Autore Topic: Che libro state leggendo?  (Letto 421391 volte)

0 Utenti e 1 visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.630
    • E-mail
Nintendo vende droga purissima ai bambini. Soprattutto quelli interiori.

Offline J VR

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.248
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5761 il: 29 Mar 2021, 19:54 »
Me manca e stavo pensando di prenderlo proprio dopo aver letto st'articolo.
Però ho visto il film. ;D
Di cui però non ricordo nulla.
Cmq più avanti che adesso 'sto pieno de roba da legge.
Il vero motivo per cui si sono estinti i dinosauri è perché nessuno li accarezzava

Offline Gaissel

  • Condottiero
  • ******
  • Post: 9.630
    • E-mail
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5762 il: 30 Mar 2021, 00:24 »
Il film lo si ama molto qui, ma come al solito è un po' un'altra cosa. Nel libro c'è (anche) tanto sentimento che volenti o nolenti si perde un po' dietro l'estro immaginifico della pellicola.
Nintendo vende droga purissima ai bambini. Soprattutto quelli interiori.

Offline BombAtomicA

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.331
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5763 il: 30 Mar 2021, 12:06 »
Ho completato La Trilogia della Prima Legge, più il romanzo successivo Heroes, di Joe Abercrombie. Si tratta di un epic fantasy "alla Martin" se vogliamo, quindi molto crudo, realistico, con l'elemento fantastico presente ma non preponderante rispetto agli intrighi, le battaglie e la caratterizzazione "umana" dei personaggi. Mi è piaciuto molto devo dire, la storia non si segnala per particolari picchi di originalità ma il punto forte sono i personaggi, ben caratterizzati (alcuni davvero molto fighi), un bell'intreccio e colpi di scena qui e lì. Per chi ama il genere ed è stufo di aspettare che quel maledetto lì porti a termine la sua opera, questa è un'ottima alternativa.

Letto anche Later, l'ultimo di King, ed è discreto, classico romanzo da spiaggia senza infamia ma senza particolari picchi, per me che amo il Re è sempre un piacere leggerlo ma è una roba di passaggio in attesa di tomi più sostanziosi.
"Ice Cream!"

Offline xkp

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.536
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5764 il: 30 Mar 2021, 15:30 »
I Medici Nazisti Robert Jay Lifton
Interessante analisi dell'opera dei dottori nazisti. Soprattutto interessanti le interviste e l'enorme lavoro compiuto.
Perde un po' nella terza parte dove comincia la "pippa" mentale della psicologia dello sdoppiamento. A parte che mi è sempre sembrato ridicolo chi voglia uniformare i comportamenti di molti a poche regole e semplici modelli. Ma qui il peggio arriva quando si pretende di parlare di sdoppiamento dei nazisti non solo nell'infermo dei campi, ma anche solo quando devono cominciare a praticare qualsiasi forma di violenza. Come se tutti i nazisti fossero stati obbligati a praticarla...tutto questo per dare peso al valore dello sdoppiamento come "regola generale". Ma la verità forse è ancora più semplice: erano i violenti, i sadici, i malati di mente, a catapultasi nel movimento nazista e i peggiori li di loro facevano carriera senza alcun bisogno di sdoppiarsi.


Bella del signore Albert Cohen
Cominciamo col dire che il libro doveva avere almeno 300 400 pagine in meno.
Alcune parti infatti oltre ad essere noiose sono abbastanza inutili ai veri fini del racconto.
Non serve spiegare nei dettagli la noia quotidiana della vita borghese per una bella del signore con marito mammone. E oltre a non servire si cade facilmente nel rischio di rendere noiosa la descrizione di questa noia (come qui purtroppo accade).
E lo stesso tutte le pagine degli strambi parenti del protagonista (in questo caso simpatici per fortuna) si sarebbero potute tagliare completamente senza menomare minimamente l'opera.
Infine le sezioni con lo "stream of consciousness", soprattutto all'inizio sono sin troppo esagerate: va bene il flusso di coscienza ma pare un flusso di coscienza di uno schizofrenico.
Quanto alla vicenda principale... il pregio dell'opera rimane quella di aver descritto dissezionato in maniera dettagliata un cadavere.
E, solo dopo aver rimontato tutti i pezzi di questa autopsia, di riuscire di nuovo a farci innamorare di questo cadavere, per infine descriverne anche l'inevitabile e lenta decomposizione.
E questo cadavere e' la passione amorosa, qui dissezionata come non era mai stato fatto prima.
E solo per questo rimane comunque un libro che, malgrado le difficolta' di lettura, consiglio comunque.
p.s. per chi ancora si chieda del perche' del fenomeno dei femminicidi... non servono psicologi e' tutto spiegato in poche righe quando si parla dei babbuini.


