Autore Topic: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero  (Letto 999698 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline keigo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.123
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20640 il: 10 Nov 2020, 10:04 »
20 anni di ste polemiche perchè uno si prende un PTSD dopo aver cercato di capire hegel al liceo e si scoccia di leggersi un po' di testi di economia perchè uuuu c'è la matematica.


 :D

chi semina vento raccoglie sfaccimma
ma chi me lo fa fare?!? il petrolio è una figata.

Offline eugenio

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.707
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20641 il: 10 Nov 2020, 10:52 »
20 anni di ste polemiche perchè uno si prende un PTSD dopo aver cercato di capire hegel al liceo e si scoccia di leggersi un po' di testi di economia perchè uuuu c'è la matematica.

In fondo, a destra.

Offline keigo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.123
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20642 il: 10 Nov 2020, 14:25 »
era un commento a DarkFAntasy. Poi se vogliamo parlare nel merito:

continuare ad ignorare che il sistema sta collassando, che non si possono creare soldi dal niente, che una volta distrutta una montagna per farci dei palazzi quella montagna non c'è più, che non possiamo andare avanti come economia a botta di bluff e raccomandazioni, che non possiamo pensare che la soluzione sia sempre l'autarchia, l'uscita da non si sa cosa, la nazionalizzazione, il pubblico, marx, i libri del liceo e tutto quello che in realtà è solo marketing politico non ci porterà tanto lontano.

Esistono centinaia di migliaia di studi, ricerche, applicazioni e gente che si fa il culo su sta roba cercando di capirci qualcosa ed alla fine il verdetto è sempre "eh però è molto difficile capire la mente umana perchè non abbiamo abbastanza elementi a corredo per capire perchè talvolta si smette di agire in modo prevedibile". In tutto questo pensare che esista una formula che ottimizzi la società (tra l'altro senza un briciolo di struttura analitica, ma snocciolando qui e li aneddoti storici) e che tutti siano stronzi perchè non ci arrivano (e parliamo di gente che dovrebbe essere almeno sveglia) è di una superbia incredibile.

La riflessione su questo forum è che nel frattempo le nostre vite personali e professionali sono andate avanti, se qualcuno avesse approcciato con maggiore umiltà l'argomento politica economica probabilmente non avremmo abbandonato in massa questo topic.

chi semina vento raccoglie sfaccimma
ma chi me lo fa fare?!? il petrolio è una figata.

Offline Dark Fantasy

  • Avviato
  • *
  • Post: 204
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20643 il: 10 Nov 2020, 22:12 »
Keigo la colpa è mia, ogni tanto trovo l'assist e abbocco puntualmente, non devo più parlare di economia, ce la posso fa' :yes:

Lasciatemi tornare in-topic con questa chicca deliziosa ^__^



Doubt is not a pleasant condition, but certainty is absurd - Voltaire

Offline babaz

  • Reduce
  • ********
  • Post: 24.365
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20644 il: 10 Nov 2020, 22:20 »
Keigo la colpa è mia, ogni tanto trovo l'assist e abbocco puntualmente, non devo più parlare di economia, ce la posso fa' :yes:

Lasciatemi tornare in-topic con questa chicca deliziosa ^__^


sì, era ovunque su twitter 2 giorni fa
quando la realtà SUPERA a destra la fantasia

incredibile eppure vero, c'era Giuliani davanti a quel garage in mezzo ai topi a parlare di come fossero odiosi brogli  quelli in Pennsylvania :D

In generale, cmq, l'eroe indiscusso è il tizio del negozio che ha ricevuto la telefonata di prenotazione e con la prontezza mentale più clamorosa di sempre ha esordito con "yeah, sure. The GOP press conference you said?"

AHAHAHHAHAHA
Nemmeno nelle sceneggiature più sfrenate.

Offline keigo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.123
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20645 il: 12 Nov 2020, 14:58 »
Keigo la colpa è mia, ogni tanto trovo l'assist e abbocco puntualmente, non devo più parlare di economia, ce la posso fa' :yes:

Lasciatemi tornare in-topic con questa chicca deliziosa ^__^

ma io lo so che quando ti piglia il bertrand russel (che è una specie di giovanna d'archismo per quelli che cercano di capire qualcosa analiticamente del mondo) è difficile tirarsi indietro, ma dopo anni dovremmo esserci resi conto che è come parlare del paradosso di fermi ad un testimone di geova .Siamo su quel confine vicino all'infinito tra l'ottuso ed il matto.


Ad ogni modo voglio capire ora che salteranno tutte le rate del mutuo di tutti i business chi copre gli nlp e per quanti mesi. Ma soprattutto visto che sarà una condizione strutturale (non è che chiudi fai una bonifica e poi torni agli stessi numeri di clienti di 2019) vorrei capire che fine farà l'economia se il new normal significa taglio del fatturato dal 40 al 80% ed impossibilità di operare di interi settori dell'economia. I sindacalisti immagino vorranno stampare moneta per mantenere i posti di lavoro perchè "non è un problema nostro l'economia che camnbia, a noi interessano i lavoratori", vorrei capire sempre sti soldi chi li caccia però.
« Ultima modifica: 12 Nov 2020, 15:02 da keigo »
chi semina vento raccoglie sfaccimma
ma chi me lo fa fare?!? il petrolio è una figata.

