Autore Topic: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte  (Letto 122502 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.101
  • Gnam!
    • E-mail
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2145 il: 22 Nov 2019, 10:50 »
mi rispondo da solo, sia USA che USSR supportavano Saddam

--

Intanto in Iran: TFP Link :: https://www.ilpost.it/2019/11/21/iran-internet/ e confermo totale problema nei giorni scorsi, con mia collaboratrice che doveva andare all'ambasciata di Cipro per poter comunicare.

Che sarà successo nei giorni "oscurati"?

Offline J VR

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.481
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2146 il: 03 Gen 2020, 14:47 »
La Democrazia è di nuovo salva. 8)
Il Mondo un po meno.
TOO-TOO-TOO-TOOREALLY

Offline BombAtomicA

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.167
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2147 il: 04 Gen 2020, 20:33 »
Mi piacerebbe sentire Gunny su questa situazione, dato che lo reputo uno che "ne sa" e parla sempre in maniera chiara e oggettiva. E' vero che fondamentalmente Trump ha ordinato l'attacco per sviare l'attenzione sui suoi problemi di impeachment in America, o c'è dell'altro, tipo leggevo che l'Iran avrebbe da poco scoperto un giacimento di petrolio da svariati miliardi di dollari.
Non discutere mai con un idiota; prima fa scendere la discussione al suo livello, poi ti batte con l'esperienza.
Nel mentre ti fa sembrare come lui.

Offline Gunny

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.563
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2148 il: 04 Gen 2020, 23:48 »
Mi piacerebbe sentire Gunny su questa situazione, dato che lo reputo uno che "ne sa" e parla sempre in maniera chiara e oggettiva. E' vero che fondamentalmente Trump ha ordinato l'attacco per sviare l'attenzione sui suoi problemi di impeachment in America, o c'è dell'altro, tipo leggevo che l'Iran avrebbe da poco scoperto un giacimento di petrolio da svariati miliardi di dollari.

Eccomi!

Il petrolio non c'entra. Gli USA sono ormai tornati il primo produttore mondiale e quel giacimento vale un decimo della propria produzione interna (promette di aumentare del 30% quella iraniana, che è di 4m bbl/gg contro i 15m americani).

Ancora più a monte: gli USA non sono semplicemente in grado di invadere l'Iran, oggi. Lo sarebbero solo se accettassero di passare ad una vera e propria economia di guerra e a fronte di perdite mai più viste dopo la seconda guerra mondiale, uno sforzo che li lascerebbe forse stremati come superpotenza, in modo simile a come la Grande Guerra ha spezzato la schiena all'Impero Britannico, che pur formalmente l'ha vinta.

In generale: obiettivo pluridecennale degli Stati Uniti (dal 1979 in avanti) è impedire la formazione di una fascia di predominio iraniano/sciita che vada da Teheran al Mediterraneo, passando per Iraq sciita, Siria e Libano/Hezbollah. Progetto che, proprio grazie a Soleimani, è oggi più vicino alla realizzazione pratica di quanto non fosse mai stato in passato. Su questo fronte gli americani hanno giocato molto sulla difensiva in anni recenti, vista la necessità di effettuare il loro "pivot to asia".

Ci sono due possibilità secondo me: o c'è stata una valutazione condivisa almeno da correnti dell'amministrazione USA secondo cui il tempo della prudenza è finito ed evitare rischi non consente comunque di conservare la loro posizione, oppure c'è stata una "fuga in avanti" del nostro Donald per ragioni di popolarità e il deep state non è intervenuto in tempo per fermarlo.
Sembrandomi inverosimile la seconda ipotesi (non perché non creda che Trump sia abbastanza coglione da farlo, ma perché non credo che il deep state sia così sprovveduto da lasciarglielo fare), la mia sensazione è che gli USA abbiano deciso di innalzare consciamente il livello dello scontro per tracciare una linea sulla sabbia e chiarire all'Iran che non gli consegneranno l'Iraq tanto facilmente, sensazione che forse Teheran aveva avuto vedendo gli USA concentrarsi sulla Cina. In tal senso vanno letti i recenti rinforzi al dispositivo militare USA nella regione.
Gli ingredienti ci sono tutti per uno stato di "guerra tiepida" sine die tra Iran e USA+UAE, con l'Iraq a rivestire l'ingrato ruolo di oggetto della contesa. E se ciò assorbirà più risorse di quanto Washington preveda, a Pechino molto sorrideranno.
« Ultima modifica: 04 Gen 2020, 23:51 da Gunny »

Offline Gunny

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.563
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2149 il: 05 Gen 2020, 00:24 »
Piccola aggiunta: come dicevo, gli USA sono tornati il primo produttore mondiale di petrolio grazie allo shale oil. Se per difendere il "loro" turf mediorientale dalle mire Iraniane (e, indirettamente, russe e cinesi) il prezzo da pagare è alzare il prezzo del petrolio altrui, tutto sommato, what's not to like?

