Autore Topic: [Politica e Governo] Parliamone (moderatore: Seppia)  (Letto 979836 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Seppia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.906
  • Trvezza (Moderatore topic politico)
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2100 il: 07 Ott 2008, 13:36 »
quelli che consideravano il denaro come l'origine di tutti i mali erano altri :)

non credo che il punto sia "il denaro ed il successo non sono niente"
quanto piuttosto
"il denaro ed il successo sono volubili e non sono queste cose a fare un uomo"

poi oh c'é gente tipo giobbi per i quali tutto cio' che viene dalla chiesa é male a prescindere, ma stavolta criticare il papa mi sembra un po'... boh... pretestuoso

chiaro che poi lui parla in Cattolicese, ma fate lo sforzo di leggere tra le righe
"Se vuoi lavorare con i piedi in mostra vai a vendere il cocco in spiaggia"
Cit. Vn Vomo Givsto

Offline Giobbi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 38.891
  • Gnam!
    • arvmusic
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2101 il: 07 Ott 2008, 14:38 »

Per una volta che il papa fa il papa non lamentatevi per piacere.

Non é questo il punto.

Il punto é che:

a) Fa l'avvoltoio cercando al solito di sfruttare una situazione di disagio per ottenere nuovi fedeli (o vecchi riconvertiti)

b) Tenta un goffo fight back riguardo il "Dio denaro", considerando che le persone abbiano cmnq bisogno di idolatrare qualcosa e che "la religione dei beni materiali" abbia in gran parte soppiantato la chiesa.

a) no, ricorda in periodi difficili quali sono le priorità. le stesse cose le diceva anche quando non s'era ancora verificato il crack eh

b) non é affatto goffo. agisce appunto perché "la religione dei beni materiali" (quindi del futile e dell'apparente) ha in parte soppiantato i veri valori

cioé guardate che sti discorsi valgono pure per un laico eh

sostituite "parola di dio" con "valori morali" e vedrete che vi ci ritrovate

non ci si puo' lamentare di politci ladri, picchitaori fascisti, gente che non vale un cazzo in generale se poi ogni volta che si parla di serietà e valori lo si spernacchia


a) Ma che no, é un sì.
Perché lo dice secondo te?
Per l'aria che tira?
Qual'é il suo fine caro il mio niubbo?

b) Ma che veri valori, lui chiaramente si riferisce ai "suoi valori" ovvero roba basata su
Spoiler:
favolette
che é tanto falsa quanto il dio denaro se non peggio (almeno con il dio denaro ti compri una punto che magari ti viene pure utile).

Ma direi lo stesso di un qualsiasi rabbino, scientology, musafir, etc.. che avesse un'uscita del genere eh...

E sì il fatto che la chiesa sia un'entità "ricca" non gli fa onore, "poverelli venite da me, siate il mio gregge".


Sforzati tu appunto del leggere tra le righe nel punto (a) chiedendoti semplicemente "perché lo dice pubblicamente".

-----

Cmnq tralasciando al nostra eredità medievale (in pratica non ci capiamo perché tu, da credente, consideri le sue parole come dette ai credenti, io al contrario le ritengo dette a tutti per cui censurabili) vorrei notare riferendomi all'islanda come é in questi frangenti che l'euro ci viene buono cari i miei amici leghisti.

Che sarebbe successo oggi con la Lira?
« Ultima modifica: 07 Ott 2008, 14:47 da Giobbi »

Offline 1c0n 0f s1n

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.916
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2102 il: 07 Ott 2008, 15:08 »
Buongiorno. Oggi voglio ricordare un vecchio amico, purtroppo spirato:



http://it.wikipedia.org/wiki/Paul_Marcinkus

"You can't run the Church on Hail Marys"
Aveva ragione, direi.
« Ultima modifica: 07 Ott 2008, 15:13 da 1c0n 0f s1n »
"Mio figlio poteva morire!"

