Autore Topic: I bei tempi che furono  (Letto 17668 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline xmusu

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.134
    • E-mail
I bei tempi che furono
« il: 10 Feb 2003, 19:16 »
Non saprei sinceramente come esordire. Per chi ama i videogiochi e vive ogni gioco con l'entusiasmo di un ragazzino emozionato davanti a una nuova esperienza ludica, la presunta morte di Super Console e' un colpo duro, durissimo.
In questi anni ho avuto fin troppe delusioni in questo versante. Ricordo quando non trovai piu' Videogiochi (del futuro Studio Vit) in edicola nel 1986. Che delusione sapere che non c'era piu', pero' almeno era arrivato Zzap!, rivista che catalizzo' l'attenzione di tutta Italia.
Ma anche per Zzap! arrivo' il momento della fine. La fine di un computer storico, la fine di una rivista storica.
Ma chiodo scaccia chiodo, e dopo Zzap! ci fuorono Zeta e K. E ogni volta fu delusione.
Accidenti, ho 30 anni, non sono piu' un ragazzino, pero' la mia passione e' sempre fervida, e non nascondo che, quando ho saputo della notizia, ci sono rimasto, molto male.
Seguivo Super Console da tempo immemore. Ogni tanto mi rileggo i numeri in cui vi erano contenute le primissime recensioni dei titoli PSX. Bei tempi quelli: PSX ha innalzato notevolmente la concezione del videogioco in italia e nel mondo, e bene o male anche voi avete fatto parte del gioco.
Ricordo ancora con emozione quando aspettavo con ansia di leggere le vostre opinioni nell'epoca d'oro della Playstation (personalmente lo fisso nel 1998).
Ma a tutti pro corrispondono anche dei contro, e in edicola si sono visti i risultati. Nel giro di un paio di anni le edicole sono state subissate di riviste meteore ed e' stato cosi' che la qualita' dovette cedere alla quantita'.

Ma chi se ne intendeva sapeva cosa prendere.

Adesso sarebbe ingiusto parlare dei se, pero' mi chiedo perche' avete aperto questo forum solo adesso: quanti spunti, quante idee, quante persone avreste attratto con il forum ufficiale di SPC?

Perche' non trasformare SPC in una rivista multiformato?

Perche' rovinare gli anni stupendi della transizione dal mondo dei 32 ai 128 bit con quelle polemiche che lasciavano il tempo che trovavano?
Non nascondo che in quel periodo non mi siete stati molto simpatici, perche' un amante dei videogiochi ama l'esperienza e non il marchio.
Ma sono cose che comunque si dimenticano.

Personalmente sono convinto che sicuramente tornerete nell'ambito cartaceo, cosi' come e' capitato ai grossi gruppi affiatati, e voi lo sembrate.
Grazie per quei cento numeri. E ora datevi da fare: The First Place e' l'inizio, pero' io pretendo di rivedervi tutti in edicola quanto prima.

Gianluca Musumeci aka MASTER
Nickname: MASTER (dal 1993 su Usenet), EcstaticaX (Warcraft III, Xbox Live)
*Playing: Warcraft IIIFT, Far Cry (PC), Ninja Gaiden, Rainbow Six 3 (Xbox) *Profondo appassionato di emulatori *Vuole parlare solo di VG

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #1 il: 10 Feb 2003, 19:48 »
Ciao Gianluca,

purtroppo gli eventi nella società attuale sono sempre più complessi e imprevedibili. Accade sempre più frequentemente che i prodotti di qualità non vengano riconosciuti come tali dalla cosiddetta massa, e avviene anche che prodotti ben confezionati e dal buon riscontro di vendite vedano terminare la propria avventura per motivi indipendenti dalla propria volontà. E'la triste legge dell'ingnoranza e della spinta estrema al consumismo che domina la società attuale, e che porta ad eccessi capitalistici altamente distruttivi.

