Escort berlin Escort berlin

Autore Topic: Mi sento un pollo  (Letto 3245 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online MaxxLegend

  • Reduce
  • ********
  • Post: 29.777
  • A New Adventure
    • MicroRece
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #15 il: 20 Gen 2018, 14:59 »
Innanzitutto il problema non è "tolgono risorse ai giochi nuovi", assolutamente. Questa è una bugia che alcuni si raccontano per giustificare la penuria di tripla A in questa gen, penuria che c'è per ben altri motivi legati ai costi assurdi delle produzioni odierne ed al mancato rientro di molte di esse.

A questo punto uno si dovrebbe chiedere come mai 9 volte su 10 i remaster sono peggiori degli originali.
Io lo so, ma lo lascio dire a voi.
« Ultima modifica: 20 Gen 2018, 15:02 da MaxxLegend »
PSN Trophies: 20-87% - XBL Gamerscore: 38.197 - BOARDGAMES - INCUBI - ZombieGamer80
The NEX Big Thing.

Offline Fabrizio1701

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.419
  • Name subject to change
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #16 il: 22 Gen 2018, 12:19 »
Questa è una bugia che alcuni si raccontano per giustificare la penuria di tripla A in questa gen, penuria che c'è per ben altri motivi legati ai costi assurdi delle produzioni odierne ed al mancato rientro di molte di esse.

Ma c'è ancora chi dice che ci siano pochi tripla A? Per me ne escono anche troppi...
Sto giocando a Fist of The North Star: Lost Paradise [PS4], Octopath Traveler [Switch]

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.610
    • http://www.gamers4um.it
    • E-mail
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #17 il: 22 Gen 2018, 14:11 »
Ce ne sono sicuramente meno rispetto a 10 anni fa circa.
videoGIOCATORE

Offline Luca B

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.201
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #18 il: 22 Gen 2018, 14:45 »
Ce ne sono sicuramente meno rispetto a 10 anni fa circa.
Concordo, il fatto che i costi di produzione (e marketing che si mangia una bella fettona del budget) siano saliti a dismisura li rende un investimento rischioso, tantopiù che i giochi da 70 € prevedono il loro bel season pass e le microtransazioni per rientrare nelle spese e per arginare la svalutazione in un mesetto o due che fisiologicamente avviene per la maggioranza dei titoli.

Tornando all'incipit iniziale, mai come ora mi pare di avere scelta, nel 2017 di titoli nuovi che non siano mere rivisitazioni alla FIFA/PES mi pare se ne siano visti non pochi, di indie interessanti a pacchi... e le remaster per me restano un'opzione, vuoi che non abbia giocato il titolo originale o che apporti delle migliorie fondamentali. Il punto è che sta a noi scegliere scientemente se farci spennare o meno, la scelta non mi pare proprio mancare
Anche un maiale può arrampicarsi su un albero quando viene adulato!

Offline Fabrizio1701

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.419
  • Name subject to change
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #19 il: 22 Gen 2018, 15:48 »
Ce ne sono sicuramente meno rispetto a 10 anni fa circa.

Boh non ho tempo per mettermi a fare i conti, ma hai visto quanta roba è uscita quest'anno (2017), anche produzioni grosse?
Sto giocando a Fist of The North Star: Lost Paradise [PS4], Octopath Traveler [Switch]

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.610
    • http://www.gamers4um.it
    • E-mail
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #20 il: 22 Gen 2018, 16:31 »
Beh mica ho detto che si sono azzerate le uscite! ;D

Ma ormai il mercato si è visibilmente spaccato in due, sono di fatto sparire le cosiddette produzioni medie (tranne rare eccezioni), tutto il resto sono megaprogetti AAA. E *non* sono tantissimi!

C'è una diapositiva di Ubi piuttosto eloquente al riguardo che evidenzia il crollo (numerico) di progetti dal 2010 ad oggi, purtroppo il sito è in manutenzione e non posso risalire alla fonte in questo momento. Se mi ricordo la aggiungo domani.

Pur vero è che nel 2010 c'erano ancora gli strascichi del fenomeno Wii/DS ma il calo è così consistente che non si può attribuire solo alla pressoché completa sparizione di quei prodotti dall'offerta del gigante francese.
videoGIOCATORE

Offline Fabrizio1701

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.419
  • Name subject to change
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #21 il: 22 Gen 2018, 17:30 »
Ma ormai il mercato si è visibilmente spaccato in due, sono di fatto sparire le cosiddette produzioni medie (tranne rare eccezioni), tutto il resto sono megaprogetti AAA. E *non* sono tantissimi!

