Autore Topic: Nintendoomed, Fusion DS, QOL e Mario XO. Speculazioni sul futuro di N.  (Letto 53442 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.260
    • Gamers4um - il mio piccolo, veeecchio forum di videoGIOCHI
    • E-mail
Il videogioco, invece, nasce digitale e prospera in digitale. Nessuno si sognerebbe di 'patchare' una canzone, un libro o un film una volta pubblicato su uno store online.

Hmm aspè, in qualche modo qualcosa del genere si può affermare che esista sia nel mondo della musica (remaster, riedizioni in alta definizione, cover...) che del cinema - qua magari con reboot/remake al posto di cover, che fondamentalmente è la stessa cosa anzi spesso ben più invasivo come processo.

Chiaro che il videogioco parte da presupposti - spesso ;D - assai differenti quindi boh, forse non li dovremmo neppure affiancare, ma tant'è.

Tornando al discorso principale comunque (ma stavolta eviterei di tornare dall'altra parte, sembra che giochiamo a ping pong altrimenti :D) boh, è evidente che nei confronti dello streaming la vediamo in maniera quasi diametralmente opposta: per te è uno dei prossimi, inevitabili passaggi evolutivi, io mi tengo una bella dose di scetticismo.

Per dire, ho molti meno dubbi su un futuro 100% digitale (non saprei dire quanto lontano... o vicino) o sulla progressiva espansione dei servizi in abbonamento, ma vabbè fa parte del gioco. Sai che palle a pensarla tutti alla stessa maniera.

Vedremo. :)

Cioè questo per dire che non è automatico che portare queste Ip al grande pubblico sia automaticamente una mossa vincente, è poi sempre da vedere come vanno le cose.

Sì direi che è un po' il succo del discorso, sia in positivo che in negativo si danno spesso per scontate troppe cose secondo me.
videoGIOCATORE

Offline Oberon

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.044
    • E-mail
Ma certo, Turry, visioni del futuro diverse. Non si offende nessuno, non muore nessuno, e ce lo facciamo piacere come viene viene.

Solo, su un appunto devo intervenire, più che altro per capirci di che parliamo.

Il videogioco, invece, nasce digitale e prospera in digitale. Nessuno si sognerebbe di 'patchare' una canzone, un libro o un film una volta pubblicato su uno store online.

Hmm aspè, in qualche modo qualcosa del genere si può affermare che esista sia nel mondo della musica (remaster, riedizioni in alta definizione, cover...) che del cinema - qua magari con reboot/remake al posto di cover, che fondamentalmente è la stessa cosa anzi spesso ben più invasivo come processo.

Per niente, perché si tratta di altre edizioni. Se io compro un film, un libro o una canzone in qualsiasi store digitale, nessuno può modificarlo nemmeno di una virgola. Qualsiasi modifica è successiva e riguarda un'altra versione che si aggiunge, e non sostituisce, la 'vecchia'. Nel caso del videogioco, si interviene all'interno del gioco che possideo. La 'vecchia' versione viene rimpiazzata in toto dalla versione 'aggiornata' la quale, di fatto, cessa di esistere.

« Ultima modifica: 24 Ott 2019, 18:57 da Oberon »

Offline Turrican3

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.260
    • Gamers4um - il mio piccolo, veeecchio forum di videoGIOCHI
    • E-mail
Scuuuusa, è chiaro che avevo totalmente frainteso cosa intendessi. :scared:
videoGIOCATORE

Offline Luca B

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.086
Per niente, perché si tratta di altre edizioni. Se io compro un film, un libro o una canzone in qualsiasi store digitale, nessuno può modificarlo nemmeno di una virgola. Qualsiasi modifica è successiva e riguarda un'altra versione che si aggiunge, e non sostituisce, la 'vecchia'.
Hmmm, un libro in digitale è soggetto a revisioni e aggiornamenti, sul Kindle store è normale: controllando i miei contenuti su amazon vedo che un buon 15% dei libri che ho su Kindle hanno aggiornamenti disponibili, solitamente si parla di eliminazione di refusi o in alcuni casi del cambio di copertina (come per The Martian dopo l'uscita del film); le versioni aggiornate sostituiscono le vecchia, diciamo che sono assimilabili a delle patch.
Non siamo ai livelli di Straniero in Terra Straniera o Nessundove che hanno ciascuno due versioni ufficiali (del secondo parliamo di una versione riveduta e corretta, mentre di SiTS esistono effettivamente due versioni ufficiali, una integrale e una che è stata "alleggerita") che convivono le une con le altre.