Offline Seppia

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.906
  • Trvezza (Moderatore topic politico)
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2103 il: 07 Ott 2008, 15:22 »
a) no, ricorda in periodi difficili quali sono le priorità. le stesse cose le diceva anche quando non s'era ancora verificato il crack eh

b) non é affatto goffo. agisce appunto perché "la religione dei beni materiali" (quindi del futile e dell'apparente) ha in parte soppiantato i veri valori

cioé guardate che sti discorsi valgono pure per un laico eh

sostituite "parola di dio" con "valori morali" e vedrete che vi ci ritrovate

non ci si puo' lamentare di politci ladri, picchitaori fascisti, gente che non vale un cazzo in generale se poi ogni volta che si parla di serietà e valori lo si spernacchia


a) Ma che no, é un sì.
Perché lo dice secondo te?
Per l'aria che tira?
Qual'é il suo fine caro il mio niubbo?

b) Ma che veri valori, lui chiaramente si riferisce ai "suoi valori" ovvero roba basata su
Spoiler:
favolette
che é tanto falsa quanto il dio denaro se non peggio (almeno con il dio denaro ti compri una punto che magari ti viene pure utile).

Sforzati tu appunto del leggere tra le righe nel punto (a) chiedendoti semplicemente "perché lo dice pubblicamente".

intanto sarebbe bene quando si discute civilmente lavarsi da un affatto piacevole complesso di superiorità

capisco che per te i credenti possano essere tutti degli idioti che credono ad Hansel e Gretel, ma é abbastanza poco costruttivo manifestarlo in tale modo (mi riferisco naturalmente al "niubbo"


comunque il suo vero fine, ovviamente direi, é fare proselitismo
insomma voglio dire é il suo mestiere

il punto é che, come sottolineavo, non é che ste cose le dica da oggi eh
son discorsi vecchiotti, che faceva anche in tempi di non-crisi
contestavo il tuo "avvoltoio"

poi mi pare normale che lo ricordi

riguardo il punto b) i "suoi" valori basati su favolette sono onestà famiglia dedizione rettitudine modestia che come tutti sanno non sono esclusivo appannaggio della chiesa. ma leggiti la favoletta "vangelo" e vedrai che son questi i valori cui si richiama il papa quando parla di "parola di Dio"
perché se ti leggessi sta favoletta dimenticandoti per un secondo che é un libro fondamentale della chiesa che tu detesti troverai un realismo e dei valori attualissimi nonostante la favoletta abbia 2000 anni

il denaro non é "falso" in quanto "non esiste"
é falso in quanto fine
perché é effimero e non durevole

"Se vuoi lavorare con i piedi in mostra vai a vendere il cocco in spiaggia"
Cit. Vn Vomo Givsto

Offline ferruccio

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.654
    • Single Player Coop
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2104 il: 07 Ott 2008, 15:27 »
Mah... a me sembra da manichei anche solo pensare che ci siano valori eterni. E' tutto il concetto di valori assoluti, eterni, immutabili a non convincermi. Le verità rivelate mi fanno paura.
Certo, è più facile e spettacolare dire "questo è un falso valore", o urlare "falsi idoli", piuttosto che dire "guardate, non ci sono valori sempre veri in ogni momento e per ogni persona". Per questo il monito del papa mi suona così falso e in bianco e nero. Ancora di più considerando chi lo pronuncia.
« Ultima modifica: 07 Ott 2008, 15:54 da ferruccio »
E allora Mozart?

Offline EGO

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.581
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2105 il: 07 Ott 2008, 15:43 »
intanto sarebbe bene quando si discute civilmente lavarsi da un affatto piacevole complesso di superiorità

capisco che per te i credenti possano essere tutti degli idioti che credono ad Hansel e Gretel, ma é abbastanza poco costruttivo manifestarlo in tale modo (mi riferisco naturalmente al "niubbo")
Tra l'altro, sto osservando su diversi forum che il vocabolo (orribile, offensivo e spregiativo già solo nel suono) "niubbo" è la risorsa principale di chi detiene posizioni fisse, incrollabili, indiscutibili e definitive, delle quali vorrebbe che l'intero forum fosse permeato (e di solito è così, guarda un po'). Chi fa largo uso del termine "niubbo" (Dio mio ma quanto è brutto!) non discute: asserisce. Non parla: morde. Non rimprovera: insulta. E la tua esperienza in materia, di solito, non è rilevante: anche dopo 7000 messaggi, le tue opinioni faranno di te un "niubbo".

Berlusconi, quando dà agli avversari dei comunisti, è una simpatica macchietta anacronistica e monomaniaca. Il giorno che comincerà a chiamarli niubbi, ecco, lì mi preoccuperò davvero.