Uhm secondo me sei fermo al 2013/2014, adesso i progetti medi ci sono e sono tanti, si chiamano ancora indie ma ci sono dietro molte persone ed investimenti (prendi Hellblade come esempio).
Sto giocando a Fist of The North Star: Lost Paradise [PS4], Octopath Traveler [Switch]

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.610
    • http://www.gamers4um.it
    • E-mail
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #22 il: 22 Gen 2018, 17:59 »
Sì per certi versi gli indie hanno un po' preso il posto della roba di media caratura, ma ritengo abbiano caratteristiche in molti aspetti differenti (in primis la distribuzione che è quasi sempre in digitale, con tutto ciò che ne consegue)
videoGIOCATORE

Offline Fabrizio1701

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.419
  • Name subject to change
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #23 il: 22 Gen 2018, 18:08 »
Ci stavo appunto pensando l'altro giorno, ultimamente sto trovando tanti giochi da Gamestop che credevo essere solo in DD, e secondo me rientrano nella categoria che dicevamo, giochi come The Invisible Hours, Redout, Portal Knights, Torment... insomma a me sta benissimo perchè così li prendo in offerta e una volta finiti li rivendo :D
Sto giocando a Fist of The North Star: Lost Paradise [PS4], Octopath Traveler [Switch]

Offline Bilbo Baggins

  • Reduce
  • ********
  • Post: 24.607
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #24 il: 23 Gen 2018, 11:50 »
Voi cosa ne pensate?

Che tutti ce l'hanno sempre coi remaster (personalmente li stigmatizzo solo se non c'è altro da giocare: se sono un plus alla softeca nessun problema) ma se guardiamo a tante altre cose, ad esempio le console, non è che le cose vadano poi meglio.

Tra Nintendo che con l'architettura del GC ci fa altre due console o Sony che restylizza PS3 non meno di 3 volte (e Microsoft non è da meno) il detto "massimo profitto col minimo sforzo" vale sempre e comunque.

Io penso che il fastidio derivi solo nel momento in cui rimanere indietro significa vedersi escluso qualcosa (esempio ipotetico: esce Xbox One S e chi ha la Xbox One non può giocare Halo 5). Ma se sono solo aggiunte lascio che sia. Effettivamente ci sono giochi che meritano di essere riproposti e recuperati.
Nintendo Fanboy™ since 1984
Xbox/PSN: BilboBaggins77 - Switch: 7158-7477-3205

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 7.610
    • http://www.gamers4um.it
    • E-mail
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #25 il: 24 Gen 2018, 15:19 »
Non sono riuscito a recuperare quelle informazioni sul sito Ubi :-\

Ho scovato questo articolo però, che bene o male conferma quanto si diceva prima in merito al calo del quantitativo di giochi rilasciati:

http://www.gamesindustry.biz/articles/2016-12-20-physical-releases-rising-with-over-300-games-launch-at-us-retail-in-2016

Immagino che in giro comunque si trovi altro materiale cercando un po'.
videoGIOCATORE

Online MaxxLegend

  • Reduce
  • ********
  • Post: 29.777
  • A New Adventure
    • MicroRece
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #26 il: 25 Gen 2018, 10:33 »
Ci stavo appunto pensando l'altro giorno, ultimamente sto trovando tanti giochi da Gamestop che credevo essere solo in DD, e secondo me rientrano nella categoria che dicevamo, giochi come The Invisible Hours, Redout, Portal Knights, Torment... insomma a me sta benissimo perchè così li prendo in offerta e una volta finiti li rivendo :D
Questo perché il publisher di Gamestop, ovvero Gametrust, ha capito che finanziare titoli da zero non conviene (De-Formers giustamente ha venduto poco) e quindi s'è messa a pubblicare titoli indie che fino a ieri erano disponibili solo in DD. Secondo me è una bella mossa.
PSN Trophies: 20-87% - XBL Gamerscore: 38.197 - BOARDGAMES - INCUBI - ZombieGamer80
The NEX Big Thing.

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.912
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #27 il: 04 Feb 2018, 01:39 »
Un pollo da spennare era la sensazione che provavo quando avevo il super nintendo.
120-150-180 mila lire a cartuccia. Tradotti in euro oggi sono comunque molti, se teniamo conto dell'inflazione i videogiochi non sono mai costati tanto, e non costeranno mai più così tanto.
Per fortuna quasi tutti i negozianti li noleggiavano per cifre molto basse (per i primi due giorni quello più caro chiedeva 5 mila lire, una pacchia)

Offline Mr.Pickman

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.158
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: Mi sento un pollo
« Risposta #28 il: 08 Ott 2018, 04:56 »
Non so voi, ma vedendo l'andamento del mercato videoludico, mi sento come un pollo da spennare.
Mi spiego meglio.
Sono alcuni anni che le software house continuano a riproporre i medesimi giochi rivisitati, su console nuove ect e tutti ad acquistare.

Voi cosa ne pensate?

Penso che la nostalgia fa più presa rispetto al passato.
Quando Konami ha annunciato "Castlevania: Requeim" ho subito letto

"Ottimo, farò uno streaming di sicuro"

Mentre io ho pensato di rigiocarlo semplicemente.
Se non si potesse stremmare, non interesserebbe a nessuno.

E loro lo sanno. Di sponda il gioco remastered (o affine) è solo una beatificante masturbazione collettiva.
GAMER MAY CRY: IL BLOG CHE HA PIU' FEED CHE ISCRITTI  - SPECIALE THE LAST OF US
http://gamermaycry.blogspot.com/2018/05/speciale-we-are-last-of-us-prima-parte.html