Autore Topic: Dove sta andando l'horror?  (Letto 61212 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Drone_451

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.140
  • Saevis tranquillus in undis
    • Retro-Gaming.it
Re: Dove sta andando l'horror?
« Risposta #630 il: 24 Apr 2017, 21:01 »
Visto Martyrs 2008 (C'è un remake yankee 2015)

Il concept è molto originale, niente ignari che capitano in case di spostati col figlio con l'hobby della motosega.

(click to show/hide)

Credo roba molto in voga nei tribunali ecclesiastici nostrani fino alla fine del XVIII secolo, tempo dell'illuminismo francese.
- Lei crede davvero che avere i soldi automaticamente porti la felicità?
- No, però nemmeno che automaticamente mi deprima.

Offline Getter

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.285
  • SteelersNationUnite
Re: Dove sta andando l'horror?
« Risposta #631 il: 03 Mar 2018, 02:30 »
Les Affamés (2017) di Robin Aubert
Sto facendo mente locale mentre scrivo per trovare una pellicola zombi post 2000 solo lontamente vicino al questo film canadese. E no, né 28 Giorni Dopo né tantomeno gli ultimi Romero (pace all'anima sua e ai due aborti partoriti dopo La Terra dei Morti Viventi) hanno avuto le palle di raccontare il contagio con tale freschezza e drammaticità tanto quanto Les Affamés, storia che prende il via in campagna dove i soliti sopravvissuti tentano di salvare la pelle cercando al contempo un posto sicuro. Nulla di nuovo, ma il gruppo eterogeneo che man mano si aggregherà gode di personaggi empatici caratterizzati in modo sopraffino nonostante le pochissime battute. Sangue, amputazioni e morsi emoglobinici non vengono risparmiati, ma ciò che funziona veramente è la costruzione delle varie situazioni con momenti di palpabile tensione e sequenze girate, fotografate e montate in maniera splendida. Gran film.
Voi siete sicuri di essere nel giusto, tuttavia non volete che la pensino tutti come voi. Non c’è verità senza gli scemi. (Don DeLillo)

Offline Getter

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.285
  • SteelersNationUnite
Re: Dove sta andando l'horror?
« Risposta #632 il: 13 Mag 2018, 16:55 »
Revenge (2017) di Coralie Fargeat
Finalmente "disponibile", il film mantiene quello che le voci dal Torino Film Festival dicevano. Un rape & revenge vecchio stampo decisamente sopra le righe, eccessivo, tanto eccessivo, carnale e grandguignolesco oltre misura fermamente sconsigliato a chi usa la logica per analizzare ogni frame. Facendo propria la tagline del reboot videoludico di Tomb Raider, a survivor is born, la stupenda e magnetica Matilda Lutz - che nei primi 15 minuti rischia seriamente di provocare un infarto al pene a qualsiasi uomo - catalizza l'attenzione dell'intera pellicola sporcandosi e marcendo sulla strada della vendetta come nei cari film anni 70. Quindi al bando la sceneggiatura mangiucchiata e largo alla messa in scena accompagnata da uno score musicale riuscitissimo di derivazione sintetica anni 80. E in questo deserto di sabbia e rocce e corpi che si faranno via via sempre più nudi sino al climax conclusivo, è necessario citare la scena "post risveglio / lattina di birra" che entra dritta come un fuso negli annali delle sequenze più cool del cinema.
Voi siete sicuri di essere nel giusto, tuttavia non volete che la pensino tutti come voi. Non c’è verità senza gli scemi. (Don DeLillo)