Autore Topic: La donna nei videogiochi: riflessioni?  (Letto 24270 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline slataper

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.718
Re: La donna nei videogiochi: riflessioni?
« Risposta #105 il: 01 Set 2018, 08:16 »
Qualche tempo fa stavo scorrendo con mia moglie i giochi disponibili su Switch, la sua attenzione si è diretta su un titolo apparentemente rivolto ad un pubblico femminile ma che in realtà si è rivelato questo... abbiamo guardato il trailer e ho notato che lei è rimasta stupita e scocciata. Sul momento ho ridacchiato come il tredicenne che alberga (credo) in ogni maschio adulto, poi però ho provato anch'io un certo fastidio. Qualche esperto di cultura giapponese mi dirà forse che il gioco va interpretato nella loro ottica con scappellamento a destra come fosse antani, tuttavia riguardando il trailer mi pare proprio che il gesto di puntare e sparare all'area genitale di ragazze ricordi la molestia sessuale... sebbene io sia contro la censura ammetto che trovo spiacevole la presenza di un gioco del genere nello store Nintendo.
Switch SW-7241-0739-0708 / Xbox Live slataper
My Yearbook [2019] [2020] [2021]

Offline MaxxLegend

  • Reduce
  • ********
  • Post: 34.598
  • A New Adventure
    • ZombieGamer80
Re: La donna nei videogiochi: riflessioni?
« Risposta #106 il: 01 Set 2018, 09:04 »
Gal Gun è una serie rivolta a un pubblico MOLTO maschile ed anche un po' "otaku". In pratica è uno shooter alla Operation Wolf che però è anche una parodia dei vari DATING SIM dove varie ragazze, non si sa perché sono tutte interessate al protagonista che deve scegliere con chi uscire.
Non so i dettagli della trama, ma in pratica nella serie Gal Gun per qualche strano motivo alieno sono tutte aggressivamente attratte dal protagonista e lui le deve "calmare" lanciando cuoricini.

Non mi pare una cosa offensiva ma parodistica, comunque è un gioco ad uso e consumo dei maschietti soli o delle femminucce curiose, questo si, ma senza sfociare nella volgarità  dell'hentai vero.
Lo trovo praticamente innocuo.

Se poi vogliamo andare indietro nel tempo, c'era uno sparatutto per C64 con le stesse premesse, nelle cassette da edicola si chiamava "rubacuori" o qualcosa del genere. Era simpatico.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ ^^^^ ^^^ ^^ ^
PSN Trophies: 495-72% - XBL Gamerscore: 38.197 - BOARDGAMES - ZombieGamer80 - Lost in VR DREAMS Crypt Night City

Offline mog_tom

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.104
  • Transumanesimo? E se provassimo con l'umanesimo?
Re: La donna nei videogiochi: riflessioni?
« Risposta #107 il: 24 Gen 2019, 07:52 »
Della serie: quello che la gente non ci dicono.
https://shmuplations.com/kazukoshibuya/
www.fandonia.net | Ci hanno attribuito un profilo da debitori subprime. Solo che non siamo subprime ma creditori, così hanno incaricato i media di convincerci che lo siamo e che inoltre dobbiamo morire. E' un incantesimo che va assolutamente spezzato. (B.T.)

Offline Laxus91

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.164
    • E-mail
Re: La donna nei videogiochi: riflessioni?
« Risposta #108 il: 16 Apr 2021, 09:00 »
Nella notte mi son ricordato di questo intervento in un post su Returnal
Dobbiamo recuperare il topic sulle donne nei vg, c'erano belle riflessioni.  :yes:


del buon @Il Gladiatore e ho pensato di cogliere la palla al balzo per un eventuale spunto di riflessione sul tema: ho anche recuperato in parte il topic, gli interventi e l'open post di Ruko e di altri utenti.

Credo che molto sia già stato detto e mi risulta difficile aggiungere un tassello così, in ritardo rispetto alla genesi del topic, quindi ho pensato di dire molto brevemente la mia e poi di passare a qualche esempio concreto con descrizione di donne che per un motivo o per un'altro mi hanno colpito in ambito videoludico, se a qualcuno dovesse andare di fare altrettanto ne sarei lieto, se vi va.

Il sunto di come la penso é che se tu scrittore e ideatore di personaggi videoludici riesci a far andare a braccetto la caratterizzazione e finalità del personaggio femminile (ma si potrebbe dire lo stesso di quello maschile) con il suo aspetto estetico che non dovrebbe mai venir limitato o censurato 'perché si' (poi esistono anche i redesign di personaggi già esistenti che sono spesso delicati, esistono gli adattamenti di personaggi 2D in 3D e tanti casi particolari)...
Allora non dovresti avere di che preoccuparti e probabilmente sei sulla strada giusta nel realizzare un buon pg femminile.