Ritornando più IT, a me sembra comunque patognomonico il fatto che ogni scorreggia del Papa venga discussa così lungamente. Guardate un po', se qualcuno dice "però il Ratz non ha tutti i torti", chi ha già espresso commenti negativi si sente in dovere di ribadire, specificare, spiegare. Perché? C'è qualcosa da aggiungere dopo aver detto più o meno esplicitamente "Papino ma vai a cagare"? Non so, un simile livello di contestazione ossessiva lo vedo solo per i post di Daimon e di acciarone, e per qualche altro argomento che torna ciclicamente. Al che mi viene da proporre Daimon come prossimo Papa :)

Se quell'affermazione l'avesse fatta, che so, Britney Spears, ci saremmo limitati a scrollare le spalle, a dire sorridendo "che spiritosa puttanella", a pensare "deve aver preso roba davvero buona", e a ringraziare che Paris Hilton non si fosse sentita in dovere di aggiungere qualcosa. Però l'ha detto il Papa, e alè, dagli al Papa. E questo mi fa pensare che in fondo molti ritengano il Papa una persona intelligente, e siano dispiaciuti che si trovi in una posizione che lo porta a fare certe dichiarazioni (dichiarazioni, lo ripeto, stavolta assolutamente vere: "i soldi scompaiono", minchia se non è vero! :))

Offline ferruccio

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.654
    • Single Player Coop
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2106 il: 07 Ott 2008, 15:49 »
Eh, vabbè, questo è lo stesso ragionamento di quelli che dicono "no, ma tu in realtà non pensi quello che dici", oppure "eh, ma se dici di essere ateo in realtà un po' ci credi". Dai, EGO, questa è condiscendenza.
Che si voglia o no (purtroppo) il papa, almeno in Italia, fa ancora notizia. Non è Britney Spears.
E allora Mozart?

Offline Daimon

  • Eroe
  • *******
  • Post: 17.751
  • In stoa I trust.
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2107 il: 07 Ott 2008, 15:53 »
Ego il problema e' che parendo anacronistiche e antipodali queste posizioni c'e' la feroce reazione di molti.
Insomma si sentono punti troppo sul vivo, nella loro persona come se gli avessi offeso la sorella.

Finche da fastidio l'ingerenza fiscale e fisica, come si dice sempre, lo posso capire, ma il semplice fastidio
generato da pensieri che trovate anacronistici non dovrebbe essere oggetto di condiscendenza burla o insulto.

(anche perche' chi le produce si insulta automaticamente, e in effetti oramai ho smesso di star la a puntualizzarlo)
<br /><br />Sanctus, sanctus, sanctus, Dominus Deus Sabaoth.<br />Hosanna in excelsis.<br />Benedictus qui veni

Offline Mr.Big

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.319
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2108 il: 07 Ott 2008, 21:26 »
secondo me in questo caso il papa ha ragionissima.
pero', siccome si conosce l'importanza che viene attribuita alle opere, lui stesso, come gran parte della gerarchia ecclesiastica si comporta da ipocrita e da fariseo.
basta entrare in san pietro e lì in parte c'e' la stanzetta mercatino che vende souvenir, una cosa assolutamente disgustosa.
Gesu', che cacciava i mercanti dal tempio, sono sicuro che gli spaccherebbe quantomeno la testa e farebbe un casino che levati.

Offline Konron

  • Eroe
  • *******
  • Post: 12.104
  • Mirkos
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2109 il: 07 Ott 2008, 21:32 »
In mancanza di un topic sulla Finanza (perché non crearlo?) chiedo qui: Come la vedete con questa crisi di borsa se compro un 1000-1500 euro di azioni (Nasdaq) per rivenderle quando saranno salite? (diciamo qualche anno) Ha senso per una cifra così bassa? ???

Offline Jello Biafra

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.200
    • http://www.retrocritics.altervista.org
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2110 il: 07 Ott 2008, 23:14 »
Citazione
«Il sistema universitario è oggetto di provvedimenti che rischiano di cancellare l’Università che abbiamo conosciuto. Il D.L. 112/08 è stato convertito in legge (n. 133/08), ed è dunque pienamente operativo, confermando i contenuti sui quali abbiamo già a luglio espresso un giudizio durissimo e avviato prime iniziative di informazione e di contrasto. Ne ricordiamo punti salienti:

