Autore Topic: [PS3][PS4][PSV] A.O.T. Attack On Titan  (Letto 2932 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mr.Pickman

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.242
  • Vedetta dell'Inconscio sublimato
    • GAMER MAY CRY
Re: [PS3][PS4][PSV] Attack on Titan (titolo provvisorio)
« Risposta #60 il: 12 Dic 2018, 15:54 »
Prime ore.

È difficile uccidere un gigante.
Uno dei primissimi aspetti che colpisce del gioco di Omega Force è che uccidere un gigante è abbastanza tosto e stavolta non per colpa dei soliti controlli sminchiati giapponesi che invece qui sono mappati davvero molto bene. Un aspetto, questo, che restituisce una certa fedeltà all'opera originale, se ci pensiamo, in cui i cadetti finivano per essere divorati vivi, a seguito di un manovra tridimensionale ardita o una incapacità di carattere personale oppure strategica, della serie sbagliare troppe volte te fa morì.
Il gioco restituisce una certa, palpabile difficoltà nel colpire alla nuca i fottuti giganti, perché offre alcune stuzzicanti e coraggiose varianti in termini prettamente ludici. Tra giganti anomali e giganti "normali" c'è un gran casino su schermo, decisamente apprezzabile a conti fatti, la battaglia e il pathos ci sta.
Alcuni giganti ad esempio si muovono lentamente ma hanno una specie di percezione che li rende davvero pericolosissimi. In pratica svolazzargli intorno, come fastidiose mosche umane, alla ricerca del loro punto debole, così come sostare nei pressi della loro goffa presenza, aumenta un apposito indicatore di consapevolezza di questi esseri famelici e gigantropici.
Quando questo indicatore diventa rosso, lo schermo stesso si tinge del medesimo colore, la BGM si dilata e son cazzi amari. Il gigante inizia una inseguimento con una furia che travolge edifici e ogni barriera urbana, i palazzi vengono completamente devastati mentre l'essere ci insegue, e l'unica azione da considerare caldamente è la fuga.
Dovremo allontanarci rapidamente, usando il meccanismo ATM e aspettare che l'indicatore si svuoti progressivamente, poi riprendere il combattimento.
Questo non è di per sé un male durante le prime missioni, dove dobbiamo ancora familiarizzare con i controlli, ma successivamente diverrà un aspetto in grado di sbilanciare in toto l'esito di una missione: istigare troppo un gigante oltre che essere pericoloso, ci farà perdere anche molto tempo aspettando che si calmi per poterlo riattaccare nuovamente...
AOT2 ha missioni a tempo, segue fedelmente gli eventi del manga/anime, ma da un punto di vista di un cadetto del 104° corpo non classificato tra i primi dieci, carne da cannone in pratica, che stavolta ha un nome, una faccia, e una sua storia.
Un'idea generica ma brillante seguire gli eventi ma dal punto di vista di un signor nessuno (o una signora nessuna).
Nel sistema "Town Life" invece, possiamo parlare con tutti i personaggi più famosi della serie, più che "Città" siamo dentro al Corpo d'Accademia di Eren e soci però. In questa modalità oltre che craftare il nostro equipaggiamento, potremo avere accesso a molte attività collaterali, Side mission e roba simile.
Parlare con tutti fa aumentare la nostra affinità con loro, questo aspetto è di primaria importanza, perché si sbloccheranno diversi aiuti in game. Per esempio, parlando con Annie Leonheart, se riusciremo ad entrare nelle sue grazie ci darà una mano in combattimento, potremo reclutarla durante alcune missioni. Fino a 4 personaggi possono essere reclutati con classificazioni A B C.
   
C'è persino il corso di cadetti come tutorial che aiuta a prendere dimestichezza con i controlli. Non ha la colonna sonora originale dell'anime (peccatissimo) ma cerca il più possibile di replicare lo stile.

Per me è sì.


 
GAMER MAY CRY: IL BLOG CHE HA PIU' FEED CHE ISCRITTI  - SPECIALE THE LAST OF US
http://gamermaycry.blogspot.com/2018/05/speciale-we-are-last-of-us-prima-parte.html