Autore Topic: [review] A History of violence  (Letto 7554 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Darkside

  • Eroe
  • *******
  • Post: 10.876
    • E-mail
[review] A History of violence
« Risposta #15 il: 19 Dic 2005, 11:41 »
Citazione da: "JOtaro-kuJO"
Citazione da: "Devil May Cry"
ehm, spero che non faccia nè film come existenz nè come spider... :)

inutili...  :roll:


stai delirando?

Il problema di Spider è che se non hai letto il libro tutto appare molto "fumoso".
Existenza invece funziona parecchio

Offline naked

  • Reduce
  • ********
  • Post: 42.412
[review] A History of violence
« Risposta #16 il: 20 Dic 2005, 07:45 »
purtroppo senza dire nulla qualcosa dico della trama

pensieri in ordine sparso
le scene violente, inaudite per come vengono rappresentare , sconvolgono maggiormente lo spettatore perchè, all'interno del film, sono elementi puntuali, discrete. A History of violence è un film che parla e rappresenta la violenza presente nella società. [Tema banale?]
Però quì si va oltre: solitamente si rinnega e, nei film, si combatte.
Quì no. Quì si accetta e si decide di viverci assieme per salvaguardare ciò che di più sacro esiste: la famiglia. [Sogno Americano?]

Citazione
Esemplare l'ultima scena in cui Joy (la violenza) si siede a tavola e la figlioletta gli porte il piatto, il figlio il polpettone e la moglie alza gli occhi e mostra uno sguardo di perdono.

 
per me è questo l'ultimo capolavoro del regista canadese.

avete notato il contrasto..
Citazione

tra le due scene di sesso? nella prima lei vestita da "cheer" altro non rappresenta che l'ingenuità della giovinezza, la speranza che tutti hanno di avere una vita felice, [sogno americano 2?]. Nella seconda lei accoglie dentro di se la violenza, il romanticisco è scomparso, la ruvida scala è metaforicamente una discesa e alla fine il corpo di lei è visibilmente martoriato. Quella macchia cosa rappresenta? il cancro della violenza che si sta insinuando...?
23.000.000.000 per sterilizzare l'iva. Grazie buffoni.

Offline HOLLYWOOD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.147
  • Everybody lies
[review] A History of violence
« Risposta #17 il: 24 Dic 2005, 14:11 »
OCCHIO AGLI EVENTUALI MINI-SPOILER  :wink:

Devo dire che gli ultimi film di Cronenberg,da eXistenZ in poi,mi hanno un pò deluso,pur considerandoli delle piccole perle.
E questo History conferma un pò l'andazzo,sembra che il regista si stia un pò massificando.
Mi aspettavo un finale sconvolgente o perlomeno spiazzante,come è avvenuto in quasi tutti i suoi film(almeno quelli che ho potuto vedere) ed invece la storia si srotola davanti agli occhi un pò banalmente e prevedibilmente.
Insomma nessun colpo di scena degno di nota.
Ottimi cmq gli attori,eccetto il figlio di Tom Stall che non mi sembra molto "cronenberghiano".  8)
In my X Box One X:
FIFA 19 (94%) - NASCAR Heat 3 (84%) - Forza Motorsport 7 (92%) - Resident Evil Triple Pack (85%) - Gears of war 4 (86%) - Assetto Corsa (86%) - DiRT Rally 2.0 (94%) - Resident Evil VII (74%) - The Division 2 - Mafia III (81%)

Offline Getter

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.362
  • SteelersNationUnite
[review] A History of violence
« Risposta #18 il: 24 Dic 2005, 16:13 »
Citazione da: "HOLLYWOOD"
Insomma nessun colpo di scena degno di nota.

E perchè mai il film dovrebbe avere un colpo di scena? Secco, preciso, nerboruto, niente slow motion, solo algide immagini d'azione. Cronenberg che si massifica?! Se fosse realmente così, le sparatorie sarebbero state rallentate e i proiettili avrebbero perforato piano piano lenti lenti il torace dei cattivoni tra fumi e scintille, mai avrebbero spatasciato loro la mascella. Sono ormai convinto che John Woo sia stato una corruzione per il cinema yankee, nessuno l'ha capito, è stato solo copiato. Matrix ha solo completato quest'opera di degrado.
Dove sono finiti i film di Sam Peckinpah?
Voi siete sicuri di essere nel giusto, tuttavia non volete che la pensino tutti come voi. Non c’è verità senza gli scemi. (Don DeLillo)

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.604
    • Players
[review] A History of violence
« Risposta #19 il: 24 Dic 2005, 17:28 »
Citazione da: "HOLLYWOOD"

Mi aspettavo un finale sconvolgente o perlomeno spiazzante


Beh, non considerare spiazzante o sconvolgente l'ultima inquadratura mi sembra davvero ingeneroso. Tutto dipende da cosa si intende per "colpo di scena".