Il territorio videoludico è anche terreno per la fantasia e la straordinarietà, per eroi ed eroine dotati di capacità non comuni (poi può anche essere territorio di rappresentazioni più tendenti al realismo, certamente non una via facile) per cui è opportuno contestualizzare estetica e caratterizzazione alle finalità del gioco o anche solo al tipo di storia e scrittura che si vuole adottare, magari in relazione al genere ludico di appartenza (perché vi sono differenze ovvie e fisiologiche fra personaggi di un picchiaduro piuttosto che di un Jrpg o ancora story driven)

In altri termini, non può mai far male un personaggio femminile seducente se c'è una precisa visione dietro quel ruolo e una buona caratterizzazione e non si scade nel cattivo gusto, la differenza non dovrebbero farla i paletti all'ingresso ma il risultato finale ossia quanto sia davvero ben riuscito quel personaggio andando nel merito del prodotto e qualità di realizzazione.

Questo il mio punto di vista e premessa, passando invece al pratico:

Quistis Trepe - FF VIII

TFP Link :: https://m.youtube.com/watch?v=GE4IoKF0zKk

Non un esempio di buona scrittura, del resto tutto FF VIII resta un gioco illuminato soggettivamente ma anche con tanti limiti e imperfezioni se analizzato oggi.
Eppure Quistis in età pre adolescenziale, confesso sia stata la mia prima 'cotta' virtuale, merito anche di questa semplicissima cutscene di introduzione, quindi in qualche modo resta associata positivamente ad un determinato periodo al di là di tutto.

Xiuying Hong - Shenmue 2

TFP Link :: https://m.youtube.com/watch?v=d5ncDsob16U

Shenmue 2 l'ho vissuto solo qualche anno fa e di Xiuying mi sono innamorato virtualmente  :D
Al di là della sua inesplicabile bellezza ma anche forza e autorità, sono state proprio le dinamiche che si vengono a creare in Shenmue 2, con la sua capacità di farti immergere narrativamente in quel mondo di gioco/contesto/luogo a farmi vivere intensamente la permanenza di Ryo nel tempio ad Hong Kong.
Il momento dell'addio e separazione da lei è stato straziante per me

Bayonetta

TFP Link :: https://m.youtube.com/watch?v=lPHr9ghVyNU

Per me personaggione assoluto, sensualità + forza (perché è al contempo forte e dominante ma divertita, esuberante e caparbia infatti secondo me è perfettamente riuscita e non eccessiva anche nell'estetica) + gran gameplay quindi un paradiso in pratica  :D

Aya - AC Origins

TFP Link :: https://m.youtube.com/watch?v=9VL-PVCAUdU

Stupito da questo personaggio, un pò per la relazione particolare e inusuale con Bayek, un pò per le sue virtù ed un pò perchè secondo me nella parte finale del gioco (quella più 'romana' per intenderci) si viene a creare un bel climax emotivo fino a un determinato... punto di rottura, ho trovato che sia una scena molto sentita e malinconica quella lì. Decisamente un bel personaggio per me.
Looking forward per Kassandra per quando giocherò!

Rosemary - MGS2

TFP Link :: https://m.youtube.com/watch?v=x4Jm3lXNFxI&list=PLPgGoqyrQAcYI8AENxxmgMCv7nAx-yS9U&index=24

Di questa saga il mio personaggio femminile preferito è The Boss naturalmente, avrei potuto citare Meryl (del primo, non la brutta reinterpretazione in MGS4) ma volevo dare spazio a Rose.
In particolare il dialogo riportato in video, Rose (non posso  e non intendo fare spoiler pesanti sul suo ruolo e reveal finale) è una presenza costante e personalissima per Raiden durante la missione sulla Big Shell, molto loquace ma a tratti quasi angosciante e ansiogena, secondo me da dietro le quinte aggiunge tantissimo alla percezione del giocatore di MGS2 come opera e dell'approfomdimento psicologico di Raiden come personaggio e sua evoluzione.
Un personaggio davvero poco usuale e rappresentato più intellettivamente che fisicamente che però è chiave di lettura dell'intero gioco e mi piace ricordarlo

Avrei molti altri personaggi femminili significativi da citare per carisma e fascino o altre ragioni specifiche (da Yuna a Trish a Triss e Yen, passando per classici come Samus o Rosalinda o Lara, o ancora fra i meno noti quali Cate Archer di No One Lives Forever piuttosto che Blood-Rayne) ma non voglio estendere troppo il post!

Solo che ecco, volendo ci sarebbe da parlarne per ore, ma anche di quelli che riteniamo invece i personaggi femminili riusciti peggio così da fare una distinzione mirata pur rimanendo nell'ambito delle preferenze personali
« Ultima modifica: 16 Apr 2021, 17:47 da Laxus91 »