Purtroppo l'entusiasmo che contagia tutti noi è seriamente minacciato dalla selvaggia logica capitalistica alla base del "prodotto videogioco". Se hai seguito la mia rubrica "Game Development" avrai sicuramente notato numerosi spunti polemici sulla trasformazione del prodotto videogioco in un bene di massa che, in quanto tale, deve soddisfare un pubblico talmente vasto ed eterogeneo da non poter mantenere standard elevati di esperienza ludica, che richiedono uno studio e una pianificazione inaccessibile anche a realtà produttive di media entità.

Ciò si estende anche al mondo di "contorno" che accompagna l'universo videoludico. Per ogni persona che comprava Super Console in edicola per i suoi (a mio avviso) validi contenuti, ce n'erano altre che preferivano determinate testate "picchè dinto ce sta 'u ciddì cu lu demo di giochi". Per non parlare del fenomeno delle riviste "trash", da te chiaramente stigmatizzato. Purtroppo il tipico niubbo finiva spesso nelle ragnatele di tale spazzatura mediatica, restando invischiato in uno scrigno di mediocrità che man mano provocava un'assuefazione verso il basso del suo livello di gusto, come è avvenuto in TV dall'avvento dei canali commerciali nazionali.

Per quanto riguarda le polemiche relative alla transizione 32->128 bit, penso che si trattasse di un fenomeno difensivo dovuto all'aggressione selvaggia ricevuta da PS2 nei giorni del suo esordio. Si sapeva che il monolito fosse una macchina ostica da programmare, e nonostante ciò l'intera comunità Dreamcast si scagliò contro la macchina di casa Sony con un'aggressività mai vista dai tempi delle diatribe C64-Spectrum. PS2 fu definita come un pacco, un bidone, un "obbrobbrio tutto scalette e flickering" e ridicolizzata nei confronti di una macchina come Dreamcast, dotata di alcuni titoli di indiscutibile qualità, ma anche di un hardware decisamente obsoleto sin dalla sua uscita. Appena è stato possibile sfruttare PS2 decentemente (il primo devkit non consentiva di sfruttare la macchina neppure al 10%, e non forniva strumenti per l'eliminazione delle fastidiose scalette di aliasing), la nera console ha fatto vedere tecnicamente di cosa è capace. Attualmente, nonstante la presunta superiorità hw di Xbox sventagliata da Microsoft, i titoli PS2 ben programmati non hanno nulla da invidiare a quelli della macchina di Redmond, anzi. Mi è bastato far vedere un gioco come WRC2 a un possessore di Xbox per convincerlo della potenza bruta di PS2. Da quel giorno la sua copia di Project Gotham ha accumulato centimetri di polvere.

Spero vivamente che il tuo augurio editoriale si concretizzi. Penso che Super meriti un'edizione degna delle sue possibilità e della passione dei collaboratori tutti.

Ciao
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline Sandman

  • Avviato
  • *
  • Post: 416
I bei tempi che furono
« Risposta #2 il: 10 Feb 2003, 20:35 »
Citazione da: "Adriano_Avecone"

Per quanto riguarda le polemiche relative alla transizione 32->128 bit, penso che si trattasse di un fenomeno difensivo dovuto all'aggressione selvaggia ricevuta da PS2 nei giorni del suo esordio.


Mmmm...sinceramente non ci vedo niente di anormale nel fatto che i possessori di DC si scagliassero contro PS2 in quei giorni. E' una semplice guerra dei formati come la si e' vista anche in passato...si espande il mercato e si espande anche lo scontro in maniera conseguenziale. Il problema e' che i motivi di critica alla PS2 c'erano veramente proprio per la pochezza dei primi titoli. Se escludiamo quel tipo di pionieri che comunque comprano la nuova console in quanto nuovo hardware giusto per averlo o la gente presa dall'hype la PS2 anche all'arrivo europeo non era una piattaforma, imho, non degna di essere acquistata. E' pacifico che i titoloni sarebbero arrivati, ma in quel presente era inutile vedere pregi che non c'erano. Sinceramente giocare un nuovo FF su PS2 attirava, ma Square nel frattempo ci ha messo del suo per far uscire una serie di titoli indegni e completamente fuori luogo che, almeno per giustizia divina, si sono rivelati anche dei fiaschi commerciali. Il problema in tutto cio' era leggere sulle riviste che "Street Fighter EX 3 dalle prime immagini e' gia' superiore a Soul Calibur" o elogi folli in fase di preview a Driving Emotion Type S quando, soprattutto in fase di anteprima, la prudenza e' d'obbligo soprattutto di fronte a una software house che in precedenza aveva sfornato quell'obbrobrio su 4 ruote di Racing Lagoon. Ma il problema forse era che queste cose le leggevo proprio su Super Console e fu per questo che smisi di leggerla. La guerra dei formati sara' sempre una realta' perche' nasce sia dall'umano bisogno di confrontarsi e confrontare le proprie scelte con gli altri sia dalla voglia di essere parte di qualcosa.

Si e' parlato di comunita' di utenti Dreamcast e di utenti PS2 e, sullo stesso tono, si parla degli acquirenti di Xbox e GC. Personalmente la trovo una distinzione stupida, comprare una PS2 non mi rende parte di niente perche' rimango sempre io con le mie idee in evoluzione e in confronto con gli altri. Puoi essere parte di un gruppo di amici, ma quello ha senso in quanto e' un legame affettivo con delle persone e comunque si mantiene una propria individualita'. Parlando di pareri personali posso dire che ora come ora il GC lo uso pochissimo e non comprerei MAI un Xbox ne' con i titoli di adesso ne' cone quelli annunciati. Tuttavia c'e' gente che apprezza i giochi che non suscitano il mio interesse e in ambito giornalistico hanno tutto il diritto di essere trattati. Il multiformato e' una scelta spinosa per motivi editoriali, ma sul fronte della trattazione del mercato delle console e' ovviamente la scelta piu' completa. Detto questo anche una rivista dedicata ad un'unica console puo' essere valida, ma le preferenze non devono essere espresse nettamente in quanto l'obbiettivo dovrebbe essere fornire materiale di riflessione e informazioni al lettore e non forzare un punto di vista. Poi si puo' discutere tranquillamente nella posta o nel forum, ma di fronte ad articoli come quelli sopracitati non possono che cascarmi le braccia.

Cmq avrei comprato un Super Console multiformato, questo e' certo.
lessandro "Sandman" Casini
--

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #3 il: 10 Feb 2003, 20:49 »
Citazione
Il problema e' che i motivi di critica alla PS2 c'erano veramente proprio per la pochezza dei primi titoli. Se escludiamo quel tipo di pionieri che comunque comprano la nuova console in quanto nuovo hardware giusto per averlo o la gente presa dall'hype la PS2 anche all'arrivo europeo non era una piattaforma, imho, non degna di essere acquistata.


Indubbio. Ma già dopo poco tempo dall'uscita PAL erano disponibili titoli più che dignitosi.

Citazione
Il problema in tutto cio' era leggere sulle riviste che "Street Fighter EX 3 dalle prime immagini e' gia' superiore a Soul Calibur" o elogi folli in fase di preview a Driving Emotion Type S quando, soprattutto in fase di anteprima, la prudenza e' d'obbligo soprattutto di fronte a una software house che in precedenza aveva sfornato quell'obbrobrio su 4 ruote di Racing Lagoon.


Mi sembra però che i titoli da te citati abbiano ricevuto un trattamento ben diverso in fase di recensione.

Citazione
Si e' parlato di comunita' di utenti Dreamcast e di utenti PS2 e, sullo stesso tono, si parla degli acquirenti di Xbox e GC. Personalmente la trovo una distinzione stupida, comprare una PS2 non mi rende parte di niente perche' rimango sempre io con le mie idee in evoluzione e in confronto con gli altri.


Però converrai che l'acquisto di un prodotto denota una scelta precisa, che a causa del non irrisorio esborso economico deve per forza di cose risultare come derivante da forte motivazione. Ciò porta naturalmente a un'esaltazione spesso irrazionale del proprio acquisto, che nel caso dei videogiochi spinge a parteggiare per la propria "meraviglia".

Citazione
Parlando di pareri personali posso dire che ora come ora il GC lo uso pochissimo e non comprerei MAI un Xbox ne' con i titoli di adesso ne' cone quelli annunciati.


Concordo. Dopo l'entusiasmo iniziale, la mia passione per il Cubo è svanita a causa dell'atavica carenza di titoli. Spero che con Zelda TWW e Resident Evil 0 tale passione si riattivi.

Citazione
Detto questo anche una rivista dedicata ad un'unica console puo' essere valida, ma le preferenze non devono essere espresse nettamente in quanto l'obbiettivo dovrebbe essere fornire materiale di riflessione e informazioni al lettore e non forzare un punto di vista. Poi si puo' discutere tranquillamente nella posta o nel forum, ma di fronte ad articoli come quelli sopracitati non possono che cascarmi le braccia.


Beh, secondo me è la recensione il fattore di giudizio definitivo da considerare. per cui non condivido la tua critica sulle preview che, proprio per la loro natura fugace, sono soggette a interpretazioni inesatte. Concordo invece con la tua affermazione sull'oggettività da mantenere in fase di preview.

Citazione
Cmq avrei comprato un Super Console multiformato, questo e' certo.


Purtroppo sei arrivato tardi.... :(
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline alebove

  • Iniziato
  • Post: 87
I bei tempi che furono
« Risposta #4 il: 10 Feb 2003, 20:55 »
Citazione da: "Adriano_Avecone"
PS2 fu definita come un pacco, un bidone, un "obbrobbrio tutto scalette e flickering" e ridicolizzata nei confronti di una macchina come Dreamcast, dotata di alcuni titoli di indiscutibile qualità, ma anche di un hardware decisamente obsoleto sin dalla sua uscita.


??[/b]

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.279
  • Pupo
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #5 il: 10 Feb 2003, 21:00 »
Citazione da: "Adriano_Avecone"
Bla bla bla su Ps2...

Ho "ristretto" un po' il tuo pensiero...  :D
Vorrei chiederti un parere: Ps2 mi è sempre sembrata "contradditoria"... Spiego perchè... Al lancio doveva spaccare tutto e le buscava dal Dramcast, probabilmente perchè ancora poco sfruttabile o chissà per cos'altro. Adesso che doveva sparire demolita dalla potenza di Xbox fa ancora la sua porca figura... Tu che ne pensi?

Offline Sandman

  • Avviato
  • *
  • Post: 416
I bei tempi che furono
« Risposta #6 il: 10 Feb 2003, 21:04 »
Citazione da: "Adriano_Avecone"
Citazione

Beh, secondo me è la recensione il fattore di giudizio definitivo da considerare. per cui non condivido la tua critica sulle preview che, proprio per la loro natura fugace, sono soggette a interpretazioni inesatte. Concordo invece con la tua affermazione sull'oggettività da mantenere in fase di preview.



Il problema di quei passaggi e' che tale oggettivita' non si e' mantenuta. Per esempio un pezzo sui dettagli di SFEX 3 si poteva tranquillamente scrivere dicendo se non altro che in foto risultava bene piuttosto che fare una sparata come quella...pesante peraltro se teniamo di conto i precedenti dell'ARIKA. Che poi le preview portino ad affermazioni inesatte e' noto e molto spesso non e' colpa neanche dell'articolista visto che puo' anche capitare che la stessa sofware house cambi alcuni dettagli o elimini caratteristiche annunciate in precedenza per vari motivi. Cmq la questione  fondamentale nel discorso era appunto quello dell'oggettiva'. Imho i titoli lancio europei alcuni erano dignitosi, ma ancora non si avvertiva la necessita' del salto da PSX a PS2. In quel periodo piuttosto giocavo molto con il Dreamcast che offriva giochi piu' interessanti. Per quel che riguarda l'esaltazione per l'acquisto si tratta di una cosa che ,fino a un certo punto, e' buona anche perche' comprare un videogioco che poi ci piace e rimanere tiepidi e' un po' assurdo. Diventa eccessivo quando sconfina nella tifoseria...in quel caso quando si arriva a discutere con altre persone si rischia di non riuscire neanche a costruirci un dialogo. Ci vuole insomma un minimo di distacco, altrimenti si rischia di essere travolti dalle proprie convinzioni. Aggiungo che la parte dialettica attorno ai videogiochi e al mercato in generale e' un'ottima cosa anche quando si e' in disaccordo con altri. E' un peccato sprecarla perche' si e' presi come un'ultra' della curva sud.
lessandro "Sandman" Casini
--

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #7 il: 10 Feb 2003, 21:05 »
Citazione da: "alebove"
Citazione da: "Adriano_Avecone"
PS2 fu definita come un pacco, un bidone, un "obbrobbrio tutto scalette e flickering" e ridicolizzata nei confronti di una macchina come Dreamcast, dotata di alcuni titoli di indiscutibile qualità, ma anche di un hardware decisamente obsoleto sin dalla sua uscita.


??[/b]


Il problema di DC è stato commerciale e cronologico. Trascurando l'aspetto marketing, in cui Sega non è mai stata una cima, uno dei problemi principali della bianca console consisteva nello scarso avanzamento tecnologico apportato alla scena nel momento della sua uscita. Per dominare il mondo, Sega avrebbe dovuto commercializzare Dreamcast un anno e mezzo prima dell'uscita reale, e allora non ci sarebbe stata partita. Poco tempo dopo l'uscita europea PS2 era già realtà con i suoi 20 mln di poligoni al secondo, si vociferava con forza sul Dolphin (purtroppo rinominato in GameCube) col suo processore Gekko IBM da 400 mhz, e Bill Gates aveva già annunciato la sua console. Anche se estremamente superiore alle console all'epoca disponibili (PSX e N64), Dreamcast non offriva caratteristiche hardware sufficienti per contrastare per lungo tempo la successiva ondata di console a 128 bit. Se poi aggiungiamo i grossolani errori di Sega nel campo del marketing e una certa sfiducia preconcetta degli sviluppatori (già scottati dalla pochezza del Saturn), si evince che il futuro di Dreamcast era già segnato alla nascita.

Ciao!
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline Sandman

  • Avviato
  • *
  • Post: 416
I bei tempi che furono
« Risposta #8 il: 10 Feb 2003, 21:10 »
Citazione da: "Adriano_Avecone"
Per dominare il mondo, Sega avrebbe dovuto commercializzare Dreamcast un anno e mezzo prima dell'uscita reale, e allora non ci sarebbe stata partita. A.A.



Non penso. La tecnologia da sola non basta e Sega risentiva ancora del disastro del Saturn che era stata una vera e propria ferita mortale. Con il Dreamcast poteva solo puntare a farsi una nicchia prima dell'arrivo della PS2 indipendentemente dalla validita' della macchina della ex grande S. Ci hanno provato...hanno fatto alcune cose giuste e le solite baggianate di marketing e alla fine non hanno retto. Anche se il Dreamcast fosse stato molto piu' potente non sarebbe cambiato il suo destino...era la cpu dei capocchia del marketing Sega da upgradare...
lessandro "Sandman" Casini
--

Offline alebove

  • Iniziato
  • Post: 87
I bei tempi che furono
« Risposta #9 il: 10 Feb 2003, 21:14 »
Citazione
Il problema di DC è stato commerciale e cronologico. Trascurando l'aspetto marketing, in cui Sega non è mai stata una cima, uno dei problemi principali della bianca console consisteva nello scarso avanzamento tecnologico apportato alla scena nel momento della sua uscita. Per dominare il mondo, Sega avrebbe dovuto commercializzare Dreamcast un anno e mezzo prima dell'uscita reale, e allora non ci sarebbe stata partita. Poco tempo dopo l'uscita europea PS2 era già realtà con i suoi 20 mln di poligoni al secondo, si vociferava con forza sul Dolphin (purtroppo rinominato in GameCube) col suo processore Gekko IBM da 400 mhz, e Bill Gates aveva già annunciato la sua console. Anche se estremamente superiore alle console all'epoca disponibili (PSX e N64), Dreamcast non offriva caratteristiche hardware sufficienti per contrastare per lungo tempo la successiva ondata di console a 128 bit. Se poi aggiungiamo i grossolani errori di Sega nel campo del marketing e una certa sfiducia preconcetta degli sviluppatori (già scottati dalla pochezza del Saturn), si evince che il futuro di Dreamcast era già segnato alla nascita.

Ciao!
A.A.


dal p.d.v. del marketing ecc non ci sono dubbi sulle colpe di sega, dal p.d.v. tecnologico invece, senza guardare a quello che sarebbe uscito in futuro e numeri sulla carta (perchè le prime performances di ps2 si sono dimostrate -per i motivi che conosciamo- alquanto inferiori a quanto ci si aspettava) io so solo che nell'estate del 99 sul dc ci girava un certo soulcalibur, e negli ultimi giorni del 99 shenmue, la cui presentazione (il filmato introduttivo) in real time lascia pochi dubbi sul valore dell'hardware della macchina.

ciauu :)[/quote]

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #10 il: 10 Feb 2003, 21:18 »
Citazione da: "atchoo"
Citazione da: "Adriano_Avecone"
Bla bla bla su Ps2...

Ho "ristretto" un po' il tuo pensiero...  :D
Vorrei chiederti un parere: Ps2 mi è sempre sembrata "contradditoria"... Spiego perchè... Al lancio doveva spaccare tutto e le buscava dal Dramcast, probabilmente perchè ancora poco sfruttabile o chissà per cos'altro. Adesso che doveva sparire demolita dalla potenza di Xbox fa ancora la sua porca figura... Tu che ne pensi?


Ps2 è una macchina dall'architettura molto complessa e innovativa, fattori che implicano una notevole difficoltà "concettuale" degli sviluppatori, abituati a strutture di sistema più lineari. Al lancio, anche a causa dei primi devkit al limite dell'osceno diffusi da Sony, pochissimi erano in grado di sfruttarla decentemente, ed ecco i vari SFEX3 e RRV (per quanto riguarda il fattore tecnico). Man mano che il tempo passava e le nuove versioni dei devkit venivano fuori è stato ovviamente possibile sfruttare la macchina come si deve, anche se ancor oggi siamo abbondantemente al di sotto delle possibilità di PS2. Il fatto che oggi i titoli PS2 reggano benissimo il confronto con quelli Xbox è dovuto principalmente a una situazione operativa "inversa" rispetto a quella dello scontro DC<->PS2. Ps2 (come DC allora) è adesso "compresa" molto meglio rispetto al passato (grazie anche a middleware come Renderware) mentre Xbox è ancora all'inizio della sua parabola.

Ciao!
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline Luv3Kar

  • Moderatore
  • Eroe
  • *********
  • Post: 15.868
    • Orizzonti Virtuali
Re: I bei tempi che furono
« Risposta #11 il: 10 Feb 2003, 21:22 »
Citazione da: "xmusu"
Non saprei sinceramente come esordire... [CUT]


xmusu puoi ridurre il tuo avatar? Oltre a eccedere i limiti stabiliti dal regolamento, appesantisce la lettura del thread a chi ha connessioni lente.

grazie

Max

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #12 il: 10 Feb 2003, 21:22 »
Citazione
Il problema di quei passaggi e' che tale oggettivita' non si e' mantenuta. Per esempio un pezzo sui dettagli di SFEX 3 si poteva tranquillamente scrivere dicendo se non altro che in foto risultava bene piuttosto che fare una sparata come quella...pesante peraltro se teniamo di conto i precedenti dell'ARIKA. Che poi le preview portino ad affermazioni inesatte e' noto e molto spesso non e' colpa neanche dell'articolista visto che puo' anche capitare che la stessa sofware house cambi alcuni dettagli o elimini caratteristiche annunciate in precedenza per vari motivi. Cmq la questione  fondamentale nel discorso era appunto quello dell'oggettiva'.


