bypass shell download

Autore Topic: SNESsentials  (Letto 21411 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #150 il: 28 Gen 2018, 10:56 »
King Arthur's World (1993, Argonaut/Jaleco, Strategia)



Non va confuso con King Arthur and the Knights of Justice, che è un bizzarro Action RPG; qui si parte dalle premesse di Lemmings per giungere nei territori allora inesplorati della strategia in tempo reale.

Re Arturo a proprie spese,
col brìtano e 'l gallese,
girava l'Angleterra in sue leggendarie imprese.
Co' fidi suoi scudieri,
metteva a fuoco imperi,
recando seco fanti, maghi, arcieri ed ingegneri.
La vista era di lato,
e il Re, così inquadrato,
avea da valicar più d'un castello e d'un fossato.
Le truppe sue diverse,
dirette oppure perse,
poteva amministrar con un cursore dedicato.
Mirabile passione,
pena retrocessione,
sfruttar l'armata giusta per ciascuna situazione:
il Re poteva all'uopo,
di SNES usare il topo,
attrezzo che lo dota di migliore precisione.
Invero il ritmo è blando,
dell'arte del comando,
adatto al generale che cammini domandando.
Non siamo nell'arcàde,
non v'è 'l tempo che scade,
più tosto v'è periglio di trovarsi pisolando.



Mèrta oggidì? Dipende.
Se il genere vi prende,
il Mondo di Re Arturo certo non vi disattende.
La ridda di missioni
ha molte variazioni,
pensate per costringervi allo studio dei plotoni.
« Ultima modifica: 29 Gen 2018, 16:34 da mog_tom »
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>

Offline RBT

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.084
    • E-mail
Re: SNESsentials
« Risposta #151 il: 28 Gen 2018, 11:32 »
Bravo mog!
PS4: RBT_ps  -->add me!
]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]]||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::................................................. .................

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #152 il: 29 Gen 2018, 16:26 »
Grazie.
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #153 il: 04 Feb 2018, 09:11 »
Eien no Firēna (Eternal Filena) (1995, Tokuma Shoten, GDR)



Andrea ha trentacinque anni, una fiorente attività di tabaccaio, due bei figli e una moglie adorata. Gode del rispetto di tutto il suo vicinato, ma non potrebbe, se si venisse a sapere il suo orrendo segreto. Un segreto che lo lascerebbe marcire negli abissi del disprezzo e della solitudine: quando nessuno lo vede, a notte fonda, Andrea gioca ai JRPG per la storia.

Tratto da una fortunata serie di romanzi, ch'ebbe ad ispirare anche un trascurabile OAV, Eternal Filena racconta di una fanciulla cresciuta come gladiatore, e sottolineo gladiatore maschio, che si rivolta contro il solito impero del male.

Lo stratagemma del travestimento si deve al destino che l'impero riserva alle ragazze della casta di Filena: la prostituzione. E sarà proprio la schiava affidata a Filena a divenire sua fedele compagna nel corso del gioco.

Ludicamente siamo dalle parti di un Final Fantasy Mystic Quest sotto steroidi, con tanto di barra dell'Active Time Battle e la possibilità di equipaggiare sino a tre armi per volta, che permettono l'utilizzo di varie tecniche speciali.



Merita oggi? Non lo si gioca per la grafica o per le musiche, bensì in virtù di una trama ancora oggi piuttosto originale. Che poi è anche l'unica vera ragion d'essere di questo ennesimo adattamento.
« Ultima modifica: 05 Feb 2018, 16:31 da mog_tom »
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #154 il: 10 Feb 2018, 23:35 »
NBA Jam Tournament Edition (1995, Midway/Acclaim, Sportivo)



Ogni partita una prima serata, ogni giocatore un campione, ogni rimbalzo un rallenty, ogni schiacciata una gioia per gli occhi.

NBA Jam fu il sogno bagnato del basket professionistico americano. Bagnato dai miliardi piovutigli addosso più un quarto di secolo fa, investimenti che lo resero popolare anche oltreoceano. Ancora oggi NBA Jam - e quella stagione di pallacanestro - rimandano lontane eco.

Nato come rivisitazione del precedente Arch Rivals, questo gioco vi chiede d'immaginare una partita di basket togliendo il 60% dei giocatori, il 75% della durata e, in buona sintesi, il 100% dell'arbitro.

Ah, e di Michael Jordan.

Fra le poche regole rimaste, le più importanti sono il divieto di tenere palla troppo a lungo e l'interferenza di cesto. Il parapiglia che ne consegue non è privo di aspetti simulativi: ogni giocatore delle ventotto squadre presenti ha le sue statistiche e, se finisce a terra troppo spesso, la sua performance ne soffrirà.