1.. limitazione al 20% del turn-over, per gli anni 2009-2011 e al 50% per l’anno 2012 del personale docente e tecnico-amministrativo, dopo due anni di blocco dei concorsi;
2.. ulteriori drammatici tagli al Fondo di Finanziamento ordinario, che viene decurtato di circa il 25% in termini reali entro il 2012; (ma per quest’anno il finanziamento dei PRIN scende da 160 a 98 milioni di euro)
3.. la possibilità di trasformazione degli Atenei in Fondazioni private, con la privatizzazione dei rapporti di lavoro, il conferimento dei beni dell’Università al nuovo soggetto privato e l’indeterminatezza degli organi di gestione degli Atenei la cui composizione e funzione non viene per nulla chiarita;
4.. il taglio delle retribuzioni del personale. Tali provvedimenti vanno ben oltre la congiuntura e una pura manovra di risparmio, ma determinano invece uno scenario in cui sparisce l’Università italiana come sistema nazionale tutelato dalla Costituzione, in cui il ruolo pubblico è elemento decisivo di garanzia per la libertà di ricerca e d’insegnamento e degli interessi generali del paese.

Insieme con gli studenti, i primi danneggiati sono i giovani studiosi: il blocco del turn-over, riducendo drasticamente il numero dei docenti in ruolo a fronte delle uscite per pensionamento già note, impedirà il ricambio generazionale, aggravando il problema già insopportabile del precariato, e chiudendo le porte dell’Università ad intere generazioni.
Ma è l’intero sistema che si ripiega su se stesso, negando ai docenti le opportunità di ricerca e di didattica di qualità, appaltando al privato le scelte fondamentali (un privato che, giova ricordarlo, è tra gli ultimi al mondo per finanziamento della ricerca). Chi presidierà le aree più delicate e meno immediatamente redditizie della ricerca? Si vuole importare un modello che mutua, dal mondo anglosassone, gli aspetti di disuguaglianza sociale, di sistema di poche Università di eccellenza, di
riduzione di diritti ed opportunità, mentre non esistono neppure lontanamente le condizioni per mutuarne gli aspetti di alta produttività scientifica. E a fronte di una riduzione del 25% dei finanziamenti, anche le Università che oggi si autodefiniscono “virtuose” saranno trascinate nel gorgo dello squilibrio finanziario strutturale, strette nella forbice dei costi crescenti e della riduzione delle entrate.»


Si comincia. L'istruzione e la ricerca sono le basi di ogni paese sviluppato e qui le distruggono.
Godo per gli italiani. Li voglio vedere alla fame. Alla F A M E.

Le Gelmini manco come milf è accettabile.

Online atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 43.328
  • Pupo
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2111 il: 07 Ott 2008, 23:17 »
Ha senso per una cifra così bassa? ???
Direi di no...
Certe azioni, poi, prevedono pacchetti minimi che vanno al di là delle cifre di cui parli.

Offline answer

  • Eroe
  • *******
  • Post: 11.162
  • Infiltrato
    • E-mail
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2112 il: 07 Ott 2008, 23:41 »
[]
Se quell'affermazione l'avesse fatta, che so, Britney Spears, ci saremmo limitati a scrollare le spalle, a dire sorridendo "che spiritosa puttanella", a pensare "deve aver preso roba davvero buona", e a ringraziare che Paris Hilton non si fosse sentita in dovere di aggiungere qualcosa. Però l'ha detto il Papa, e alè, dagli al Papa. E questo mi fa pensare che in fondo molti ritengano il Papa una persona intelligente, e siano dispiaciuti che si trovi in una posizione che lo porta a fare certe dichiarazioni (dichiarazioni, lo ripeto, stavolta assolutamente vere: "i soldi scompaiono", minchia se non è vero! :))
Ossignùr! Che dite, ci spostiamo nel topic delle religioni?

RESPECT
Tutto è relativo, tranne quello a cui crediamo.
Riflettere Essere Scoprire Praticare Esprimere Convivere Tornare

Offline billyburke

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 6.521
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2113 il: 08 Ott 2008, 01:08 »
Dato che una pagina fa ho visto menzionato Mussolini..

Berlusconi:"Di Veltroni non me ne frega nulla", in risposta alla disponibilità di parlare di soluzioni condivise sulla crisi

http://www.corriere.it/politica/08_ottobre_07/veltroni_crisi_eb645780-94af-11dd-a0d8-00144f02aabc.shtml

QUESTO è il vero Berlusconi

Offline Gatsu

  • Eroe
  • *******
  • Post: 14.457
    • The World Anvil
Re: [Politica e Governo] Parliamone
« Risposta #2114 il: 08 Ott 2008, 09:50 »
Tra l'altro lol Napolitano che gli dice di piantarla di governare con decreti legge, che non e' il Duce.
Adesso.

Certo che il presidente della Repubblica non serve veramente ad una sega.