Il rilegatore Bridget Collins
Quante volte nelle vostre letture avere trovato descritto lo stato dei polsini del protagonista?
Ecco, qui capita piu' della somma delle volte che vi possa mai essere capitato.
Ed e' davvero, purtroppo, l'unica cosa che rimane di questa lettura.
L'idea dei libri come ricettacolo dei ricordi che una persona vuole dimenticare e/o vendere, e di cui dopo la creazione del libro si trovera' privo nella vita reale, era di sicuro un'idea carina.
Peccato sia stata sprecata per creare un libro degno forse solo di Harmony.


Inverso William Gibson
Leggere Gibson non e' cambiato poi molto rispetto a quando comincio' la sua avventura con Neuromante.
E' sempre dannatamente difficile perche' introduce concetti e situazioni nuove ed inedite tramite termini altrettanto inediti, rendendo la sua lettura spesso altamente incomprensibile.
Fu quello che successe con Neuromante, e gli altri due romanzi di quella trilogia, che sebbene mi affascino' immensamente per le sue idee, fu davvero ostico alla prima lettura e solo in quella successiva si rivelo' una vera "cavalcata nel ciberspazio" (che all'epoca era solo un concetto, non qualcosa che esisteva per davvero come lo fu qualche anno dopo).
E ricordo anche che dopo qualche anno si parlo' di una edizione  con una nuova traduzione di Neuromante perche' la precedente aveva un sacco di problemi.
Sono passati decenni e in questo romanzo ho riscontrato le stesse difficolta' di allora, compresa una traduzione zoppicante.
Se e' difficile leggere Gibson, deve essere ancora piu' difficile tradurlo, pero' forse far tradurre a qualcuno che sappia che un cubo non ha angoli ma spigoli e vertici non sarebbe male.
Anche perche' se aveva senso faticare per Neuromante, ora che il ciberspazio e' qui, la fatica non e' piu' giustificata e giustificabile.

Offline J VR

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.248
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5765 il: 30 Mar 2021, 16:25 »
Il film lo si ama molto qui, ma come al solito è un po' un'altra cosa. Nel libro c'è (anche) tanto sentimento che volenti o nolenti si perde un po' dietro l'estro immaginifico della pellicola.
Se scavo a fondo nella memoria non ricordo entusiasmi vari, shame on me. :(

I Medici Nazisti Robert Jay Lifton
Ti faccio una domanda specifica, anni fa lessi da qualche parte su internetto che il -inserire percentuale a caso, ma abbastanza alta- dei progressi medici attuali deriverebbe da studi nazisti, se ne accenna?
Perché dato che l'articolo non sono mai riuscito a ritrovarlo e su internet non si parla di questa roba sto seriamente pensando di essermelo immaginato. :yes:
Citazione
Inverso William Gibson
Leggere Gibson non e' cambiato poi molto rispetto a quando comincio' la sua avventura con Neuromante.
E' sempre dannatamente difficile perche' introduce concetti e situazioni nuove ed inedite tramite termini altrettanto inediti, rendendo la sua lettura spesso altamente incomprensibile.
Fu quello che successe con Neuromante, e gli altri due romanzi di quella trilogia, che sebbene mi affascino' immensamente per le sue idee, fu davvero ostico alla prima lettura e solo in quella successiva si rivelo' una vera "cavalcata nel ciberspazio" (che all'epoca era solo un concetto, non qualcosa che esisteva per davvero come lo fu qualche anno dopo).
E ricordo anche che dopo qualche anno si parlo' di una edizione  con una nuova traduzione di Neuromante perche' la precedente aveva un sacco di problemi.
Sono passati decenni e in questo romanzo ho riscontrato le stesse difficolta' di allora, compresa una traduzione zoppicante.
Se e' difficile leggere Gibson, deve essere ancora piu' difficile tradurlo, pero' forse far tradurre a qualcuno che sappia che un cubo non ha angoli ma spigoli e vertici non sarebbe male.
Anche perche' se aveva senso faticare per Neuromante, ora che il ciberspazio e' qui, la fatica non e' piu' giustificata e giustificabile.
Grazie, adesso mi sento meno scemo.
Son già due volte che inizio e fermo la lettura di Neuromante, bello è bello ma è faticoso stargli dietro.
Già che si apre con il termine sprawl* fa riflettere.

