Autore Topic: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva  (Letto 4789 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Nookie

  • Navigato
  • **
  • Post: 619
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #90 il: 07 Set 2017, 09:49 »
Non comprate l'alfawise h96
è la merda :)
rispedito a gearbest, senza neanche pensarci.
Lento inquartato e android normale è inutilizzabile con telecomando.

stavo pensando ad un intel compute stick

Offline pedro

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.212
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #91 il: 05 Ott 2017, 11:03 »
Crossoposto dal thread dei retrogiochi, così continuiamo qui nel caso:

Citazione
Esiste anche una scheda RGB da montare su Raspberry. Non proprio a buon mercato, ma c'è: http://www.rgb-pi.com/
Un video in funzione: https://youtu.be/FHPMSAgRj5k
Grazie! Non ho capito come si compra/quanto costa però.

Intanto qualche bel case per il Pi: qui e qui, nel caso non fossero già stati segnalati.
Non so se spediscono qui però (ci sono anche su Amazon US ma non spedisce l'item in Italia).
«Allora dev'essere molto pericoloso essere un uomo.» «Lo è, signora. E solamente pochi ce la fanno. È un mestiere difficile, e al fondo c'è la tomba.»

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #92 il: 05 Ott 2017, 14:40 »
Grazie! Non ho capito come si compra/quanto costa però.
Non l'ho capito neppure io, in effetti glielo chiedono anche nei commenti... ^_^'
Avevo letto il prezzo in un gruppo di retrogaming, possibile che sia un aggeggio molto simile di un altro produttore.
Raspberry ha già un'uscita integrata, ma in composito.

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #93 il: 05 Ott 2017, 17:58 »
Raspberry pi e uscita SCART-RGB ?

Gioie e dolori!!!

Possiedo questo:
http://arcadeforge.net/Pi2Jamma-Pi2SCART/PI2SCART::264.html

Il montaggio su raspberry pi è elementare.
La configurazione software invece è solo apparentemente semplice.

Infatti ritengo retropie (cioè la distro linux preconfigurata) molto "rigida".
Il più delle volte ho dovuto utilizzare SSH per configurare cose come:
- controller bluetooth (joypad PS3 o 8bitdo)
- "core" degli emulatori

Sicuramente chi si aspetta un'alternativa facile come NES o SNES mini rimarrà molto deluso.
Certo, l'impatto visivo è spettacolare su CRT.
(devo ancora provare a collegare raspberry pi + adattatore scart al Framemeister)

Inoltre passare da Super Castlevania IV (SNES) a Dracula X Rondo of Blood (PCEngineCD) per arrivare a Symphony of the Night (PSone) sulla stessa macchina da una certa soddisfazione!

Se si ha voglia di investire del tempo, secondo me una soluzione più valida ed economicamente quasi equivalente può essere:
- comprare un pc desktop usato completo anche di 7, 8 anni fà (core2duo, 2/4 gb DDR2 di RAM per esempio) venduti anche a meno di 70 €, licenza Windows inclusa come ex leasing
- procurarsi una scheda video RADEON HDxxxx a pochi euro
- costruirsi un caso VGA-SCART (http://digilander.libero.it/venturi1975/index.html#A51)
- usare soft15khz con windows 7 o XP + GroovyMAME (oppure GroovyArcade, cioè una distro linux con emulatori e frontend già pronta all'uso).

In questo modo si può arrivare anche all'emulazione di schede NAOMI (= Dreamcast) è console/computer meno mainstream (3DO, Jaguar, SHARP X68000...)

Nota finale:
è incredibile vedere come tante persone abbiamo condiviso gli sforzi per far si che l'emulazione delle vecchie console o schede sia il più fedele possibile.
Oltre agli emulatori esistono un florido sottobosco di frontend, utility e software per calcoli di aspetti semi-sconosciuti come le modelines.
Se con PC. PS4 e Xbox One si punta al 4K.....l'obiettivo del retrogamer professionista è il 240p !!!
mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #94 il: 05 Ott 2017, 18:03 »
Ecco qual era l'altro "coso", Pi2SCART!

La configurazione software invece è solo apparentemente semplice.
Credo sia per questo che RGB-Pi viene fornito con un OS dedicato e già ottimizzato.
Immagino che le problematiche di joypad e core rimangano, su PC filano talmente lisce...

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #95 il: 05 Ott 2017, 18:54 »
In realtà le versioni di retropie distribuite con gli adattatori scart sono assolutamente identiche alla versione "liscia".
Le sole modifiche riguardano l'output video forzato a 15khz.
Anzi, è possibile effettuare queste modifiche anche manualmente partendo dalla versione "liscia".

La creazione di un'arcade machine con PC Windows e hardware giusto (leggi scheda video RADEON), non è difficile.
Joystick e controller in particolare, sono quasi sempre riconosciuti al volo o configurabili tramite interfaccia grafica.

Con linux è tutto sicuramente più ostico e pionieristico per questo per molti è la cosa divertente.
Per chi fosse interessato, i metodi per otterene un output video a 15khz sono diversi.
Cito i più diffusi :Xorg.conf e xrandr
Ovviamente il 90% del lavoro è via shell.

