Autore Topic: Privacy online e cloud computing  (Letto 7637 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Seppia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.902
  • Trvezza (Moderatore topic politico)
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #15 il: 09 Apr 2011, 19:40 »
Seppia i paesi negri possono usare ubuntu, si chiama pure come loro.

si chiaro, ma il cloud in teoria permette di realizzare un pc a costo piu' basso, non ti serve memoria di massa, non paghi licenze per i programmi.
se facessero una "rete negra" per i paesi sottosviluppati, potresti fare un cassone con schermo tastiera processore sotto il netbook, 1gb ram, 8 gb memoria di massa.
toh 50 euro un "pc"

sarebbe interessante
"Se vuoi lavorare con i piedi in mostra vai a vendere il cocco in spiaggia"
Cit. Vn Vomo Givsto

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #16 il: 09 Apr 2011, 19:52 »
Mmm Seppia non credere, il cloud non si intende che e' tutto in streaming, tipo onLive.

Ovvero non so se vogliono arrivare a questo, forse, ma attualmente il server grafico gira sempre in loco, chiaro nulla vieta che anche quello possa
essere spostato in remoto, ma a quel punto ti serve banda forte, e non so in congo se hanno la fibra.

Poi, ripeto linux con un xserver leggero, quelli dei bei tempi tipo windows maker, gira pure su un pentium1, che costa 80 euro fai a meno delle applicazioni piu fighe,
ma  beh tipo openoffice ci gira, gli editor pure, il browser beh firefox ciuccia troppa ram, ma c'e' konqueror.

Insomma non lo vedo un vantaggio schiacciante per quei popoli, anche perche' aumentano la dipendenza, sapersi arrangiare in loco e' una grande risorsa.

<br /><br />Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #17 il: 09 Apr 2011, 19:55 »
Chiaro che bin laden, esistendo perche' si sa che non esiste, e' coerente.
Diciamo pure il mullah omar, e' coerente, e infatti io non gli dico nulla, e' coerente ma ha certi fini.

Non capisco perche' paragonarlo a stallman visto che non sapra' usare manco il temperino dei boyscout, e' coerente con la sua idea estrema, ma
che problema c'e'? Ora qualsiasi idea estrema fa cagare mentre quelle medie che fanno comprare un sacco di gadget e fare soldi ad apple e m$ sono tutte giuste? A priori?

Diffonde e supporta la sua idea, con la free software foundation.

Poi uno puo arrivare alla sua estremita' o lavorare nel mezzo.
<br /><br />Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline pedro

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.200
Privacy online e cloud computing
« Risposta #18 il: 09 Apr 2011, 23:22 »
Direi che il punto focale dell'intervento di rms è:

Citazione
"Negli Stati Uniti, perdi persino i diritti legali se archivi i tuoi dati sui sistemi di un'azienda anziché su quelli personali. La polizia deve presentare un mandato di perquisizione per avere i vostri dati; se sono memorizzati nei server di un'azienda, la polizia può ottenerli senza mostrarvi nulla. Potrebbero non avere persino il bisogno di mostrare all'azienda un mandato di perquisizione".

Questo io, colpevolmente, non lo sapevo.

Quindi:

a)grazie rms per avermelo detto, che se aspettavo che me lo dicesse la multimiliardaria (=multimiliardaria coi nostri dati personali) Google, campa cavallo;

b)come sempre quando parla, rms ha ragione e va solo ascoltato.

Grazie di esistere rms.
« Ultima modifica: 09 Apr 2011, 23:24 da pedro »
«Allora dev'essere molto pericoloso essere un uomo.» «Lo è, signora. E solamente pochi ce la fanno. È un mestiere difficile, e al fondo c'è la tomba.»

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #19 il: 09 Apr 2011, 23:30 »
Ah beh questo non lo so/sapevo, in Italia come funziona?

Offline pedro

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.200
Privacy online e cloud computing
« Risposta #20 il: 09 Apr 2011, 23:43 »
Boh, devo cercare... ma il punto è che senza l'attività di sensibilizzazione di rms non mi sarei manco mai posto il problema.
Ma poi se io vado in cloud dall'Italia, dove vengano salvati (=lì che legislazione vige?) i miei dati?

