Post recenti

Pagine: 1 [2] 3 4 ... 10
11
Media / Re: [Cinema] Joker | Joaquin Phoenix
« Ultimo post da Mr.Pickman il Oggi alle 06:37 »
Visto, filmone incredibile per me.
A questo punto immagino che la faccenda Thomas
Spoiler (click to show/hide)
.

Comunque interpretazione di Phoenix magistrale.

Credo non sia un aspetto minimamente importante ???
Spiego.
L'ho visto di recente, al fianco di un inossidabile super fan DC, che è rimasto a dir poco schifato.
Dopo 4 ore di discussione, e dopo essermi sentito per 3 ore e mezza la frase "Ma questo film si chiama  Joker !!!!" ho capito che cercava le origini del Joker da un film che si chiama Joker.
Ergo, delusione. Il film è bellissimo. Poco da dire. Non un capolavoro, mica è Casino. Ma è bello.
Il film e il personaggio di questo Joker, va interpretato in un modo totalmente simbolico. Anche
Spoiler (click to show/hide)
Il concetto base, si fa per dire, è che loro (Joker e Batman) sono figli della stessa città, sono stati generati dalla stessa situazione di degrado, di uno stesso strapotere borghese ipocrita che fa il bello e il cattivo tempo a Gotham. Il film ci riesce e in che misura, ne possiamo discutere. Ha un altro intento.
Non quello di essere un prequel o legato all'universo DC.
Un'idea pessima fare un sequel a sproposito, se lo fanno, perché per il messaggio che mi ha fatto arrivare questo film potente e simbolico, è un film concluso e così dovrebbe rimanere.
La sua parabola la dice, e il concetto è semplice. C'è questo degrado che produce in un modo o nell'altro dei mostri e da qualunque punto li guardi, sono mostri. E mostro lo sarà, a suo modo, anche Batman perché l'ombra lunga di Batman, che è proiettata nel futuro da questo film a prescindere che film abbia un seguito o non ce l'abbia, non ne esce in maniera tanto lusinghiera. Perché ci fa intravedere un Batman del futuro che potrebbe essere più che un eroe, più che un paladino della giustizia, un guardiano dello status-quo, prodotto da questo stesso atto di violenza o, per come lo sono stati, gli atti di violenza quelli che hanno prodotto lo stesso Joker.
Un guardiano fatto per rimettere al loro posto altre persone che sono altri poveri disgraziati, figli in qualche modo di una stessa situazione di degrado aberrante, a dir poco.
Quindi il personaggio di Batman e i personaggi/supereroi in generale, ne escono un pochino con le ossa rotte da questo film, again. È una critica al concetto stesso di supereroe, come è presente nel The Boys di Garth Ennis, perché è facile amare supereroi cari miei.
Perché i supereroi ti rendono tutto facile e qualunque problema è risolvibile. Trasformano tutti i problemi delle persone, in cose che posso essere prese a pugni. Non è così. Non c'è bisogno di supereroi. Non c'è bisogno di questi “super gatti per dare la caccia a questi super ratti”, battuta che viene fatta nel film che non è una battuta e basta, ma si riferisce allo stesso concetto di super-criminali.

È superiore ai supereroi di là da venire.
Così come il finale dove secondo
Spoiler (click to show/hide)
Per me non è un film sull'origine del joker e proprio per questo, l'ho adorato. È un film veramente consapevole di non essere Joker e di esserlo.
12
Feed / Re: Moderate il moderatore
« Ultimo post da Xibal il Oggi alle 06:35 »


Dai parliamo una lingua codificata
E usata alla meno peggio un po' da chiunque, quindi occhio.
Nello specifico della questione, proprio la presunzione di conoscenza di Cryu dovrebbe aver consentito di porre una pietra tombale sulla questione prima ancora che partisse, più avanti spiegherò perchè non sia avvenuto.
Il discorso di Cryu non puntava il dito contro gli omosessuali o l'omosessualità, ma contro il modo di trattare determinate tematiche, orbitanti attorno alla sessualità in generale, da parte di Kojima, in maniera secondo lui, usiamo un termine "codificato" non fraintendibile, "sconveniente", e nel caso specifico faceva notare, infastidito, come fosse passato dai siparietti più o meno pruriginosi aventi come protagoniste ragazzine o donne discinte, ai rapporti tra uomini.
Sottolineo come il mio pensiero sia in totale disaccordo con la visione di Cryu sulla faccenda, ma allo stesso tempo è in disaccordo anche con chi strumentalizzi la difesa di questo o quel partito per  togliersi semplicemente il sassolino dalle scarpe e dire alla persona che cosa pensi di lui e del suo modo di vedere le cose.
Il che è esattamente quanto avvenuto, al netto della meravigliosa ironia che un dibattito sulla difesa dell'omosessualità probabilmente servisse al suo principale propugnatore solo come pretesto per ingraziarsi una donna :D

