Autore Topic: [Film] Le Crociate  (Letto 3646 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sator

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.199
[Film] Le Crociate
« Risposta #15 il: 11 Mag 2005, 09:06 »
Citazione da: "ghigo85"

Inoltre le battaglie sembrano il clone di tutti gli altri film usciti in questo periodo, a partire da Troy per arrivare ai vari LOTR... Insomma, sempre milioni di persone che danno vita a battaglie quasi sempre uguali (con alcune cose abb assurde, tipo catapulte che sparano alle mura con traiettorie orizzontali prive di qualsiasi parabola, modello lanciarazzi). Comunque a chi piace...


Ma sai, per gli assedi non è che puoi avere tanta varietà di azione. Infatti spero che i prossimi film "storici" si rendano conto che l'argomento è attualmente esaurito e si buttino sulle battaglie campali.


Citazione

Trovata abbastanza carina il re, che creava atmosfera, sino a quando muore... PEr favore, levargli la maschera è il classico colpo basso che fa sussultare le ragazzine e i ragazzini... Molto più stile sarebbe stato averla lasciata, o evitare comunque di mostrare un effetto che sembrava più il riutilizzo delle frattaglie che si vede erano rimaste in casa Scott dal precedente personaggio (con grande carisma) di Mason Verger da Hannibal (sebbene la qualità e la fattura dei lineamenti di Verger erano di gran lunga più belli e disturbanti di quelli del nostro caro re)...E da Hannibal prende anche un brano musicale, riproponendolo...


Quoto il fatto che la maschera andava lasciata su. Sul carisma di Mason Verger sorvolerei.


Citazione

La maschera inoltre ha ricordato a più persone (comprese quelle sedute accanto a me) l'elmo del gladiatore avverso a Crowe, aggiungendo un altro deja vu ai molti presenti nel film...


Boh, non c'entrava veramente niente con l'elmo di Russel, sia per fattezze che per il motivo di utilizzo.

Offline Sator

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.199
[Film] Le Crociate
« Risposta #16 il: 11 Mag 2005, 09:16 »
Citazione da: "Duffman"

Ma perchè ogni singolo film deve durare (senza che ce ne sia alcun bisogno) 2h 30' e più? Qualche sceneggiatore con il cazzo del dono della sintesi c’è rimasto a Hollywood? Montatori? Niente? Una volta se si andava oltre x si tagliava. Adesso se vai sotto X si allunga.


Secondo me in storie come queste, con un protagonista di cui seguiamo la crescita, ambientate in un periodo storico che necessita di essere descritto a fondo e con diversi comprimari da seguire, le canoniche due ore non bastano, a meno di non fare le corse. E se fai le corse allora non hai occasione di approfondire e ti becchi del superficiale. Le crociate raggiunge un buon compromesso, perche' in fondo non dura mica tre ore. Del resto non apre nemmeno queste gran sottotrame, quindi mi sembra una durata adeguata. Infatti non ci individuo scene che potevano essere tagliate senza fare danni alla storia.

Fermo restando che se un film mi piace, sono contento se dura tanto.

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.602
    • Players
[Film] Le Crociate
« Risposta #17 il: 11 Mag 2005, 09:26 »
Citazione da: "Sator"
Citazione da: "Duffman"

Ma perchè ogni singolo film deve durare (senza che ce ne sia alcun bisogno) 2h 30' e più? Qualche sceneggiatore con il cazzo del dono della sintesi c’è rimasto a Hollywood? Montatori? Niente? Una volta se si andava oltre x si tagliava. Adesso se vai sotto X si allunga.


Secondo me ....



Il problema è che in questo film non allunga dove dovrebbe allungare (il percorso formativo del protagonista) e non taglia dove dovrebbe tagliare (tutte le parti con la Green, inutile ai fini narrativi e inguardabile sul fronte recitativo, buona parte delle fasi centrali). Probabilmente Scott si è reso conto che mantenendo gli equilibri, sarebbe saltato fuori un film più efficace ma molto, troppo più lento. Inoltre c'è da considerare che Le Crociate sono afflitte da quella che sta diventando una stortura del mercato cinematografico, ovvero il pensare un film in funzione del dvd che lo supporterà e non in funzione della proiezione in sala.