*Che ovviamente ho dovuto googlare.**
**E faccio anche fatica a spiegarlo ad altri con parole mie.
Piccolo test per vedere se la memoria è con me, con il termine sprawl si indica
Spoiler (click to show/hide)
Il vero motivo per cui si sono estinti i dinosauri è perché nessuno li accarezzava

Offline xkp

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.536
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5766 il: 01 Apr 2021, 12:23 »



I Medici Nazisti Robert Jay Lifton
Ti faccio una domanda specifica, anni fa lessi da qualche parte su internetto che il -inserire percentuale a caso, ma abbastanza alta- dei progressi medici attuali deriverebbe da studi nazisti, se ne accenna?
Perché dato che l'articolo non sono mai riuscito a ritrovarlo e su internet non si parla di questa roba sto seriamente pensando di essermelo immaginato. :yes:






Purtroppo la cosa e' vera, specie per quanto riguarda alcune discipline (soprattutto le mediche) rispetto alle altre.
Tieni presente che la maggior parte degli scienziati tedeschi non ebrei appoggiarono la svolta nazista senza farsi molti problemi,
anzi molti di loro furono felici di togliersi dalle scatole colleghi ebrei spesso molto piu' bravi.
Nel campo medico poi gli stessi individui felici di prendere il posto degli ebrei, erano ancora piu' felici di poter usare questi ultimi come cavie.
Spesso si trattava di capricci (come le ricerche dei gemelli di mengele), ricerche fatte facendosi aiutare da medici ebrei internati ma anche frutto dei deliri raziali
di quei ciarlatani che si spacciavano medici, in altri casi si trattava di ricerche dettate da necessita' piu' pratiche
(come lo studio sulla resistenza del corpo umano in condizioni estreme, per esempio per capire quanto resisteva un corpo umano in vita in acque gelide per stimare
i tempi necessari al recupero di piloti o marinai dispersi in mare).
Se a questo poi aggiungi che gia' prima della morte di hitler si pianificava  lo scontro occidente-urss, e che quindi le menti migliori, ma anche le peggiori,
venivano contese tra i due blocchi e portate al sicuro con tutte le loro ricerche... capisci che casi come il famoso Von Braun non furono gli unici.
Per esempio anche uno dei massimi esperti di medicina "spaziale" della nasa era uno scienziato tedesco che aveva partecipato ad esperimenti poco puliti in germania.
I tedeschi anche prima della guerra erano molto avanti anche in chimica, e la diffusione del pervitin tra le truppe sembra sia stato uno dei principali responsabili delle famose
"guerre lampo" dei nazisti.
Emblematico di quanto alcune ricerche siano state originate da motivazioni "naziste" e portate avanti e' il caso della sindrome di Asperger.
La sindrome di Asperger, che ancora porta il nome del tipo che la diagnostico' per primo, e' un autismo in forma lieve e talvolta con risvolti "pratici" positivi (tipo rain man).
Ma il motivo principale per cui Asperger era interessato a distinguere tra questi casi era perche' quelli non Asperger  venivano inviati a morire tramite il programma nazista di eutanasia.