Nota a margine: L'intervento di moderazione, coinvolgendo un altro utente in veste di moderatore pro tempore, chiedendo alle parti di spiegarsi e lasciando come ultima ratio l'uso di provvedimenti restrittivi, è ad oggi uno dei più fulgidi esempi di azione progressista ed illuminata che si possa desiderare nel campo.
Ma come spesso avviene nelle faide che prevedano dei biechi schieramenti contrapposti e non delle ideologie reali a confronto, è stata osteggiata dagli stessi propugnatori del progressismo di cui sopra, caldeggiando probabilmente soluzioni più drastiche e punitive da subito, in quella che è la vera disfida in oggetto in queste situazioni, il recupero dell'esclusività della santa inquisizione.
Perchè come diceva il saggio Mescal: "I miei fratelli li picchio solo io".
13
Play / Re: [PS4][PC] Death Stranding by Kojima Productions
« Ultimo post da Xibal il Oggi alle 05:09 »
L'offesa, a quel punto, sta negli occhi e nelle orecchie di chi identifica se stesso con un'idea.
 
E identificare se stessi con le proprie preferenze sessuali si eh?
14
Play / Re: [PS4][PC] Death Stranding by Kojima Productions
« Ultimo post da Xibal il Oggi alle 05:08 »
Ma ce lo dici che "deriva gay" è un modo molto infelice di iniziare un post, per favore?
Espressione equivocabile, lo ammetto.
Ti ringrazio.

Sul resto mi limito ad annotare che, sebbene non provi (più) particolare apprezzamento per le posizioni oltranziste di @Kabuto e il modo provocatorio con cui le esterna, il doppio peso di cui parli è inevitabile e ontologico: i gay sono persone ed esistono fuor di ogni dubbio; dio è un concetto a cui si può credere o meno. L'avatar omofobo che ipotizzi sarebbe grave, quanto un avatar che perculasse i Cristiani, cioè le persone. L'avatar di Kabuto (che non mi piace), percula un simbolo. E se un simbolo non è perculabile... Abbiamo un problema.
Come sarebbe non è perculabile?È ovvio che perculando il simbolo si perculi chi in quel simbolo veda la qualunque, urtandone la sensibilità...
15
Feed / Re: Moderate il moderatore
« Ultimo post da Van il Oggi alle 04:41 »
Questo ultimo intervento di moderazione mi ha un po confuso, cioé io adesso posso scrivere qualcosa tipo "riapriamoi i forni e invitiamo gli ebrei" basta che dopo sia seguito da un post in cui dico che la mia non era assolutamemte un uscita razzista e antisemita ma una proposta a fare un party nelle panetterie fidatevi della mia buona fede?

E dopo si bannano quelli che se la sono presa a male?

Dai parliamo una lingua codificata, "deriva gay" non é interpretabile non prendiamoci per il culo e offendiamo l'intelligenza della gente favore. Tanto piu che sappiamo benissimo quali sono le posizioni e l'ipocrisia della religione di chi ha fatto l'uscita.
16
Talk / Re: Cuffie
« Ultimo post da Lenin il Oggi alle 04:19 »
HyperX fa buone cuffie ma le Cloud Stinger non si possono guardare... io opterei per le Cloud II.
17
Talk / Re: Calcio - Stagione 19/20: Joshua batte Ruiz!
« Ultimo post da HOLLYWOOD il Oggi alle 03:40 »
Concordo sull'arbitraggio un filo pro-Atalanta,gol annullato allo Shaktar proprio millimetrico,gol dato idem millimetrico,espulsione di Muriel ci stava tutta(colpevole Gasp a non toglierlo prima),però insomma...da un pò di anni ho visto molti arbitraggi contro le italiane(tipo l'assurda espulsione di CR7 l'anno scorso alla 1a giornata!) e pur ammirando il Real aggiungo che hanno rubato non poco pure loro(contro il Bayern l'apoteosi...),quindi per una volta che arrivano un paio di decisioni a favore...ben vengano! :yes:
Poi in caso bilanceranno penalizzando la Juve nelle prossime... :D
Adesso speriamo che la Dea non trovi subito Liverpool o Bayern...ma in ogni caso le abbordabili sono solo Lipsia e Valencia,le altre sono tutte corazzate... ???
Così ad occhio direi che agli ottavi il livello sarà subito altissimo,roba da finali anticipate. :o
18
Media / Re: [Serie TV] The Witcher
« Ultimo post da Mr.Pickman il Oggi alle 02:40 »
Si vedono anche scene inedite :)

https://www.youtube.com/watch?v=P0vzzEcuC3k
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=P0vzzEcuC3k

https://www.youtube.com/watch?v=5sTFwdjs0Xc
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=5sTFwdjs0Xc

https://www.youtube.com/watch?v=Gw8yfQvmpLw
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=Gw8yfQvmpLw

Posso dire?

È una bomba :cry:

Apparentemente è l'anti-GOT per eccellenza, intimista e focalizzato, serio e ben coreografato.
Si è detto che potrebbe non essere esattamente "pop" ma sul serio?
Guardate qui. Non è un video tributo, ma un nuovo trailer che fa l'occhiolino a quello che sembrava mancare alla serie, e cioè quello stile "serial tv" che spesso patina le produzioni tv.
TFP Link :: https://www.youtube.com/watch?v=UcFfK9V5_ws&fbclid=IwAR0D0LnnGQ-Oy_UPTj792Nag83-pcrfnme8BEskNXd_XNZWsBXuw2SFgSYo
19
Play / Re: [WU][NS] The Legend Of Zelda: Breath Of The Wild
« Ultimo post da Andrea_23 il Oggi alle 01:44 »
BotW, proprio grazie alla sua stringatezza, ha gioco facile nel far credere al giocatore di avere una libertà che, de facto, non ha. O meglio, che ha tanto quanto la ha in Kingdom Come, Horizon: Zero Dawn, Dragon Quest XI: la storia (la sceneggiatura, se preferisci) l’han decisa ab origine gli sviluppatori, sulla quale, poi, han realizzato il gioco. Ed i passi che devi ripercorrere per arrivare al finale sono già stati tracciati, ed il giocatore non può discostarsi da quel percorso perché non ne ha facoltà: la strada che porta il giocatore dall’inizio alla fine è già tracciata ed nel software non v’è la possibilità di tracciarne altre, di nuove e non previste.

'sta roba che ho incorniciato nel quote è un distillato suberbo di non senso.

Onestamente, non so se essere lievemente offeso per il non senso nel mio discorso o esserne lievemente orgoglioso quale testimonianza dell’indipendenza del mio pensiero.
Facciamo che lo prendo più come un complimento, ok?


Se se per portar acqua al tuo mulino devi arrivare perfino sottolineare che sì, tale acqua è calda, il cavallo è bianco e che sul chip della schedina di memoria c'è del codice C++ programmato da persone (!), fatti anche due domande.

Ma voglio sfruttare lo slancio del tuo affondo per contrattaccare a modo: sostenere che un software è limitato "solo perché programmato" è un'affermazione di una superficialità commovente.
Sarebbe come dire che la scrittura è ingabbiata in ventun lettere.

Io le domande (anche se non riesco ad immaginarmi quali) potrei anche pormele.
Ma non cambia che, comunque, la tanto declamata libertà che BotW offrirebbe al giocatore, in effetti, non c’è. Te ne dà l’impressione, ti illude grazie alla fisica (presente in maniera soverchiante) ma de facto, giocandoci, ti accorgi che quelle che si credono le proprie orme son quelle già lasciate dei programmatori.
Che tu non fai altro che ripercorrere.
E se tutte le volte si eleva una critica al titolo si risponde che in BotW c’è una libertà mai vista prima (cosa non vera, dato che il già vetusto Ultima6 ti permetteva di andare dove ti pare e di fare quello che ti pareva fin dalla fine dell’introduzione), non credo sia possibile esimersi dal far notare quanto tale affermazione sia non completamente veritiera.



Son 26, comunque. Le lettere, intendo.