Offline Dark Fantasy

  • Avviato
  • *
  • Post: 204
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20646 il: 12 Nov 2020, 23:32 »
Eh staremo a vedere, al momento è tutto congelato. Ancor più della sospensione delle regole di bilancio o degli acquisti della bce, quando vedi le agenzie di rating che cambiano l'outlook in positivo per l'Italia capisci che proprio tutti fanno finta di non vedere l'elefante. Staremo con tassi a zero e QE per altri dieci anni. L'incognita è per quanto i nordici chiuderanno un occhio sul patto di stabilità. Per i crediti deteriorati si parlava di bad bank europea.. magari può essere anche un altro motore per aumentare l'integrazione tra i mercati creditizi-finanziari europei. Alla fine io non la vedo così nera, non credo che la crisi sarà strutturale. O meglio, si innesta in una mega-tendenza di stagnazione di lungo periodo che è guidata da variabili secolari (denatalità, polarizzazione del mercato del lavoro, ritorni decrescenti del debito, etc). Come se ne esce non ne ho idea davvero, come dicevo mi pare anche qua tocca alla classe politica trovare la soluzione. Certo che oltreoceano con Biden non mi pare si prefiguri una presidenza rivoluzionaria, e la direzione se non viene da là, da dove? Dalla Cina? Mah.

Per il discorso del confronto, non so che dire, finché c'è un dialogo anche in posizioni arroccate (da entrambe le parti) va bene, altrimenti ognuno tira per la sua strada. Credo però che ergersi à la Boldrin non vada bene neanche, non solo perché io culturalmente non sono certo al suo livello, ma anche perché l'economia, almeno quella normativa, non è una scienza esatta, quindi terrei sempre un basso profilo. Ma questo vale con tutto eh. Hai citato Russell, che è quello del paradosso che a inizi del 900 mise in crisi la logica matematica. Poi Godel se ne è uscito con i teoremi di incompletezza. Voglio dire, anche i postulati matematici sono a volte indecidibili. E la verità matematica è tale solo in un dato sistema assiomatico, di cui non si può dimostrare la completezza e coerenza.

Di conseguenza ogni affermazione o idea con un contenuto anche vagamente politico non può che essere una scoreggia al vento. Chiaramente, chi ne sa di più in questo forum sono quelli che postano di videogiochi e se ne sbattono, ovvero, per fortuna, la maggioranza.
« Ultima modifica: 12 Nov 2020, 23:39 da Dark Fantasy »
Doubt is not a pleasant condition, but certainty is absurd - Voltaire


Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 26.053
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20648 il: 18 Nov 2020, 12:56 »
Il solito articolo fazioso. La Germania il piano lo ha preparato giusto qualche giorno prima di noi. Basta leggere sullo stesso tema su, per esempio, il corriere per leggere toni completamente opposti.
La verità è che l'approvvigionamento europeo è partito su impulso dell'Italia assieme a Germania e qualche altro stato e che speranza aveva già fatto pre accordi con varie aziende farmaceutiche.
Bellissima, poi, la parte in cui, per far risaltare l'ineguatezza dell'Italia, si calca la mano sul fatto che se uno dei vaccini dovesse arrivare dall'azienda x la Germania avrebbe un vantaggio avendo l'azienda in casa. Come se in Italia non avessimo aziende che stanno producendo vaccini (ad esempio quello di Oxford)! Fazioso e falso.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline Void

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.453
  • Grottesco, cattivo e gratuito
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20649 il: 21 Nov 2020, 10:10 »
TFP Link :: https://www.ilpost.it/2020/11/20/trump-biden-riconteggio-georgia-giuliani/

Citazione
sostenendo senza prove che sia avvenuta una cospirazione internazionale che avrebbe coinvolto «soldi dei comunisti», la Cina, il Venezuela e George Soros

Spoiler (click to show/hide)

Offline Kairon

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.476
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20650 il: 22 Nov 2020, 18:54 »
....e Facebook è pieno di gente che è sicura che Trump smaschererà il complotto del New Order Qualcosa e manderà in galera tutti e sarà il prossimo presidente.
Si vede che tutti hanno contatti con la CIA o il Mossad.