L'anima di NBA Jam risiede nel suo ritmo calibrato alla perfezione, un costante andirivieni fra le due metà campo, spezzato da rimbalzi, stoppate e interventi fallosi. Dal pulsante del turbo ai giocatori che diventano "on fire" dopo tre canestri consecutivi, tutto è pensato per togliere adipe all'economia della partita e rimpiazzarlo con adrenalina.

La noia è cordialmente invitata a restare alla porta durante ogni sessione di gioco, e ciò che resta, soprattutto la miriade di schiacciate e personaggi segreti, è pura mitologia da sala giochi.



Merita oggi? La versione TE aggiunge un po' di cosette, tra cui i salvataggi dei punteggi e un terzo giocatore per le sostituzioni durante le partite. Potreste in ogni caso preferire l'originale, che vi fa rompere il tabellone del canestro.

 
« Ultima modifica: 12 Feb 2018, 16:39 da mog_tom »
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>

Offline Level MD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.165
  • May the Dark shine your way
    • MegaTen Italia
Re: SNESsentials
« Risposta #155 il: 11 Feb 2018, 00:55 »
Andrea ha trentacinque anni, una fiorente attività di tabaccaio, due bei figli e una moglie adorata. Gode del rispetto di tutto il suo vicinato, ma non potrebbe, se si venisse a sapere il suo orrendo segreto. Un segreto che lo lascerebbe marcire negli abissi del disprezzo e della solitudine: quando nessuno lo vede, a notte fonda, Andrea gioca ai JRPG per la storia.
:D

Ho finito giusto ieri Tengai Makyou Zero ( 1995, Hudson Soft, JRPG )



L'hanno tradotto di recente, è rimasto per anni inaccessibile per i problemi ad emulare il chip di compressione usato e l'orologio interno, superati poi da byuu, l'autore dell'emulatore higan, che deve il nome proprio al protagonista di questo gioco. In pratica la cassetta originale ha incorporata una vera e propria sveglia, che utilizza per gestire prevalentemente eventi secondari all'interno del gioco.

Si tratta di un rpg giapponese dal budget che appare superiore alla media, graficamente è uno dei migliori dell'epoca. Di contro, certe animazioni sono un po' lunghe, per cui il battle system va rallentando man mano che il party si espande ed aumentano i nemici. Il secondo problema è l'encounter rate eccessivo, che scoraggerebbe chi guarda ormai il genere con distacco e che si risolve solo nell'ultimo terzo di gioco, con accessori appositi.
L'ho apprezzato più per struttura, interazione con gli NPC ed alcune idee originali, che non per storia e battle system. Le musiche sono piuttosto buone.

La ritengo comunque una produzione complessivamente di seconda fascia, ma al contempo non impegnativa ed apprezzabile.
« Ultima modifica: 11 Feb 2018, 01:02 da Level MD »

Offline RXZero

  • Iniziato
  • Post: 79
    • E-mail
Re: SNESsentials
« Risposta #156 il: 11 Feb 2018, 01:45 »
Andrea ha trentacinque anni, una fiorente attività di tabaccaio, due bei figli e una moglie adorata. Gode del rispetto di tutto il suo vicinato, ma non potrebbe, se si venisse a sapere il suo orrendo segreto. Un segreto che lo lascerebbe marcire negli abissi del disprezzo e della solitudine: quando nessuno lo vede, a notte fonda, Andrea gioca ai JRPG per la storia.
:D

Ho finito giusto ieri Tengai Makyou Zero ( 1995, Hudson Soft, JRPG )



L'hanno tradotto di recente, è rimasto per anni inaccessibile per i problemi ad emulare il chip di compressione usato e l'orologio interno, superati poi da byuu, l'autore dell'emulatore higan, che deve il nome proprio al protagonista di questo gioco. In pratica la cassetta originale ha incorporata una vera e propria sveglia, che utilizza per gestire prevalentemente eventi secondari all'interno del gioco.

Si tratta di un rpg giapponese dal budget che appare superiore alla media, graficamente è uno dei migliori dell'epoca. Di contro, certe animazioni sono un po' lunghe, per cui il battle system va rallentando man mano che il party si espande ed aumentano i nemici. Il secondo problema è l'encounter rate eccessivo, che scoraggerebbe chi guarda ormai il genere con distacco e che si risolve solo nell'ultimo terzo di gioco, con accessori appositi.
L'ho apprezzato più per struttura, interazione con gli NPC ed alcune idee originali, che non per storia e battle system. Le musiche sono piuttosto buone.

La ritengo comunque una produzione complessivamente di seconda fascia, ma al contempo non impegnativa ed apprezzabile.