Offline Sator

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.199
[Film] Le Crociate
« Risposta #18 il: 11 Mag 2005, 09:47 »
Citazione da: "fulgenzio"

Il problema è che in questo film non allunga dove dovrebbe allungare (il percorso formativo del protagonista) e non taglia dove dovrebbe tagliare (tutte le parti con la Green, inutile ai fini narrativi e inguardabile sul fronte recitativo, buona parte delle fasi centrali).


Un simile giudizio sulla recitazione della Green mi sembra parecchio esagerato. Il percorso formativo del protagonista, sì, è un po' troppo accelerato.


Citazione

Probabilmente Scott si è reso conto che mantenendo gli equilibri, sarebbe saltato fuori un film più efficace ma molto, troppo più lento. Inoltre c'è da considerare che Le Crociate sono afflitte da quella che sta diventando una stortura del mercato cinematografico, ovvero il pensare un film in funzione del dvd che lo supporterà e non in funzione della proiezione in sala.


L'una deve per forza escludere l'altra?

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.602
    • Players
[Film] Le Crociate
« Risposta #19 il: 11 Mag 2005, 09:59 »
Citazione da: "Sator"

L'una deve per forza escludere l'altra?


No, però, essendo io molto all'antica, penso ancora che il luogo principe, deputato alla visione di un film, sia il cinema (possibilmente tecnicamente all'avanguardia) e non il salotto di casa. Personalmente trovo abbastanza grottesco che per gustarmi la "visione" globale che un regista ha della sua opera, debba aspettare l'uscita del dvd. Mi si dirà che dietro ci sono ovvie ragioni commerciali, e su questo sono d'accordo, tuttavia, la produzione di un film si basa anche e soprattutto sulla pianificazione, un attento lavoro in fase di montaggio (elemento fondamentale e troppo spesso trascurato), scelte precise e, a volte, dolorose dell'autore che si prende sulle proprie spalle la responsabilità di dire "io l'ho fatto così", senza aspettare che la memoria del supporto ottico gli permetta di allungare il brodo. Il dvd dovrebbe essere un'opportunità per il regista e non una facile scappatoia da percorrere.

Offline Sator

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.199
[Film] Le Crociate
« Risposta #20 il: 11 Mag 2005, 10:41 »
Citazione da: "fulgenzio"

No, però, essendo io molto all'antica, penso ancora che il luogo principe, deputato alla visione di un film, sia il cinema (possibilmente tecnicamente all'avanguardia) e non il salotto di casa. Personalmente trovo abbastanza grottesco che per gustarmi la "visione" globale che un regista ha della sua opera, debba aspettare l'uscita del dvd.


E chi dice la visione globale di un regista sia proprio quella del dvd? Non sempre a minuti in piu' corrisponde qualità in più. Peter Jackson ad esempio ha sempre dichiarato che per lui la versione ufficiale della sua trilogia è quella uscita al cinema, mentre i dvd estesi sono un mero fan service. Noto invece che sta passando il pensiero che oramai si realizzano montaggi raffazzonati per il cinema per poi puntare sul vero mercato, quello del dvd. Se fosse vero, questo sarebbe un comportamente molto stupido, no?


Citazione

Mi si dirà che dietro ci sono ovvie ragioni commerciali, e su questo sono d'accordo, tuttavia, la produzione di un film si basa anche e soprattutto sulla pianificazione, un attento lavoro in fase di montaggio (elemento fondamentale e troppo spesso trascurato), scelte precise e, a volte, dolorose dell'autore che si prende sulle proprie spalle la responsabilità di dire "io l'ho fatto così", senza aspettare che la memoria del supporto ottico gli permetta di allungare il brodo. Il dvd dovrebbe essere un'opportunità per il regista e non una facile scappatoia da percorrere.


Insomma: il dvd è un'opportunità o una scappatoia? Se il film in sala fosse bello e in dvd lo fosse ancora di più sarebbe davvero una tragedia?


(A proposito di montaggio come elemento fondamentale e troppo spesso trascurato: sai chi è uno che si è talmente innamorato delle scene da lui dirette da non volerle tagliar via al punto da dividere il suo film in due parti delle quali soprattuto la seconda è densa di scene assolutamente futili?)