Ti metto una lista di libri da cui ho tratto le cose...
i nazisti della porta accanto Eric Lichtblau
sulla presenza molto diffusa di ex criminali nazisti nel mondo occidentale che continuarono spesso a fare quello che facevamo prima
al servizio del reich philip ball
come la scienza si piego' al volere nazista
Tossici Norman Ohler
sulla diffusione delle droghe tra i nazisti e le loro ricerche soprattutto per scopi bellici
I bambini di Asperger Edith Sheffer 
sulla vicenda del "famoso" dottore

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 378
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5767 il: 01 Apr 2021, 12:48 »
Son già due volte che inizio e fermo la lettura di Neuromante, bello è bello ma è faticoso stargli dietro.
Già che si apre con il termine sprawl* fa riflettere.

*Che ovviamente ho dovuto googlare.**
Pensa chi se l'è letto quando non c'erano non solo Google, ma nemmeno Altavista o Yahoo!  :-[

Offline xkp

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.536
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5768 il: 01 Apr 2021, 13:38 »
Son già due volte che inizio e fermo la lettura di Neuromante, bello è bello ma è faticoso stargli dietro.
Già che si apre con il termine sprawl* fa riflettere.

*Che ovviamente ho dovuto googlare.**
Pensa chi se l'è letto quando non c'erano non solo Google, ma nemmeno Altavista o Yahoo!  :-[


Io dopo aver letto neuromante, acquistai la rivista "VR".
Da li' trovai pubblicate le porte da usare in telnet per ircare o per andare nei MUD.
Poteva essere l'inizio della fine.
Ah si, pure come si scaricava ...mi pare si chiamasse "Mosaic"

Offline J VR

  • Stratega
  • *****
  • Post: 4.248
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5769 il: 01 Apr 2021, 16:50 »
Purtroppo la cosa e' vera, specie per quanto riguarda alcune discipline (soprattutto le mediche) rispetto alle altre.
Tieni presente che la maggior parte degli scienziati tedeschi non ebrei appoggiarono la svolta nazista senza farsi molti problemi,
anzi molti di loro furono felici di togliersi dalle scatole colleghi ebrei spesso molto piu' bravi.
Nel campo medico poi gli stessi individui felici di prendere il posto degli ebrei, erano ancora piu' felici di poter usare questi ultimi come cavie.
Spesso si trattava di capricci (come le ricerche dei gemelli di mengele), ricerche fatte facendosi aiutare da medici ebrei internati ma anche frutto dei deliri raziali
di quei ciarlatani che si spacciavano medici, in altri casi si trattava di ricerche dettate da necessita' piu' pratiche
(come lo studio sulla resistenza del corpo umano in condizioni estreme, per esempio per capire quanto resisteva un corpo umano in vita in acque gelide per stimare
i tempi necessari al recupero di piloti o marinai dispersi in mare).
Se a questo poi aggiungi che gia' prima della morte di hitler si pianificava  lo scontro occidente-urss, e che quindi le menti migliori, ma anche le peggiori,
venivano contese tra i due blocchi e portate al sicuro con tutte le loro ricerche... capisci che casi come il famoso Von Braun non furono gli unici.
Per esempio anche uno dei massimi esperti di medicina "spaziale" della nasa era uno scienziato tedesco che aveva partecipato ad esperimenti poco puliti in germania.
I tedeschi anche prima della guerra erano molto avanti anche in chimica, e la diffusione del pervitin tra le truppe sembra sia stato uno dei principali responsabili delle famose
"guerre lampo" dei nazisti.
Emblematico di quanto alcune ricerche siano state originate da motivazioni "naziste" e portate avanti e' il caso della sindrome di Asperger.
La sindrome di Asperger, che ancora porta il nome del tipo che la diagnostico' per primo, e' un autismo in forma lieve e talvolta con risvolti "pratici" positivi (tipo rain man).
Ma il motivo principale per cui Asperger era interessato a distinguere tra questi casi era perche' quelli non Asperger  venivano inviati a morire tramite il programma nazista di eutanasia.