Post interessante, poi in ambito mobile se non erro anche Mario Kart Tour ha determinato tipo 90 milioni di download ma relativamente basso 'ricavo' ed anche lì è stato molto criticato il modello a microtransazioni (che pure è la prassi su mobile).

Cioè questo per dire che non è automatico che portare queste Ip al grande pubblico sia automaticamente una mossa vincente, è poi sempre da vedere come vanno le cose.
Considera invece quanti sviluppatori mobile stanno invece portando i loro giochi su Switch, a quanto dicono riescono a trovare più spazio che non in un mercato di f2p e giochini a 99 cent

Offline Laxus91

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.621
    • E-mail
Io non conosco molto le dinamiche mobile ma sto notabdo che sempre pù spesso di recente vedo giochi nati in versione mobile (per dire alcuni anche di gran qualità tipo alcuni del servizio apple arcade o, per esempio, il prossimo Shantae a tema sirene) stsn venendo poi adattati più che bene in versione switch (o PSN e Xbox anche) e a prezzi bassi ma insomma, non f2p.

Secondo me è un bene questa cosa, più scelta per tutti anche per quegli indie o giochi 'piccini' che su mobile non avrei considerato mentre su switch possono allettare di più

Offline Belmont

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.753
Che nostalgia il thread Nintendoomed!  :D

é bellissimo fare retroreading in questo topic  ;D

Offline Oberon

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.044
    • E-mail
Hmmm, un libro in digitale è soggetto a revisioni e aggiornamenti, sul Kindle store è normale: controllando i miei contenuti su amazon vedo che un buon 15% dei libri che ho su Kindle hanno aggiornamenti disponibili, solitamente si parla di eliminazione di refusi o in alcuni casi del cambio di copertina (come per The Martian dopo l'uscita del film); le versioni aggiornate sostituiscono le vecchia, diciamo che sono assimilabili a delle patch.
Non siamo ai livelli di Straniero in Terra Straniera o Nessundove che hanno ciascuno due versioni ufficiali (del secondo parliamo di una versione riveduta e corretta, mentre di SiTS esistono effettivamente due versioni ufficiali, una integrale e una che è stata "alleggerita") che convivono le une con le altre.

Oh, questo è interessante. Mi stai dicendo che correggono i refusi direttamente sulla tua copia?

Offline Luca B

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.086
Suppongo che vengano semplicemente sovrascritte tutte le copie sui dispositivi. Me ne sono accorto quando è cambiata la copertina di the Martian. Comunque più di una volta ho visto titoli sospesi dalla vendita in attesa di correzioni dagli errori (che a volte si trattasse di titoli elencati in offerta lampo denota scarsa attenzione, ma questo è un altro discorso)


Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 13.841
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Stando ai dati NPD, a marzo in USA Switch ha segnato il nuovo record di console vendute in tale mese, piazzandone circa 1 milione. Che si somma ad un altro milione fatto, nello stesso mese, in Giappone. Assumendo altre 500mila console nel resto del mondo (ma potrebbero essere pure di più), siamo a oltre 2,5 milioni. Numeri da lancio, in pratica.

Ciò comporta che, se al 31 dicembre Switch era a 52,5 milioni worldwide, al 31 marzo potrebbe essere oltre i 56 milioni in appena tre anni.

Se a Natale esce un altro gioco forte come da tradizione e la console manterrà i numeri degli ultimi tre Natali (circa 10/11 milioni di unità vendute nell'ultimo trimestre dell'anno) al prossimo 31 dicembre avremo un installato di oltre 70 milioni in meno di quattro anni.

Ora Nintendo non ha più scuse: cacci fuori i giochi che devono essere tanti, grossi e frutto di ingenti investimenti e non le solite cose fatte al ribasso.