Giobbi confonderà pure regia con scrittura.
Ma tu stesso sei altrettanto confuso circa la natura che contraddistingue il contenuto rispetto allo strumento che serve a veicolarlo. In breve: ti stai attaccando alla semantica, quando il concetto che il nostro esprime è sacrosanto.
Il videogioco vive un'idiosincrasia dilaniante, irrisolta.
E Botw è uno dei pochi che ha dato una (possibile) via di sbocco.
Io ho un'idea discretamente netta su cosa tra cinquant'anni ci si ricorderà di questa decade...

Mmmmm, magari mi sbaglio, ma non credo di attaccarmi alla semantica.
Sul resto: si il videogioco è idiosincratico, più per possibilità che per natura intrinseca.
E no, BotW, come tutti gli altri videogame, NON ti dà una possibile via di sbocco semplicemente perché l’unica vera via di sbocco passa attraverso la realizzazione di un vero software in grado di auto-scriversi, di auto-modificarsi in base agli input del giocatore. E una cosa del genere hai voglia di aspettare, nessuno dei presenti sarà più qui per assistervi, ammesso la razza umana duri abbastanza per raggiungere simili traguardi.
BotW te ne dà una certa illusione. C’è da dire bravi agli sviluppatori che son riusciti a prevedere (ed ad inserire) una così grande quantità di interazioni giocatore-oggetti nel gioco. Iterazioni che aiutano a creare questa illusione di libertà. Ma la storia, la trama, la sceneggiatura, quella è e quella rimane, i passi da percorrere per arrivare al completamente, che siano i 100 di Witcher/DQXI/Horizon o i solamente 2 di BotW, quelli sono e devono essere completati secondo la successione prevista dai programmatori.
E tu/noi giocatore/i non possiamo fare niente per modificare tale iter perchè nel software non vi sono strumenti che te/ce lo permettono.


Citazione
Tra l'altro, leggere "RDR2 mondo relativamente interattivo" non se pò. Certo, non puoi far volare i carrelli da miniera per aria come in BotW. Ma in RDR2 non ce ne è bisogno: la fisica che c'è è al servizio del gioco, non il contrario come in BotW.

Qui purtroppo mi si tocca un fottuto nervo scoperto.
Sto pregando in tutte le lingue vive e morte che sia come dici. E qui mi fermo, per pura scaramanzia.

Mmmm, se ho ben compreso quel che ricerchi, temo rimarrai deluso.
La fisica di RDR2 è estremamente funzionale al gioco, e si estrinseca al meglio nelle sessioni free roam.


Citazione
Non si tratta di "scrivere" IN un videogioco, ma di come il videogioco è stato scritto.
E io cosa ho scritto, scusa?

Questa frase sotto:

Ma a me non interessa minimamente che il gioco venga elogiato : D.
Mi fa (un bel po') specie che si dia per scontato come sia meglio "scrivere" in un videogioco.

Fa molto... luogo comune? Passamela : ).

n8!

che intende tutt’altro.

Mi fa (un bel po') specie che si dia per scontato come sia meglio "scrivere" in un videogioco.

Ti concedo che la forma non sia esattamente snella... in ogni caso il senso è proprio lo stesso a cui tu hai accennato. Ti chiedo la cortesia di fidarti ; D.

Perdonami, ma non mi sembra una questione di forma.
Per carità, io mi fido pure, però se mi scrivi “Mi fa (un bel po') specie che si dia per scontato come sia meglio "scrivere" in un videogioco. “ è proprio la frase a trasmettere tutt’altro significato.


E se per volerci davvero bene come richiede la regia la mettessimo sul "è il più fintamente libero?".
Facciamo en plein "il più fintamente libero in 3d" ed è preservato l'onore del lord Brit.

La semantica salverà il mondo \o/. Si diceva così, no?

Ipse dixit: http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/domande_e_risposte/grammatica/grammatica_1142.html

n8
20
Play / Re: [WU][NS] The Legend Of Zelda: Breath Of The Wild
« Ultimo post da Andrea_23 il Oggi alle 01:27 »
Anche con altri personaggi, o un'altra storia di fondo, i meriti ludici di BotW sarebbero rimasti pari pari gli stessi.

Dici bene, perché infatti la straordinarietà dello storytelling di Zelda sta nel metodo (qualcuno si ricorda? La dinamicità? : D), non nel contenuto...
Pagine: 1 [2] 3 4 ... 10