Offline keigo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.123
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20651 il: 23 Nov 2020, 14:18 »
Eh staremo a vedere, al momento è tutto congelato. Ancor più della sospensione delle regole di bilancio o degli acquisti della bce, quando vedi le agenzie di rating che cambiano l'outlook in positivo per l'Italia capisci che proprio tutti fanno finta di non vedere l'elefante. Staremo con tassi a zero e QE per altri dieci anni. L'incognita è per quanto i nordici chiuderanno un occhio sul patto di stabilità. Per i crediti deteriorati si parlava di bad bank europea.. magari può essere anche un altro motore per aumentare l'integrazione tra i mercati creditizi-finanziari europei. Alla fine io non la vedo così nera, non credo che la crisi sarà strutturale. O meglio, si innesta in una mega-tendenza di stagnazione di lungo periodo che è guidata da variabili secolari (denatalità, polarizzazione del mercato del lavoro, ritorni decrescenti del debito, etc). Come se ne esce non ne ho idea davvero, come dicevo mi pare anche qua tocca alla classe politica trovare la soluzione. Certo che oltreoceano con Biden non mi pare si prefiguri una presidenza rivoluzionaria, e la direzione se non viene da là, da dove? Dalla Cina? Mah.

Per il discorso del confronto, non so che dire, finché c'è un dialogo anche in posizioni arroccate (da entrambe le parti) va bene, altrimenti ognuno tira per la sua strada. Credo però che ergersi à la Boldrin non vada bene neanche, non solo perché io culturalmente non sono certo al suo livello, ma anche perché l'economia, almeno quella normativa, non è una scienza esatta, quindi terrei sempre un basso profilo. Ma questo vale con tutto eh. Hai citato Russell, che è quello del paradosso che a inizi del 900 mise in crisi la logica matematica. Poi Godel se ne è uscito con i teoremi di incompletezza. Voglio dire, anche i postulati matematici sono a volte indecidibili. E la verità matematica è tale solo in un dato sistema assiomatico, di cui non si può dimostrare la completezza e coerenza.

Di conseguenza ogni affermazione o idea con un contenuto anche vagamente politico non può che essere una scoreggia al vento. Chiaramente, chi ne sa di più in questo forum sono quelli che postano di videogiochi e se ne sbattono, ovvero, per fortuna, la maggioranza.

vai grazie a dio discutiamo un po'. Credo che il problema sia anche un po' di definizione dell'oggetto della discussione.

allora prima di tutto credo sia da distinguere l'approccio al "problema" della politica economica. Se da un lato discutiamo di politica come sorta di operations di questa o quella ideologia (che nel mio modo di vedere somiglia più ad una sorta di filosofia universale o credo religioso somehow) o discutiamo come macchinazione per arrivare al potere o come controllo e governo delle risorse pubbliche. Il problema è nella confusione tra sistemi nazionali e sovranazionali, poteri istituzionali ed apparati attuativi non faccia altro che concentrare la politica in una sua dimensione reality e poco tecnica (soprattutto per la sua rappresentazione in tv e nei giornali). Ora il problema non è che tutti possamo ragionare cercando di capire i collegamenti macro delle sue piccole azioni (anche se per quello basta giocare a sim city) però almeno capire il sistema in cui vivono sarebbe il minimo. Ma questa è una colpa del fatto che tutti i tentativi fatti per spiegare analisi di sistemi macro economici (tanto dalla tv quanto dall'università stessa) risentono un po' dei limiti della complessità della materia. E' chiaro però che in fin dei conti una volta capite le meccaniche di base su cui si basa l'economia alcune considerazioni sono abbastanza semplici. Non a caso alla base hai le dinamiche con cui magari costruisci anche IA. Non a caso nel mondo dell'analisi le tre classi sono descriptive, predictive e prescriptive. Il problema è che per determinate materie e policy siamo già a prescrizioni efficaci che ci hanno permesso di ottenre buoni risultati, per molte altre invece siamo ancora fermi a capire di cosa si tratta. https://www.artiba.org/blog/ai-and-game-theory-a-primer

comunque ieri hanno presentato il nuovo sito di liberi oltre le illusioni. L'idea di avere un canale e aggregatore è interessante soprattutto se aprono il discorso anche ad altri contributi. Può diventare una sorta di Tv on demand. 

https://www.liberioltreleillusioni.it/

e fanno robe molto divulgative tipo
https://fb.watch/1Xt8Fp1FrF/


credo sia necessario sta roba perchè il discorso è ormai così complesso che non si può discutere su certe cose perchè bisogna che entrambi gli interlocutori conoscano le nuances di ogni tematica, o almeno averne una idea più o meno concreta sennò si fa la figura dei ragazzini che parlano del lavoro del papà di cui non hanno idea.
« Ultima modifica: 23 Nov 2020, 14:38 da keigo »
chi semina vento raccoglie sfaccimma
ma chi me lo fa fare?!? il petrolio è una figata.

Offline FreeDom

  • Reduce
  • ********
  • Post: 23.051
Re: [Politica e Governo] Dove c'è il disordine io prospero
« Risposta #20652 il: 23 Nov 2020, 14:53 »
Ah, ecco a cosa si riferiva il countdown di Boldrin. Bello, c'è bisogno di sta roba qua. Certo, ci sta dentro pure il giornalista falzo e fazioso, ma pazienza.