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.602
    • Players
[Film] Le Crociate
« Risposta #21 il: 11 Mag 2005, 11:04 »
beh direi che siamo perfettamente allineati.  :wink:
Quanto al dvd, è sicuramente una opportunità che però, finora, non è stata sfruttata quasi da nessuno (tranne alcune eccezioni, la maggior parte degli extra contenuti nei dvd è di una banalità sconcertante). Quanto a Tarantino, posto che è sempre l'eccezione che conferma la regola, c'è anche da considerare che lo sdoppiamento di Kill Bill aveva le sue ragioni sia sotto un punto di vista strutturale (alla fine del primo episodio si arriva mentalmente e piacevolmente estenuati, ergo una pausa è necessaria) che commerciale (doppio film /doppi incassi/doppio dvd/probabili mille edizioni speciali diverse, cosa assolutamente necessaria dopo il flop al botteghino di Jackie Brown)

Offline eugenio

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.515
[Film] Le Crociate
« Risposta #22 il: 11 Mag 2005, 12:56 »
Citazione da: "[c
ego"] nasce il dubbio che intere scene siano state sacrificate per non sforare con i tempi. (...) Qualcosa dev’essere andato terribilmente storto in fase di montaggio. C’è la speranza che un’ eventuale versione più estesa sveli l’arcano


In un'intervista a Ciak Mr. Scott dichiara di aver progettato il film con una durata di quattro ore. La versione uncut verrà proposta in DVD.

Offline ghigo85

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.702
[Film] Le Crociate
« Risposta #23 il: 11 Mag 2005, 13:50 »
Citazione da: "Sator"

Ma sai, per gli assedi non è che puoi avere tanta varietà di azione. Infatti spero che i prossimi film "storici" si rendano conto che l'argomento è attualmente esaurito e si buttino sulle battaglie campali.


Sono d'accordo, attualmente l'argomento di battaglie epocali girate in questo modo è sfruttato all'inverosimile...

Effettivamente penso che la superiorità del gladiatore è da ricercare anche in questo fragente.. Intanto era uscito in un periodo non troppo inflazionato da pellicole pseudo-storiche, e presentava una unica ricostruzione epica di battaglia in incipit... Era inoltre molto suggestiva perchè più che sulla quantità puntava sulla dinamica, sui protagonisti...
Non voleva farti fare " :shock: " in base al numero di forze in campo, ma in base alla ricostruzione e alla dinamica dello scontro...

Presentava quindi un incipit con scene abb suggestive anche artisticamente (molto bello ricordo il pettirosso che si stagliava su una pellicola livida, blu, paesaggio poi goffamente ripreso nella Francia di Kingdom of Heaven che mantiene la stessa tonalità e lo stesso nevischio, ma priva della rigidità germanica) che poi lasciava spazio a battaglie più contenute come numero dei contendenti ma molto meglio girate e rappresentate...

Qui invece, come dice bene Fulgenzio, inizia lento, ti frastorna con chili di dialoghi verbosi e vacui, poi ti presenta scene di battaglie che potrebbero venire direttamente da qualsiasi altro film del genere...

Forse è stato strutturato male, con delle cadute di stile tipiche di Scott (come la scena del cervello di Hannibal che sembra riproporsi stilisticamente con la maschera del re tolta) che però sembrano rovinare più di altre volte il film, facendo dimenticare forse quello che c'è di buono, o almeno secondo il mio caso personale...

Forse se Scott non avesse già fatto il Gladiatore (che mi era piaciuto molto) non si avrebbe una sorta di paragone (anche se non giustissimo) e il film sarebbe sembrato più "standard", ovvero una tra le mille pellicole di un filone che sembra finalmente andare in discesa...
Ghigo live -
http://www.youtube.com/watch?v=mhVvEtpwf88

Ghigo on Myspace - www.myspace.com/guidoponzini

http://guidoponzini.wordpress.com/
[br/[WII:8697 - 0234 - 4105 - 5538 (Ghigo)^^^ Aggiungetemi

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 41.154
  • Gnam!
    • E-mail
Re: [Film] Le Crociate
« Risposta #24 il: 26 Ott 2018, 01:00 »
Visto in due sere in versione director's cut o quello che é.
L'ho trovato bellino, un po' datato in diverse cose e come fotografia spesso ma in questa versione direi che funziona quando non é troppo farlocco

Leggevo i commenti sopra di fulgenzio, sator etc.. (di 13 anni fa!) ed effettivamente la versione blu ray sistema un po' di quelli che dovevano essere stati dei limiti della versione da sala.. in particolare la Green acquista suppongo senso con tutta la trama del figlio visto che senza probabilmente non aveva di senso.


Ed in effetti ne dura tre di ore