Offline naked

  • Reduce
  • ********
  • Post: 42.412
[review] A History of violence
« Risposta #20 il: 25 Dic 2005, 13:51 »
Citazione da: "fulgenzio"
Citazione da: "HOLLYWOOD"

Mi aspettavo un finale sconvolgente o perlomeno spiazzante


Beh, non considerare spiazzante o sconvolgente l'ultima inquadratura mi sembra davvero ingeneroso. Tutto dipende da cosa si intende per "colpo di scena".

concordo pienamente con fulgenzio per quanto detto sopra nel mio precedente intervento.
23.000.000.000 per sterilizzare l'iva. Grazie buffoni.

Offline armandyno

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 8.419
[review] A History of violence
« Risposta #21 il: 25 Dic 2005, 14:39 »
Citazione da: "Darkside"
Citazione da: "JOtaro-kuJO"
Citazione da: "Devil May Cry"
ehm, spero che non faccia nè film come existenz nè come spider... :)

inutili...  :roll:


stai delirando?

Il problema di Spider è che se non hai letto il libro tutto appare molto "fumoso".
Existenza invece funziona parecchio


A me Spider è piaciuto tantissimo, anche se non è stato facile capirlo.

Offline HOLLYWOOD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.147
  • Everybody lies
[review] A History of violence
« Risposta #22 il: 27 Dic 2005, 21:13 »
Citazione da: "Getter"
[E perchè mai il film dovrebbe avere un colpo di scena? Secco, preciso, nerboruto, niente slow motion, solo algide immagini d'azione. Cronenberg che si massifica?! Se fosse realmente così, le sparatorie sarebbero state rallentate e i proiettili avrebbero perforato piano piano lenti lenti il torace dei cattivoni tra fumi e scintille, mai avrebbero spatasciato loro la mascella. Sono ormai convinto che John Woo sia stato una corruzione per il cinema yankee, nessuno l'ha capito, è stato solo copiato. Matrix ha solo completato quest'opera di degrado.
Dove sono finiti i film di Sam Peckinpah?


Il fatto che il film secondo me sia un pò più adatto alla massa non lo penso per via delle sparatorie che non sono in slow-motion,e di certo non mi aspetto questo da un film di Cronenberg.Anzi,penso che nei suoi film l'azione in sè sia quasi superflua dato che i suoi film sono molto "mentali"(vedi Spider ad es.).E' anche per questo che li adoro.
Anche i film di Mann (Heat e Collateral) propongono sparatorie realistiche e fulminee a volte,quindi non tutti copiano Matrix o MI:2(sarebbe meglio nessuno a dire il vero).
Il mio pensiero viene da una somma di "indizi" che fanno sembrare il film un cocktail in cui ognuno può trovare la propria "scena madre" e non solo gli affezionati del regista.
Ecco che allora il film esce sotto Natale(quindi aumentano gli spettatori casuali),ci sono un paio di scene di sesso spinto per accontentare i voyeur,un paio di facce spappolate per accontentare il fan degli horror e dei gore-movie,un paio di macchine tamarre(con tanto di logo DUB) per accontentare il fanatico del Tuning e......un paio di scene girate col tocco magico del regista canadese per accontentare i suoi estimatori(tra cui il sottoscritto).

Parlando del finale,in tutti i suoi film(tra i 6 in tutto che ho avuto la fortuna di vedere) si rimane sorpresi o spiazzati dall'epilogo della storia(vedi eXistenz e Spider ma anche i precedenti)e probabilmente in questo History forse mi ha spiazzato proprio il fatto che lui torni a casa e tutto torni normale come prima mentre conoscendo il regista mi aspettavo un finale più duro e forse più tragico,ad es. la moglie che a sorpresa lo uccide per qualche motivo "celato",oppure il suicidio del protagonista alla scoperta che la famiglia se n'è andata o quant'altro.
E' come se Spider fosse finito con il dottore che gli dice:Ok sei guarito!
O se Inseparabili finisse con la disintossicazione dei dottori e il ritorno al solito lavoro per entrambi.
Non un finale "alla Cronenberg a mio avviso".
L'impressione mia è che si sia scelto un finale "morbido" per non turbare troppo gli spettatori occasionali(sotto Natale poi...).

Comunque con questo non voglio dire che il film sia brutto,tutt'altro(vorrei già rivederlo!).
Le mie sono solo osservazioni(soggettive soprattutto)e impressioni.
Forse mi aspettavo tanto da questo film,che è anche il primo che ho visto al cinema del grande regista(gli altri solo DVD o VHS sob...).
In my X Box One X:
FIFA 19 (94%) - NASCAR Heat 3 (84%) - Forza Motorsport 7 (92%) - Resident Evil Triple Pack (85%) - Gears of war 4 (86%) - Assetto Corsa (86%) - DiRT Rally 2.0 (94%) - Resident Evil VII (74%) - The Division 2 - Mafia III (81%)

Offline fulgenzio

  • Reduce
  • ********
  • Post: 22.604
    • Players
[review] A History of violence
« Risposta #23 il: 28 Dic 2005, 00:00 »
Citazione da: "HOLLYWOOD"

L'impressione mia è che si sia scelto un finale "morbido" per non turbare troppo gli spettatori occasionali(sotto Natale poi...).


