Autore Topic: SNESsentials  (Letto 94170 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mog_tom

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.064
  • Transumanesimo? E se provassimo con l'umanesimo?
Re: SNESsentials
« Risposta #525 il: 10 Giu 2020, 08:34 »
Sindrome pericolosissima, quella dello spinotto: colpisce dopo vent'anni passati a farsi le pippe sui cavi video.
www.fandonia.net | Ci hanno attribuito un profilo da debitori subprime. Solo che non siamo subprime ma creditori, così hanno incaricato i media di convincerci che lo siamo e che inoltre dobbiamo morire. E' un incantesimo che va assolutamente spezzato. (B.T.)

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.841
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: SNESsentials
« Risposta #526 il: 10 Giu 2020, 09:17 »
Fighter's History: Mizoguchi Kiki Ippatsu!!
(1995, Data East)



Disse molto male a Data East quando, come tutti, volle provare a tuffarsi nello stagno dei picchiaduro ad incontri, visto che rimediò una bella causa per plagio da parte di Capcom (chissà perché, poi, ad Osaka ignorarono tutti gli altri, e molto meno originali, cloni del suo Street Fighter...). Gran peccato perché, al netto delle inevitabili "ispirazioni", il primo Fighter's History era davvero un ottimo gioco. Convertito magistralmente sul SFC, per altro, dove riscosse un non sottovalutabile successo. Per questo, dopo un secondo episodio su Neo Geo, Data East ci riprovò sul 16bit Nintendo. Solo che, stavolta, ce la mise tutta per fare le cose in grande. Nonostante la sostituzione di cinque dei dieci combattenti originali, i nostri aggiunsero un sacco di cose gagliarde: una modalità storia lunga e affascinante con protagonista il bullo nipponico Mizoguchi, un fracco di modalità secondarie (Tag Team e Survival Mode, oltre ad un ottimo Training) e rifinirono e ripulirono alla grande il resto, pigiando l'acceleratore sulla demenzialità trasformando il serioso primo capitolo in una vera e propria parodia del genere, con, forse, il celato obiettivo di evitare altre grane legali.

Merita oggi?: l'impianto di gioco ed i fondamentali sono curatissimi ed esaltanti, rendendolo un picchiaduro semplice ma estremamente divertente ed equilibrato. La direzione artistica è fenomenale, con quell'ironia giappo declinata in maniera efficacissima ed un usco dei colori da applausi. Il fascino di tutta l'operazione lo rende poi un recupero praticamente obbligato. C'è persino Chelnov come boss finale, cosa si vuole di più?




Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.841
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: SNESsentials
« Risposta #527 il: 12 Giu 2020, 19:39 »
Flying Hero: Bugyuru no Daibouken
(1992, SOFEL)



SNES e sparatutto non sono mai stati un binomio vincente, a causa di un processore tutt'altro che fulmineo. Eppure ogni tanto saltava fuori qualche temerario del code to the metal che si metteva d'impegno per tirar fuori cose in apparenza impossibili. Come la piccola SOFEL che, senza troppo clamore, imbastì uno dei migliori esponenti del genere (nella declinazione a scorrimento verticale) sul 16bit Nintendo. Estetica teneramente kawaii, strutturazione delle ondate nemiche sempre ben studiata, boss creativi, controlli perfetti, qualche idea niente male (si può inclinare la linea di fuoco a destra e sinistra con i rispettivi dorsali per continuare a colpire i cattivi portandosi fuori dalla loro portata, ad esempio) ed una realizzazione tecnica portentosa, con velocità, fluidità e soprattutto numero di sprites su schermo impressionanti, esaltata da un uso spettacolare di Mode 7 e trasparenze.

Merita oggi? L'unico difetto è una difficoltà brutale (ma mai scorretta), per il resto si gioca che è un piacere, l'occhio è costantemente appagato e la sfida è incendiaria. Non un Parodius in minore (il piglio non è demenziale, ma semplicemente nippo-teneroso) ma, pur senza modalità per due giocatori, un divertentissimo, ai limiti del compulsivo, gioco "minore" (virgolette non a caso).





Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.841
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: SNESsentials
« Risposta #528 il: 13 Giu 2020, 16:26 »
Super Adventure Island
(1992, Hudson Soft)



Se il secondo capitolo (ne abbiamo parlato qui) è tipo il miglior epigono di Wonder Boy III di sempre, l'esordio a 16 bit del prode Higgins ritorna alle origini, alla purezza Arcade del primissimo Wonderboy. Livelli mozzafiato da domare grazie ad una combinazione indistruttibile fra memoria d'acciaio (perché il trial&error è il sale delle due serie) e riflessi felini, ritmo indiavolato, tonnellate di frutta appetitosa da ingurgitare in modo da non far calare la barra di energia (che quindi funziona come una sorta di limite di tempo indiretto) e diversi segreti ben nascosti da scovare. Il tutto accompagnato dalla solita, irresistibile, esplosione di colori nippo-tropicale. Rispetto a Wonderboy ci sono diverse evoluzioni, come livelli da scalare in verticale, sezioni subacque da percorrere a nuoto, boss molto più vari, creativi e complessi e un super salto da padroneggiare al meglio (oltre che due tipi di armi diverse e pure potenziabili).

Merita oggi?: la semplicità non banale dell'impianto e la perfezione formale della formula lo rendono invecchiato zero, la qualità del level design è sopraffina, la brillantezza delle trovate indiscutibile, l'armonia quasi musicale della progressione è degna del capostipite, la lisergica scelta dei colori è clamorosamente abbinata alla MAGNIFICA colonna sonora Dance e Dub di Yuzo Koshiro. Un piccolo capolavoro, totalmente diverso dal fenomenale secondo episodio ma non per questo meno significativo.




Offline mog_tom

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.064
  • Transumanesimo? E se provassimo con l'umanesimo?
Re: SNESsentials
« Risposta #529 il: 13 Giu 2020, 18:43 »
Sì, già che c'era Yuzo ha pensato di mostrare al mondo come si fanno dei campionamenti puliti su SPC700. Poca roba suona su SNES con tale nitidezza.
www.fandonia.net | Ci hanno attribuito un profilo da debitori subprime. Solo che non siamo subprime ma creditori, così hanno incaricato i media di convincerci che lo siamo e che inoltre dobbiamo morire. E' un incantesimo che va assolutamente spezzato. (B.T.)

Offline mog_tom

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.064
  • Transumanesimo? E se provassimo con l'umanesimo?
Re: SNESsentials
« Risposta #530 il: 20 Giu 2020, 20:17 »
manca una cinquantina d'illustrazioni (gli screenshot sono per i matusa), rifinire un paio di recensioni bonus, slinguata stilistica, e poi ci siamo.
www.fandonia.net | Ci hanno attribuito un profilo da debitori subprime. Solo che non siamo subprime ma creditori, così hanno incaricato i media di convincerci che lo siamo e che inoltre dobbiamo morire. E' un incantesimo che va assolutamente spezzato. (B.T.)