Autore Topic: Il lavoro  (Letto 1193834 volte)

0 Utenti e 2 visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline peppebi

  • Reduce
  • ********
  • Post: 25.078
  • cotto a puntino
    • E-mail
Re: Il lavoro
« Risposta #19110 il: 08 Nov 2019, 08:36 »
Altro esempio. Ora lavoro 5 giorni e sto 3 a casa. Ogni tanto mi fanno fare 4 on e 2 off e lo trovo molto più stancante quindi direi che anche il numero di giorni di riposo aiuta a rendere meglio (di fatto lavoro meglio per 5 giorni invece che 4 se ho modo di riposare di più).
Penso che sia perché il primo giorno ti serve per riposarti e staccare la mente dal lavoro, il secondo è il tuo giorno libero a tutti gli effetti e fai ciò che vuoi, mentre il terzo cominci già a pensare al giorno di lavoro successivo (e non vai a letto tardi se ti devi alzare presto). Venendo a mancare quello di mezzo non stacchi mai la mente dal lavoro al 100%.
« Ultima modifica: 08 Nov 2019, 08:38 da peppebi »
FORGIVENESS IS TO SWALLOW WHEN YOU WANT TO SPIT

Offline keigo

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.087
Re: Il lavoro
« Risposta #19111 il: 08 Nov 2019, 10:53 »

Se leggi, ho scritto meno di 40. E ho riferito di hobby in caso contrario.

Si si può lavorare 20 ore. E cosa fai il resto? Cazzeggi a casa?

Invece ben vengano le azioni di incremento produttività, cap overtime...

Io altrimenti mi cercherei un altro lavoro.

E tra due, preferisco uno ma più intenso (40 e non 20 x2)

mah il paradigma delle 40 ore è perchè "in media" riesci a cavare un output abbastanza certo indipendentemente dalla qualità del lavoratore. Ma al crescere della professionalità (e dei soldi richiesti per ottenerla) gli output crescono in maniera più che proporzionale. Ci sarà un motivo per cui in certi settori hai dipendenti, consulenti e superstar del settore (che paghi solo in casi di estrema necessità anche 20k per due giorni). Il problema è che ci sono tante posizioni intermedie che avrebbero la loro produttività aumentata nel caso in cui una percentuale del loro tempo lavorativo venisse spostata verso l'aggiornamento/innovazione/aumento della propria produttività personale piuttosto che buttarla nel business as usual superfisso.

chi semina vento raccoglie sfaccimma
ma chi me lo fa fare?!? il petrolio è una figata.

Offline atchoo

  • Reduce
  • ********
  • Post: 45.884
  • Pupo
Re: Il lavoro
« Risposta #19112 il: 08 Nov 2019, 11:03 »
A margine non mischierei il discorso "riduzione orario di lavoro" (che io chiamerei piuttosto "ottimizzazione") e "lavoro part-time".
Nel primo caso non dovrebbe cambiare la retribuzione, a differenza del secondo che la vede scendere in proporzione.
Il primo caso sarebbe un radicale cambiamento del mondo del lavoro, il secondo è semplice contingenza vuoi del lavoratore (es. madre con figli da seguire) vuoi del datore di lavoro (es. 1 ho bisogno di una persona in più solo la mattina; es. 2 ho il budget per coprire un part-time e basta, mi arrangio come posso; es. 3 ti riduco l'orario per spendere meno ma pretendo lo stesso output, per dirla come keigo, di prima).

Offline Tetsuo

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.607
Re: Il lavoro
« Risposta #19113 il: 08 Nov 2019, 23:03 »


e di tutto quel manual crunching dei dati su excel.
Se ti racconto cosa sto facendo per un progetto di un notissimo ISP Telco, ti metti le mani nei capelli.
O ti viene di metterle in faccia a qualcuno...

difatti a fine anno cambio progetto e nel 2020 me lo lascio alle spalle