Diciamo che anche l'entusiasmo nei confronti della nuova creatura ha contribuito alla cosa  :D

Citazione
Imho i titoli lancio europei alcuni erano dignitosi, ma ancora non si avvertiva la necessita' del salto da PSX a PS2. In quel periodo piuttosto giocavo molto con il Dreamcast che offriva giochi piu' interessanti.


Concordo. Ma il DC era un hw ormai giunto al capolinea (Shenmue), mentre PS2 era un bimbo in fasce. Sta di fatto che prima dell'uscita di Winning Eleven 5 secondo me era possibile evitare l'acquisto di PS2.

Citazione
Per quel che riguarda l'esaltazione per l'acquisto si tratta di una cosa che ,fino a un certo punto, e' buona anche perche' comprare un videogioco che poi ci piace e rimanere tiepidi e' un po' assurdo. Diventa eccessivo quando sconfina nella tifoseria...in quel caso quando si arriva a discutere con altre persone si rischia di non riuscire neanche a costruirci un dialogo. Ci vuole insomma un minimo di distacco, altrimenti si rischia di essere travolti dalle proprie convinzioni.


Concordo pienamente. Però c'è da registrare una notevole propensione popolare in tal senso. E ciò è male a mio avviso.

Citazione
Aggiungo che la parte dialettica attorno ai videogiochi e al mercato in generale e' un'ottima cosa anche quando si e' in disaccordo con altri. E' un peccato sprecarla perche' si e' presi come un'ultra' della curva sud.


Concordo pienamente.

Ciao!
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #13 il: 10 Feb 2003, 21:27 »
Citazione
Non penso. La tecnologia da sola non basta e Sega risentiva ancora del disastro del Saturn che era stata una vera e propria ferita mortale. Con il Dreamcast poteva solo puntare a farsi una nicchia prima dell'arrivo della PS2 indipendentemente dalla validita' della macchina della ex grande S.


Io penso invece che Sega puntasse a creare una base di utenza sufficientemente grande in modo da tagliare le gambe alla next playstation. E per fare ciò si è affidata al collaudato hw derivante da Naomi, che però era arrivato al suo limite. E qui ha sbagliato.

Citazione
Ci hanno provato...hanno fatto alcune cose giuste e le solite baggianate di marketing e alla fine non hanno retto. Anche se il Dreamcast fosse stato molto piu' potente non sarebbe cambiato il suo destino...era la cpu dei capocchia del marketing Sega da upgradare...


ROTFL!  :D CMQ il marketing è il motivo principale, ma anche le capacità hw. Purtroppo per Sega, PS2, Cube e Xbox erano troppo avanti per il DC.

Ciao!
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

Offline A.A.

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.967
    • http://www.adrianoavecone.com
    • E-mail
I bei tempi che furono
« Risposta #14 il: 10 Feb 2003, 21:28 »
Citazione
dal p.d.v. del marketing ecc non ci sono dubbi sulle colpe di sega, dal p.d.v. tecnologico invece, senza guardare a quello che sarebbe uscito in futuro e numeri sulla carta (perchè le prime performances di ps2 si sono dimostrate -per i motivi che conosciamo- alquanto inferiori a quanto ci si aspettava) io so solo che nell'estate del 99 sul dc ci girava un certo soulcalibur, e negli ultimi giorni del 99 shenmue, la cui presentazione (il filmato introduttivo) in real time lascia pochi dubbi sul valore dell'hardware della macchina.


In quel momento storico sì. Ma se vedi oggi Shenmue2 (già evoluto rispetto al primo) su Xbox ti renderai conto dell'obsolescenza tecnologica del codice DC. E Shenmue spremeva DC all'inverosimile.

Ciao!
A.A.
nline:CapaRezza
Now Playing: Winning Eleven 8,Silent Hill 4 PS2 Top Spin, TOCA RD2, Ninja Gaiden, Panzer Dragoon ORTA XBOX FireEmblem,CastlevaniaCOTM GBA Castlevania SOTN, Einhander, FFVII PSOne [img]http://im

 

Loading...