Offline Level MD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.875
  • May the Dark shine your way
    • MegaTen Italia

Offline J VR

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.481
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2151 il: 05 Gen 2020, 11:33 »
Io, dall'alto della mia piccola mentalità, tifo Iran tutta la vita.
Quello che sta facendo l'occidente in quelle zone è talmente criminale che mi viene difficile difendere tali scelte.
Dalla Libia all'Iraq fino ad arrivare alla Siria.
Gheddafi era uno stronzo e pace, ma se andava tolto di mezzo andava fatto moltissimi anni fa e non adesso che si era mezzo calmato.
Tra l'altro la Libia era un paese abbastanza ricco e tranquillo.
L'Iraq di Hussein uguale, adesso che si era chetato il baffone lanciamo una miccia e facciamo riesplodere la bomba.
In Siria Assad andava supportato non osteggiato, forse così facendo si sarebbe potuto evitare il proliferare di Daesh.
L'Afghanistan lasciamolo perdere che è storia nota.
E adesso l'Iran.
Tifo Iran non perché voglia la guerra, anzi voglio che tutti questi paesi che ingeriscono in questioni interne prendano una batosta talmente grossa che la prossima ci pensano due volte prima di causare morte e distruzione for free.
E dicono la democrazia, e ci lamentiamo degli attentati...
Quando ti fanno saltare la famiglia in maniera gratuita sfido chiunque a porgere l'altra guancia, poi se getti benzina sul fanatismo non è che aiuti.
Poi gli americani si lamentano tanto ma le sparatorie più cruente se le fanno da soli in casa comprandosi la pistola sotto casa. :D
Tra l'altro confinano con uno stato come il Messico che formalmente non è in guerra ma di fatto vedendo le statistiche dei morti ammazzati nelle guerre tra narcos lo è.
Ma aiutate loro no?
Il giorno che questo staterello sarà messo alle strette vedrete le atomiche volare a destra e sinistra.
Perché se c'è una cosa che la storia ci insegna è che niente dura per sempre, tutto prima o poi viene giù.
TOO-TOO-TOO-TOOREALLY

Offline Van

  • Navigato
  • **
  • Post: 775
    • E-mail
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2152 il: 05 Gen 2020, 12:49 »
Io sono per l'opzione termonucleare.

Offline Mr.Big

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.349
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2153 il: 05 Gen 2020, 17:46 »
Mi chiedo se il mondo non si sia infine stancato delle ingerenze di queste superpotenze della minchia ovunque.
-La Russia ti hackera le elezioni
-I cowboys ti ammazzano diretto coi droni perchè tanto si inventeranno un crimine
-La Cina ti cancella , ti interna, ti tortura e se sei fortunato ti fa il lavaggio del cervello, sennò ti usano come sacca di sangue

Cioè in quarant'anni ne hanno fatte veramente troppe, ci vorrebbe un manipolo di politici coi cabbasisi che sia in grado di creare un'Europa unita zittendo le ridicole merde sovraniste, in modo da poterci organizzare e rispondere di conseguenza.
Anzi, ci sarebbe voluto sto manipolo di politici perchè ormai è troppo tardi, c'era un momento in cui l'italiano (o il francese, o il tedesco, o che ne so) era in grado di ragionare o capire la gravità di certe situazioni, adesso ci ritroviamo con gente con la piscia nel cervello e che posta foto di gattini su facebook e contemporaneamente augura alla Boldrini le peggiori cose.

Offline BombAtomicA

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.167
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2154 il: 05 Gen 2020, 20:21 »
.....

Molto interessante, grazie mille!  :) Quindi ne verrà l'ennesima guerra di logoramento dove a farne le spese saranno i soliti poveracci. Salvo qualche gesto eclatante che spero onestamente non accada.
Non discutere mai con un idiota; prima fa scendere la discussione al suo livello, poi ti batte con l'esperienza.
Nel mentre ti fa sembrare come lui.

Offline Diegocuneo

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.845
    • Odio ed amo e me ne cruccio
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2155 il: 08 Gen 2020, 11:55 »
Di solito sento tutto questo come cose distante...le i missili di qualche ora fa mi danno davvero brutte vibrazioni
"Per il resto @Diegocuneo @Oberon e @DRZ gente a cui le donne dovrebbero darla di più!"  disse RUKO

Offline J VR

  • Generale
  • *****
  • Post: 3.481
Re: Tensioni Internazionali - Guerre all'orizzonte
« Risposta #2156 il: 08 Gen 2020, 18:31 »
Che bluff! :D
TOO-TOO-TOO-TOOREALLY