Autore Topic: [Amiga] Lords Of The Rising Sun  (Letto 1069 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.602
    • Players
[Amiga] Lords Of The Rising Sun
« il: 16 Apr 2003, 00:35 »
La caratteristica più incredibile che aveva la Cinemaware ai tempi dell’ Amiga era il saper passare da un genere all’altro, riuscendo sempre a coniugare la necessaria spettacolarità grafica con una struttura che permettesse ai giocatori di entrare subito nel vivo dell’azione. Lords Of the Rising Sun era sulla carta uno strategico puro, (e già questo sarebbe bastato a renderlo appetibile) ma la software house ebbe la grande idea di contaminarlo con una ricca serie di sequenze arcade-oriented che rese il gioco un perfetto ibrido apprezzabile da una più larga fetta di giocatori.
Come in ogni produzione Cinemaware, il lavoro fatto a monte in termini bibliografici e cinematografici era immenso. I riferimenti a Kurosawa, ai classici film sui samurai e sui ronin, tutto era minuziosamente riprodotto in un gioco di grande fascino e atmosfera. Il Giappone feudale con le mille lotte intestine, i tradimenti ed i sanguinosi scontri tra eserciti di fazioni reali era terreno fertile per un’esperienza di gioco mai provata fino ad allora. Già la scelta lasciata al giocatore in fase iniziale tra i due protagonisti Yoritomo e Yoshitsune permetteva un approccio particolare alla partita che poteva seguire diversi binari. La diplomazia, la tattica,  non solo in battaglia, ma anche durante la fase di pianificazione, il tentativo di sovvertire l’ordine avverso della storia con mezzi sporchi come l’invio di ninja assassini, erano i cardini di un gioco non banale e ricco di pathos. Il giocatore poteva scegliere se concentrarsi sulla strategia o se mixare l’azione con sequenze arcade che lo mettevano direttamente al comando delle proprie truppe. Sulla scorta del primo best seller Cinemaware, Defender Of The Crown, l’assedio al castello nemico (e parimenti la difesa del proprio quando si era assediati)  era uno dei punti di forza dell’esperienza di gioco e l’inquadratura in soggettiva dell’arco col quale si poteva difendere la propria fortezza anticipava le future esperienza di FPS che tanto successo avrebbero avuto sui PC dall’inizio degli anni 90’ fino ai giorni nostri.
Lords Of The Rising Sun è una pietra miliare del genere strategico ed una perfetta sintesi tra aspetto cinematografico e prettamente ludico che pone il titolo tra i migliori di sempre nella luccicante softeca Amiga.
La fortuna e la fama di Lords Of The Rising Sun non rimasero confinate al mondo occidentale. Ne esiste infatti una versione leggermente modificata, ma altrettanto godibile, per il mitico Pc Engine, a ulteriore conferma del folle eclettismo e del sublime assortimento  e varietà che poteva offrire il mostro Nec ai suoi fortunati possessori.
Il concetto di base di Lords Of The Rising Sun è stato ripreso ed ampliato da numerosi titoli negli ultimi anni (si pensi alla saga di Romance of the Three Kindoms edita da Koei e ambientata nella Cina pre-imperiale, campione d’incassi ad ogni nuova uscita su qualsiasi piattaforma che non fa che ricalcare le impronte poste da un gruppo di visionari programmatori americani 15 anni orsono) ed il titolo resta ancor oggi godibile e dotato di una profondità e longevità non comuni.