Autore Topic: [XBLA] Braid  (Letto 2349 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Stay Black

  • TFP Service
  • Condottiero
  • *****
  • Post: 5.591
[XBLA] Braid
« il: 11 Ago 2008, 11:11 »
Vestito di colori, musiche malinconiche, livelli di parallasse e un'impostazione da platform game, Braid strizza l'occhio ai tanti nostalgici dei tempi d'oro a 16 bit. In molti hanno notato Braid perchè il suo look trasuda Amiga da tutti i pori, ma classificarlo superficialmente come un revival del tempo che fu sarebbe un errore imperdonabile.
Già, perchè i rimandi ai grandi classici Amiga sono tanto vigorosi quanto confinati ai soli aspetti sensoriali. Addentrandosi in uno dei 5 mondi accessibili da subito, basteranno pochi minuti affinchè la cristallina genialità del titolo sorprenda il giocatore con ripetuto vigore, stanza dopo stanza, puzzle dopo puzzle. Quello che all'apparenza è un platform, è in realtà un sofisticato puzzle game che basa i suoi enigmi sulla capacità del protagonista di piegare il tempo a suo piacimento. Premendo l'apposito pulsante, è possibile riavvolgere il tempo senza limitazioni, fino al nostro ingresso in quella stanza. E' possibile eseguire quest'operazione con differenti velocità. Ma il gioco non si ferma qui, perchè le sue idee migliori si trovano a fare da contorno al controllo del tempo. Difficile fare esempi senza rovinare il gusto della scoperta, in quanto parte del divertimento è proprio capire le meccaniche del gioco. Per i più curiosi, porto il seguente esempio:
Spoiler (click to show/hide)

Inoltre ogni mondo dona al protagonista una speciale abilità, che aggiunge pepe ai puzzle, costringendo il giocatore a rivedere costantemente il suo modo di ragionare. La forza del titolo è tutta qui: ogni puzzle è una nuova sfida che cambia le carte in tavola: le regole per la risoluzione che pure erano valide un attimo prima, non lo sono più per i livelli successivi.
Il paragone con Portal da questo punto di vista è più che giustificato. Come Portal gioca brillantemente con lo spazio, Braid lo fa col tempo. Inoltre anche Portal ha un vestito tipico di un altro genere, il First Person Shooter, proprio come la vera anima di Braid si nasconde dietro un platform. Altro punto di contatto è la longevità: entrambi i titoli sono corti. Anche se alcuni puzzle sono decisamente ostici, il gioco non durerà più di qualche pomeriggio, lasciando al giocatore la sensazione di aver provato qualcosa di veramente diverso e la soddisfazione di aver risolto alcuni tra i puzzle più riusciti di sempre.
La modalità a tempo, che si sblocca una volta finito il gioco, farà la felicità dei giocatori a cui piace lo score-attack.
Gli achievement sono tutti legati al completamento del gioco, tranne uno dedicato all'appena citata modalità a tempo.
Qualcuno si è lamentato del prezzo troppo alto, ma forse c'è da preoccuparsi più per un possibile aumento del prezzo medio dei giochi dell'Xbox Live Arcade, visto che non tutti i giochi che usciranno in futuro giustificheranno con la loro qualità i soldi spesi.
Non è questo il caso di Braid, capace di divertire, intrattenere e dare enormi soddisfazioni alla risoluzione di ogni puzzle.
D'altra parte la genialità non ha prezzo.
the more we know, the less we show