Again, colpevolmente: boh.
«Allora dev'essere molto pericoloso essere un uomo.» «Lo è, signora. E solamente pochi ce la fanno. È un mestiere difficile, e al fondo c'è la tomba.»

Offline Seppia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.902
  • Trvezza (Moderatore topic politico)
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #21 il: 09 Apr 2011, 23:55 »
ma appunto e' questo il nodo.
stallman lo definisce "careless", ed e' proprio quello che e'.

tutti a dirmi "ehh cheppalle con sta privacy sei paranoico"

quando in realta' NESSUNO, quando aderisce ai vari millemila servizi di cui "accettiamo" le clausole, sa effettivamente quel che succede.
quindi, nel dubbio, cerco di bloccare qualcuno che installa roba sul mio PC senza chiedermelo ne' dirmi perche'.
quindi, nel dubbio, blocco google adsense
quindi, nel dubbio, mi tengo i file a casa mia, sul mio NAS, che costa come mezzo ipad e ci metti due giorni a settarlo, perche' so la roba dove sta, ne sono effettivamente in possesso, per due lire e zero sbattimento.

e ora installatevi tutti betterprivacy su firefox, che ruleggia ^^
« Ultima modifica: 09 Apr 2011, 23:58 da Seppia »
"Se vuoi lavorare con i piedi in mostra vai a vendere il cocco in spiaggia"
Cit. Vn Vomo Givsto

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #22 il: 10 Apr 2011, 00:40 »
Forse ho esagerato con il commento negativo, intendiamoci: ce ne fosse di gente come rms!
Lo trovo un po' esagerato ma sicuramente è un personaggio estremamente positivo. Poi chissà, magari il suo essere talebano e sopra le righe è voluto per farsi notare e veicolare il messaggio in maniera più vigorosa.

Però seppia io farei un distinguo tra dati spiati/malware e adsense/pubblicità varie.

Il primo caso è chiaramente un male, va combattuto; il secondo caso è borderline, molti siti si reggono sulle pubblicità, se le blocchi fai un danno ai gestori. Vogliamo tutto gratis? La pubblicità è necessaria.

(già che ci siamo: cosa usi in firefox per la privacy? oltre a betterprivacy. c'è noscript che è devastante, nel senso che è talmente potente che spesso poi i siti nemmeno funzionano bene :D)

@daimon e i sostenitori di rms: cosa pensa stallman dei videogiochi? è sw closed source proprietario, quindi dovrebbe pensarne male, no? Però vg free software non esistono (vabbè al di là dei cloni di giochi degli anni 80) quindi ne deduco che siete tutti nel peccato :P


Offline Seppia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.902
  • Trvezza (Moderatore topic politico)
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #23 il: 10 Apr 2011, 03:16 »

Però seppia io farei un distinguo tra dati spiati/malware e adsense/pubblicità varie.

Il primo caso è chiaramente un male, va combattuto; il secondo caso è borderline, molti siti si reggono sulle pubblicità, se le blocchi fai un danno ai gestori. Vogliamo tutto gratis? La pubblicità è necessaria.

(già che ci siamo: cosa usi in firefox per la privacy? oltre a betterprivacy. c'è noscript che è devastante, nel senso che è talmente potente che spesso poi i siti nemmeno funzionano bene :D)

beh i dati spiati siamo d'accordo, ma non vorrei che tu pensassi (lo suppoongo dal tuo aggiungere "malware" magari mi sbaglio eh) che e' cosa rara o fatta solo dai siti porno uzbeki.
io come search engine di default uso duckduckgo.com , che va benissimo (non benissimo come google) e se vai nellapolicy ti spiega bene cosa fa google e cosa fanno gli altri.
ora appunto che ho installato betterprivacy vedo cosa mi cancella ad ogni spegnimento, impressionante la merda che ti buttano.
si, oltre a quello uso il potentissimo noscript, e' vero che all'inizio devi settare un po' di permessi (di default blocca tutto per cui di base la prima volta che vai su un sito non funziona nulla :D ) ma e' semplicissimo ed una volta fatto e' fatto per la vita
oltre a quello ho adblock