Ti metto una lista di libri da cui ho tratto le cose...
i nazisti della porta accanto Eric Lichtblau
sulla presenza molto diffusa di ex criminali nazisti nel mondo occidentale che continuarono spesso a fare quello che facevamo prima
al servizio del reich philip ball
come la scienza si piego' al volere nazista
Tossici Norman Ohler
sulla diffusione delle droghe tra i nazisti e le loro ricerche soprattutto per scopi bellici
I bambini di Asperger Edith Sheffer
sulla vicenda del "famoso" dottore
Grazie è molto interessante e allo stesso tempo inquietante, magari oggi senza il sacrifico di migliaia di persone il progresso medico attuale sarebbe diverso, purtroppo il feedback 1:1 che ridà un corpo umano vivo è difficile da ottenere lavorando solo su animali o cadaveri.
Aggiungo che la stessa sorte è capitata anche ad alcuni ricercatori giapponesi che operavano allo stesso modo e che alla fine della guerra, invece di finire al gabbio, si sono ritrovati a non sapere a chi dare il resto ed essere assunti da importanti case farmaceutiche o protetti dagli americani (in cambio delle informazioni ottenute, off course).
Cmq intanto segno i libri. <3
Pensa chi se l'è letto quando non c'erano non solo Google, ma nemmeno Altavista o Yahoo!  :-[
Ambè viva la fantasia, personalmente avrei travisato almeno il 50% dei vocaboli a me sconosciuti. ;D
Il vero motivo per cui si sono estinti i dinosauri è perché nessuno li accarezzava

Offline nodisco

  • Avviato
  • *
  • Post: 378
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5770 il: 01 Apr 2021, 19:24 »
Son già due volte che inizio e fermo la lettura di Neuromante, bello è bello ma è faticoso stargli dietro.
Già che si apre con il termine sprawl* fa riflettere.

*Che ovviamente ho dovuto googlare.**
Pensa chi se l'è letto quando non c'erano non solo Google, ma nemmeno Altavista o Yahoo!  :-[
Io dopo aver letto neuromante, acquistai la rivista "VR".
Da li' trovai pubblicate le porte da usare in telnet per ircare o per andare nei MUD.
Poteva essere l'inizio della fine.
Ah si, pure come si scaricava ...mi pare si chiamasse "Mosaic"
Io lo lessi ai tempi della scuola, quindi sarà stato al massimo il '92: il mio compagno di banco aveva l'edizione della Nord e me lo prestò.
All'epoca l'unico computer su cui avevo messo le mani era il Commodore 64, penso d'averlo letto senza nemmeno cogliere i riferimenti all'informatica ma semplicemente come un libro di fantascienza.
Lo smarrimento di fronte al termine "Sprawl" però me lo ricordo bene, tanto che lo usai pure nel titolo di una canzone.

Offline fiordocanadese

  • Veterano
  • ****
  • Post: 2.068
  • Alternativo Agli Alternativi
    • E-mail
Re: Che libro state leggendo?
« Risposta #5771 il: 11 Apr 2021, 22:09 »
Sto andando di superclassico con il volumone dei racconti di Lovecraft.
In ordine cronologico, leggendo solo i più famosi, sono già a una 20ina, fino al 1926.
Ha un approccio molto descrittivo, la sua è una immersione completa nei mondi che crea piu che il raccontarti una storia.
Sicuramente Poe scorreva più liscio, anche perchè Lovecraft non ha questa grande varietà nelle descrizioni (termini come "orribile" o "terribile" si sprecano) in questi primi racconti.
Cercava di rendere il piu credibile i mondi astrusi che creava, con un approccio quasi da studioso o storico.
Mi sta sembrando un pò il padre di noi nerd inadatti alla vita e ai suoi tempi, un hikikomori precursore.
Curiosissimo come l'oceania sia la patria dell'occulto, visto che all'epoca ancora si credeva che si potesse scoprire davvero nuove terre (anche se già nel 900 si era scoperto lo scopribile) e come la vecchia Europa era misteriosa proprio perche più antica della America, quindi le famiglie immigrate nel 600 avevano lasciato tradizioni antiche,  non portandosele con se nel nuovo mondo.
Cmq tra 1000 anni potrebbe essere la nuova bibbia.
Cmq si, mi sta piacendo ma concilia bene anche il sonno.
Appunto i racconti più movimentati come gli altri dei e la musica di erich zann mi piacciono di più rispetto al celebre Richiamo, capolavoro immenso, non mi sognerei mai di criticarlo, maledetto internet che da voce a tutti, ma che l'ho trovato pesantuccio.
« Ultima modifica: 11 Apr 2021, 22:12 da fiordocanadese »