Far East to Eden è una di quelle serie che più mi incuriosisce, peccato che Zero a parte gli altri capitoli non siano stati tradotti nemmeno amatorialmente a parte forse quello GBA.
Di tutti quelli only Jap il capitolo più intrigante penso sia The Apocalypse per Saturn anche solo per il setting inusuale (America di fine '800) :o !

Offline Level MD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.165
  • May the Dark shine your way
    • MegaTen Italia
Re: SNESsentials
« Risposta #157 il: 11 Feb 2018, 02:19 »
Di tutti quelli only Jap il capitolo più intrigante penso sia The Apocalypse per Saturn anche solo per il setting inusuale (America di fine '800) :o !
Quello GBA (Oriental Blue) da quel che avevo letto è più affine ai SaGa, per via della progressione non lineare.

Chissà se ne vedremo mai tradotti altri. è comunque positivo il fatto che ne esistano porting su PSP, sia di quello che hai citato tu che di quelli PC-Engine/Turbografx.
« Ultima modifica: 11 Feb 2018, 02:22 da Level MD »

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #158 il: 11 Feb 2018, 09:06 »
Oriental Blue non è un brutto gioco, ma ha troppi combattimenti e le musiche (nonostante le abbia scritte il tizio di Pokemon Trading Card Game) sono solo discrete.
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>

Offline Mr.Pickman

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.782
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: SNESsentials
« Risposta #159 il: 13 Feb 2018, 18:29 »
The thread spettacoloso  :o :-*
GAMER MAY CRY: IL BLOG CHE HA PIU' FEED CHE ISCRITTI  - SPECIALE NINJA! DA SHINOBI A MICHEAL DUDIKOFF http://gamermaycry.blogspot.it/2017/09/speciali-shinobi-lunico-vero-ninja.html

Offline mog_tom

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.643
Re: SNESsentials
« Risposta #160 il: 18 Feb 2018, 09:50 »
Brain Lord (1994, Produce/Opus/Enix, GDR)



- Buonasera.
- Buonasera, desidera?
- Dell'equipaggiamento...
- E che mi viene in orario di chiusura?
- Io... domattina parto a cercare mio padre.
- Ah, se è per il babbo... ma l'avverto, non c'è rimasto molto. Sa quanti giovanotti come lei mi passano in bottega e poi vanno a cercar guai?
- Armi ne ha?
- Vediamo subito. Ecco una bella spadotta per il signorino, che è pratica e non può mai mancare. Poi c'è l'ascia, che io alla sua età già all'alba ci portavo i tronchi in paese. Arco e frecce, guardi che fattura, alle brutte ci rimedia una beccaccia. La mazza chiodata è roba un po' demodé, ci vuol destrezza ma le fattrici ne van matte. E poi mi è rimasto un bumerano, quelle diavolerie lì che tornano indietro.
- Prendo tutto. Incantesimi, per caso?
- Eh caro, quelli vanno via che è una bellezza! Ci ho solo un po' di fatine.
- Le fatine...
- Ma guardi che belle, lei gli dà la via e ZAC, fan tutto loro. Sembra roba un po' da busoni, senza offesa, ma le accendon la brace e le scaccian via le contusioni in un biz. E poi stan bene in tasca.
- Vada per le fatine...
- Mi tolga una curiosità, giovane, ma lei salta?
- Certo, anche in diagonale.
- Ma bravo! E le scatole, le sposta?
- Le scatole?
- Eh sì le scatole! Le scatole e le uedre! Questi mi partono per il mondo, a metter ordine e scacciare il male, e non sanno che c'è sempre una scatola o un massi da rimettere a posto da qualche parte... dia retta a me, ora lei mi va a casina, mi sposta un paio d'ore di scatole per allenarsi e poi dritto a nanna!
- Va bene... quanto devo?
- Guardi, prenda la roba, saldiamo un'altra volta ché ho già chiuso cassa, e poi lei mi fa simpatia. Ha la faccia di quello che é giovane e gli toccan tutte le scatole degli altri. Vada vada.
- Arrivederci...



Merita oggi? Dagli autori di The 7th Saga (e dal compositore di Cybernator) ci giunge un altro gioco sfigato, stavolta un Action RPG pieno di enigmi e dungeon crawling, per solutori più che abili. È il Vagrant Story del Super Nintendo, ma non altrettanto stupidamente astruso. Vale la pena solo se siete dei patiti del genere.
« Ultima modifica: 19 Feb 2018, 16:28 da mog_tom »
www.fandonia.net | <<Lo dice il manuale di Gandolfo: l'euro favorisce una “illusione della politica economica” che permette ai governi di perseguire obiettivi politicamente improponibili, cavandosela inventando istanze sopraordinate (Ce lo Chiede l'Europa)>>