Credo che sia possibile imparare più sul mondo linux tentando di crearsi un arcade/emulatore pc con uscita video a 15 khz piuttosto che usare Ubuntu da utente normale per 6 mesi!


mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.347
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #96 il: 05 Ott 2017, 21:43 »
Grazie dell'ottimo contributo M1900 :)

Una domanda da ingnorantone: un output a 15khz ovviamente presuppone un monitor CRT, non è visualizzabile sul comune monitor per PC, giusto?

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #97 il: 05 Ott 2017, 21:50 »
No, i monitor PC partono solitamente da 31 kHz.

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #98 il: 05 Ott 2017, 22:17 »


Grazie dell'ottimo contributo M1900 :)

Una domanda da ingnorantone: un output a 15khz ovviamente presuppone un monitor CRT, non è visualizzabile sul comune monitor per PC, giusto?

Esatto.

Forzare la scheda video PC a lavorare a 15khz serve per poter utilizzare TV CRT, monitor professionali come i Sony PVM o i monitor commodore dell'epoca Amiga.

... oppure i monitor dei cab da bar!

Tutti questi monitor accettano il segnare RGB.
Questo è veicolato a seconda dei casi, tramite:
- connettore SCART
- connettori BNC
- connettori specifici (DB9)
- cablaggi custom verso connettore jamma

Chiaramente nel caso si utilizzi una TV CRT bisogna accertarsi che l'ingresso scart accetti il segnale RGB.
La SCART infatti è solo un connettore: non è automatico che il segnale sia RGB !
(I più vecchi di noi si ricorderanno i dibattiti per ottenere la massima resa visiva nell'epoca per HD)

I monitor CRT per PC lavorano a 31khz quindi non sono adatti al retrogaming in quanto non sono in grado di raggiungere i 240p.

SNES, Megadrive, Psone, Saturn cps2, neo geo, CPS1/2/3 etc erano pensati per lavorare a 240p.
Per questa ragione un PC con scheda Radeon e gli opportuni software (Windows o linux) può essere trasformato in una macchina arcade eccezionale.
La presenza di adattatori o di riedizioni dei controller classici inoltre rende l'emulazione un'esperienza non così troppo distante dall'hardware originale.

Esistono infine monitor CRT per PC multifrequenza (15/25/31 kHz) prodotti dalla NEC ma sono rarissimi e ormai molto costosi.










Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk

mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #99 il: 05 Ott 2017, 22:49 »
I monitor CRT per PC lavorano a 31khz quindi non sono adatti al retrogaming in quanto non sono in grado di raggiungere i 240p.

È un discorso valido esclusivamente per l'emulazione e sfruttando un monitor CRT come monitor secondario (altrimenti Windows diventa ingestibile), ma io impostavo il mio monitor CRT a 336x272@150Hz per giocare a SWOS.
È possibile anche impostare 320x240, ovviamente, o risoluzioni come 256x224.
« Ultima modifica: 05 Ott 2017, 22:59 da atchoo »

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #100 il: 08 Ott 2017, 12:54 »
I monitor CRT per PC lavorano a 31khz quindi non sono adatti al retrogaming in quanto non sono in grado di raggiungere i 240p.

È un discorso valido esclusivamente per l'emulazione e sfruttando un monitor CRT come monitor secondario (altrimenti Windows diventa ingestibile), ma io impostavo il mio monitor CRT a 336x272@150Hz per giocare a SWOS.
È possibile anche impostare 320x240, ovviamente, o risoluzioni come 256x224.
I PC configurati come arcade machine usano i TV CRT/monitor arcade  come unico display.

L'obiettivo è raggiungere basse risoluzioni (es 320 x 240) a 15 khz.
E per questo diventano delle macchine dedicate.
Non si usano per altri scopi.
Non ci si pone neanche il problema di usare il sistema operativo (Windows o Linux) dato che i frontend permettono di gestione tutto tramite joystick o controller.

Il display riceve un segnale praticamente identico a quello fornito dalla console/scheda arcade dei bei tempi andati.
La fedeltà emulativa in questi casi è massima.

Si può emulare anche usando un CRT PC a basse risoluzioni. Pero' l'effetto sarà sempre peggiore e distante dall'originale dato che questi monitor non posso lavorare a 15khz.
Non a caso hanno introdotto le scanlines!

Il monitor CRT PC quindi è meglio di un lcd/plasma dato che condivide la tecnologia delle TV CRT, ma non è la soluzione ideale.

   

Inviato dal mio Nexus 5X utilizzando Tapatalk

mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #101 il: 08 Ott 2017, 13:08 »
Certo, ma io ho scritto un'altra cosa e ho anche specificato "esclusivamente per l'emulazione".
L'effetto che ottenevo era del tutto paragonabile a quello dei Sony BVM/PVM*, con il solo problema che, per aggirare il limite minimo di 31 kHz, dovevo forzare un refresh rate molto più alto, con tutto quello che ne consegue da gestire.

* resa sicuramente distante da quella delle tv e dei classici monitor 15 kHz proprio perché fatti per discriminare 800 linee e più.

