Autore Topic: Il lavoro  (Letto 1477745 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline piwi

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.239
  • Cazzaro professionista
    • Vito "Piwi" Potenza - Sketchblog
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19515 il: 07 Apr 2021, 21:30 »
Per etichettare grandi quantità, sì.

Si presentano delle criticità:
-Sarebbe da vedere se l'azienda vuole comprare una stampante (e ne vendono di fatte apposta);

-Dovrebbe essere qualcosa per cui inserisci due dati al volo.

Ogni tanto qualche espediente lo trovo/me lo invento, ma non posso sempre spendere soldi miei.

Uno degli esempi è che l'azienda (Direttore) non avrebbe voluto approvare l'acquisto dei taglieri perché "non ne abbiamo abbastanza?", nonostante l'haccp preveda taglieri colorati obbligatori in base all'utilizzo e a noi mancavano.
Un tagliere costa 30-50€...
Se vogliono spendere un minimo, una dymo vi risolverebbe i problemi probabilmente.
Il software è facile e permette di creare template personalizzati (credo si possa inserire in automatico la data ad es) in cui poi vai a modificare al volo i campi che ti servono e ti stampa direttamente le etichette adesive.
My portfolio/blog/sarcàzz: VitoPotenza.it | Instagram: vito_potenza
Facebook/Linkedin: Vito Potenza | Twitter/PSN: PiwiTFP

Offline Nookie

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.690
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19516 il: 08 Apr 2021, 13:22 »
Io pensavo più che altro alla stampa di word, con una stampante Epson da 20 euro

Offline Ryo_Hazuki

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.156
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19517 il: 08 Apr 2021, 14:58 »
Con etichette preformate ed una stampante normale
potresti anche sfangarla:
Ti fai una tabella excel, con tutto il precompilato possibile in modo che uno debba inserire solo le 2 date dei giorni, e stampi i tuoi fogli del mese.

Resterebbero fuori "solo" i lotti dei pesci.
Dopotutto lo facevo già per le etichette delle carni in frollatura (di stampare su un foglio adesivo).

🤔

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 26.529
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19518 il: 09 Apr 2021, 11:18 »
Ryo mi sembra che il tutto sia molto simile a quanto avviene qui in UK quindi:

nel primo ristorante dove ho lavorato le etichette erano praticamente identiche a quelle tue e si doveva mettere data di preparazione e data di scadenza (di norma entro due giorni), oltre alla firma di chi aveva preparato quella cosa ed al contenuto;


nel secondo ristorante le etichette erano molto più "rapide" perchè avevano il giorno della settimana già stampato e associato ad un colore quindi mettevi solo il giorno del calendario;


Cosa voglio dire? Che per l'HACCP inglese andavano bene entrambe quindi non può essere che lo siano anche per quella italiana?
Probabilmente no, immagino, anche perchè, non so in Italia, ma qui i controlli facevano ridere. Erano abbastanza frequenti ma ti avvisavano prima di arrivare, cosa che a me ha sempre fatto ridere. E la prima volta ti avvisavano soltanto se trovavano qualche criticità e ti dicevano quando sarebbero ritornati così potevi rimediare. Nonostante ciò sti inglesi non sono riusciti a fare i compiti almeno un paio di volte.
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT