacere per aver lasciato quel mondo e i suoi protagonisti.

Half Life 2 sicuramente il miglior fps mai creato, pura fantascienza creativa e realizzativa, un vero e proprio colossal immersivo al 100%.....impressionante.

Bloodborne il mio primo souls like....quelle prime brutali, cattivissime e angosciose ore non me le ridarà mai nessuno in quel modo......"ma va non lo finirò mai, troppo per me" e invece quando lo finii mi sentì videoludicamente più cresciuto, più consapevole di ciò che avrei giocato dal quel momento in avanti.

Street Fighter Alpha/Zero 3 se volete parlare con un esperto di combo e pornostar dei frame, sicuramente non dovete parlare con me ma ho amato tantissimo questo capitolo, la versione psone era un vero e proprio miracolo di porting fatto da Capcom aggiungendo pure una stupenda modalità carriera....ora se voglio giocare a SF non mi rovino l'esperienza online che tanto sono una pippa e non ho tempo/voglia di studiare, metto su la collection su Switch e mi faccio una partita all'arcade di SFA3.....quei colori, quella caratterizzazione, quelle musiche e le 3 modalità di battle system imho sono stati la summa della serie.

Wipeout 2097 sono molto legato ai fine anni '90 e questo gioco per me, come per il primo GT ha dato molto, (parte) dei miei gusti musicali, visivi e grafici erano dentro in questo titolo.

Portal 2 ancora meglio del primo, un inno alla creatività e alla genialità.....standing ovation.

Resident Evil 4 la chiave di volta, una serie di idee su carta probabilmente un pò del cazzo e da serie B orchestrate da Mikami in modo geniale, davvero, in TUTTO.....ah, vogliamo parlare tra i migliori inizi videoludicamente parlando? splendido.

Legend of Zelda: Breath of the Wild gli open world mi rompono il cazzo ma con BOTW sono riusciti a non farmi annoiare nemmeno un secondo in più di 100 ore di gioco....e tutto il resto? come per FFVII non ho voglia di argomentare troppo, dico solo che hanno fatto un miracolo di gioco e che da quando sono iscritto a questo forum, mentre ci giocavo non mi interessava condividere la mia esperienza durante la run e non volevo nemmeno ascoltare quelle altrui......il viaggio era solo mio e volevo godermelo in santa pace.

Restano fuori a malincuore FFVI, Burnout 3, Resident Evil 2 (psone), Dark Souls, Zelda OOT e MGS 2, ulteriori titoli che porterò sempre con me.
« Ultima modifica: 01 Apr 2019, 15:15 da jamp82 »
[IG] instagram.com/jamp82/, [PSN] jbittner82, [Switch] SW-0209-2836-6111
"Skippo le ballad."

Online Cryu

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.513
  • Ninjerelli si nasce
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #42 il: 01 Apr 2019, 11:36 »
Felicissimo di leggere tanti Alan Wake :yes:
"non e' neppure fan-art, e' uno screenshot di un gioco, ci sono mesi e mesi di sudore di artisti VS uno scatto con un filtro instagram sopra."

Online Cryu

  • Reduce
  • ********
  • Post: 20.513
  • Ninjerelli si nasce
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #43 il: 01 Apr 2019, 11:45 »
Mumble, io direi la seguente. Tutti giochi che mi hanno fatto esplodere il cervello superandosi a oltranza.

Demon's Souls
The Last of Us
Ninja Gaiden Black
Metal Gear Solid 3
Alan Wake
Dark Souls
Call of Duty Modern Warfare 2
Resident Evil 4
Shadow of the Colossus
Assassin's Creed Origins


Preorder Bonus: La top 10 dei miei primi 20 anni, che probabilmente ora non toccherei neanche con un bastone (fatto salvo DMC1)

Sega Rally
Final Fantasy VII
The Legend of Zelda: Ocarina of Time
The Secret of Monkey Island
Soulcalibur II
Super Street Fighter II
Devil May Cry
Super Mario Land 2
Tomb Raider
Ikaruga
« Ultima modifica: 18 Apr 2019, 10:34 da Cryu »
"non e' neppure fan-art, e' uno screenshot di un gioco, ci sono mesi e mesi di sudore di artisti VS uno scatto con un filtro instagram sopra."

Offline Devil May Cry

  • Reduce
  • ********
  • Post: 39.934
    • http://devillo.blogspot.com/
Re: TFP All-Time TOP TEN
« Risposta #44 il: 01 Apr 2019, 11:48 »
Su due piedi:

FF7
Xenogears
Chrono Cross


Il trittico imprescindibile di jrpg dell'epoca, emozioni e lacrime sparse per ore e ore.

Metal Gear Solid 1 (ma i primi 3 sono tutti capolavori), anche qua carico emotivo altissimo.

Silent Hill 2, ansia e una trama splendida.

The Last of Us, migliore degli ultimi anni a mani basse.

Left 4 Dead, come ho passato le nottate in coop su questo gioco mai per nessun altro, come dicevano su (anche se mi fa strano vedere citato il 2 e non l'uno): se non lo si è provato non si può capire.

Bloodborne
(a premiazione dei Souls, ma ci devo pensare meglio con Dark Souls).

Shadow of the Colossus

Winning Eleven

Citazione
Preorder Bonus: La top 10 dei miei primi 20 anni, che probabilmente ora però non toccherei manco con un bastone (fatto salvo DMC1)

Sì era pure il pensiero mio: bisognava fare le 10 meraviglie del mondo moderno e passato. :D
« Ultima modifica: 05 Apr 2019, 11:49 da Devil May Cry »
Ascoltate Falli da Dietro!!