sulla pubblicita' si, ovvio sia diverso, e' che non sapendo come funzionano google analytics e google adsense (se qualcuno ha voglia me lo puo' spiegare?), finche' vedo una cosa che si lancia in automatico andando su un sito, io la disattivo

poi io, come ho gia' detto varie volte, sono per un approccio diverso, io sono per il supporto attivo.
le cose che uso e che considero givste le supporto anche economicamente
vedi ubuntu, duckduckgo, mozilla (tie', mi e' appena arrivata la t-shirt da donatore uber)


Uploaded with ImageShack.us

a questa gente ho dato danaro in quantita' infinitesimalmente bassa rispetto al servizio che ottengo (mozilla sono anni che lo uso e ubuntu l'ho installato su 4 calcolatori miei) ma infinitamente piu' alta di quello che potrebbero mai raccattare in pubblicita'

quindi non mi sento cosi colpevole.
non vedo perche' google debba ciucciarmi dati e adsensarmi ogni sito che vado (di fatto facendo soldi su di me, dato che non credo regalino i loro servizi ai siti) se tutto quello che uso di loro e' googledocs una volta a settimana per fare la scaletta di falli da dietro
"Se vuoi lavorare con i piedi in mostra vai a vendere il cocco in spiaggia"
Cit. Vn Vomo Givsto

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #24 il: 10 Apr 2011, 11:40 »
seppia a tal proposito segnalo che stasera a report parleranno proprio di ste cose: http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-47f24a67-0008-4a89-a6b3-ddab3eff9d5e.html
Sicuramente poi troverai il video integrale sui vari P2P o sullo stesso rai.tv

Sul supportare economicamente e non avere nessuna pubblicità sono d'accordo (però la merce deve costare meno dato che ci sono meno spese) ma è utopistico.
Poi ripeto, se il sito X prevede pubblicità ma non donazioni e roba varia e tu blocchi la pubblicità, come dovrebbero campare?

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #25 il: 10 Apr 2011, 13:26 »
Konron ovviamente pessano malissimo dei videogiochi, in quanto sono codici proprietari venduti ad altissimo costo.

In teoria dovresti rendere, quando vendi il videogioco all'utente, anche il suo codice sorgente.

Io ovviamente non arrivo alle sue posizioni, mi basterebbe che sistema operativo, e librerie  fossero open, poi se ci fai sw chiuso e lo vendi,
lo posso pure accettare, quello sarebbe gia' un passo avanti micidiale, ovvero la larga diffusione di so e librerie open, pure se paradossalmente
tutti gli applicativi di alto livello e professionali fossero proprietari.

La pubblicità di per se, non e' sbagliata, a me non piace, chiaro, ma quello che piace molto meno e' la pubblicita tipo adsense, cioe' basata
su dati sensibili.

Che e', ovviamente l'unica che gli interessa, io per me mi faccio merito di non cliccare mai, MAI su pubblicita' google.
Se vedo una cosa che potrebbe interessarmi comunque non ci clicco, apro una tab e vado da solo.
<br /><br />Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #26 il: 10 Apr 2011, 13:38 »
Ma se una persona non clicca mai su adsense, google ci guadagna comunque qualcosa o no?
Cioè se io so di non cliccare mai perché ormai per me i banner sono invisibili, a google cambia qualcosa se blocco proprio il dominio con noscript?

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Privacy online e cloud computing
« Risposta #27 il: 10 Apr 2011, 13:43 »
Spero di no.
<br /><br />Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #28 il: 10 Apr 2011, 13:46 »
Daimon tu cosa usi per la privacy online? sto provando noscript ed è più user friendly dall'ultima volta che l'ho provato, sembra figo :)
Più che per la privacy però è utile per allegerire le pagine web

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Privacy online e cloud computing
« Risposta #29 il: 10 Apr 2011, 14:16 »
Daimon prova pure questi DNS: http://www.fooldns.com/fooldns-community/ (guarda il video prima)

 

Loading...