Ehm, veramente il film è uscito ben prima di Natale in America e nel resto del mondo.
In Italia la (stranamente felice) scelta distributiva ha reso questo film unica alternativa natalizia al cinema iperspettacolare (nulla di male, anzi, specie se di buona qualità come quello proposto quest'anno) o italiano/ridanciano.
Quanto agli altri rilievi, mi semba che ogni elemento del film sia effettivamente funzionale alla storia, con l' unica eccezione (forse)del personaggio del figlio che avrebbe meritato un maggiore approfondimento. Le scene di sesso, come già detto, sono lontane anni luce dalla sola idea di "fan service", ma anzi, rappresentano meglio di qualunque altro elemento il rapporto tra la coppia "prima" e "dopo".

Offline Getter

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.362
  • SteelersNationUnite
[review] A History of violence
« Risposta #24 il: 28 Dic 2005, 01:09 »
Quello delle sparatorie in slow motion era solo un esempio, volendo ce ne sarebbero altri. Ma forse ho deragliato io parlando di Woo. Resta il fatto che gran parte degli action movie americani da un pò di tempo sono così. E, bontà sua, Michael Mann non è mai rientrato in questa media. Mann non copia, Mann inventa :wink: !


Citazione da: "fulgenzio"
Le scene di sesso, come già detto, sono lontane anni luce dalla sola idea di "fan service", ma anzi, rappresentano meglio di qualunque altro elemento il rapporto tra la coppia "prima" e "dopo".

Preciso, esattamente quanto ho scritto altrove.

SPOILER
La prima avviene quando si conosce solo Tom, e pertanto è girata con la dolcezza, la bontà e l'infantilità (la Bello vestita da cheerleader) che la comunità locale sembra riconoscergli, mentre la seconda rivela il suo turn heel a favore di Joey (ritornano le tematiche di Inseparabili), e perciò la scena di sesso diventa violenta e dura come gli scalini sulla quale si consuma.
Voi siete sicuri di essere nel giusto, tuttavia non volete che la pensino tutti come voi. Non c’è verità senza gli scemi. (Don DeLillo)

Offline Sator

  • Assiduo
  • ***
  • Post: 1.199
[review] A History of violence
« Risposta #25 il: 28 Dic 2005, 09:32 »
Citazione da: "fulgenzio"

Quanto agli altri rilievi, mi semba che ogni elemento del film sia effettivamente funzionale alla storia, con l' unica eccezione (forse)del personaggio del figlio che avrebbe meritato un maggiore approfondimento. Le scene di sesso, come già detto, sono lontane anni luce dalla sola idea di "fan service", ma anzi, rappresentano meglio di qualunque altro elemento il rapporto tra la coppia "prima" e "dopo".


Quoto alla grande. Un film praticamente perfetto.

Offline Knives

  • Navigato
  • **
  • Post: 979
[review] A History of violence
« Risposta #26 il: 28 Dic 2005, 21:55 »
mi vergogno, ma nn ho mai visto nulla di Cronenberg, e se riesco a beccarlo, questo sarà il primo (anche perchè, onestamente, il palinsesto natalizio nn offre molta roba interessante, Jarmush escluso)
"Non è che non abbiamo tempo,e che ne buttiamo via troppo"

Offline HOLLYWOOD

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 5.147
  • Everybody lies
[review] A History of violence
« Risposta #27 il: 29 Dic 2005, 14:31 »
Citazione da: "Sator"
Citazione da: "fulgenzio"

Quanto agli altri rilievi, mi semba che ogni elemento del film sia effettivamente funzionale alla storia, con l' unica eccezione (forse)del personaggio del figlio che avrebbe meritato un maggiore approfondimento. Le scene di sesso, come già detto, sono lontane anni luce dalla sola idea di "fan service", ma anzi, rappresentano meglio di qualunque altro elemento il rapporto tra la coppia "prima" e "dopo".


Quoto alla grande. Un film praticamente perfetto.


Esagerato...   8)
In my X Box One X:
FIFA 19 (94%) - NASCAR Heat 3 (84%) - Forza Motorsport 7 (92%) - Resident Evil Triple Pack (85%) - Gears of war 4 (86%) - Assetto Corsa (86%) - DiRT Rally 2.0 (94%) - Resident Evil VII (74%) - The Division 2 - Mafia III (81%)

Offline COBOL X

  • Eroe
  • *******
  • Post: 15.612
[review] A History of violence
« Risposta #28 il: 03 Gen 2006, 12:34 »
Finalmente visto.
Gran film!

Offline stone21

  • Reduce
  • ********
  • Post: 23.251
  • INDISTRUTTIBILE
    • E-mail
[review] A History of violence
« Risposta #29 il: 07 Gen 2006, 11:35 »
Visto anch'io ieri sera. Molto bello.
Citazione
la cosa che m'ha puzzato un po' è il fatto che se ne va dal fratello e sta via più di un giorno senza che nessuno lo cerchi.

Non conosco Cronenberg, ma mi sembra un po' povero di contenuto. Qualche dettaglio in più su alcuni personaggi. Il figlio in primis.
Chi ha detto sticazzi?