Autore Topic: [PC] Red Orchestra Ostfront 41-45  (Letto 5502 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Darrosquall

  • Reduce
  • ********
  • Post: 21.727
  • Vivo a 60 frame
    • E-mail
[PC] Red Orchestra Ostfront 41-45
« il: 19 Giu 2009, 23:00 »


Sei rimasto solo a difendere il villaggio al sud, tutti i tuoi compagni sono in avanzata per conquistare un altro punto strategico, e porre fine alla battaglia. Ma non sai quello che può accadere, un soldato tedesco potrebbe provare a strisciare,senza farsi vedere,e portare conseguenze disastrose. D'altronde l'operazione deve essere chiusa in fretta, ha fatto bene il comandante a richiamare tutti per avanzare coi carri, e non permettere all'esercito del male di farla franca. Strelok, sei solo, appoggiato ad una finestra, la zona che puoi coprire è vasta. Dall'altra parte del fiume c'è l'inferno, è la guerra, e tu la osservi mentre ti scorre nel sangue. Sei affaticato, ferito, ti trema la mano e tenere la mira non è facile, ma la tua patria richiede il tuo sacrificio. Nessuna esitazione, sennò sei morto. La divisa kaki tedesca non inganna i tuoi occhi, non è un compagno. Fallo fuori, lui non ti vede; avanza, strisciando, ma avanza, for the win.
Siamo fuori tempo massimo, è stato annunciato red orchestra 2, killing floor è fuori da qualche mese, ma red orchestra rimane lì, tra i più giocati in ambiente Steam. Il perchè è presto detto: situazioni del genere sono all'ordine del giorno; la guerra, volente o nolente, piace a tutti, i dati di vendita dei giochi based on stanno lì a testimonianza perpetua. Pochi però possono vantare il realismo e la bellezza artistica di Red Orchestra, opera prima dei Tripwire Interactive. Svestire i panni del multiplayer di call of duty, per calarsi completamente in mezzo alle truppe russe o tedesche, può essere traumatico: nessun mirino, indicatore di stanchezza che sale precipitosamente, lentezza nel muoversi. D'altronde, siamo soldati con fucili pesanti in mano, granate, elmetti. Non ci chiamiamo Asafa Powell. Approcciarsi a questo gioco, può significare anche non sparare un colpo per 5 minuti. Strisciare per centinaia di metri, cercare una copertura, e non avere possibilità di muoversi; metti l'elmetto in vista,e sei carne per corvi. La strategia in ambienti che prevedono 50 player giocanti, è essenziale, e l'equilibrio delle classi, e lì a testimoniarlo. Last but not least, i danni sono localizzati, e nel menù di gioco apparirà la parte del corpo ferita. Essere colpiti alle gambe gravemente, si traduce nel più classico dei soldati con l'ultimo caricatore da sparare su qualsiasi cosa si muove, dalla sua posizione coperta. Un braccio ferito renderà ancora più difficoltoso mantenere fermo il fucile, per una precisione ancora più scarsa. Tecnicamente il gioco è artisticamente ricercato, mappe eccezionali, ma si basa sul vecchio unreal 2 che mostra tutti i suoi anni. Giocatissimo ancora oggi, veramente completo con la presenza di mezzi corazzati su cui posizionarsi, chi alla guida, chi come passeggero, chi alla gun, Red Orchestra fa del realismo la sua arma, a differenza di giochi multiplayer oriented più conosciuti che ci mettono nei panni di superman instancabili. Total Warfare.


Distribuzione: Steam 14,99 euro
Video gameplay http://www.youtube.com/watch?v=bSBotts-xQ0
Trailer ufficiale
Darkest hour, mod gratuita http://www.youtube.com/watch?v=VIu-qNYeFIc
www.myplay.it
Un sito di appassionati, come voi, di viggì e giochi