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #102 il: 08 Ott 2017, 15:02 »
Certo, ma io ho scritto un'altra cosa e ho anche specificato "esclusivamente per l'emulazione".
L'effetto che ottenevo era del tutto paragonabile a quello dei Sony BVM/PVM*, con il solo problema che, per aggirare il limite minimo di 31 kHz, dovevo forzare un refresh rate molto più alto, con tutto quello che ne consegue da gestire.

* resa sicuramente distante da quella delle tv e dei classici monitor 15 kHz proprio perché fatti per discriminare 800 linee e più.
...in definitiva, visto che stiamo parlando di due cose diverse:

se si vuole creare una retro console con output video più fedele possibile, allora il segnale RGB a 15khz è la via da seguire.
Si possono usare PC e Raspberry pi con opportuni adattatori (vd post sopra)

Se si vuole semplicemente emulare su display HD, allora ci si può divertire a giocare con le risoluzioni.

Personalmente resto MOLTO scettico su risultati ottenibili su display HD anche lontanamente analoghi a monitor SD (PVM o TV CRT che siano)
Ma, hey...non entro nel merito delle opinioni personali


Inviato dal mio Q101 utilizzando Tapatalk

mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.372
  • Pupo
    • E-mail
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #103 il: 08 Ott 2017, 16:02 »
No, qua non è una questione di opinioni personali, solo ed esclusivamente di prove fatte sul campo.

È ovvio che se puoi utilizzare la tv a cui attaccavi la console da piccolo ottieni la stessa resa (o anche migliore, se ai tempi usavi un cavo con segnale composito e ora ti colleghi in RGB), così come se colleghi il PC a un cabinato jamma, con scheda ATI, driver modificati, adattatori e sfruttando GroovyMAME, la replichi in maniera piuttosto fedele. Chi l'ha mai messo in dubbio?

Detto questo, in un certo periodo, mi è piaciuto sperimentare diverse cose, e ne ho scoperte, con mia sorpresa, di sconosciute ai più. Leggendo quanto a mano a mano scrivevi mi sono tornate in mente e ho pensato di condividerle. Non capisco però il tuo scetticismo, non avendo io scritto chissà cosa, ma forse mi sono spiegato male.
Innanzitutto quando parli di display HD ti riferisci a monitor/tv LCD o anche a monitor CRT?
I primi, se non con filtri e shader (roba comunque "fittizia"), non possono avere una resa analoga a un monitor arcade o a una tv. Questo è pacifico.
I secondi, grazie alla loro versatilità, danno varie possibilità (su queste ho sperimentato):
- puoi usarli con la risoluzione ottimale prevista dai driver, in maniera simile a monitor/tv LCD;
- puoi sfruttare risoluzioni personalizzate particolari (ad esempio 1280*1120, che è 25 volte 256*224, stretchata sui 4:3), limitando così l'intervento di filtri e shader, comunque indispensabili;
- se lo consentono (l'IBM E74 con cui ho fatto le prove mi ha assistito in tutto e per tutto), puoi sfruttare risoluzioni personalizzate particolari (ad esempio scendere fino a 256*224, aumentando il refresh rate per rientrare nei 31 kHz minimi), ottenendo l'effetto BVM like di cui parlavo: scanlines "naturali" piuttosto spesse e "spente", colori vividi, nitidezza accentuata.
Questo perché i monitor BVM/PVM *non* sono propriamente monitor SD, dato che discriminano 800 o 900 linee. Hanno dunque molto in comune con un monitor CRT che ha come risoluzione ottimale 1024x768.

Ok, credo di essermi spiegato. Se ci riusciamo a capire questa volta, bene. Altrimenti pace. :)
« Ultima modifica: 08 Ott 2017, 16:08 da atchoo »

Offline M1900

  • Avviato
  • *
  • Post: 337
Re: Raspberry: la retroconsole homemade definitiva
« Risposta #104 il: 09 Ott 2017, 09:17 »
In realtà, e senza polemica, fin dal tuo primo post non capisco:
- cosa vuoi dimostrare con tutto quello che scrivi;
- la relazione dei tuoi interventi con la possibilità di crearsi una retroconsole.

Vuoi dimostrare che i 240p sono possibili su alcuni monitor CRT VGA in grado di raggiungere la frequenza a 120hz ?
Bene, ma questo è un concetto noto da sempre.
(Personalmente la ritengo una curiosità tecnica più che una soluzione stabile per l'emulazione)

Resto scettico sul fatto che un CRT PC da 500.000 L pensato per lavori d'ufficio possa raggiungere la qualità visiva di un monitor da 5/10/20.000.000 L usato per montaggi video principalmente negli studi televisivi/cinematografici.

Se sei riuscito con filtri, scanlines e infiniti aggiustamenti...buon per te!

Comunque stiamo parlando di aria fritta visto che alla fine ogniuno ha giustamente i propri parametri "visivi" su quella che è un'immagine "buona".

P.S.(sempre senza polemica, eh)
abbiamo anche concetti diversi di cosa sia "un'opinione".



mi piacciono i giochini archeid e il retrogheiming